I DONI DELLO SPIRITO

di Roberto Bracco  –  La Chiesa di Dio deve essere edificata dallo Spirito Santo, il quale opera attraverso la strumentalità umana, distribuendo i Suoi doni come vuole e quando vuole. Questa volontà dello Spirito non deve essere interpretata come una manifestazione capricciosa e disordinata, ma come un’azione sottoposta ad una legge superiore che sfugge, in gran parte, alla nostra ragione.

Lo Spirito segue una legge ed adempie un piano, ma questi non s’identificano con i piani umani o con gli schemi liturgici ed ecclesiastici; anzi, generalmente, sono in aperta e dichiarata opposizione con questi.Lo Spirito non tiene conto dei valori umani, delle conquiste umane, dei pregiudizi umani e quindi la distribuzione dei Suoi doni si effettua al di sopra e al di fuori di questi elementi.

I doni dello Spirito sono doni soprannaturali; essi appartengono ad un livello di vita regolato da leggi diverse da quelle della vita naturale. I doni naturali sono quelli che appartengono al livello di vita di tutti gli uomini; i doni soprannaturali invece sono quelli che appartengono al livello di vita di pochi uomini; e cioè degli uomini spirituali. Intelligenza, vigore, capacità artistiche, etc. etc… sono doni naturali, ma i doni dello Spirito appartengono ad una sfera superiore. Il più intelligente fra tutti gl’individui che vivono nel mondo si trova ad un livello inferiore di quello occupato dall’uomo che ha ricevuto un dono dello Spirito, perché il primo possiede un dono naturale, mentre il secondo è arricchito da un dono soprannaturale.

Perciò non è assolutamente necessario possedere intelligenza naturale per ottenere un dono di sapienza, come non è necessario possedere eloquenza per ottenere profezia. Quando il credente si eleva fino alla sfera o al piano ove lo Spirito si muove ed opera può partecipare i doni dello Spirito indipendentemente dalla sua personalità naturale. I doni dello Spirito, allora, possono divenire gli effetti manifesti attraverso la strumentalità umana.

E’ stato detto molte volte che i doni dello Spirito si differenziano in tre distinte categorie; aggiungiamo : in tre distinti gruppi composti di tre doni cadauno, che formano così tre meravigliose trilogie o una triplice manifestazione trinitaria.

Non possiamo però in questa suddivisione parlare di varietà qualitativa perché questi doni sono distribuiti dallo Spirito Santo per l’edificazione della Chiesa e rappresentano perciò sempre una manifestazione dello Spirito. Dire che un dono possiede un valore superiore di un altro dono significa dire che lo Spirito acquista o perde calore col mutare delle manifestazioni.

Il valore del dono non può mai mutare relativamente alla sua essenza intrinseca, ma può mutare soltanto nella sua amministrazione estrinseca cioè nella tempestività o nell’opportunità dell’esercizio. Quindi non è il dono che muta il suo valore ma è colui che esercita il dono che lo valorizza in misura diversa in conseguenza della sua imperfetta o mutevole strumentalità.

Per noi i doni per parlare in maniera soprannaturale, doni per conoscere in maniera soprannaturale, doni per operare in maniera soprannaturale hanno il medesimo valore ed anche se vogliamo fare una comparizione fra i componenti di ogni singolo gruppo giungiamo alle medesime conclusioni.

Profezie, Linguaggi, Interpretazioni; Parola di sapienza, Parola di scienza, Discernimento; oppure Fede, Guarigioni, Miracoli sono, doni equivalenti; manifestazioni spirituali che pur nella loro varietà ci parlano di una potenza soprannaturale provveduta per l’edificazione della chiesa;

II dono di profezia diviene maggiore del dono delle lingue quando colui che esercita il secondo non può interpretare o non .può essere interpretato. Logicamente quando si determinano queste circostanze d’inopportunità o di limitazione, i doni acquistano fisionomie diverse da quelle costituite dalla loro reale essenza.

I doni dello Spirito, multiforme manifestazione spirituale, devono compiere oggi, come ieri, la loro nobile e trascendentale missione edificativa nel seno del popolo di Dio. Iddio non vuole edificare la Sua Chiesa per mezzo dei comuni ed imperfetti metodi umani, ma vuole compiere il Suo meraviglioso lavoro mediante il ministerio dello Spirito, quindi anche mediante i doni dello Spirito.

Iddio, per lo Spirito vuole distribuire questi doni soprannaturali; vuole manifestare questi mezzi divini e chiede soltanto che i Suoi figliuoli si aprano, per la fede, all’opera gloriosa dello Spirito Santo. Non è vero che i doni della Spirito possono essere manifestati soltanto in coloro che hanno acquisito una personalità religiosa attraverso severa e sistematica preparazione, perché Iddio vuole soltanto cuori che si aprano umilmente e in semplicità davanti alla Sua presenza.

I discepoli di Efeso erano all’inizio della loro vita religiosa in Cristo, eppure dopo essere stati colmati di Spirito Santo in conseguenza dell’imposizione delle mani dell’apostolo Paolo presero a parlare in nuove lingue e a “profetizzare”.

La potenza soprannaturale di Dio può sempre ignorare la preparazione che metodi umani ed anzi si manifesta generalmente attraverso l’imperfezione e la debolezza. Tutto questo si dice che il credente non deve possedere idoneità per l’esercizio dei doni o del ministerio ma questa idoneità non deve essere individuata in un metodo o in una educazione umana.

Il credente deve saper mantenere una posizione di profonda e sincera umiltà e semplicità; egli deve essere un piccolo bambino pronto e disposto a compiere sempre ed incondizionatamente tutto quello che è contenuto nel piano di Dio e che rappresenta quindi la volontà dello Spirito Santo.

La guida del Signore è e sarà sempre in armonia con la Bibbia, ma questo non esclude che molte volte lo Spirito Santo vuole guidare in modo incomprensibile o apparentemente strano al nostro punto di vista; la semplicità ci rende capaci di seguire la guida e i metodi dello Spirito Santo.

Al credente è anche richiesta franchezza, cioè una gran libertà nel parlare. La guida di Dio può essere contrastata e contristata dalla nostra timidezza, dalle nostre esitazioni. Generalmente se c’è umiltà c’è anche franchezza, perché gli indugi vengono quasi sempre dal timore dell’insuccesso o dal timore delle critiche. Colui che non teme per se stesso ma mette sempre i risultati e le conseguenze nelle mani di Dio è sempre pronto a seguire la guida dello Spirito Santo.

Quando nella Chiesa, quindi, oltre ad una visione nitida dei piani di Dio, sono presenti fede, semplicità, franchezza, i doni si manifestano perché è nell’arrendimento progressivo dell’uomo allo Spirito Santo che tutti piani divini trovano il loro fedele e preciso adempimento.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

DOVE SONO I VERI PROFETI?

di A. W. TOZER  –  Il dono del discernimento profetico è una necessità assoluta del nostro tempo. Un profeta è una persona che conosce l’epoca in cui vive e ciò che Dio sta cercando di dire ai suoi contemporanei.  Ciò che Dio ha da dire alla sua Chiesa, in qualsiasi epoca, dipende dalla condizione morale e spirituale in cui la Chiesa versa nonché dalle necessità spirituali del momento. I …
Leggi Tutto

NEMICI SCONFITTI  (DEFEATED ENEMIES)

di Corrie Ten Boom. Avendo affrontato molte battaglie “non contro sangue e carne, ma contro i principati, contro le potestà, contro i dominatori del mondo di tenebre di questa età, contro gli spiriti malvagi nei luoghi celesti”, sia quand’ero in prigione in tempo di guerra sia in seguito, viaggiando per il mondo; ed avendo incontrato tanta gente – perfino cari servi del Signore- che, se pur circondati dalle potenze …
Leggi Tutto

IMPARATE

di FILIPPO WILES – Il Cristiano è nato perché impari, è salvato ed arruolato per imparare, quindi non è motivo di meraviglia se al cenno dell’invito di Gesù, troviamo questa parola: imparate. Chi fallisce in questo ha perso lo scopo e il significato della sua chiamata in Cristo. Imparare significa apprendere con lo studio o con la pratica, mandare a memoria. Sembra naturale, è vero, che come cristiani …
Leggi Tutto

IL VERO GIUBILEO

 di Agostino Masdea   –  “Beato il popolo che conosce il grido di giubilo, o Eterno, perché esso camminerà alla luce del tuo volto.” (Salmo 89:15) Tra i tanti popoli della terra, ce n’è uno che conosce il ” grido del giubilo “. Questo popolo è composto da uomini e donne di tutte le nazioni, senza distinzione di razza, di etnia, di lingua, o di condizione sociale. E quel popolo di cui la …
Leggi Tutto

Jim Cymbala  -  1 Dicembre 2011

Giovedì 1 Dicembre 2011  –  JIM CYMBALA – Pastore BROOKLYN  TABERNACLE – N.Y …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Il mio Spirito riposa si di te quando soffri per amor di Cristo.

Se siete vituperati per il nome di Cristo, beati voi, poiché lo Spirito di gloria e lo Spirito di Dio riposa su di voi. (1 Pietro 4:14) La Bibbia dice che coloro che vogliono vivere una vita pia saranno perseguitati. Viviamo in un mondo orfano con valori orfani. Gesù ha detto che se le persone hanno rifiutato Lui, avrebbero rifiutato anche noi. Prima o poi nella nostra vita, tutti …
Leggi Tutto

L'UNICA VIA

di OSWALD J. SMITH – Un banchiere ed un industriale sedevano l’uno di fronte all’altro negli uffici della banca. L’industriale parlava molto animatamente, quando all’improvviso l’altro interruppe. “Ridicolo! Assurdo! Pazzesco!” esclamò l’orgoglioso banchiere, atteggiando le sue labbra allo scherno. “Ma perché”? chiese il suo interlocutore. “Perché”? E voi, uomo ben pensante, chiedete il perché? Le vostro sono delle sciocchezze!” rispose, deridendolo. “Ebbene “ ribattè l’altro “vi chiedo proprio: Perché?!?” La …
Leggi Tutto

QUANDO DIO DISFA' IL TUO NIDO

di  Rex Humbard –  “Come un’aquila incita la sua nidiata, si libra sopra i suoi piccoli, spiega le sue ali, li prende e li porta sulle sue penne, l’Eterno lo guidò da solo, e non c’era con lui alcun dio straniero” (Deut. 32:11,12). E’ facile avere fede quando tutto procede tranquillamente, ma cosa succede quando la strada comincia a farsi difficile? Proprio in questo momento può darsi che …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti