Che devo fare?

di Roberto Bracco  –  La tua chiesa langue a causa dell’indifferenza spirituale e della mondanità? La vanità, la carne e il peccato hanno preso il posto della consacrazione, dello spirito e della santità?
La potenza celeste non si muove e non opera come operava anni addietro, gli ammalati non vengono più guariti e i tormentati liberati? Insomma ti accorgi che la tua chiesa si trova sulla strada dello sviamento o sotto l’oppressione della crisi spirituale? Se ti accorgi chiaramente di questa pericolosa situazione, mettiti all’opera.

Molti vedono questo spettacolo di miseria spirituale, ma cercano soltanto di mostrarlo agli altri e poi dicono: “che dobbiamo fare?” Aspettano forse che ” tutti ” si mettano all’opera e perché ognuno aspetta che altri incomincino, nessuno incomincia mai. Ma se tu desideri sinceramente che la gloria di Dio ritorni a manifestarsi nel seno della Chiesa oggi, non devi soltanto chiedere: “che dobbiamo fare”, ma devi soltanto chiedere a te stesso: ” che devo fare “?

Quasi tutti i risvegli e religiosi sono cominciati DA UNA PERSONA SOLA, ma da una persona sola che non ha aspettato che gli altri incominciassero, e che ha incominciato anche ” solo ” a fare tutta la volontà del Signore. Quella persona sola è diventata una fiaccola risplendente fra le tenebre e con la testimonianza luminosa della propria vita ha indicato il sentiero giusto a tutti coloro che si erano smarriti. Una persona sola è stata sufficiente per far scendere di nuovo il fuoco divino nella radunanza dei figli del Signore.

Ricordati che facendo la volontà del Signore salverai te stesso e coloro che ti ascoltano, e se nessuno ti ascolta, avrai almeno salvato te stesso.

Noè non disse ” che dobbiamo fare? “, ma chiese a se stesso “che devo fare? “. Lot non chiese agli abitanti di Sodoma: ” che dobbiamo fare ?” ma domandò a se stesso: ” che devo fare? “. E Samuele, Elia, il Battista, e più vicini a noi, Pietro Valdo, Finney, J. Wesley,… aspettarono forse che gli altri incominciassero? No! Si misero all’opera soli e Iddio li costituì luminari e benedizione del Suo popolo.

” CHE DEVO FARE? “. È vero che il problema che sta davanti a me e davanti a te è un problema generale, il problema di tutti, ma è anche vero che è il ” mio problema personale “e perciò devo sapere non quello che gli altri devono fare, ma quello che io, proprio io, devo fare. Alla domanda: ” CHE DEVO FARE? ” si possono dare risposte diverse ma ci sono almeno tre risposte che sicuramente sono uguali per tutti e cioè:

– Mi devo ravvedere.

– Devo demolire le cose che ho ricostruite nella mia vita dopo la conversione.

– Devo rendere a Dio le cose che ho rubate dal suo altare.

Che devo fare? Prima di tutto, mi devo ravvedere, pentire, umiliare. Devo riconoscere che il mio stato spirituale è lontano dalla volontà di Dio e devo piangere umilmente e sinceramente sul mio peccato. Se non riconosco il mio errore, la mia malattia spirituale, non posso mettermi all’opera per cercare la guarigione. Se penso di essere ricco, di stare bene, di non aver bisogno di nulla, non posso accostarmi a Dio per chiedere di essere aiutato e ristorato. Quindi, prima di tutto, mi devo ravvedere, umiliare, annichilire davanti al Trono della Misericordia: devo confessare il peccato di tutti, ma devo presentarmi io, col mio peccato davanti all’Eterno. ( Daniele 9:3-5 ).

Che devo fare? Devo avere offerto a Dio il ravvedimento, devo offrirGli l’azione sincera: purificare la mia vita, la mia casa, la mia famiglia dalle impurità che ho accolto con compiacenza attraverso i mesi e gli anni.

Durante il risveglio di Efeso furono portati sulla piazza della città i libri preziosi delle arti magiche e furono tutti bruciati; fu una grande perdita economica, ma fu un’offerta purificatrice gradita a Dio. Chissà quante cose che un giorno non venivano accettate ma anzi combattute, sono entrate in seguito nella vita e nella casa dei cristiani, e chissà che lo sviamento e la crisi non siano causate soprattutto da tanti ” interdetti ” che i cristiani hanno accolti e sistemati tra tutte le cose della loro vita.

Quando il popolo cristiano camminava nel timore di dell’Eterno, chiudeva gli occhi per non guardare verso gli spettacoli peccaminosi e le dita per non prendere oggetti contaminati, ma quando il ” timore di Dio ” è stato espulso nei cuori e dalle chiese il popolo ha incominciato a ” RICOSTRUIRE LE COSE CHE AVEVA DEMOLITE “. Gli scrupoli si sono spenti e perciò il mondo e l’inferno hanno potuto vendere nuovamente ed abbondantemente la propria merce.

Tutti, tutti dovrebbero portare sulla ” piazza di Efeso” le cose che impediscono ” la volontà di Dio, ” ma tu non aspettare che incomincino gli altri, incomincia tu a purificare la tua casa e la tua vita. Chissà quanta letteratura profana e contaminata è entrata nella tua biblioteca; e chissà quanti belletti e monili preziosi sono conservati nella tua casa; chissà quanti oggetti che servono per farti trascorrere piacevolmente, ma anche vanamente le tue ore si trovano nelle tue camere. Incomincia a gettare fuori il mondo, l’inferno, il peccato che hai fatto entrare; torna alla purezza del passato, la semplicità che avevi quando ti guardavi dal male, da ogni male. In quei giorni di comunione con Dio non avresti aperto il tuo cuore e la tua casa alle cose che in seguito hai lasciate entrare, perciò getta fuori, distruggi, frantuma tutte le cose che rappresentano un ostacolo alla tua vita cristiana.

Che devo fare? C’è ancora un’azione da compiere: riportare sull’altare di Dio tutte le cose che sono state sottratte. Quando ti sei arreso a Lui e hai fatto un patto con Lui, e anche posto ogni cosa sul Suo altare, la tua vita, il tuo tempo, le tue energie, le tue capacità, il tuo denaro… ma poi, piano piano, invece di rinnovare la consacrazione, hai incominciato a riprenderti tutto quello che avevi offerto ed oggi il tuo tempo non è più del Signore e infatti hai tempo per tutte le cose profane, ma non per le cose di Dio. Le tue energie, le tue capacità, il tuo denaro non stanno più sull’altare di Dio e tu usi queste cose soltanto per te stesso.

È vero: tutti si trovano nella stessa condizione e tutti trascurano la comune radunanza, tutti disertano le riunioni di preghiera, tutti ignorano il servizio del Regno, tutti sono avari perché tutti sono presi dei propri interessi umani e terreni; tutti cioè hanno ripreso dall’altare di Dio quello che avevano offerto, ma tu non dire: ” che dobbiamo fare? “. Chiedi soltanto: che devo fare? E poi comincia a riportare a Dio quello che gli hai rubato.

– Riporta a Dio il tuo tempo!

– Riporta a Dio le tue energie!

– Riporta a Dio le tue capacità!

– Riporta a Dio il tuo denaro!

Quando la tua vita sarà un’altra volta sul Suo altare, quando il Regno dei cieli avrà incontrastatamente il primo posto nel tuo cuore e nella tua mente, quando cioè avrai sempre tempo per le cose di Dio, avrai sempre energie per il servizio di Dio, avrai capacità per il lavoro di Dio, avrai denaro per la causa di Dio, allora sentirai scendere la visitazione di Dio in te e quella visitazione sarà il risveglio spirituale della tua vita, e forse, della tua chiesa.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

MATRIMONIO PROFETICO (Ruth cap. 4)

– Abbiamo visto nella meditazione  precedente come Naomi consigliò Ruth per ottenere il suo diritto ad esser riscattata, come prescriveva la legge di Mosè. Abbiamo visto come Ruth si presentò nell’aia di Boaz, e abbiamo applicato questa figura alla chiesa che deve prepararsi ad incontrare il Suo Sposo, il Suo Redentore, Cristo il Signore. – Oggi vedremo come i piani di Dio si compiono meravigliosamente e finalmente questa …
Leggi Tutto

LA VITA E IL MINISTERO DI DWIGHT L. MOODY

LA VITA E IL MINISTERO DI DWIGHT LYMAN MOODY – 5 febbraio 1837 – 22 dicembre 1899 Moody disse: “sono l’uomo più sopravvalutato d’America”, ai giornalisti nel 1870 dopo aver tenuto con successo le sue riunioni di risveglio a Philadelphia e a New York. Egli chiamava se stesso “solo un portavoce e l’espressione di una profonda e misteriosa onda di sentimenti religiosi che stava attraversando la nazione.” Ed …
Leggi Tutto

Storie di grandi inni: “COME, THOU FOUNT OF EVERY BLESSING,”

Forse tutti gli inni sono in una certa misura autobiografici, nel senso che rivelano qualcosa dell’esperienza spirituale dell’autore. In alcuni inni, il filo autobiografico è più forte e più marcato. Come nel caso di questo inno battista scritto da Robert Robinson (1735-1790), che mentre era un apprendista barbiere, fu fortemente influenzato dalla predicazione di George Whitefield. In particolare una frase dell’ultima strofa, “incline a vagare, Signore, mi sento incline ad …
Leggi Tutto

C'E' POTENZA NEL SANGUE DI GESU'

di Charles Greeneway  –  Ricordo nel 1945, quando giacevo in una capanna di fango in Africa. Avevo la febbre nera, ed era un tempo in cui si poteva morire di quella malattia. Ho contato 124 tombe di missionari che non avevano raggiunto i quarant’anni. Ho seppellito i miei amici, ho dovuto imbracciare un fucile per poter difendere il loro corpo esanime dagli animali feroci perché al mattino potessimo …
Leggi Tutto

 Una promessa per oggi: “Io so tutto della tua vita e conosco tutte le tue vie”.

Salmo 139: 1-3  Tu mi hai investigato, o Eterno, e mi conosci.  Tu sai quando mi siedo e quando mi alzo, tu intendi il mio pensiero da lontano.  Tu esamini accuratamente il mio cammino e il mio riposo e conosci a fondo tutte le mie vie.   –    Ti sei mai trovato in una stanza piena di persone e sentirti completamente solo? A volte possiamo essere circondati da tante persone nella nostra vita quotidiana, …
Leggi Tutto

Sermone  predicato Domenica 31 Maggio 2015: pastore Agostino Masdea La religiosità ha a che fare con le cose visibili, esteriori. La spiritualità è soprattutto qualcosa che riguarda il cuore.Uno dei più grandi pericoli che deve affrontare il cristiano nel suo cammino di fede verso la ricerca di una vita santa è diventare troppo religioso e poco spirituale. La religiosità può essere spesso scambiata per spiritualità… come distinguere l’una …
Leggi Tutto

COMUNIONE CON DIO

di George Muller  –  Il Signore mi ha insegnato la verità, che per parecchi anni mi è stata utilissima per la mia vita cristiana. Ad un certo momento della mia vita m’accorsi che era di capitale importanza che io mi mantenessi in continua comunione col Signore, per nutrire il mio spirito. Infatti — pensai — io potrei proporre la verità ai non cristiani, potrei aiutare spiritualmente i credenti, …
Leggi Tutto

Dio vuole salvare il peccatore

di JACK HAYFORD  –  L’onestà verso Dio è una premessa indispen­sabile per una preghiera efficace. Se non ri­spettiamo questa premessa corriamo il rischio di finire nella trappola che Satana, il nostro nemico mortale, è sempre pronto a tenderci. Finiremo quindi per cadere in un circolo vi­zioso che renderà la nostra vita spirituale as­solutamente inefficiente. Se ci troviamo in questa situazione, ci chiederemo inevitabil­mente: »Come posso permettermi di pregare, …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti