PICCOLI CRISTIANI E CRISTIANI

di Roberto Bracco.   –   Qualche volta riferendoci ad alcuni ser­vitori di Dio del passato o del presente, diciamo: «Essi sono, o sono stati gran­di cristiani». Questa frase contiene un errore: non ci sono «grandi cristiani», perché chi è veramente cristiano, senza l’aggiunta di aggettivi, ha raggiun­to il massimo della grandezza consentita ad un uomo finito. Non ci sono «grandi cristiani», ma solo «cristiani» e «piccoli cristiani ». I primi abbracciano il piano della redenzio­ne e della santificazione per intiero, i se­condi si limitano ad afferrare qualche ra­ra manciata del dono di Dio. E quindi non vogliamo incorrere nell’errore di de­finire grandi alcuni cristiani perché folle di credenti professanti il cristianesimo sono piccoli, ma vogliamo riconoscere con precisione la realtà alla luce della rivela­zione divina.  

Quanto esposto potrebbe sembrare un vizioso gioco di parole, vano nella sua essenza e sterile nelle sue conseguenze; invece, a nostro avviso, riveste un’impor­tanza pratica di non valutabili conse­guenze.

 Quando diciamo «grandi», noi classi­fichiamo quelli che sono semplicemente cristiani come una categoria «fuori serie» collocata all’apice di una scala; una categoria se non di privilegiati, almeno di esseri eccezionali che vanno riguardati con ammirazione e verso i quali non è inopportuno mantenere una rispettosa di­stanza. Ci sembra superfluo parlare di pe­ricolo: uno stato mentale simile non co­stituisce un pericolo perché è in se stesso una rovina e se noi rimaniamo schiavi di concezioni di questo genere, continueremo inesorabilmente a vivere un surro­gato del cristianesimo o, se vogliamo es­sere più generosi, un cristianesimo par­ziale che ci relegherà fatalmente ai mar­gini dei piani di Dio.

 La legge è inesorabile: «cristiani» e «piccoli cristiani». Cioè: «simili a colo­ro le cui testimonianze ci sovrastano per sublimità e potenza» o «poveri spiriti rachitici, incompiuti e atrofizzati nelle funzioni cristiane».

Rinunciare totalmente al mondo, devol­vere per intero le proprie ricchezze, af­frontare i sacrifici più duri o le persecu­zioni più crudeli, non sono gli atti dei «grandi» cristiani, ma semplicemente la manifestazione dei cristiani o, *se vogliamo essere precisi fino all’esagerazione, dei «veri» cristiani. I cristiani sono tali in quanto sono discepoli di Cristo e per­ciò nessun atto, per grande che sia dal punto di vista umano, è troppo sublime per essi: anzi ogni atto definibile subli­me rappresenta la manifestazione degli istinti del cristiano.

 Piccoli cristiani, risvegliamoci! Non ab­biamo di fronte una schiera di grandi dalla quale possiamo essere separati sen za compromissione, ma abbiamo una fol­la di cristiani alla quale ci possiamo me­scolare o dalla quale possiamo rimanere tragicamente esclusi.

 Piccoli cristiani, la vita che ci sfugge sotto le mani è vana; cessiamo di dare a essa il valore eterno e infinito.

Piccoli cristiani, il denaro che maneg­giamo non ci appartiene; desistiamo dal desiderio di occultarlo per i nostri fini egoistici.

Piccoli cristiani, Iddio è il bene supre­mo: manteniamoci’ ogni istante legati a Lui.

Piccoli cristiani, i beni celesti, le pro­messe divine, rappresentano tesori duraturi; «cerchiamoli con avidità spirituale incessantemente.

Piccoli cristiani, il mondo precipita nel caos e nella perdizione: affanniamoci per portargli la parola della salvezza.

Piccoli cristiani, che cosa vale circon­darsi di mille cure e di mille comodità; che cosa vale perdersi in mille problemi e mille speculazioni, quando Cristo ci chiama ogni giorno sul Suo sentiero?

Piccoli cristiani, perché perdere ore e anni nelle fatiche che concernono «la vita e il mondo, perché ritenere con cura i beni di quaggiù, quando il Cielo ci atten­de?

Piccoli cristiani, perché difendere con accanimento la propria reputazione, la propria personalità, il proprio nome, quando Cristo ci ha promesso un nome nuovo?

Piccoli cristiani, perché custodire con sentimento idolatrico la propria vita quando attendiamo la glorificazione ser­bata ai fedeli?

 In ognuna di queste esortazioni, in ognuna di queste domande è contenuta la tragedia della nostra vita. Noi vogliamo adattare il cristianesimo alla nostra pic­cola personalità e quasi vogliamo cambia­re il significato agli enunciati chiarissi­mi del Cristo. Ma questa nostra vana pretesa non sfiora neanche il monte di granito che ci sta davanti: il cristianesi­mo rimane quello che è, e solo adattando la nostra vita ad esso noi usciremo dalla piccolezza del nostro contingente per af­ferrare una verità che ci darà il privilegio di chiamarci cristiani.

 Su tale traguardo gli atti normali del cristianesimo non ci appariranno più, co­me già detto, trasfigurati in un eroismo eccezionale, perché fino al limite della ri­nuncia alla nostra vita, fino al limite del­l’abbandono dei nostri beni, fino al limi­te dell’annichilimento della nostra perso­nalità, fino al limite del superamento di ogni benessere terreno, fino al limite del­la distruzione di ogni passione, di ogni vizio, di ogni istinto, di ogni peccato, tut­to ci sembrerà logica e normale conse­guenza della nostra vita rinnovata in Cri­sto.

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

RISVEGLIO O APOSTASIA?

di Agostino Masdea   –  Carissimi, avendo un gran desiderio di scrivervi della nostra comune salvezza, mi sono trovato costretto a farlo per esortarvi a combattere strenuamente per la fede, che è stata trasmessa ai santi una volta per sempre. (Giuda 3)  –   Stiamo vivendo un tempo estremamente difficile. La decadenza morale della società è in escalation continua. Siamo continuamente turbati dall’indecente spettacolo che questo mondo quotidianamente ci offre. Il …
Leggi Tutto

«PARLERANNO IN ALTRE LINGUE»

di  A. THOMAS BRES   –   Questo segno è incompreso, criticato e combattuto da molti e anche da alcuni cristiani. Gli uni lo con­siderano una pazzia, il risultato di un disturbo mentale; gli altri un fenomeno spiritista, diabolico. Sono rari quelli che ne parlano con serenità e che si dimostrano scevri da pre­giudizi. Tra le obiezioni che spesso si fanno in mezzo ai cristiani, c’è questa: — Il …
Leggi Tutto

666-2

di HENK SCHOUTEN  –   Molti cristiani si raffigurano l’Anticristo come il «superuomo» degli ultimi tempi ma la Bibbia lo mostra anche sotto un altro aspetto, raramente percepito dai cristiani.   –   Ci sarebbe molto da dire sull’Anticristo. Non appena si nomina questa parola, tutti vogliono sentire. Soprattutto le speculazioni su tale figura sono molto diffuse. Il numero 666 e altre caratteristiche e proprietà di questo personaggio colpiscono, soprattutto …
Leggi Tutto

COS’E’ LA NUOVA NASCITA?

“Gesù gli rispose: “In verità, in verità ti dico che se uno non è nato di nuovo non può vedere il regno di Dio”…  “Non ti meravigliare se ti ho detto: “Bisogna che nasciate di nuovo ” (Giovanni 3: 3-7). “Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna… Chi crede in …
Leggi Tutto

SERVIZIO RAI TG1 SULLA NOSTRA CHIESA

Servizio del TG1 trasmesso Sabato 1 Novembre nella rubrica TG1 DIALOGO  dopo il  TG delle 8.   …
Leggi Tutto

UN SEGRETO SULLA GRAZIA

di Max Lucado  –  Ecco un segreto sulla GRAZIA:  dieci piccole parole che spiegano tutto quello che c’è da sapere: “Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi?” (Romani 8:28). Da un lato questo concetto può sembrare cosi semplice, in realtà, queste parole contengono un significato veramente profondo. Esaminiamo attentamente le quattro parole di questo versetto. Leggete lentamente la frase: “Dio è per noi”. Fate una …
Leggi Tutto

Il mantello d'Elia

Sermone di David Wilkerson   –  Il capitolo 2 del secondo libro dei Re contiene uno dei racconti più spettacolari di tutto l’Antico Testamento. Questo passo parla del vecchio profeta Elia e del suo servo Eliseo. Quando inizia il racconto, Dio ha appena informato Elia del fatto che il suo ministero sulla terra è finito. Adesso egli deve attraversare il fiume Giordano, per andare in un certo luogo, dove …
Leggi Tutto

IL GRANELLO DI FRUMENTO

Se il granel di frumento caduto in terra non muore, rimane solo; ma se muore, produce molto frutto.  (Giovanni 12: 24) Gesù stesso era quel «granello di frumento». Egli è caduto nel terreno; è morto; come risultato della Sua morte sacrificale sul Calvario, il Suo seppellimento nella tomba, la Sua resurrezione la mattina di Pasqua; è stata compiuta la promessa della redenzione del mondo e questo era il …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti