“CARISMATICI”

di Roberto Bracco  –  «Fiumi di acqua viva sgorgheranno dal suo seno… » (Giovanni 7:38)

Con questa potente espressione Gesù ha definito l’esperienza dei credenti ripieni di Spirito Santo; la frase chiarisce in maniera precisa e dettagliata il miracolo annunciato dal Signore ed offre quindi dei riferimenti dottrinali che non possono essere ignorati dalla teologia cristiana.

Il « credente» che « riceve » (v. 39) lo Spirito non può « non» essere una « sorgente » generosa. E’ evidente che il riferimento è relativo non ad una qualsiasi esperienza spirituale, ma proprio a quella che comunemente definiamo « esperienza pentecostale »; infatti sia Pietro in Gerusalemme che Paolo in Efeso si riferivano proprio a questa esperienza quando dissero: «… e voi riceverete il dono dello Spirito Santo… »(Atti 2 :38); « Riceveste lo Spirito Santo quando credeste? » (Atti 12 :9).

« Ricevere » lo Spirito Santo non vuol dire quindi essere stati convinti di peccato, o essere stati perdonati o giustificati o aver confessato Gesù Cristo, ma aver realizzato il dono pentecostale (Atti 8:15-17; 10:47). Non fermiamoci però a riconoscere soltanto quello che «non» vuoi dire, perché ricevere lo Spirito Santo vuoi dire, lo ripetiamo, una condizione che trasforma il credente in una sorgente; sorgente non di « un » fiume, ma di « molti » fiumi: il plurale non deve essere ignorato.

La fisionomia, il carattere di questi fiumi possono essere abbastanza agevolmente ricavati dallo studio della Parola di Dio in tutte quelle parti che ci propongono questo soggetto; non possiamo, nei limiti modesti di un articolo, affrontare l’argomento in tutte le sue implicazioni e sviluppano esaurientemente, ma vogliamo almeno ricordare alcuni riferimenti biblici che schematizzano ed illustrano la lezione.

Lo Spirito Santo deve sgorgare dal credente:

        a) Come fiume di potenza (Atti 1:8)

b) Come fiume di rivelazione (Giovanni 14:26);

c) Come fiume di santificazione (Giovanni 16:13);

d) Come fiume di gloria (Giovanni 16:14);

       e) Come fiume di operazioni soprannaturali o carismatiche (Gioele 2:28).

Potremo continuare e dilatare questo schema per parlare della testimonianza, dell’amore, della franchezza, del coraggio (Atti 5 :32; Atti 4 :31; Romani 8 :26) e di altri « fiumi » che possono, che « devono» sgorgare dal credente « riempito » dallo Spirito Santo, ma limitiamoci, per questa volta, a rispettare il confine posto dallo schema perché anche dentro queste linee l’esperienza « pentecostale » ci appare nella giusta collocazione scritturale.

A qualcuno può sembrare eccessivo che si proponga un soggetto tanto ovvio in un ambiente « pentecostale », ma dobbiamo dire, purtroppo, che l’averlo considerato troppo elementare ha indotto molti, in questi ultimi anni, a trascurano fino al punto di cederlo alle più diverse interpretazioni e alle più diverse applicazioni. Pensiamo che conseguenza di questa superficialità sia un certo « ecumenismo pentecostale »che accresce ogni giorno l’equivoco nel seno della cristianità evangelica.

Ci chiariamo subito e meglio: Oggi si parla con insistenza crescente di un nuovo risveglio pentecostale in riferimento ad un numero sempre crescente di movimenti religiosi che

sono stati denominati “pentecostali-cattolici”, “neo-pentecostali”, “carismatici”, o con cento altri nomi non escluso quello, tanto avversato fino a poco tempo fa, di « pentecostali ». Anche molti oppositori e persecutori di ieri dichiarano di essersi ricreduti per riconoscerlo fino al punto di accettarlo e quindi accettare i pionieri di questo risveglio quali padri o ispiratori della loro nuova esperienza.

Da qui il fenomeno “ecumenico”… da qui l’incendio “carismatico”.

Verso questo “fenomeno” e nei confronti di questo “incendio” dobbiamo esprimere riserve che sono molto più di un sentimento di diffidenza; dobbiamo proprio dire con cruda franchezza che nel maggior numero dei casi questi “presunti” figli non presentano minimamente le caratteristiche somatiche dei padri e suscitano il sospetto di una generazione adulterina.

Infatti non possiamo incoraggiare l’esercizio di un ecumenismo che non sia fondato, oltre che sull’amore autentico, anche sulla verità biblica. Concedere a qualcuno la libertà di conservare e diffondere l’errore, per amore di pace, vuol dire cercare “una pace” ammalata d’iniquità. Diciamo questo perché l’incendio carismatico ci sembra essere piuttosto che fuoco di purificazione, fiamme di distruzione. Questi movimenti, esuberanti di emotività religiosa, che affermano la ricerca e l’esercizio dei doni spirituali quali effetti del battesimo dello Spirito Santo evidenziano troppe caratteristiche che sono inconciliabili con l’insegnamento biblico e che mostrano l’assenza di quei fiumi di acqua viva annunciati da Gesù.

Non vogliamo costituirci giudici e non vogliamo neanche essere troppo severi nel compiere le più autorizzate delle analisi, ma non possiamo non sconfessare certe forme culturali dove l’escandescenza spinta fino alla confusione viene classificata come ineffabile manifestazione carismatica, ma di più ancora dobbiamo rifiutare la dichiarazione di quanti affermano di aver “ricevuto” lo Spirito Santo ma continuano a professare principi religiosi o dottrinali e a manifestare comportamenti morali esplicitamente condannati dalla Bibbia.

No, non possiamo accettare che dal credente sgorghi “un fiume”, e non di acqua viva, ma di sola emotività; non possiamo accettare che l’esperienza pentecostale incominci e finisca con suoni cacofonici che vengono presentati come carisma spirituale e poi lasci la vita del credente nella più profonda aridità spirituale, morale e nella più completa confusione dottrinale.

Si, noi crediamo che la “glossolalia” quella vera, quella biblica, evidenzia il battesimo nello Spirito Santo, ma crediamo anche che con questa non possono mancare fiumi di potenza, di rivelazione, di santità… fiumi di acqua viva che non si conciliano con forme aberranti di un sedicente cristianesimo largamente commerciato ed acquistato con impressionante superficialità.

Attenzione! Non vogliamo dire che in questi giorni non ci siano veramente risvegli religiosi o che manchino ricercatori sinceri.., no, non vogliamo e non possiamo dire questo, ma dobbiamo semplicemente mettere in guardia nei confronti di un fenomeno strumentalizzato da piccoli e grandi complessi ecclesiastici, un fenomeno che cerca con linguaggio e metodi seducenti di confondere e sviare la chiesa del Signore. Quindi quando sentiamo ripetere la parola “ecumenismo” o quella ancor più allettante “carismatici” apriamo gli occhi per esaminare ogni cosa col metro e alla luce della Parola di Dio; non dobbiamo assolutamente accettare assieme ad alcune cose che possono sembrare buone tante cose che sono “evidentemente” cattive.

A questo punto non possiamo sottrarci dal fare un’osservazione che nasce da un onesto parallelo: Non dobbiamo difenderci da un pericolo esterno e poi cedere ad un’insidia interna. La mentalità dei “carismatici” può trovare e trova purtroppo un posto anche nel seno del movimento pentecostale; dobbiamo rifiutarla e combatterla; il battesimo dello Spirito Santo deve essere proclamato ed esperimentato come sorgente di “fiumi” (ripetiamo “fiumi” al plurale) di acqua viva.

Dobbiamo decisamente opporci a quel costume di superficialità che spesso per ragioni di prestigio ministeriale offre un riconoscimento assolutamente ingiustificato. Quanti fenomeni di eccitazione psicologica o di emozione religiosa offrono il pretesto per dichiarare battezzati nello Spirito credenti, ragazzi, giovani, adulti che dopo l’esuberanza emotiva di un’ora, dopo i pochi suoni inarticolati espressi, ricadono nel grigiore di una vita spirituale dalla quale i fiumi di Dio sono totalmente assenti; assenti perché non c’è nuova luce, assenti perché non c’è autentico fervore, assenti perché non appare nessun segno di potenza, di consacrazione, di amore.

“Carismatici”?! Dove sono i carismi, i doni? Dove sono i fiumi? Dove sono le esperienze sorprendenti, infiammanti dei padri della Pentecoste? Ieri un solo battesimo pentecostale era un incendio nella chiesa e faceva del credente un credente nuovo. Perché oggi anche venti trenta credenti dichiarati battezzati nello Spirito Santo lasciano tutto immutato nella chiesa e nella vita degli stessi credenti?

Il pericolo interno non è meno insidioso di quello esterno e non vogliamo diffidare dei neo-pentecostali o dei carismatici di fuori per poi piegarci alle deformazioni della dottrina e dell’esperienza pentecostale ed accettare quelli che possono essere definiti i neo-pentecostali che nascono e si vogliono imporre nelle nostre chiese.

Un risveglio quando giunge alla terza generazione si spegne se i giovani che hanno ricevuto il messaggio non lo lasciano divampare di nuovo, perciò non accontentiamoci di fuochi fatui perché il risveglio può divampare e continuare soltanto se offriamo la nostra vita a Dio affinché Egli possa usarla come combustibile per il fuoco del cielo.

Fuoco o fiumi, questa è la Pentecoste. Amen.

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Essere ripieni  di Spirito Santo

di  Zac Poonen  –   Ho visto un cartone animato, una volta che mostrava i discepoli nell’alto solaio che aspettavano di essere pieni di Spirito Santo (Atti 1:12-14). (Oggi sappiamo che hanno aspettato dieci giorni, ma in quel momento, nessuno di loro sapeva per quanto tempo avrebbero dovuto attendere.) Al nono giorno, uno di loro uscì e se ne andò a casa dicendo che era stanco di aspettare …
Leggi Tutto

La sostituzione che cambiò il mondo

di ZAC POONEN    –  «Colui che non ha conosciuto peccato, egli lo ha fatto diventare peccato per noi, affinché noi diventassimo giustizia di Dio in lui.» 2° Corinzi 5:21   –  L a Bibbia rivela che, quando Gesù morì sulla croce per noi, Egli ci sostituì occupando il nostro posto. Cristo è diventato peccato per noi, affinché noi diventassimo giustizia per Dio. Questo scambio si chiama giustificazione, …
Leggi Tutto

LA PACE E’ POSSIBILE!

di J. F. Walvoord   –  Desideriamo la pace nel mondo.  Ai nostri giorni sono pochi i quesiti che ci inducono a meditare, certamente non tanto quanto la domanda: E’ possibile la pace? Questa domanda preoccupa non solo i cristiani ma anche gli aderenti ad altre religioni nel mondo ed ad altri tipi di fede, nonché coloro che si occupano di politica. Essa non si limita solo alla …
Leggi Tutto

INGRATITUDINE

di FILIPPO WILES   –  Purtroppo l’ingratitudine è inerente alla nostra natura. Quando si tratta di bambini ci si può passare oltre, tal­volta, ma ciò non è il caso con gli adulti.  L’ingratitudine è stata causa di mol­te sofferenze e addirittura di conse­guenze fatali ed eterne. La storia del­l’uomo è iniziata con l’ingratitudine e terminerà con la medesima. Sta scrit­to, «…pur avendo conosciuto Iddio non l’hanno glorificato come …
Leggi Tutto

EGLI NON SAPEVA…

di E.K.Rusthoi  –  “Egli (Sansone), non sapeva che Dio s’era ritirato da lui” (Giudici 16,20).  –  “Or Mosè, quando scese dal monte Sinai – scendendo Mosè aveva in mano le due tavole della testimonianza – non sapeva che la pelle del suo viso era diventata tutta raggiante” (Esodo 34,29). Vorrei attirare la vostra attenzione su questi due versetti biblici che sembrano in aperto contrasto. Il primo è un …
Leggi Tutto

10 errori che le persone fanno con l'Oroscopo:

Velocissimo messaggio pensato per farti pensare …di MIKE CAMPAGNA . 1. Lo vedono come una cosa innocua. (Una cosa comune). 2. Non sanno di essere parte di un sistema globale dell’occulto condannato dalla Bibbia. (Deuteronomio 18:10-12) 3. Dimenticano che nessuno conosce il futuro, all’infuori di Dio. (Daniele 2:27-28) 4. Ignorano che gli oroscopi sono creati in modo generalizzato affinché chi legge possa determinare/concludere qualsiasi cosa. 5. Consultandolo dimostrano …
Leggi Tutto

Sermone di Roberto Bracco: Una Sposa Negligente

ROBERTO BRACCO: “Una Sposa Negligente” – Cantico dei cantici 5:2-6 – ”  Io dormivo, ma il mio cuore vegliava. Sento la voce del mio amico che bussa e dice: «Aprimi, sorella mia, amica mia, colomba mia, o mia perfetta! Poiché il mio capo è coperto di rugiada e le mie chiome sono piene di gocce della notte». Io mi sono tolta la gonna; come me la rimetterei ancora? Mi …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti