IL CULTO

di Roberto Bracco –  “Onore reso a Dio”. Per il cristiano è anche mezzo per realizzare comunione con Dio; quindi possibilità di offrire a Dio, ricevere da Dio. Comunemente con questo nome si definiscono le riunioni che uniscono i fedeli per la celebrazione liturgica: preghiera, canto, predicazione… In queste riunioni i fedeli vogliono offrire lode a Dio, esprimere amore, gratitudine e aspettano le benedizioni della presenza di Dio nelle manifestazioni edificative della predica e di tutti quegli elementi cultuali che possono essere di incoraggiamento, di esortazione, di consiglio.

    La Scrittura è molto precisa nell’indicarci quei principi fondamentali che dovrebbero sempre disciplinare queste riunioni, ma purtroppo non sempre e non tutti hanno accettato la validità e l’attualità delle indicazioni neo-testamentarie.

    Vogliamo ricordare alcuni di questi principi:

a) Le riunioni di culto devono essere il risultato di una preparazione spirituale individuale che impegni non alcuni, ma tutti i credenti.

b) Nelle riunioni deve manifestarsi in maniera sovrana la guida dello Spirito Santo.

c) La riunione deve seguire una linea di estemporaneità che escluda ogni schema precostituito.

d) Alla riunione devono partecipare attivamente tutti i membri della Comunità.

e) I ministri proposti alla presidenza ed all’insegnamento devono avere autorità e discernimento per guidare la riunione.

f) I doni dello Spirito Santo devono avere largo spazio, in maniera ordinata nella riunione di culto.

g) La riunione deve dare l’inequivocabile dimostrazione di un servizio

soprannaturale realizzato nella sensibile presenza di Dio nella chiesa.

h) Il ministerio della Parola deve avere sempre una parte molto importante nel culto cristiano.

    Sono soltanto alcune indicazioni che scaturiscono chiaramente dalla Parola di Dio, ma sono abbastanza per indurci a riflettere ed anche a… risvegliarci.

    Gli schemi precostituiti, rigidi, uguali per tutti, uguali sempre rappresentano purtroppo un ostacolo alla manifestazione dello Spirito ed una vera repressione a quello sviluppo cristiano, tanto individuale quanto comunitario, che Dio ha programmato per il Suo popolo.

    E’ vero che uno schema ben conosciuto da tutti e che disciplina in maniera quasi automatica il corso della riunione, evita i rischi che derivano dall’intemperanza o quelli che possono nascere dall’incapacità dei credenti, ma è anche vero che questa difesa umana da rischi reali o presunti si traduce in una mortificazione della vita spirituale quindi in un impoverimento della chiesa tutta.

    Bisogna quindi tendere al traguardo ideale di guidare cioè controllare e disciplinare le riunioni, ma lasciando in esse tutto lo spazio necessario per l’esercizio delle capacità carismatiche dei fedeli. Soltanto così si potrà parlare di libertà spirituale e soltanto così si potranno avere le funzioni essenziali di tutte le membra del corpo di Cristo.

    Pensiero, parola, azioni, manifestazioni benefiche dello Spirito Santo dovranno avere il loro posto nelle riunioni di culto dove sapienza o scienza, discernimento o lingue, interpretazioni o profezia potranno intrecciarsi o susseguirsi assieme a fede, miracoli, guarigioni.

    Il dottore od il pastore non sono affatto estromessi dall’esercizio ordinato e generoso dei doni, anzi trovano una più giusta e impegnativa collocazione nella vita di un organismo dove tutte le funzioni concorrono al bene comune. Infatti il ministerio della Parola, come quello della presidenza si presentano nella pienezza del loro significato quando possono essere esercitati nell’ambito di una chiesa autenticamente carismatica.

    E’ necessario bandire ingiustificati timori e rimuovere misure di umana prudenza; non per spianare la strada a forme velleitarie di franchezza carnale o addirittura di presunzione; ma per incoraggiare e promuovere l’esercizio di quei doni e la valorizzazione di quelle capacità spirituali che troppo spesso finiscono per atrofizzarsi per mancanza di funzione.

    Quando le riunioni di culto torneranno ad essere quelle chiaramente descritte dall’apostolo Paolo nella prima epistola ai Corinti, potremo veramente dire che il battesimo nello Spirito Santo rappresenta non potenza nel senso generico della parola, ma capacità per testimoniare di Cristo anche attraverso la celebrazione di un culto che dimostra la sensibile presenza di Dio nel mezzo del Suo popolo.

    No, non è una proposta rivoluzionaria quella che viene avanzata per mezzo di questa esortazione, è soltanto la raccomandazione a non lasciarsi legare in maniera progressiva da una liturgia cultuale che finirebbe fatalmente per restringere l’esercizio devozionale dei credenti a poche persone forse dotate di una preparazione tecnica, ma certamente incapaci di sostituire quella totalità di fedeli e di doni chiamati ad esprimersi in piena libertà per onorare Dio, per edificare e per essere edificati.

    Non vengono dati suggerimenti e non vengono proposti metodi, ma soltanto ripetuta una parola tanto cara ai nostri padri! Concediamo alla chiesa di muoversi liberamente nella guida dello Spirito Santo perché nella funzione di tutte le membra il corpo di Cristo realizzi il proprio accrescimento alla gloria di Dio.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

La libertà cristiana

di John MacArthur   – “Fratelli, voi siete stati chiamati a libertà; soltanto non fate della libertà un’occasione per vivere secondo la carne, ma per mezzo dell’amore servite gli uni agli altri”(Gal. 5:13).  Una delle mie gioie come pastore è quella di insegnare alle persone la Parola di Dio e spiegare le sue implicazioni nelle loro vite.  Tra i dubbi che la gente esprime, non figurano domande su se …
Leggi Tutto

BEATI I MORTI...

di Roberto Bracco   –   E udii una voce dal cielo che diceva: «Scrivi: beati i morti che da ora innanzi muoiono nel Signore. Sì, dice lo Spirito, essi si riposano dalle loro fatiche perché le loro opere li seguono».  (Apocalisse 14: 13) Questa parola ci vieta di “essere contristati” come coloro che vivono senza una speranza nel cuore. La tradizione umana e la liturgia ecclesiastica hanno dedicato il mese di novembre …
Leggi Tutto

Ehi Dio! Ci sei?

di Frank Foglio  –  Bellissima testimonianza di una famiglia italiana emigrata in America   –  Era 1925 la mia famiglia; la famiglia Foglio, italiani emigrati in America del nord in Pennsylvania, ci trasferimmo dalla nostra abitazione in una grande fattoria, con novantacinque acri con una grande casa colonica. Un giorno, papà fece una proposta a un uomo di colore, un certo Slim Hopper. Che se avrebbe arato la nostra terra …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: IO RENDERÒ’ I TUOI PIEDI COME QUELLI DI UN CERVO PER FARTI RAGGIUNGERE GRANDI ALTEZZE.

DIO, il Signore, è la mia forza; Egli renderà i miei piedi come quelli delle cerve e mi farà camminare sulle alture. Abacuc 3:19  –  Avete mai visto un cervo o una capra di montagna camminare sul costone di una montagna? È davvero uno spettacolo incredibile! Poggiano con sicurezza i loro piedi su dei picchi così sottili che sembra quasi una cosa impossibile nella realtà. In questa promessa, …
Leggi Tutto

Testimonianze da Azusa Street 

di A. W. Orwig  –   A.W Orwig, ex ministro metodista, battezzato nello Spirito Santo nella missione di Azusa Street, nel seguente racconto condivide le esperienze fatte al n° 312 di Azusa Street. L’articolo è tratto dalla prima storia del movimento pentecostale pubblicata, di Bennett F. Lawrence, The Apostolic Faith Restored (St. Louis, MO: Gospel Publishing House, 1916), pp 77-89. Era il settembre del 1906. Mi era giunta all’orecchio …
Leggi Tutto

Uganda: il padre di un martire racconta il proprio cammino di fede

UGANDA  –   William Masolo, padre di Francis Namokubalu (un credente ex-musulmano ucciso a causa della sua fede), ci testimonia del risultato della campagna di lettere organizzata da Porte Aperte, che ha permesso alla sua famiglia di rimanere salda e unita nonostante la perdita del figlio. William ha inoltre condiviso con noi il suo personale cammino di fede. La storia della conversione di William risale agli inizi degli …
Leggi Tutto

PUNTI CONTROVERSI

di Roberto Bracco  Indice:   Introduzione  Faccia parte d’ogni suo bene Il carname e le aquile Verecondia e modestia Se hanno fatto queste cose al legno verde Pasti di carità Sarà salvata partorendo figli Culto cristiano La moglie di Caino Onora tuo padre e tua madre In man di Satana  Introduzione  Questo volumetto è dedicato a tutti coloro che fanno della Bibbia l’alimento e la gioia della loro anima …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti