LA FAMIGLIA CRISTIANA

di Roberto Bracco  –   Non ci riferiamo alla famiglia nel senso sociale, ma a quella che è “famiglia” per vincoli spirituali; ci riferiamo cioè alla chiesa cristiana non come organizzazione o denominazione, ma come popolo di “fratelli” che si amano, si stimano, si aiutano in virtù di quell’amore celeste che è stato sparso in loro mediante lo Spirito Santo.

    La famiglia cristiana è la più perfetta, la più serena, la più lieta fra tutte le famiglie della terra. E’ disciplinata da un Padre che non può fallire, è assistita da una grazia che non si esaurisce mai, è ispirata da un programma che esalta e sprona le più sane energie del credente.

   Anche in questa famiglia esistono differenze di età, di carattere, di capacità, di attitudini, ma queste anziché essere motivo di dissenso e di divisione, sono elementi di equilibrio e di fusione. I membri di una famiglia, proprio come le membra di un organismo, trovano nelle loro differenze il punto d’incontro per una equilibrata comunione ed una reciproca collaborazione.

    Uno è il Padre, uno è il Maestro e tutti gli altri sono fratelli per vivere nella semplicità e nella sincerità di una familiarità pura, generosa, calda.

    Il Libro degli Atti quando parla per la prima volta di questa famiglia, la presenta con queste parole:

    “… avevano tutti un solo cuore…”.

    Ed in seguito nel fornire maggiori particolari precisa che:

   Tutti erano perseveranti nella dottrina, nelle orazioni, nella comunione e nel rompere il pane”.

    L’unione dei membri non era e non è apparente o formale, ma sostanziale; non è determinata artificiosamente dall’appartenenza ad una organizzazione religiosa, ma genuinamente dal possesso di uno stesso sentimento e della realizzazione di una identica esperienza.

    Nel mondo religioso si compie un autentico attentato all’integrità della famiglia cristiana quando si cerca di darle una fisionomia o un assesto che prescindano o ignorino gli elementi spirituali che costituiscono l’essenza del cristianesimo. Le imposizioni di discipline profane, l’instaurazione di gerarchie ecclesiastiche, l’applicazione di metodi sociali serviranno solo e sempre a creare nuovi complessi religiosi, ma mai ad esaltare o edificare la famiglia cristiana.

    I fratelli devono incontrarsi e vivere come fratelli in una semplicità che non deve essere turbata o contaminata da regolamenti umani e in una comunione che non deve essere oltraggiata dal despotismo gerarchico.

L’opera del ministero deve avere sempre come base una vera ed inequivocabile vocazione celeste e deve compiersi in quell’esercizio di reciprocità che “sottopone gli uni agli altri” pur facendo tutti uguali gli uni agli altri. L’infallibilità dei “concili” o del vescovo o dei vescovi sono concetti estranei alla Scrittura e ripugnanti alla familiarità cristiana.

    I  rapporti della famiglia sono essenzialmente rapporti d’amore; i fratelli amano i fratelli e per questo desiderano incontrarsi nella preghiera, nell’ adorazione, nell’ esortazione, nell’ assistenza; queste manifestazioni di vita spirituale si trovano in comunione cioè nell’avere “ogni cosa in comune”.

    Noi credenti che viviamo nel mezzo di una generazione che esalta l’egoismo, ed eleva a sistema la prepotenza dobbiamo, più che nei giorni passati, ricercare con studio diligente e costante, che sia restaurata la familiarità cristiana come l’abbiamo conosciuta nei primi giorni del risveglio pentecostale. Dobbiamo tutti deporre ai piedi del Signore le nostre arbitrarie pretese di superiorità e sopratutto i nostri sentimenti di egoismo e di indifferenza per far rinascere nella nostra vita e quindi fra noi, nelle nostre relazioni, quei principi di uguaglianza e quelle manifestazioni di amore sincero e sollecito che devono caratterizzare la nostra comunione cristiana.

    Coloro che hanno ricevuto una più copiosa benedizione o che sono stati chiamati a più alte responsabilità devono sentirsi più impegnati per far parte con profonda umiltà dei beni ricevuti ai propri fratelli. Ma anche coloro che hanno ricevuto meno e che occupano una posizione marginale nel campo di Dio devono sentirsi obbligati a dare il proprio contributo alla causa comune che è poi la causa di Gesù Cristo.

    Un calore sincero e un affetto senza riserve devono spingerci gli uni verso gli altri e quindi dobbiamo sgombrare il terreno di ogni giudizio per superare antipatie, intolleranze, suscettibilità nell’esercizio di un amore che sappia comprendere, compatire, stimare in un modo veramente evangelico. Tutti i problemi e tutte le controversie devono essere risolti o composte ai piedi del Signore e la preghiera deve essere mantenuta al centro dei nostri incontri.

    La lettura, la meditazione e lo studio delle Scritture devono tornare a rendere vivi e palpitanti i nostri incontri; lontani da aspri motivi polemici e purificati da pretese ambiziose dobbiamo investigare la Parola di Dio non per cercare la conferma della nostra opinione o per tentare di confondere il nostro fratello, ma per trovare in essa quel consiglio divino che deve sempre unirci in un uguale cammino di santità.

    La nostra vita morale e le nostre convinzioni dottrinali non devono apparire come un ibrido mosaico mal composto e tenuto alla meglio dal cordone statutario di un ente religioso, ma come un armonico incontro di elementi che anche nella svariata gamma dei colori e delle sfumature, presenta la meravigliosa fusione delle sue varie parti.

    Quel che l’uomo della strada vedeva e diceva ieri, rendendo inconsapevoli testimonianze all’opera di Dio, deve apparire anche oggi: sono tutti uguali, vivono e parlano nello stesso modo, sono una famiglia sola, si aiutano con trasporto e si vogliono bene...

Forse questa testimonianza può apparire ingenua, ma indub­biamente risponde a quelle esigenze di precisione e di chiarezza che sono indispensabili nella definizione delle cose. Iddio ci aiuti a ritornare entro i limiti di questa testimonianza.

Per concludere vogliamo ricordare che la familiarità cristiana non potrà tornare ad affermarsi se i membri che compongono la famiglia non si ispirano allo stesso programma e questo oltre ad avere in primo piano la gloria e l’esaltazione del nome di Dio, deve avere anche il raggiungimento dell’eterna redenzione nel cielo.

Oggi lo sgretolamento della famiglia cristiana deriva in larga misura dal tragico fatto che non tutti camminano verso il cielo; pochi pensano al cielo, pochi parlano del cielo, pochi anelano il cielo e quindi la prima incrinatura all’unità dei figli di Dio de­riva dalla diversità del programma in seno alla famiglia.

La speranza cristiana è diventata, per molti, un distintivo che non corrisponde più al sentimento del cuore e alle convinzioni dell’anima e molti di quelli che sperano “sperano in Cristo soltanto per le cose di questa vita”.

Fratelli, torniamo come piccoli fanciulli ai piedi di Cristo ed abbandoniamoci totalmente all’opera della Sua grazia affinché Egli stesso possa farci UNO soltanto in Lui: uno nell’amore, uno nella fede, uno nella santità; una famiglia che sia veramente la famiglia cristiana.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Sermone del pastore Agostino Masdea predicato Domenica 5 Aprile 2015.   “Camminare con Gesù è l’esperienza più straordinaria che possiamo vivere. Vuoi che le cose cambino nella tua vita? Prova a camminare insieme a Colui che è risorto dalla morte, al “Vivente”. Cammina con Gesù…” …
Leggi Tutto

666-2

di HENK SCHOUTEN  –   Molti cristiani si raffigurano l’Anticristo come il «superuomo» degli ultimi tempi ma la Bibbia lo mostra anche sotto un altro aspetto, raramente percepito dai cristiani.   –   Ci sarebbe molto da dire sull’Anticristo. Non appena si nomina questa parola, tutti vogliono sentire. Soprattutto le speculazioni su tale figura sono molto diffuse. Il numero 666 e altre caratteristiche e proprietà di questo personaggio colpiscono, soprattutto …
Leggi Tutto

IL BATTESIMO (ISTRUZIONI PER CATECUMENI)

 Introduzione   Frequentemente il battesimo cristiano viene amministrato con troppa sollecitudine e con troppa superficialità. Frequentemente coloro che scendono nelle acque battesimo non hanno una conoscenza precisa del significato e del valore della rito che compiono. Frequentemente questo importantissimo atto cristiano si riduce ad un povero rito di formalismo liturgico… È per questo che desideriamo, nelle pagine che seguono, esprimere alcune considerazioni che potranno aiutare ad esaminare il …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: La mia Parola non tornerà a me a vuoto.

Come infatti la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere annaffiato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, in modo da dare il seme al seminatore e pane da mangiare, 11 così sarà la mia parola, uscita dalla mia bocca: essa non ritornerà a me a vuoto, senza avere compiuto ciò che desidero e realizzato pienamente ciò per cui l’ho mandata. (Isaia 55:10-11) …
Leggi Tutto

LA RISCOPERTA DELLO SPIRITO

di JIM CYMBALA  –  Non mi aspettavo che lo Spirito Santo si unisse a me per pranzo, eppure è esattamente ciò che accadde.  Mia moglie Carol era fuori città, così andai in un piccolo bar che mi piace a Long Island. Trovai un tavolo tranquillo contro il muro, ordinai la mia solita insalata e mentre gustavo il mio salutare pranzo iniziai a leggere. Sono abbonato al New York …
Leggi Tutto

Sermone Domenica 13 Gennaio 2013

Agostino Masdea: VITA SOPRANNATURALE (Giovanni 10:10) …
Leggi Tutto

Storia di un inno: IT’S WELL WITH MY SOUL

 Horatio Spafford era un avvocato di successo ed un insegnante di giurisprudenza nella Chicago del 1860. Insieme a sua moglie, Anna, erano ben noti in città, sia per la carriera legale di Spafford, ma anche perché i due coniugi erano amici e sostenitori di D.L. Moody, famoso evangelista. La città di Chicago era in forte espansione, le attività industriali erano fiorenti e lo sviluppo sociale era in forte …
Leggi Tutto

SEGUIRE GESU’

di ROBERTO BRACCO   –   Alcuni episodi, ricordati con dovizia di particolari, trascendono il loro significato storico per esprimere una lezione spirituale. Questo è uno di quelli perché si propone una lezione di dottrina cristiana che possiamo definire fondamentale e cioè:  «Come pervenire alla vita eterna». Bisogna premettere che «vita eterna» non è sinonimo d’immortalità : tutte le anime sono immortali, ma soltanto quelle che si uniscono …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti