LA FAMIGLIA CRISTIANA

di Roberto Bracco  –   Non ci riferiamo alla famiglia nel senso sociale, ma a quella che è “famiglia” per vincoli spirituali; ci riferiamo cioè alla chiesa cristiana non come organizzazione o denominazione, ma come popolo di “fratelli” che si amano, si stimano, si aiutano in virtù di quell’amore celeste che è stato sparso in loro mediante lo Spirito Santo.

    La famiglia cristiana è la più perfetta, la più serena, la più lieta fra tutte le famiglie della terra. E’ disciplinata da un Padre che non può fallire, è assistita da una grazia che non si esaurisce mai, è ispirata da un programma che esalta e sprona le più sane energie del credente.

   Anche in questa famiglia esistono differenze di età, di carattere, di capacità, di attitudini, ma queste anziché essere motivo di dissenso e di divisione, sono elementi di equilibrio e di fusione. I membri di una famiglia, proprio come le membra di un organismo, trovano nelle loro differenze il punto d’incontro per una equilibrata comunione ed una reciproca collaborazione.

    Uno è il Padre, uno è il Maestro e tutti gli altri sono fratelli per vivere nella semplicità e nella sincerità di una familiarità pura, generosa, calda.

    Il Libro degli Atti quando parla per la prima volta di questa famiglia, la presenta con queste parole:

    “… avevano tutti un solo cuore…”.

    Ed in seguito nel fornire maggiori particolari precisa che:

   Tutti erano perseveranti nella dottrina, nelle orazioni, nella comunione e nel rompere il pane”.

    L’unione dei membri non era e non è apparente o formale, ma sostanziale; non è determinata artificiosamente dall’appartenenza ad una organizzazione religiosa, ma genuinamente dal possesso di uno stesso sentimento e della realizzazione di una identica esperienza.

    Nel mondo religioso si compie un autentico attentato all’integrità della famiglia cristiana quando si cerca di darle una fisionomia o un assesto che prescindano o ignorino gli elementi spirituali che costituiscono l’essenza del cristianesimo. Le imposizioni di discipline profane, l’instaurazione di gerarchie ecclesiastiche, l’applicazione di metodi sociali serviranno solo e sempre a creare nuovi complessi religiosi, ma mai ad esaltare o edificare la famiglia cristiana.

    I fratelli devono incontrarsi e vivere come fratelli in una semplicità che non deve essere turbata o contaminata da regolamenti umani e in una comunione che non deve essere oltraggiata dal despotismo gerarchico.

L’opera del ministero deve avere sempre come base una vera ed inequivocabile vocazione celeste e deve compiersi in quell’esercizio di reciprocità che “sottopone gli uni agli altri” pur facendo tutti uguali gli uni agli altri. L’infallibilità dei “concili” o del vescovo o dei vescovi sono concetti estranei alla Scrittura e ripugnanti alla familiarità cristiana.

    I  rapporti della famiglia sono essenzialmente rapporti d’amore; i fratelli amano i fratelli e per questo desiderano incontrarsi nella preghiera, nell’ adorazione, nell’ esortazione, nell’ assistenza; queste manifestazioni di vita spirituale si trovano in comunione cioè nell’avere “ogni cosa in comune”.

    Noi credenti che viviamo nel mezzo di una generazione che esalta l’egoismo, ed eleva a sistema la prepotenza dobbiamo, più che nei giorni passati, ricercare con studio diligente e costante, che sia restaurata la familiarità cristiana come l’abbiamo conosciuta nei primi giorni del risveglio pentecostale. Dobbiamo tutti deporre ai piedi del Signore le nostre arbitrarie pretese di superiorità e sopratutto i nostri sentimenti di egoismo e di indifferenza per far rinascere nella nostra vita e quindi fra noi, nelle nostre relazioni, quei principi di uguaglianza e quelle manifestazioni di amore sincero e sollecito che devono caratterizzare la nostra comunione cristiana.

    Coloro che hanno ricevuto una più copiosa benedizione o che sono stati chiamati a più alte responsabilità devono sentirsi più impegnati per far parte con profonda umiltà dei beni ricevuti ai propri fratelli. Ma anche coloro che hanno ricevuto meno e che occupano una posizione marginale nel campo di Dio devono sentirsi obbligati a dare il proprio contributo alla causa comune che è poi la causa di Gesù Cristo.

    Un calore sincero e un affetto senza riserve devono spingerci gli uni verso gli altri e quindi dobbiamo sgombrare il terreno di ogni giudizio per superare antipatie, intolleranze, suscettibilità nell’esercizio di un amore che sappia comprendere, compatire, stimare in un modo veramente evangelico. Tutti i problemi e tutte le controversie devono essere risolti o composte ai piedi del Signore e la preghiera deve essere mantenuta al centro dei nostri incontri.

    La lettura, la meditazione e lo studio delle Scritture devono tornare a rendere vivi e palpitanti i nostri incontri; lontani da aspri motivi polemici e purificati da pretese ambiziose dobbiamo investigare la Parola di Dio non per cercare la conferma della nostra opinione o per tentare di confondere il nostro fratello, ma per trovare in essa quel consiglio divino che deve sempre unirci in un uguale cammino di santità.

    La nostra vita morale e le nostre convinzioni dottrinali non devono apparire come un ibrido mosaico mal composto e tenuto alla meglio dal cordone statutario di un ente religioso, ma come un armonico incontro di elementi che anche nella svariata gamma dei colori e delle sfumature, presenta la meravigliosa fusione delle sue varie parti.

    Quel che l’uomo della strada vedeva e diceva ieri, rendendo inconsapevoli testimonianze all’opera di Dio, deve apparire anche oggi: sono tutti uguali, vivono e parlano nello stesso modo, sono una famiglia sola, si aiutano con trasporto e si vogliono bene...

Forse questa testimonianza può apparire ingenua, ma indub­biamente risponde a quelle esigenze di precisione e di chiarezza che sono indispensabili nella definizione delle cose. Iddio ci aiuti a ritornare entro i limiti di questa testimonianza.

Per concludere vogliamo ricordare che la familiarità cristiana non potrà tornare ad affermarsi se i membri che compongono la famiglia non si ispirano allo stesso programma e questo oltre ad avere in primo piano la gloria e l’esaltazione del nome di Dio, deve avere anche il raggiungimento dell’eterna redenzione nel cielo.

Oggi lo sgretolamento della famiglia cristiana deriva in larga misura dal tragico fatto che non tutti camminano verso il cielo; pochi pensano al cielo, pochi parlano del cielo, pochi anelano il cielo e quindi la prima incrinatura all’unità dei figli di Dio de­riva dalla diversità del programma in seno alla famiglia.

La speranza cristiana è diventata, per molti, un distintivo che non corrisponde più al sentimento del cuore e alle convinzioni dell’anima e molti di quelli che sperano “sperano in Cristo soltanto per le cose di questa vita”.

Fratelli, torniamo come piccoli fanciulli ai piedi di Cristo ed abbandoniamoci totalmente all’opera della Sua grazia affinché Egli stesso possa farci UNO soltanto in Lui: uno nell’amore, uno nella fede, uno nella santità; una famiglia che sia veramente la famiglia cristiana.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Meditazione del giorno: Tradizioni religiose

di ROBERTO BRACCO  –  In occasione delle festività  torna nelle conversazioni cristiane l’argomento delle tradizioni religiose e molti si chiedono in che modo o fino a quale limite i credenti devono o possono partecipare alle consuetudini che impegnano la cristianità nel senso generico di quest’ultimo termine. Si parla di “cenoni”, di “pranzi”, di” strenne”, di “presepi”, di “alberi di Natale”, di “auguri”, e poi… di “Babbo Natale”, della “Befana”, …
Leggi Tutto

I BRILLANTI DELLA CORONA

di  ROBERTO BRACCO   –  Quando sorgerà la mattina radiosa della gloria; quando Gesù Cristo ritornerà a prendere la Sua chiesa… ci saranno delle sorprese scon­volgenti; alcune saranno liete, altre saranno drammatiche. Dio farà “conoscere” chi è Suo e chi è santo!  Oggi il trionfo della falsità e dell’ipocrisia riesce ad alterare agli occhi nostri le realtà del mondo ecclesiastico ma allora tutto apparirà nella sua reale fisionomia. Oggi …
Leggi Tutto

MEFIBOSHET: Riscoprire il valore del patto!

Studio biblico Scuola Domenicale Adulti –  Domenica 12 Ottobre  –  Testo biblico: 2 Samuele 4:4 – 9:1-13 Introduzione: Un patto si differenzia sostanzialmente da un contratto. Il contratto è l’accordo bilaterale tra due parti e si base sull’interesse, il patto invece è unilaterale e si basa sulla promessa. Il contratto dura per un tempo delimitato e stabilito, il patto dura per sempre. Il nostro rapporto con Dio non è stabilito …
Leggi Tutto

CRESCERE NELLA GRAZIA

 di AGOSTINO MASDEA – L’ultima delle esortazioni che l’apostolo Pietro indirizza ai credenti è anche l’ultimo verso del capitolo tre della sua seconda epistola. Questo capitolo è dedicato agli avvenimenti degli ultimi tempi e al ritorno del Signore. Nell’attesa del suo ritorno, Pietro esorta a stare fermi nella fede e ad  aspettare queste cose facendo in modo da “essere trovati da lui immacolati e irreprensibili, in pace”. Esortando alla …
Leggi Tutto

Da una vita di sesso, droga, suicidio, ad attivista in favore della vita: Come Dio mi ha riscosso dalle tenebre

Febbraio 10, 2014  –   LA STORIA DI MEAGAN WEBER  –  Tra la prima e la seconda gravidanza qualcosa è successo nella vita di Meagan Weber.  “Credevo  nel mantra “il corpo è mio e lo gestisco io”; facevo uso di droghe e vivevo «completamente immersa nella promiscuità», ma poi qualcosa accadde nel mio cuore”.   Meagan Weber oggi è impegnata nella lotta contro l’aborto negli Stati Uniti e …
Leggi Tutto

CAMMINO' CON DIO

di DONALD GEE – La storia di Enoc, descritta per sommi capi in poche righe, ha sempre racchiuso un certo fascino; la storia dell’uomo che camminò con Dio e poi disparve, perché Dio lo prese. Una silente bellezza è contenuta in questo morso di storia, descrittaci con sorprendente brevità nelle prime pagine condensate della Genesi. Penso che l’interesse primo stia nel fatto unico che Enoc non conobbe la …
Leggi Tutto

Il mantello d'Elia

Sermone di David Wilkerson   –  Il capitolo 2 del secondo libro dei Re contiene uno dei racconti più spettacolari di tutto l’Antico Testamento. Questo passo parla del vecchio profeta Elia e del suo servo Eliseo. Quando inizia il racconto, Dio ha appena informato Elia del fatto che il suo ministero sulla terra è finito. Adesso egli deve attraversare il fiume Giordano, per andare in un certo luogo, dove …
Leggi Tutto

LA STRADA DELLA MATURITÀ

di J. Oswald Sanders  –   Alcuni pensano che lo scopo della chiesa e del nostro impegno di credenti sia l’evangelizzazione, ma io non vedo questo nella Scrittura. Io credo che lo scopo del nostro ministero sia di portare le persone alla maturità in Cristo. Consideriamo Colossesi 1:28, dove Paolo dice: “Noi proclamiamo questo mistero…” in vista di che cosa? “…affinché presentiamo ogni uomo perfetto in Cristo”. “Perfetto” qui …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti