ADAMO DOVE SEI? (Genesi 3:10)


Ma l’uomo era nascosto!

    Nel luogo degli incontri abituali non si udiva la voce dei coniugi amici di Dio e forse il silenzio era reso ancora più cupo dal peccato consumato, ormai entrato come un’ombra triste nella natura.

E’ il dramma!

    L’uomo non desidera più incontrarsi col suo Dio, anzi Lo fugge sollecitato dal senso della colpa e dalle cento apprensioni che si affollano confusamente e disordinatamente tanto alla sua mente, quanto al suo cuore; egli si nasconde, confuso, vergognoso,

    Fra poco la sentenza e poi l’Eden si chiuderà definitivamente alle spalle dei colpevoli.

    La tragedia però non è rimasta isolata e le repliche hanno preso a snodarsi nel corso dei millenni ed ormai non si contano più gli Eden che hanno veduto la triste espulsione degli amici di Dio. Un luogo d’incontro, di colloqui, di benedizione che giunge a trasformarsi in un giardino solitario, triste, quasi grigio.

    Tragedia! Tragedia che si ripete anche nella successione delle circostanze: la benedizione, l’intimità con Dio, la conversazione compiacente col serpente, il peccato, la fuga davanti a Dio, la condanna, l’espulsione definitiva. Quante volte nel corso della storia che ha seguito i rapporti fra Dio e l’uomo, questo schema drammatico ha avuto una nuova applicazione; quante volte in una antichità lontanissima e quante volte nell’antichità che ha nella sua prima data la nascita e la morte di Gesù Cristo, un popolo “creato” da Dio, benedetto da Dio in una terra di benedizione, ha perduto tutto: comunione, colloqui, amicizia con Dio,

    Tutto comincia con una conversazione compiacente; gli amici di Dio dimenticano spesso che devono avere colloqui soltanto con il cielo ed accettano il “dialogo” col serpente, Anche nel ripetersi di quella prima conversazione i temi si mantengono nello ambito di soggetti obbligati: il dubbio sulla veracità di Dio, la prospettiva di un progresso indipendente da Dio, quasi in concorrenza con Dio; il raggiungimento quindi di uno stato felice di benessere.

    Dopo la conversazione e dopo il peccato viene la delusione più cocente e forse la recriminazione più amara, ma chi pensa a quel che viene “dopo”?

    L’Eden si chiude perché i rapporti fra l’uomo e Dio sono stati turbati fino al ripudio della comunione, anzi fino alla fuga dalla comunione: — Adamo, dove sei?

    Il suono di questa domanda sembra riempire di nuovo i confini di una terra benedetta ed anche oggi sembra rinnovarsi il dramma che si è replicato nel corso dei secoli: — L’uomo si è nascosto, si è sottratto dall’incontro con Dio. I dolci colloqui non allettano più colui che ha lasciato entrare il peccato e che ora, sia pure in maniera inconscia, è spaventato dal senso della sua colpa folle.

    Adamo si nasconde; Iddio non lo incontra più nel giardino fiorito dei convegni amichevoli, perché la semplicità è stata turbata, perché la nudità si leva accusatrice contro la coscienza dell’uomo. Egli abita ancora nel giardino, ma non può più goderne la bellezza; è a pochi passi dal luogo scelto per gli appuntamenti con Dio, ma non può più accedere ad esso.

    Lo spettacolo tristissimo esprime in modo doloroso il declino di un risveglio spirituale e di un’esperienza cristiana: la creatura di Dio che ha gioito nel godere i beni di un giardino benedetto, che ha giubilato negli effetti dell’amicizia di Dio, non ha più la pace del passato, non desidera più incontrarsi col suo Signore, si nasconde,

    Cos’è avvenuto? Esattamente quello che è avvenuto la prima volta nel giardino di Adamo: un dialogo col serpente, una concupiscenza assecondata, un dubbio accettato, una infedeltà consumata. Forse tutto questo si è sviluppato nel “tempo” e col succedersi di azioni e circostanze che non sembravano rivestire un carattere di gravità, ma purtroppo è stato ugualmente la concretizzazione del dramma.

    Verso molti risuona oggi la domanda accorata di Dio:

— Dove sei?

    Chiese, movimenti, credenti che hanno gioito in un passato prossimo nel giardino delle benedizioni e, soprattutto, nell’amicizia di Dio, sono nascosti, lontani da Lui… “Dove sei?”,

    Se questa parola risuona anche per te non lasciarla cadere, o non raccoglierla nella stessa maniera di Adamo, ma accettala nel cuore come un appello del Cielo che ti chiama ad umiliazione, a ravvedimento, che ti chiama cioè a “ritornare al Padre” per la strada del prodigo pentito.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

State andando troppo veloci

di WILLIAM BOOTH  (Fondatore Esercito della Salvezza) (1829 – 1912)  –   Dicono che andiamo troppo veloce! Questa accusa ci viene mossa  da tutte le direzioni. Ai nostri nemici non piace la nostra velocità e i nostri amici hanno paura di essa. Cosa intendono dire? Se si lamentassero del fatto che non siamo andati abbastanza veloci , li avrei potuto capire. Se i nostri nemici potessero sostenere che dopo tutto …
Leggi Tutto

STORIA DI UN INNO: ABIDE WITH ME

Henry F. Lyte  ABIDE WITH ME (JESSY DIXON) Henry Francis Lyte  (1793-1847) nacque a Ednam, in Scozia e studiò alla Royal School di Enniskillen e al Trinity College, Dublino, dove conseguì la laurea in teologia.  Nel 1818 accadde qualcosa che nella sua vita ebbe un grande impatto spirituale, e che determinò un radicale cambiamento:  la malattia e la morte di un suo grande amico e fratello, un caro …
Leggi Tutto

DALL'ISLAM A CRISTO -

TESTIMONIANZA   –  Mi chiamo RUBEN DAZAR, (il nome è inventato) e sono nato in una città a nord dell’Iran, sotto un nome diverso sono cresciuto in una famiglia musulmana molto fervente. Mio nonno materno era un Ayetoalah, cioè un insegnante dell’islam, ed essendo suo nipote ero ben conosciuto e molto rispettato nella comunità. Nel corso degli anni ho scritto alcuni libri sull’IsIam. Mia madre è stata allevata …
Leggi Tutto

GRANDI INNI: "Trought it all" di Andrae Crouch

  IN MEMORIA DI ANDRAE CROUCH   –  Giovedì scorso si è fermato il cuore del leggendario cantante evangelico, 72 anni di cui 50 trascorsi nel mondo della musica cristiana. Era stato trasportato in ospedale lo scorso 3 gennaioper le complicazioni a uno stato di salute già compromesso da diabete e cancro. Riproponiamo una delle sue tante canzoni con la storia della sua vita.       Andrae Crouch è …
Leggi Tutto

This is my King!

Sebbene in rete ci sono infinite versioni di questo video, ci sentiamo di riproporlo perché è un messaggio straordinario che ogni volta che lo si ascolta suscita emozioni meravigliose e si rimane toccati dalla grandezza del nostro Re! “This is my King”… Questo è il mio Re. IL pastore nero S.M. Lockridge parla per sei minuti, in questo famoso sermone, di ciò che Gesù, il nostro Re è …
Leggi Tutto

TROVARE GRAZIA

di Agostino Masdea  –  Libro di RUTH –  CAPITOLO 2   –   Introduzione. – Abbiamo visto nel cap. precedente che Ruth, nel paragone con Orpa, si differenzia, emerge e si impone alla nostra attenzione per il suo carattere. Qualcuno ha affermato che nessuna persona, se non è motivata da Dio, può fare ciò che fece Ruth. I. – RUTH, FIGURA DELLA CHIESA 1. – Il passaggio dalla terra …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: C'è una corona che aspetta coloro che amano Mio Figlio.

Per il resto, mi è riservata la corona di giustizia che il Signore, il giusto giudice, mi assegnerà in quel giorno, e non solo a me, ma anche a tutti quelli che hanno amato la sua apparizione. (2 Timoteo 4:8) Quando l’apostolo Paolo scrive questa lettera a Timoteo, che era spiritualmente suo figlio, è ormai prossimo alla fine della sua vita. Egli proclama con forza che c’è una …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti