ADAMO DOVE SEI? (Genesi 3:10)


Ma l’uomo era nascosto!

    Nel luogo degli incontri abituali non si udiva la voce dei coniugi amici di Dio e forse il silenzio era reso ancora più cupo dal peccato consumato, ormai entrato come un’ombra triste nella natura.

E’ il dramma!

    L’uomo non desidera più incontrarsi col suo Dio, anzi Lo fugge sollecitato dal senso della colpa e dalle cento apprensioni che si affollano confusamente e disordinatamente tanto alla sua mente, quanto al suo cuore; egli si nasconde, confuso, vergognoso,

    Fra poco la sentenza e poi l’Eden si chiuderà definitivamente alle spalle dei colpevoli.

    La tragedia però non è rimasta isolata e le repliche hanno preso a snodarsi nel corso dei millenni ed ormai non si contano più gli Eden che hanno veduto la triste espulsione degli amici di Dio. Un luogo d’incontro, di colloqui, di benedizione che giunge a trasformarsi in un giardino solitario, triste, quasi grigio.

    Tragedia! Tragedia che si ripete anche nella successione delle circostanze: la benedizione, l’intimità con Dio, la conversazione compiacente col serpente, il peccato, la fuga davanti a Dio, la condanna, l’espulsione definitiva. Quante volte nel corso della storia che ha seguito i rapporti fra Dio e l’uomo, questo schema drammatico ha avuto una nuova applicazione; quante volte in una antichità lontanissima e quante volte nell’antichità che ha nella sua prima data la nascita e la morte di Gesù Cristo, un popolo “creato” da Dio, benedetto da Dio in una terra di benedizione, ha perduto tutto: comunione, colloqui, amicizia con Dio,

    Tutto comincia con una conversazione compiacente; gli amici di Dio dimenticano spesso che devono avere colloqui soltanto con il cielo ed accettano il “dialogo” col serpente, Anche nel ripetersi di quella prima conversazione i temi si mantengono nello ambito di soggetti obbligati: il dubbio sulla veracità di Dio, la prospettiva di un progresso indipendente da Dio, quasi in concorrenza con Dio; il raggiungimento quindi di uno stato felice di benessere.

    Dopo la conversazione e dopo il peccato viene la delusione più cocente e forse la recriminazione più amara, ma chi pensa a quel che viene “dopo”?

    L’Eden si chiude perché i rapporti fra l’uomo e Dio sono stati turbati fino al ripudio della comunione, anzi fino alla fuga dalla comunione: — Adamo, dove sei?

    Il suono di questa domanda sembra riempire di nuovo i confini di una terra benedetta ed anche oggi sembra rinnovarsi il dramma che si è replicato nel corso dei secoli: — L’uomo si è nascosto, si è sottratto dall’incontro con Dio. I dolci colloqui non allettano più colui che ha lasciato entrare il peccato e che ora, sia pure in maniera inconscia, è spaventato dal senso della sua colpa folle.

    Adamo si nasconde; Iddio non lo incontra più nel giardino fiorito dei convegni amichevoli, perché la semplicità è stata turbata, perché la nudità si leva accusatrice contro la coscienza dell’uomo. Egli abita ancora nel giardino, ma non può più goderne la bellezza; è a pochi passi dal luogo scelto per gli appuntamenti con Dio, ma non può più accedere ad esso.

    Lo spettacolo tristissimo esprime in modo doloroso il declino di un risveglio spirituale e di un’esperienza cristiana: la creatura di Dio che ha gioito nel godere i beni di un giardino benedetto, che ha giubilato negli effetti dell’amicizia di Dio, non ha più la pace del passato, non desidera più incontrarsi col suo Signore, si nasconde,

    Cos’è avvenuto? Esattamente quello che è avvenuto la prima volta nel giardino di Adamo: un dialogo col serpente, una concupiscenza assecondata, un dubbio accettato, una infedeltà consumata. Forse tutto questo si è sviluppato nel “tempo” e col succedersi di azioni e circostanze che non sembravano rivestire un carattere di gravità, ma purtroppo è stato ugualmente la concretizzazione del dramma.

    Verso molti risuona oggi la domanda accorata di Dio:

— Dove sei?

    Chiese, movimenti, credenti che hanno gioito in un passato prossimo nel giardino delle benedizioni e, soprattutto, nell’amicizia di Dio, sono nascosti, lontani da Lui… “Dove sei?”,

    Se questa parola risuona anche per te non lasciarla cadere, o non raccoglierla nella stessa maniera di Adamo, ma accettala nel cuore come un appello del Cielo che ti chiama ad umiliazione, a ravvedimento, che ti chiama cioè a “ritornare al Padre” per la strada del prodigo pentito.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

SALVATO DAL FALLIMENTO

R. G. LETOURNEAU (1888 – 1969) – Egli mi ha tratto fuori da una fossa di perdizione, dal pantano fangoso; ha fatto posare i miei piedi sulla roccia, ed ha stabilito i miei passi. Egli ha messo nella mia bocca un nuovo cantico a lode del nostro Dio. Molti vedranno questo e temeranno e confideranno nell’Eterno? (Salmo 40: 2, 3). –  Giobbe disse:  Il mio orecchio aveva sentito parlar di …
Leggi Tutto

RAVVEDETEVI

di G. Robert Ashcroft  –   Questo fu il grido dei profeti e degli apostoli, questo deve essere il grido degli odierni predicatori.  –   «Ricordati, dunque, donde sei caduto, e ravvediti, e fa’ le opere di prima; se no, verrò a te, e rimuoverò il tuo candelabro dal suo posto, se tu non ti ravvedi. (Apoc. 2:5).  Giovanni Battista venne a predicare il suo messaggio e si mantenne …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: QUANDO SORGE UN PROBLEMA, INVOCAMI E IO TI RISPONDERÒ.

Io t’invoco nel giorno della mia avversità, perché tu mi risponderai. (Salmo 86:7) Gesù ci ha detto che nel mondo avremo problemi. Ha continuato incoraggiandoci a rimanere contenti perché Egli ha vinto il mondo. In questo Salmo, David sta invocando il Signore perché ha bisogno di aiuto. David era consapevole delle tante promesse che Dio aveva fatto ad Israele, ed era perciò sicuro che nel momento della difficoltà …
Leggi Tutto

NON UNIRTI AGLI INFEDELI

di John R. Rice  –  Secondo me non c’è nulla di più importante al mondo per un Cristiano del matrimonio con una persona della medesima fede. Il matrimonio è stato creato da Dio. Esso è un’istituzione santa, stabilita da Dio per il nostro beneficio. L’unione tra uomo e donna è tanto intima o preziosa nella sua continuità che in ammonio tra una persona credente e non credente non …
Leggi Tutto

Il mantello d'Elia

Sermone di David Wilkerson   –  Il capitolo 2 del secondo libro dei Re contiene uno dei racconti più spettacolari di tutto l’Antico Testamento. Questo passo parla del vecchio profeta Elia e del suo servo Eliseo. Quando inizia il racconto, Dio ha appena informato Elia del fatto che il suo ministero sulla terra è finito. Adesso egli deve attraversare il fiume Giordano, per andare in un certo luogo, dove …
Leggi Tutto

UNA PROMESSA PER OGGI: "HO PREPARATO COSE STUPENDE PER COLORO CHE MI AMANO"

1 Corinzi 2: 9 – Ma come sta scritto: “Le cose che occhio non ha visto e che orecchio non ha udito e che non sono salite in cuor d’ uomo, sono quelle che Dio ha preparato per quelli che lo amano”. Quando mia moglie ed io ospitiamo una festa di compleanno o un evento speciale per i nostri cari, un prepariamo e pianifichiamo prima un sacco di …
Leggi Tutto

BALSAMO DI GALAAD

 di LILIAN B. YEOMANS Tanto tempo fa, su una collina solitaria, tre croci, le vedo ancor! Tanto tempo fa il Salvatore disse, mentre chinava il Suo capo morente: «Tutto è compiuto». Balsamo di Galaad, guarisci le mie ferite, rendimi  interamente sano e forte, Tu sei la Medicina che io prendo, e subito la mia salute irrompe: «Tutto è compiuto».  Geremia 8:22: «Non c’è balsamo in Galaad? Non c’è laggiù nessun medico?» Che …
Leggi Tutto

VIDEO BATTESIMI 14 OTTOBRE 2012

Alcuni momenti del culto del 14 OTTOBRE, durante il quale 10 giovani sono scesi nelle acque del battesimo. (Video amatoriale e audio da telecamera))   …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti