IL VALORE DI UNA DOMANDA

Il risveglio spirituale ha sempre avuto inizio dal momento che uno o più credenti si sono domandati se la loro vita cristiana era realmente in regola con Dio.

Fino a tanto che i figliuoli di Dio vivono senza farsi questa domanda il risveglio non si può manifestare. Anzi coloro che lasciano trascorrere i giorni nell’indifferenza, sono condannati ad impoverire ogni giorno di più nella grazia del Signore.

Se oggi ci sono molte chiese e molti cristiani che non sentono più la presenza viva di Dio è soltanto perché queste chiese e questi cristiani non sentono il bisogno di domandarsi se la loro vita è in regola con Dio.

L’amore langue, i doni dello Spirito mancano, la potenza divina si manifesta soltanto raramente, la guida di Dio è stata sostituita dal formalismo… perché? Perché le chiese e i cristiani non sentono il bisogno di domandarsi se la loro vita sia in regola con Dio.

Quando manca questa domanda vuol dire che regnano l’orgoglio, l’indifferenza e il disordine: la vita spirituale è in crisi.

Quando torna la domanda incomincia il risveglio perché vengono respinti orgoglio, indifferenza e disordine.

L’orgoglio infatti non ci permette di domandarci se siamo in regola con Dio. L’orgoglio ci assicura che siamo in regola, anzi esso ci garantisce che “siamo ricchi” e siamo “perfetti”. L’orgoglio ci fa ricordare soltanto che siamo stati giustificati, benedetti e adottati da Dio, ma non ci fa volgere la mente alle imperfezioni che ancora ci affliggono o ai tanti doveri cristiani che ci attendono.

L’indifferenza invece fa tacere la domanda in conseguenza del fatto che ci spinge a vivere senza problemi. L’indifferenza distrugge i desideri e le promesse e impedisce di guardare avanti oppure in alto.

Ed infine c’è il disordine che fa tacere la coscienza travolgendola verso gli accomodamenti. Il disordine consiglia di mettere assieme la luce e le tenebre; il mondo ed il cielo; il Signore e Mammona. Non è opportuno chiederci quale sia la nostra condizione, dice il disordine, perché è più pratico cercare di vivere secondo le opportunità e le circostanze.

Il regno dell’orgoglio è potente ed i regni dell’indifferenza e del disordine sono vastissimi: moltitudini di credenti e centinaia o migliaia di comunità si trovano sotto la signoria di questi regni e perciò la presenza di Dio manca, l’amore langue, i doni sono assenti e la potenza si è allontanata.

Forse l’aspetto esteriore dei cristiani non ha subito tanti cambiamenti, anzi si possono anche vedere dei miglioramenti: locali bellissimi, organizzazioni perfette, predicatori eloquenti, ma il popolo è in crisi.

Manca una domanda, soltanto una domanda.

Manca soltanto una domanda perché dietro ad essa c’è tutto quello che manca.

Se l’umanità riuscirà alfine a respingere l’orgoglio, tutti i cristiani, anche i più santi, anche i più attivi, incominceranno ad ammettere di non essere “arrivati”, anzi di essersi completamente fermati, lontani dalla meta. Incominceranno ad ammettere che avevano cominciato bene, ma si sono troppo presto smarriti dal vero sentiero che avevano incominciato per lo Spirito e che hanno cercato di proseguire per la carne.

L’angosciosa domanda otterrà la più severa delle risposte ed essa dirà chiaramente che la vita dei cristiani è molto lontana dall’essere in regola con Dio.

E se l’indifferenza e il disordine saranno finalmente distrutti dalla sensibilità spirituale e dalla consacrazione; i cristiani potranno ricevere la luce necessaria per misurare l’abisso nel quale sono caduti. Potranno vedere, cioè, che il loro cristianesimo è soltanto apparente, formale, vuoto.

È soltanto da questo punto che incomincia il risveglio ed un risveglio che non incominci da questo punto non è un risveglio.

Cristiani, ai piedi della croce chiediamoci, con l’assistenza della fede:

 “E’ la nostra vita in regola con Dio?”

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

La Storia più bella

di A. Masdea  –  Allora Filippo prese la parola e, cominciando da questa Scrittura, gli annunziò Gesú.  (Atti 8:35) i) A tutti piace sentire delle storie: a) Da bambini ascoltavamo i nonni al focolare…b) Poi leggevamo libri…c) C’erano anche  i cantastorie che musicavano delle storie vere.d) Oggi le storie si raccontano con i films, le commedie, il teatro, romanzi… ecc.- Anche Gesù racconta delle …
Leggi Tutto

TUTTI GLI OSTACOLI AL RISVEGLIO NELLA CHIESA SONO DOVUTI AL PECCATO

di JONATHAN GOFORTH  –  Missionario Presbiteriano in Manciuria e in Cina 1888-1935.   Al ritorno in Cina nell’autunno del 1901, dopo essermi ripreso dagli effetti sconvolgenti della rivolta dei Boxer, (La Rivolta dei Boxer fu una ribellione sollevata in Cina da un grande numero di organizzazioni cinesi popolari, contro l’influenza straniera colonialista. N.d.t.) cominciai a sperimentare una crescente insoddisfazione per i risultati del mio lavoro missionario. Nei primi anni pionieristici incoraggiavo me …
Leggi Tutto

COME INGRID BERGMAN HA INCONTRATO GESU'

di Chad Dou e Mark Ellis   –    Ingrid Bergman, l’attrice premio Oscar famosa per il suo ruolo nel film “Casablanca”, è stata salvata dopo aver recitato nel ruolo di una missionaria in Cina, e l’ironia sta nel fatto che la missionaria non voleva la Bergman in quel ruolo a causa della ben nota relazione adulterina che la stella aveva avuto con un regista italiano.  (R. Rossellini …
Leggi Tutto

PERCHE’ PREDICHIAMO IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO

“Ragione storica“. – La cristianità della nostra generazione ha smarrito il significato del messaggio della Pentecoste. Le chiese non guardano più a questa data o a quest’avvenimento come ad una meta che, come è stata raggiunta ieri, deve essere raggiunta, nel succedersi dei secoli, da ogni nuova generazione. La potenza dello Spirito Santo, l’effusione del dono divino, il battesimo celeste promesso da Gesù… sono diventate espressioni teoriche e quindi …
Leggi Tutto

L'Ammirabile

di BILLY SUNDAY    –   «Il Suo Nome sarà chiamato: L’Ammirabile».  Isaia 9:6  –   Anticamente ogni nome aveva un significato; ciò è ancora vero fra gl’india­ni e fra quei popoli che vivono tuttora in modo primitivo.  Ogni nome della Bibbia ha un signi­ficato, ed è di grande aiuto nella lettu­ra delle Scritture ricercare la definizio­ne propria di ogni nome. Vi sono nella Bibbia duecento cinquantasei nomi dati al Signore …
Leggi Tutto

L'AMORE DI CRISTO CHE SOPRAVANZA OGNI CONOSCENZA

di Dwight L. MOODY – “E conoscere l’ amore di Cristo che sopravanza ogni conoscenza?. (Efesi 3:19). Se potessi soltanto fare intendere agli uomini il vero senso delle parole dell’apostolo Giovanni “Dio è amore” prenderei questo solo testo e andrei su e giù per il mondo proclamando questa gloriosa verità. Convincere un uomo che voi l?amate, significa esservi cattivato il suo cuore. Se noi riuscissimo a convincere gli …
Leggi Tutto

NON TRASCURARE LA TUA SALVEZZA

Perciò bisogna che ci atteniamo maggiormente alle cose udite, che talora non finiamo fuori strada. Se infatti la parola pronunziata per mezzo degli angeli fu ferma e ogni trasgressione e disubbidienza ricevette una giusta retribuzione, come scamperemo noi, se trascuriamo una così grande salvezza? (Ebrei 2:1-3)  –  di Agostino Masdea  –  Più studio l’epistola agli Ebrei e più me ne innamoro. È un’epistola che esalta Cristo e la sua …
Leggi Tutto

C'E' POTENZA NEL SANGUE DI GESU'

di Charles Greeneway  –  Ricordo nel 1945, quando giacevo in una capanna di fango in Africa. Avevo la febbre nera, ed era un tempo in cui si poteva morire di quella malattia. Ho contato 124 tombe di missionari che non avevano raggiunto i quarant’anni. Ho seppellito i miei amici, ho dovuto imbracciare un fucile per poter difendere il loro corpo esanime dagli animali feroci perché al mattino potessimo …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti