Signore! Signore!

di Roberto Bracco   –   Questo grido si eleva insistentemente quasi a dimostrare che anche in questi giorni di generale indifferenza esiste un popolo che guarda verso Dio, che parla con Dio, che osserva la legge di Dio. Dalle chiese o dagli individui, dai paesi o dalle città s’innalza e si ripete: Signore, Signore! Non è vero, come affermano alcuni, che non c’è più religione; non è vero che Dio è stato dimenticato e quasi espulso dalla società perché la lode che prorompe sempre più vigorosa verso il cielo testimonia dell’esistenza della religione e della cura che pongono molti a mantenere Dio presente nella loro mente e nel seno della società.

Soprattutto le chiese amano ripetere, direi in maniera sempre più organizzata, questa frase tanto importante. «Signore, Signore» si ode nelle riunioni di culto; «Signore, Signore» echeggia nei programmi ecclesiastici; «Signore, Signore» è l’intercalare dei sermoni; e «Signore, Signore» dicono le confessioni di fede dei credenti. Sembra che tutto si compia nel pronunziare queste parole e che tutto consista in esse, perché non è difficile notare la cura che tutti pongono nel ripeterle, ripeterle, ripeterle.

Esse sono la religione; esse sono la fede in Dio; esse il cristianesimo; esse tutto. La religione c’è e Iddio è presente, ma perché non confessare che questa religione non è quella pura portata e proclamata da Cristo, e perché non riconoscere che Iddio è presente, come detto innanzi, soltanto nella mente di alcuni individui, ma è assente dal loro cuore e dalle chiese che essi tanto scrupolosamente frequentano? «Signore, Signore» sono parole e, potrei aggiungere, parole vuote, espressioni gelide che rappresentano soltanto il manto ipocrita di quanti amano coprirsi di una forma di religione che gli consenta un cristianesimo teorico per poter fuggire un cristianesimo pratico.

Quanto è opportuno ricordare, in questo periodo di oscurità, le parole scultoree del Figliuol di Dio. Non chi dice : «Signore, Signore» entrerà nel Regno de’ cieli, ma chi fa la volontà del Padre mio che sta nei cieli (Matteo 7, 21). E Gesù continua : «Molti mi diranno in quel giorno: Signore, Signore!». (Matteo 7, 22). Sembra quasi che il Maestro benedetto voglia fare una classificazione di coloro che fanno professione di fede. Sembra quasi che Egli voglia dividere la cristianità in due categorie di individui. In una pone coloro che fanno la volontà del Padre, che l’onorano con la loro vita, che lo glorificano, se è necessario, con la morte. Questi, in quel giorno, non faranno udire parole perché presenteranno davanti al trono bianco il frutto delle loro opere; quello che il sacro libro chiama le « opere giuste dei santi » ( Apoc. 19, 8).

Nell’altra categoria, invece, il Maestro pone coloro che sono abituati a ripetere: «Signore, Signore». Essi vivono una vita di parole; compiono un servizio in parole; manifestano un cristianesimo a parole e quando giunge il gran giorno procacciano la giustificazione con le parole. Hanno trascorso la loro vita esclamando: «Signore, Signore»; e davanti al giudizio ripetono : «Signore, Signore». Ma Iddio non giustifica un cristianesimo teorico e la sentenza che colpisce questi impenitenti parlatori è più eloquente di mille sermoni su questo argomento: «Io non vi conobbi giammai!» (Matteo 7, 23). Giammai! Non soltanto dice la sentenza: «Non vi conosco oggi», ma «Non vi conobbi giammai».

Non vi conobbi quando voi predicavate il mio nome nelle vostre chiese; non vi conobbi quando preparavate i vostri programmi; non vi conobbi quando facevate professione ed ostentazione di religiosità. Non vi conobbi giammai. La realtà che ci appare davanti è delle più tragiche soprattutto se siamo pronti ad ammettere, come già insistentemente detto, che oggi esiste più teoria che pratica. Si odono più parole di quanto non si vedano opere, cioè oggi sono più quelli che si accontentano di dire: «Signore, Signore» di quelli che vogliono fare la volontà del Padre.

Sì, è vero che queste due parole vengono musicate e che gli individui e le chiese riescono con una abilità sempre maggiore a far risuonare e a far brillare la loro ampollosa e coreografica teoria, ma è altrettanto vero che quella che è teoria rimane sempre teoria. I sermoni possono essere sempre più brillanti; la teologia può divenire sempre più fonte di speculazioni; le organizzazioni possono essere sempre più perfette, i programmi più interessanti, le proprietà ecclesiastiche più copiose; direi anche le opere sociali ed assistenziali più numerose; se il cristianesimo non viene portato sul terreno spinoso della volontà di Dio, rimane, al pari di qualsiasi altra religione, esclusivamente un interessante sistema filosofico.

Quello che si dice generalizzando, si può ripetere nell’applicazione individuale. Possiamo essere membri di chiesa; possiamo essere attivi nel seno della comunità; possiamo essere solleciti nello evangelizzare gli altri, ma se il nostro cristianesimo è soltanto teorico, è soltanto di parole, cioè se il nostro cristianesimo non è la volontà di Dio in noi, noi non siamo cristiani.

Possiamo ripetere molte volte ogni giorno: «Signore, Signore», ma se non rinunciamo a noi stessi, ai nostri affetti, ai nostri interessi per seguire Dio nella via della Sua volontà, noi non siamo cristiani. Gli ordini di Dio sono sempre sovrani nella nostra vita? Seguiamo noi quelle parole divine che vogliono condurci verso la perfezione in Cristo? (Rom 8, 29). Risplendiamo in ogni cosa della luce della grazia e dell’amore? Ripetere : «Signore, Signore» è solo cosa dolce e santa, quando, ricordiamolo, dietro questa espressione di sottomessa fedeltà, regna nella nostra vita tutta la volontà di Colui che chiamiamo: «Signore».

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

SEGUIRE GESÙ OVUNQUE

Francis W. Dixon  –   «Or avvenne che mentre camminavano per la via, qualcuno gli disse: Io ti seguiterò dovunque tu andrai. E Gesù gli rispose: Le volpi hanno delle tane e gli uccelli del cielo dei nidi, ma il Figliuol dell’uomo non ha dove posare il capo» (Luca 9:57-58).  Le parole sulle quali desidero richiamare la tua particolare attenzione sono queste: «Signore, io ti seguirò dovunque tu andrai» …
Leggi Tutto

A PROPOSITO DI TATUAGGI

di Alejandro Seibel  –   “Non vi farete incisioni nella carne… né vi farete tatuaggi addosso. Io sono il SIGNORE”  (Lev. 19, 28)  –    La Diodati riporta : “Non vi fate alcuna tagliatura nelle carni … e non vi fate bollatura alcuna addosso. Io sono il Signore”. Tatuaggi, incisioni, “piercing” (dal verbo inglese “to pierce”, lett. Traforare, pratica indicante la perforazione della pelle allo scopo di inserirvi oggetti …
Leggi Tutto

PERCHE’ PREDICHIAMO IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO

“Ragione storica“. – La cristianità della nostra generazione ha smarrito il significato del messaggio della Pentecoste. Le chiese non guardano più a questa data o a quest’avvenimento come ad una meta che, come è stata raggiunta ieri, deve essere raggiunta, nel succedersi dei secoli, da ogni nuova generazione. La potenza dello Spirito Santo, l’effusione del dono divino, il battesimo celeste promesso da Gesù… sono diventate espressioni teoriche e quindi …
Leggi Tutto

10 Errori che le persone fanno con Israele.

di Mike Campagna 1. Cadere nella bugia che l’Olocausto non è mai avvenuto. 2. Pensare che Dio ha finito con Israele / lo ha abbandonato. (Romani 11:1-5) 3. Pensare che il suo popolo sarà salvato senza la fede in Gesù Cristo. (Efesini 2:8-9) 4. Non capire che Israele è l’orologio che segna la fine del mondo. (Matteo 24:32-33) 5. Ignorare che uno (l’Anticristo) …
Leggi Tutto

SEGUIRE GESU’

di ROBERTO BRACCO   –   Alcuni episodi, ricordati con dovizia di particolari, trascendono il loro significato storico per esprimere una lezione spirituale. Questo è uno di quelli perché si propone una lezione di dottrina cristiana che possiamo definire fondamentale e cioè:  «Come pervenire alla vita eterna». Bisogna premettere che «vita eterna» non è sinonimo d’immortalità : tutte le anime sono immortali, ma soltanto quelle che si uniscono …
Leggi Tutto

I falsi profeti all'opera oggi

  di ROBERT J. WELLS   –  In Matteo 7:15, è scritto: «Guardatevi dai falsi profeti i quali vengono a voi in vesti da pecore, ma dentro sono lupi rapaci».  Ci sono solo due vie lungo le quali gli uomini possono viaggiare: la via larga che conduce alla distruzione e la stretta via che conduce alla vita. Questo affermò Gesù Cristo, il vero profeta di Dio, il quale …
Leggi Tutto

Come Dio ci guida.

di  FRANCIS W. DIXON  –  «I passi dell’uomo dabbene con diretti dall’Eterno ed egli gradisce le vie di lui. Se cade, non è però atterrato, perché l’Eterno lo sostiene per la mano». (Salmo 37:23-24).  Per quanto m’è possibile ricordare, il Salmo 37 è stato sempre uno dei miei brani favoriti delle Scritture, e in particolare i versi 23 e 24. La ragione di ciò è che quand’ero bambino …
Leggi Tutto

LE DUE CASE

di AGOSTINO MASDEA   –  Perciò, chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, io lo paragono ad un uomo avveduto, che ha edificato la sua casa sopra la roccia.  Cadde la pioggia, vennero le inondazioni, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa; essa però non crollò, perché era fondata sopra la roccia.  Chiunque invece ode queste parole e non le mette in pratica, sarà paragonato ad …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti