Signore! Signore!

di Roberto Bracco   –   Questo grido si eleva insistentemente quasi a dimostrare che anche in questi giorni di generale indifferenza esiste un popolo che guarda verso Dio, che parla con Dio, che osserva la legge di Dio. Dalle chiese o dagli individui, dai paesi o dalle città s’innalza e si ripete: Signore, Signore! Non è vero, come affermano alcuni, che non c’è più religione; non è vero che Dio è stato dimenticato e quasi espulso dalla società perché la lode che prorompe sempre più vigorosa verso il cielo testimonia dell’esistenza della religione e della cura che pongono molti a mantenere Dio presente nella loro mente e nel seno della società.

Soprattutto le chiese amano ripetere, direi in maniera sempre più organizzata, questa frase tanto importante. «Signore, Signore» si ode nelle riunioni di culto; «Signore, Signore» echeggia nei programmi ecclesiastici; «Signore, Signore» è l’intercalare dei sermoni; e «Signore, Signore» dicono le confessioni di fede dei credenti. Sembra che tutto si compia nel pronunziare queste parole e che tutto consista in esse, perché non è difficile notare la cura che tutti pongono nel ripeterle, ripeterle, ripeterle.

Esse sono la religione; esse sono la fede in Dio; esse il cristianesimo; esse tutto. La religione c’è e Iddio è presente, ma perché non confessare che questa religione non è quella pura portata e proclamata da Cristo, e perché non riconoscere che Iddio è presente, come detto innanzi, soltanto nella mente di alcuni individui, ma è assente dal loro cuore e dalle chiese che essi tanto scrupolosamente frequentano? «Signore, Signore» sono parole e, potrei aggiungere, parole vuote, espressioni gelide che rappresentano soltanto il manto ipocrita di quanti amano coprirsi di una forma di religione che gli consenta un cristianesimo teorico per poter fuggire un cristianesimo pratico.

Quanto è opportuno ricordare, in questo periodo di oscurità, le parole scultoree del Figliuol di Dio. Non chi dice : «Signore, Signore» entrerà nel Regno de’ cieli, ma chi fa la volontà del Padre mio che sta nei cieli (Matteo 7, 21). E Gesù continua : «Molti mi diranno in quel giorno: Signore, Signore!». (Matteo 7, 22). Sembra quasi che il Maestro benedetto voglia fare una classificazione di coloro che fanno professione di fede. Sembra quasi che Egli voglia dividere la cristianità in due categorie di individui. In una pone coloro che fanno la volontà del Padre, che l’onorano con la loro vita, che lo glorificano, se è necessario, con la morte. Questi, in quel giorno, non faranno udire parole perché presenteranno davanti al trono bianco il frutto delle loro opere; quello che il sacro libro chiama le « opere giuste dei santi » ( Apoc. 19, 8).

Nell’altra categoria, invece, il Maestro pone coloro che sono abituati a ripetere: «Signore, Signore». Essi vivono una vita di parole; compiono un servizio in parole; manifestano un cristianesimo a parole e quando giunge il gran giorno procacciano la giustificazione con le parole. Hanno trascorso la loro vita esclamando: «Signore, Signore»; e davanti al giudizio ripetono : «Signore, Signore». Ma Iddio non giustifica un cristianesimo teorico e la sentenza che colpisce questi impenitenti parlatori è più eloquente di mille sermoni su questo argomento: «Io non vi conobbi giammai!» (Matteo 7, 23). Giammai! Non soltanto dice la sentenza: «Non vi conosco oggi», ma «Non vi conobbi giammai».

Non vi conobbi quando voi predicavate il mio nome nelle vostre chiese; non vi conobbi quando preparavate i vostri programmi; non vi conobbi quando facevate professione ed ostentazione di religiosità. Non vi conobbi giammai. La realtà che ci appare davanti è delle più tragiche soprattutto se siamo pronti ad ammettere, come già insistentemente detto, che oggi esiste più teoria che pratica. Si odono più parole di quanto non si vedano opere, cioè oggi sono più quelli che si accontentano di dire: «Signore, Signore» di quelli che vogliono fare la volontà del Padre.

Sì, è vero che queste due parole vengono musicate e che gli individui e le chiese riescono con una abilità sempre maggiore a far risuonare e a far brillare la loro ampollosa e coreografica teoria, ma è altrettanto vero che quella che è teoria rimane sempre teoria. I sermoni possono essere sempre più brillanti; la teologia può divenire sempre più fonte di speculazioni; le organizzazioni possono essere sempre più perfette, i programmi più interessanti, le proprietà ecclesiastiche più copiose; direi anche le opere sociali ed assistenziali più numerose; se il cristianesimo non viene portato sul terreno spinoso della volontà di Dio, rimane, al pari di qualsiasi altra religione, esclusivamente un interessante sistema filosofico.

Quello che si dice generalizzando, si può ripetere nell’applicazione individuale. Possiamo essere membri di chiesa; possiamo essere attivi nel seno della comunità; possiamo essere solleciti nello evangelizzare gli altri, ma se il nostro cristianesimo è soltanto teorico, è soltanto di parole, cioè se il nostro cristianesimo non è la volontà di Dio in noi, noi non siamo cristiani.

Possiamo ripetere molte volte ogni giorno: «Signore, Signore», ma se non rinunciamo a noi stessi, ai nostri affetti, ai nostri interessi per seguire Dio nella via della Sua volontà, noi non siamo cristiani. Gli ordini di Dio sono sempre sovrani nella nostra vita? Seguiamo noi quelle parole divine che vogliono condurci verso la perfezione in Cristo? (Rom 8, 29). Risplendiamo in ogni cosa della luce della grazia e dell’amore? Ripetere : «Signore, Signore» è solo cosa dolce e santa, quando, ricordiamolo, dietro questa espressione di sottomessa fedeltà, regna nella nostra vita tutta la volontà di Colui che chiamiamo: «Signore».

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

RISVEGLIO O APOSTASIA?

di Agostino Masdea   –  Carissimi, avendo un gran desiderio di scrivervi della nostra comune salvezza, mi sono trovato costretto a farlo per esortarvi a combattere strenuamente per la fede, che è stata trasmessa ai santi una volta per sempre. (Giuda 3)  –   Stiamo vivendo un tempo estremamente difficile. La decadenza morale della società è in escalation continua. Siamo continuamente turbati dall’indecente spettacolo che questo mondo quotidianamente ci offre. Il …
Leggi Tutto

LA VITA  DI  ADONIRAM  JUDSON

di T.W. ENGSTROM  –  In tutti gli annali delle Missioni, la storia di Adoniram e Anna Judson, missionari-pionieri dell’India, sta come mirabile testimonianza del modo in cui Dio può operare attraverso vite che si dedicano completamente al Suo servizio. La loro fortezza, la fede in Dio e lo spirito di perseveranza saranno di stimolo e di ispirazione a coloro che hanno seguito e seguiranno le loro orme, come …
Leggi Tutto

Giornata di preghiera PER LA NAZIONE

DOMENICA 14 APRILE 2013  –  PAUL SCHAFER: PREGHIERA PER LA NAZIONE …
Leggi Tutto

RAVVEDETEVI

di G. Robert Ashcroft  –   Questo fu il grido dei profeti e degli apostoli, questo deve essere il grido degli odierni predicatori.  –   «Ricordati, dunque, donde sei caduto, e ravvediti, e fa’ le opere di prima; se no, verrò a te, e rimuoverò il tuo candelabro dal suo posto, se tu non ti ravvedi. (Apoc. 2:5).  Giovanni Battista venne a predicare il suo messaggio e si mantenne …
Leggi Tutto

OBBEDIRE A DIO

di A.W.Tozer.  –   Nel Nuovo Testamento, obbedire significa ascoltare la parola di Dio, piegarsi alla sua autorità e condurre a termine gli incarichi che Dio ci affida.  Questo tipo di obbedienza sembra scomparso al tempo d’oggi. Ogni tanto ci accade di sentire una predica, un po’ stiracchiata, su questo soggetto. Il messaggio però è tanto scialbo che non può certamente influenzare la vita di coloro che lo ascoltano …
Leggi Tutto

IL PERICOLO DELL’INSODDISFAZIONE

di AGOSTINO MASDEA  –   Infatti io so che in me, cioè nella mia carne, non abita alcun bene, poiché ben si trova in me la volontà di fare il bene, ma io non trovo il modo di compierlo. Infatti il bene che io voglio, non lo faccio; ma il male che non voglio, quello faccio… O miserabile uomo che sono! Chi mi libererà da questo corpo di morte? Io rendo grazie …
Leggi Tutto

La tua parola mi ristora

di N.A. WOYCHUK  –  Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomi­ni, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere la nostra vita più bella, di quanto tutti i libri di letteratura messi assieme possano contenere”. Il poeta Samuel Coleridge notò: “Nella Bibbia vi sono più cose che mi riguardano, di quanto io non abbia mai trovato in …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti