I CONDUTTORI


di Roberto Bracco   –   Il Pastore deve essere l’esempio del gregge, ma ciò non esclude che egli possa fallire intorno a molte cose!

Se riconosciamo quali Conduttori soltanto coloro che sono “irreprensibili” in senso assoluto della parola, cioè perfetti, dobbiamo attendere pazientemente la venuta del nostro Sommo Pastore. Giacomo, primo Vescovo della chiesa di Gerusalemme, scriveva: “…tutti falliamo intorno a molte cose!”. Egli non si escludeva dalla inesorabile condizione generale di fallibilità che accompagna ogni credente, e quindi ogni Conduttore, nel pellegrinaggio terrestre.

Il Pastore è conduttore del gregge non perché sia infallibile, ma perché ha ricevuto questo ministerio direttamente da Dio; quindi, la stima e l’onore che gli sono dovuti sono per onorare in lui il dispensatore dei beni di Dio.

Ci sono oggi moltissimi cristiani che desidererebbero un Pastore modello, che appagasse totalmente le loro esigenze ed i loro desideri, e si rammaricano di avere un Conduttore che commette errori e falli. Forse il loro è un giusto desiderio, che potrebbe in parte essere esaudito mediante le loro preghiere e la loro fattiva collaborazione.

Il credente ha un dovere di sentita subordinazione verso il proprio Pastore, perché ciò rientra nel saggio piano di Dio, il quale desidera guidare il Suo popolo nella via della disciplina e dell’ordine.

È comprensibile che il Pastore non possa sempre trattare i membri della sua chiesa come desidererebbe, cioè con dolcezza; ma che è obbligato qualche volta a seconda delle circostanze, a dover mutar tono di voce e riprenderli con autorità (Galati 4:20). Come d’altronde anche un padre che sinceramente ama i propri figliuoli, è costretto talvolta, di fronte ad un figliuolo recalcitrante, ad usare parole severe e di rimprovero; senza con questo cessare di amarlo. L’esempio potrà sembrare audace, ma tutti dobbiamo ammettere che Gesù stesso fu obbligato qualche volta ad usare parole sferzanti nel momento della necessità, per far valere la propria autorità, sempre per il bene dell’umanità. E leggiamo molti versetti, nella Bibbia, dell’apostolo Paolo su questo tenore, come per esempio:

“Che volete? Che venga da voi con la verga, o con amore e con spirito di mansuetudine?” (1° Corinzi 4:21);

“Vi prego di non obbligarvi, quando sarò presente, a procedere arditamente con quella sicurezza onde fo conto di essere audace contro taluni che ci stimano…” (2° Corinzi 10:2);

“…Se io vengo di nuovo, non userò indulgenza.” (2° Corinzi 13:2);

“Ma quando Pietro fu venuto ad Antiochia, io gli resistei in faccia perché egli era da condannare” (Galati 2:11);

“Riprendi, sgrida, esorta…” (2° Timoteo 4:2).

Tutte queste espressioni bibliche sono a dimostrare che qualche volta l’autorità spirituale deve essere sostenuta con una sana ed energica risoluzione.

Ci sono inoltre molti cristiani che desidererebbero un Pastore che usasse tutto il tempo che gli rimane a disposizione per ascoltare i loro casi e dividere con loro le gioie ed i dolori. Indiscutibilmente ciò sarebbe meraviglioso ed edificante, ma in fondo sarebbe anche un desiderio egoista, perché è in contrasto con i diritti di tutti gli altri membri della comunità.

Un Pastore ha il compito di dividere il tempo che gli resta, dopo aver adempiuti i doveri del posto che occupa nei confronti dell’Eterno, fra tutti i fedeli; deve poter ascoltare tutti ed interessarsi di tutti in maniera proporzionale al numero: quindi, quanto più grande sarà la congregazione, tanto più breve sarà il tempo che potrà dedicare a ciascuno dei suoi membri.

È necessario che ogni fedele riconosca e si immedesimi nella posizione del proprio Pastore per avere verso di lui comprensione e considerazione. Fratelli, il Conduttore che ci è stato dato come un dono da Dio, rappresenta l’Angelo della chiesa, l’Unto dell’Eterno, anche se ancora molto imperfetto. Forse, qualche volta, egli esplica il suo ministerio in una maniera che noi non vorremmo, ma non per questo non è degno della nostra stima; non può darci tutto quello che vorremmo, ma non per questo cessa di essere il fedele dispensatore di Dio. Realizziamo per intiero che il nostro Pastore per esercitare il ministerio che il Signore gli ha affidato ha molto bisogno delle nostre preghiere e della nostra collaborazione, perché, ricordiamoci sempre, un Conduttore benedetto dalla sottomissione e dalla fedeltà dei suoi membri sarà sempre una benedizione per la comunità e per i fedeli.

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

LE VIE DI DIO SONO MIGLIORI

di  G.Campbell Morgan  –  Noi scegliamo per primi; Dio sceglie per secondo. La storia dimostra, e il futuro lo verificherà, che le vie di Dio sono migliori delle nostre. Il primo Adamo fallì, il secondo Adamo ebbe successo. Il primo figlio di Adamo (Caino) fu un assassino, il secondo (Abele) fu un martire. Il primo figlio di Abramo (Ismaele) era nato dalla carne, il secondo (Isacco) fu scelto …
Leggi Tutto

DOVE SONO I VERI PROFETI?

di A. W. TOZER  –  Il dono del discernimento profetico è una necessità assoluta del nostro tempo. Un profeta è una persona che conosce l’epoca in cui vive e ciò che Dio sta cercando di dire ai suoi contemporanei.  Ciò che Dio ha da dire alla sua Chiesa, in qualsiasi epoca, dipende dalla condizione morale e spirituale in cui la Chiesa versa nonché dalle necessità spirituali del momento. I …
Leggi Tutto

Grandi servitori di Dio: Oswald J. Smith

Il Dr. Oswald J. Smith è nato in una fattoria nella periferia di Odessa, Ontario, l’ 8 novembre 1889. Suo padre era un operatore del telegrafo, e per questo ha trascorso la sua infanzia nelle stazioni ferroviarie. Il tempo trascorso a Mount Albert, Ontario, una piccola e tranquilla cittadina, dove solitamente viveva per brevi periodi, non l’ha mai  dimenticato. Dopo essere diventato famoso, vi tornò a meditare e …
Leggi Tutto

GRANDI MISSIONARI: JONATHAN GOFORTH

Tra tutti i missionari che operavano in Oriente durante il XIX e XX secolo nessuno vide un immediato e grandioso responso al suo ministerio come Jonathan Goforth, il quale, secondo alcuni, fu il più grande evangelista della Cina. La Cina fu la base principale di Goforth, ma egli operò anche in Korea e Manciuria, e ovunque andasse lo seguiva un risveglio. Goforth era il settimo di 11 figli, …
Leggi Tutto

DIO PUO' FARLO ANCORA

di  Jonathan Goforth   –  La stessa potenza che discese sui discepoli durante la Pentecoste, può discendere oggi nella tua chiesa.  Una volta un missionario mi disse che egli avrebbe desiderato dar vita ad un risveglio, ma che non gli era possibile ottenere l’aiuto di un evangelista perché la sua missione era molto fuori mano. Come se lo Spirito di Dio operi soltanto per pochi selezionati! Queste false idee …
Leggi Tutto

Mike 2012-09-07--359-N

BREVE MESSAGGIO DI EVANGELIZZAZIONE del pastore AGOSTINO MASDEA  -Predicato nella chiesa di Via Anacapri, Domenica  21 Aprile 1996 – Durata 12′
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: La Mia giustizia s'innalza come le montagne più alte, i miei giudizi sono profondi come il grande oceano.

La tua giustizia s’innalza come le montagne più alte, i tuoi giudizi sono profondi come il grande oceano. O SIGNORE, tu soccorri uomini e bestie. (Salmo 36:6) –   Credo che tutta la creazione ci parla continuamente della bontà del Padre. Nella promessa di oggi, il re Davide dichiara che la giustizia di Dio si innalza come le maestose montagne della terra e i suoi giudizi sono profondi come …
Leggi Tutto

Cristo nostra Roccia

di  Theodore Epp –  Leggere Numeri 20:1-13, 22-29  –   La roccia menzionata in Esodo 17 profetizza di Cristo, che molti anni dopo sarebbe andato a morire sulla croce. La roccia di Numeri 20, invece, profetizza l’ascesa di Cristo, il quale, adesso intercede per noi credenti presso il Padre.  La significante differenza tra le due rocce, quella in Esodo 17 e Numeri 20, è anche specificata da due diverse …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti