I CONDUTTORI


di Roberto Bracco   –   Il Pastore deve essere l’esempio del gregge, ma ciò non esclude che egli possa fallire intorno a molte cose!

Se riconosciamo quali Conduttori soltanto coloro che sono “irreprensibili” in senso assoluto della parola, cioè perfetti, dobbiamo attendere pazientemente la venuta del nostro Sommo Pastore. Giacomo, primo Vescovo della chiesa di Gerusalemme, scriveva: “…tutti falliamo intorno a molte cose!”. Egli non si escludeva dalla inesorabile condizione generale di fallibilità che accompagna ogni credente, e quindi ogni Conduttore, nel pellegrinaggio terrestre.

Il Pastore è conduttore del gregge non perché sia infallibile, ma perché ha ricevuto questo ministerio direttamente da Dio; quindi, la stima e l’onore che gli sono dovuti sono per onorare in lui il dispensatore dei beni di Dio.

Ci sono oggi moltissimi cristiani che desidererebbero un Pastore modello, che appagasse totalmente le loro esigenze ed i loro desideri, e si rammaricano di avere un Conduttore che commette errori e falli. Forse il loro è un giusto desiderio, che potrebbe in parte essere esaudito mediante le loro preghiere e la loro fattiva collaborazione.

Il credente ha un dovere di sentita subordinazione verso il proprio Pastore, perché ciò rientra nel saggio piano di Dio, il quale desidera guidare il Suo popolo nella via della disciplina e dell’ordine.

È comprensibile che il Pastore non possa sempre trattare i membri della sua chiesa come desidererebbe, cioè con dolcezza; ma che è obbligato qualche volta a seconda delle circostanze, a dover mutar tono di voce e riprenderli con autorità (Galati 4:20). Come d’altronde anche un padre che sinceramente ama i propri figliuoli, è costretto talvolta, di fronte ad un figliuolo recalcitrante, ad usare parole severe e di rimprovero; senza con questo cessare di amarlo. L’esempio potrà sembrare audace, ma tutti dobbiamo ammettere che Gesù stesso fu obbligato qualche volta ad usare parole sferzanti nel momento della necessità, per far valere la propria autorità, sempre per il bene dell’umanità. E leggiamo molti versetti, nella Bibbia, dell’apostolo Paolo su questo tenore, come per esempio:

“Che volete? Che venga da voi con la verga, o con amore e con spirito di mansuetudine?” (1° Corinzi 4:21);

“Vi prego di non obbligarvi, quando sarò presente, a procedere arditamente con quella sicurezza onde fo conto di essere audace contro taluni che ci stimano…” (2° Corinzi 10:2);

“…Se io vengo di nuovo, non userò indulgenza.” (2° Corinzi 13:2);

“Ma quando Pietro fu venuto ad Antiochia, io gli resistei in faccia perché egli era da condannare” (Galati 2:11);

“Riprendi, sgrida, esorta…” (2° Timoteo 4:2).

Tutte queste espressioni bibliche sono a dimostrare che qualche volta l’autorità spirituale deve essere sostenuta con una sana ed energica risoluzione.

Ci sono inoltre molti cristiani che desidererebbero un Pastore che usasse tutto il tempo che gli rimane a disposizione per ascoltare i loro casi e dividere con loro le gioie ed i dolori. Indiscutibilmente ciò sarebbe meraviglioso ed edificante, ma in fondo sarebbe anche un desiderio egoista, perché è in contrasto con i diritti di tutti gli altri membri della comunità.

Un Pastore ha il compito di dividere il tempo che gli resta, dopo aver adempiuti i doveri del posto che occupa nei confronti dell’Eterno, fra tutti i fedeli; deve poter ascoltare tutti ed interessarsi di tutti in maniera proporzionale al numero: quindi, quanto più grande sarà la congregazione, tanto più breve sarà il tempo che potrà dedicare a ciascuno dei suoi membri.

È necessario che ogni fedele riconosca e si immedesimi nella posizione del proprio Pastore per avere verso di lui comprensione e considerazione. Fratelli, il Conduttore che ci è stato dato come un dono da Dio, rappresenta l’Angelo della chiesa, l’Unto dell’Eterno, anche se ancora molto imperfetto. Forse, qualche volta, egli esplica il suo ministerio in una maniera che noi non vorremmo, ma non per questo non è degno della nostra stima; non può darci tutto quello che vorremmo, ma non per questo cessa di essere il fedele dispensatore di Dio. Realizziamo per intiero che il nostro Pastore per esercitare il ministerio che il Signore gli ha affidato ha molto bisogno delle nostre preghiere e della nostra collaborazione, perché, ricordiamoci sempre, un Conduttore benedetto dalla sottomissione e dalla fedeltà dei suoi membri sarà sempre una benedizione per la comunità e per i fedeli.

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Storie di grandi inni: “COME, THOU FOUNT OF EVERY BLESSING,”

Forse tutti gli inni sono in una certa misura autobiografici, nel senso che rivelano qualcosa dell’esperienza spirituale dell’autore. In alcuni inni, il filo autobiografico è più forte e più marcato. Come nel caso di questo inno battista scritto da Robert Robinson (1735-1790), che mentre era un apprendista … Leggi Tutto

Calvario

di John Charles Ryle  –  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non sappiamo altro che questo. Ho intitolato questo sermone “Calvario” perché voglio parlarvi delle sofferenze e … Leggi Tutto

LE RISPOSTE DIO SARANNO PRECISE COSI COME LO SONO LE NOSTRE PREGHIERE

di Charles G. Finney.  –    Voglio ricordare alcune cose che una persona deve fare, se vuole che vengano esaudite le preghiere. Deve pregare per un qualcosa di definito (Marco 11:23-24; 10:51). Deve avere davanti alla propria mente una chiara visione di ciò che vuole. Invece … Leggi Tutto

Da una vita di sesso, droga, suicidio, ad attivista in favore della vita: Come Dio mi ha riscosso dalle tenebre

Febbraio 10, 2014  –   LA STORIA DI MEAGAN WEBER  –  Tra la prima e la seconda gravidanza qualcosa è successo nella vita di Meagan Weber.  “Credevo  nel mantra “il corpo è mio e lo gestisco io”; facevo uso di droghe e vivevo «completamente immersa … Leggi Tutto

LA CONVERSIONE DI GUIDO SCALZI

Dal Convento a Cristo. Il Signore non si è mai stancato di cercarmi. Fin da bambino ho desiderato di servire Iddio, da quando avevo otto – nove anni. Guardando il creato e le bellezze che c’erano in esse, mi resi conto che qualcuno aveva fatto … Leggi Tutto

Argomenti Biblici

CAMMINO' CON DIO

CAMMINO’ CON DIO

di DONALD GEE - La storia di Enoc, descritta per sommi capi in poche righe, ha sempre racchiuso un certo ...
Leggi Tutto
Ehi Dio! Ci sei?

Ehi Dio! Ci sei?

di Frank Foglio  -  Bellissima testimonianza di una famiglia italiana emigrata in America   -  Era 1925 la mia famiglia; la famiglia ...
Leggi Tutto
C'È POTENZA NELLA PAROLA DI DIO

C’È POTENZA NELLA PAROLA DI DIO

di BURKHARD VETSCH -  «Prendete oltre a tutto ciò lo scudo della fede, con il quale potrete spegnere tutti i ...
Leggi Tutto
Sermone: La Chiesa il Tempio di Dio

Sermone: La Chiesa il Tempio di Dio

​     Sermone di Agostino Masdea  -  1 Corinti 3  - "La Chiesa, il tempio di Dio". Da cosa ...
Leggi Tutto
LA FATALE RISPOSTA DI DIO

LA FATALE RISPOSTA DI DIO

di M. R. DeHaan -   “Ed egli dette loro quel che chiedevano, ma mandò la consunzione nelle loro persone.” Salmo ...
Leggi Tutto
SE DIO NON OPERA CI STIAMO SFORZANDO INVANO

SE DIO NON OPERA CI STIAMO SFORZANDO INVANO

di  Stephen Witmer  -  Riuscire a capire la relazione tra la sovranità di Dio e la responsabilità umana è sempre ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti