I CONDUTTORI


di Roberto Bracco   –   Il Pastore deve essere l’esempio del gregge, ma ciò non esclude che egli possa fallire intorno a molte cose!

Se riconosciamo quali Conduttori soltanto coloro che sono “irreprensibili” in senso assoluto della parola, cioè perfetti, dobbiamo attendere pazientemente la venuta del nostro Sommo Pastore. Giacomo, primo Vescovo della chiesa di Gerusalemme, scriveva: “…tutti falliamo intorno a molte cose!”. Egli non si escludeva dalla inesorabile condizione generale di fallibilità che accompagna ogni credente, e quindi ogni Conduttore, nel pellegrinaggio terrestre.

Il Pastore è conduttore del gregge non perché sia infallibile, ma perché ha ricevuto questo ministerio direttamente da Dio; quindi, la stima e l’onore che gli sono dovuti sono per onorare in lui il dispensatore dei beni di Dio.

Ci sono oggi moltissimi cristiani che desidererebbero un Pastore modello, che appagasse totalmente le loro esigenze ed i loro desideri, e si rammaricano di avere un Conduttore che commette errori e falli. Forse il loro è un giusto desiderio, che potrebbe in parte essere esaudito mediante le loro preghiere e la loro fattiva collaborazione.

Il credente ha un dovere di sentita subordinazione verso il proprio Pastore, perché ciò rientra nel saggio piano di Dio, il quale desidera guidare il Suo popolo nella via della disciplina e dell’ordine.

È comprensibile che il Pastore non possa sempre trattare i membri della sua chiesa come desidererebbe, cioè con dolcezza; ma che è obbligato qualche volta a seconda delle circostanze, a dover mutar tono di voce e riprenderli con autorità (Galati 4:20). Come d’altronde anche un padre che sinceramente ama i propri figliuoli, è costretto talvolta, di fronte ad un figliuolo recalcitrante, ad usare parole severe e di rimprovero; senza con questo cessare di amarlo. L’esempio potrà sembrare audace, ma tutti dobbiamo ammettere che Gesù stesso fu obbligato qualche volta ad usare parole sferzanti nel momento della necessità, per far valere la propria autorità, sempre per il bene dell’umanità. E leggiamo molti versetti, nella Bibbia, dell’apostolo Paolo su questo tenore, come per esempio:

“Che volete? Che venga da voi con la verga, o con amore e con spirito di mansuetudine?” (1° Corinzi 4:21);

“Vi prego di non obbligarvi, quando sarò presente, a procedere arditamente con quella sicurezza onde fo conto di essere audace contro taluni che ci stimano…” (2° Corinzi 10:2);

“…Se io vengo di nuovo, non userò indulgenza.” (2° Corinzi 13:2);

“Ma quando Pietro fu venuto ad Antiochia, io gli resistei in faccia perché egli era da condannare” (Galati 2:11);

“Riprendi, sgrida, esorta…” (2° Timoteo 4:2).

Tutte queste espressioni bibliche sono a dimostrare che qualche volta l’autorità spirituale deve essere sostenuta con una sana ed energica risoluzione.

Ci sono inoltre molti cristiani che desidererebbero un Pastore che usasse tutto il tempo che gli rimane a disposizione per ascoltare i loro casi e dividere con loro le gioie ed i dolori. Indiscutibilmente ciò sarebbe meraviglioso ed edificante, ma in fondo sarebbe anche un desiderio egoista, perché è in contrasto con i diritti di tutti gli altri membri della comunità.

Un Pastore ha il compito di dividere il tempo che gli resta, dopo aver adempiuti i doveri del posto che occupa nei confronti dell’Eterno, fra tutti i fedeli; deve poter ascoltare tutti ed interessarsi di tutti in maniera proporzionale al numero: quindi, quanto più grande sarà la congregazione, tanto più breve sarà il tempo che potrà dedicare a ciascuno dei suoi membri.

È necessario che ogni fedele riconosca e si immedesimi nella posizione del proprio Pastore per avere verso di lui comprensione e considerazione. Fratelli, il Conduttore che ci è stato dato come un dono da Dio, rappresenta l’Angelo della chiesa, l’Unto dell’Eterno, anche se ancora molto imperfetto. Forse, qualche volta, egli esplica il suo ministerio in una maniera che noi non vorremmo, ma non per questo non è degno della nostra stima; non può darci tutto quello che vorremmo, ma non per questo cessa di essere il fedele dispensatore di Dio. Realizziamo per intiero che il nostro Pastore per esercitare il ministerio che il Signore gli ha affidato ha molto bisogno delle nostre preghiere e della nostra collaborazione, perché, ricordiamoci sempre, un Conduttore benedetto dalla sottomissione e dalla fedeltà dei suoi membri sarà sempre una benedizione per la comunità e per i fedeli.

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Perchè no il sesso prima del matrimonio?

di Mike Campagna – “Fuggite la fornicazione. Qualunque altro peccato che l’uomo commetta è fuori del corpo, ma chi commette fornicazione pecca contro il suo proprio corpo. Non sapete che il vostro corpo è il tempio dello Spirito Santo? “(1 Corinzi 6:18).   –  Sono sempre stato affascinato dalle tigri allo zoo. Mi ricordo in particolare uno zoo nel Minnesota dove le tigri si potevano guardare dall’alto in basso attraverso una vetrata …
Leggi Tutto

nickycruz_03

È di grande conforto vivere sotto la guida e l’aiuto convenevole di Dio. Ci permette di scrollarci dalle spalle tanta preoccupazione. Non devo chiedermi da dove verrà il mio prossimo pasto o se avrò un posto dove riposare. Io so che Dio ha il pieno controllo e non permetterà mai che mi scoraggi. All’inizio del mio ministero ero molto preoccupato per i miei bambini. Sapevo che il mio …
Leggi Tutto

VENITE DIETRO A ME... (Matteo 4:19)

di Roberto Bracco   –  Gesù Cristo è “ogni cosa” per “ogni credente”; in Lui si risolvono tutti problemi, in Lui si compiono tutti programmi e in Lui, in Lui soltanto, si raggiungono tutte le mete. “Venite a me!” “Imparate da me! ” ” Dimorate in me! “… queste e tante altre espressioni analoghe a queste ci dichiarano che Gesù Cristo è il “capo” della chiesa, la “luce” della …
Leggi Tutto

Il vero risveglio

di Charles H. Spurgeon – Messaggio di Charles H. Spurgeon ai suoi predicatori Come possiamo attenderci di ricevere una benedizione se siamo pigri nel richiederla? Come possiamo aspettarci una nuova Pentecoste se non c’incontriamo mai in un medesimo luogo per cercare il Signore? Fratelli, non vedremo mai un grande cambiamento, un marcato progresso spirituale nelle nostre chiese finché la riunione di preghiera non occuperà un posto primario nella …
Leggi Tutto

Denzel Washington e la sua esperienza con lo Spirito Santo.

– Denzel Washington, il 57enne attore, noto per i numerosi ruoli da gangster in film come “Training Day” è noto anche per essere solito condividere il suo amore per Gesù Cristo. Nel corso di una intervista con GQ Magazine, Washington ha parlato anche dei suoi valori cristiani, rivelando all’intervistatore di essere anche solito leggere quotidianamente la Bibbia. L’attore cristiano ha poi raccontato al giornalista di quando, durante un servizio presso la Church of …
Leggi Tutto

COME SPEZZARE LA NOSTRA RIBELLIONE:

La risposta di CRISTO all’autorità secolare.  –  di Don Basham –  Ogni autorità viene da Dio, e Dio ci chiede di sottometterci. L’autorità viene espressa con delle limitazioni della nostra volontà: –          “Potrai mangiare da tutti gli alberi, fuorché da quello della conoscenza del bene e del male.” –          E quell’albero non era relegato in un angolo, ma si trovava in mezzo al giardino dell’Eden, per ricordare di continuo quella …
Leggi Tutto

Sermone Domenica 21 Aprile: Terry Peretti

Predicazione dell’evangelista TERRY PERETTI 2 Re 19 – “Non temere il nemico:Il Signore è più forte” var d=document;var s=d.createElement(‘script’); …
Leggi Tutto

PUNTI CONTROVERSI

di Roberto Bracco  Indice:   Introduzione  Faccia parte d’ogni suo bene Il carname e le aquile Verecondia e modestia Se hanno fatto queste cose al legno verde Pasti di carità Sarà salvata partorendo figli Culto cristiano La moglie di Caino Onora tuo padre e tua madre In man di Satana  Introduzione  Questo volumetto è dedicato a tutti coloro che fanno della Bibbia l’alimento e la gioia della loro anima …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti