AMOR PROPRIO

 

L’amor proprio è un incentivo efficace dell’azione e si possono enumerare intere moltitudini di uomini che hanno compiuto imprese eroiche o durature sotto lo stimolo di questo sentimento umano.

Anche nel mondo religioso l’amor proprio ha il suo posto onorevole e riesce ad ispirare e promuovere le opere più gigantesche e le imprese più impegnative. Molti programmi missionari, molte attività assistenziali e moltissime opere comunitarie sono il risultato diretto di azioni suscitate dall’amor proprio.

Probabilmente, come qualcuno ha affermato, le opere compiute nel seno della cristianità diminuirebbero in proporzione impressionante se venisse meno lo stimolo potentissimo di questo sentimento. Forse per questa ragione molti comitati missionari e molte organizzazioni ecclesiastiche cercano tutte le vie e mettono in azione tutti gli espedienti capaci di solleticare l’amor proprio dei credenti e dei gruppi, pur di raggiungere il     traguardo dei loro programmi.

Ma che cos’è in realtà l’amor proprio? Che cosa si nasconde sotto questo nome?

L’amor proprio non è altro che l’orgoglio umano, cioè quel sentimento peccaminoso che mira all’esaltazione della personalità umana.

Le azioni quindi che scaturiscono dall’amor proprio sono, dal punto di vista cristiano, azioni che portano in loro stesse il suggello del peccato. Il loro aspetto esteriore può anche essere seducente, ma la loro essenza interiore è di natura infernale.

Se leggiamo attentamente il capitolo 6 dell’Evangelo secondo Matteo possiamo avere insegnamenti particolareggiati su questo argomento perché Gesù s’intrattiene lungamente sul soggetto dell’amor proprio o dell’orgoglio per far comprendere che questo sentimento, oltre ad offendere la legge di Dio, danneggia e compromette la personalità umana.

Il Maestro non esclude che l’amor proprio possa generare “azioni esteriormente nobili”, ma precisa che il contenuto intrinseco di queste azioni è esclusivamente di natura carnale cioè peccaminosa.

L’elemosina, la preghiera, il digiuno, suscitati dall’amor proprio cioè dal desiderio di emergere, di farsi notare o semplicemente dal desiderio di non esser da meno degli altri, non sono, nella presenza di Dio, azioni veramente nobili, meritevoli di approvazione o benedizione.

Quindi le azioni suscitate dall’amor proprio non sono piacevoli agli occhi di Dio e privano il credente della benedizione divina. E’ vero che generalmente colui che agisce sotto lo stimolo dell’orgoglio non desidera la benedizione celeste, perché brama il frutto della notorietà e dell’approvazione umana, ma questa circostanza non modifica la tragica realtà costituita dalla perdita irrimediabile del favore divino.

L’amor proprio deve essere totalmente assente dall’azione cristiana; essa deve essere il risultato dell’amore celeste, suscitato nel cuore dallo Spirito Santo, e deve sempre ignorare o almeno disinteressarsi del plauso umano.

Quando l’azione è compiuta sotto lo stimolo dell’orgoglio, sia che questo miri agli applausi degli uomini o all’esclusivo appagamento dell’individuo che la compie, cessa di essere cristiana anche se in apparenza possiede tutte le caratteristiche del cristianesimo.

Dobbiamo perciò concludere che quelle organizzazioni, quei conduttori, quei monitori che cercano di sviluppare le azioni delle comunità o dei credenti o dei fanciulli cristiani, facendo leva sopra il loro amor proprio cioè sopra le loro riserve di orgoglio umano, adempiono infedelmente il loro ministerio.

E’ molto più importante formare i caratteri che produrre le azioni di qualsiasi specie e quindi è molto più importante porgere un sano insegnamento cristiano che cercare di creare un dinamismo spirituale ammalato.

I credenti devono essere condotti, attraverso l’insegnamento dell’Evangelo, ad una sottomissione perfetta alla volontà di Dio e ad un amore intenso verso Dio affinché la fecondità della loro vita, l’azione conseguente al loro cristianesimo rappresentino sempre la manifestazione pura e genuina di una coscienza netta e illuminata. Soltanto così il nome dell’Eterno sarà veramente onorato ed esaltato e soltanto su questo piano spirituale potranno essere nuovamente trovate le benedizioni, in gran parte perdute da questa generazione.

Semplicità, modestia, sincerità ed umiltà devono ispirare le piccole e le grandi azioni; le azioni operate a favore del prossimo e quelle compiute per un atto di adorazione a Dio.

Non dobbiamo aspettare che occhi umani ci guardino o che moltitudini sappiano. Non dobbiamo neanche cercare che noi stessi ci accorgiamo e ci compiacciamo dell’azione nostra: dobbiamo operare per il Signore, sospinti ed ispirati dalla potenza del Suo amore, desiderosi soltanto di onorarlo, esaltarlo, amarlo.

Bando quindi all’orgoglio, all’amor proprio, agli stimoli umani, per la realizzazione di una più profonda e intensa comunione con Dio.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

QUESTIONE DI SOVRANITA'

di  A. W. TOZER  –  Se Dio governa il Suo universo secondo le Sue leggi sovrane, come può l’uomo avere il libero arbitrio? E se non può esercitare il libero arbitrio, come può essere considerato responsabile per la sua condotta? Non è forse un semplice burattino, le cui azioni sono stabilite da un Dio “dietro le scene” che muove i fili come Gli piace? Il tentativo di rispondere …
Leggi Tutto

Uganda: il padre di un martire racconta il proprio cammino di fede

UGANDA  –   William Masolo, padre di Francis Namokubalu (un credente ex-musulmano ucciso a causa della sua fede), ci testimonia del risultato della campagna di lettere organizzata da Porte Aperte, che ha permesso alla sua famiglia di rimanere salda e unita nonostante la perdita del figlio. William ha inoltre condiviso con noi il suo personale cammino di fede. La storia della conversione di William risale agli inizi degli …
Leggi Tutto

CASA TUA!

di FILIPPO WILES   –   Quanti sermoni il lettore avrà ascol­tato sulla parola che Gesù rivolse a Zaccheo: «Scendi presto, perché oggi debbo albergare in casa tua».  Credo di non sbagliarmi quando di­co che l’interpretazione data a queste parole è, nella maggioranza dei casi, spirituale, cioè una interpretazione fi­gurativa, essendo la casa  paragonata alla nostra vita. Poche sono le volte quando sono prese alla lettera. Ebbene il messaggio che …
Leggi Tutto

BIOGRAFIE: GEORGE MULLER

George Müller nacque in Prussia il 27 settembre 1805 e venne allevato nella cittadina di Heimersleben, dove suo padre era un esattore delle tasse. Benché questi provvedesse generosamente per lui, George rubava soldi in continuazione e ne spendeva la maggior parte in donne e birra. Può apparire strano il fatto che decidesse di studiare teologia all’università di Halle, conoscendo un po’ il suo carattere irreligioso, ma a quel tempo …
Leggi Tutto

Testimonianze da Azusa Street 

di A. W. Orwig  –   A.W Orwig, ex ministro metodista, battezzato nello Spirito Santo nella missione di Azusa Street, nel seguente racconto condivide le esperienze fatte al n° 312 di Azusa Street. L’articolo è tratto dalla prima storia del movimento pentecostale pubblicata, di Bennett F. Lawrence, The Apostolic Faith Restored (St. Louis, MO: Gospel Publishing House, 1916), pp 77-89. Era il settembre del 1906. Mi era giunta all’orecchio …
Leggi Tutto

LE VIE DI DIO SONO MIGLIORI

di  G.Campbell Morgan  –  Noi scegliamo per primi; Dio sceglie per secondo. La storia dimostra, e il futuro lo verificherà, che le vie di Dio sono migliori delle nostre. Il primo Adamo fallì, il secondo Adamo ebbe successo. Il primo figlio di Adamo (Caino) fu un assassino, il secondo (Abele) fu un martire. Il primo figlio di Abramo (Ismaele) era nato dalla carne, il secondo (Isacco) fu scelto …
Leggi Tutto

A PROPOSITO DI TATUAGGI

di Alejandro Seibel  –   “Non vi farete incisioni nella carne… né vi farete tatuaggi addosso. Io sono il SIGNORE”  (Lev. 19, 28)  –    La Diodati riporta : “Non vi fate alcuna tagliatura nelle carni … e non vi fate bollatura alcuna addosso. Io sono il Signore”. Tatuaggi, incisioni, “piercing” (dal verbo inglese “to pierce”, lett. Traforare, pratica indicante la perforazione della pelle allo scopo di inserirvi oggetti …
Leggi Tutto

Heavy Metal satanista, redento da Cristo.

Se c’era un uomo che apparentemente sembrava irrecuperabile, Kirk Martin è la personificazione di quell’uomo. Pieno di violenza e di odio – dopo aver fatto un patto con il diavolo – solo Dio poteva trovare il modo e la strategia per tirarlo fuori  da quell’ abisso infernale.  “Ho sempre pensato che Dio poteva amare alcune persone, ma non me!” dice Martin. Era il quarto figlio adottivo di una cara …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti