PERCHE’ PREDICHIAMO IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO

“Ragione storica“. – La cristianità della nostra generazione ha smarrito il significato del messaggio della Pentecoste. Le chiese non guardano più a questa data o a quest’avvenimento come ad una meta che, come è stata raggiunta ieri, deve essere raggiunta, nel succedersi dei secoli, da ogni nuova generazione.

La potenza dello Spirito Santo, l’effusione del dono divino, il battesimo celeste promesso da Gesù… sono diventate espressioni teoriche e quindi realtà indefinite e sbiadite. In tale tragica situazione la chiesa pentecostale ha raccolto l’invito di Dio di predicare e proclamare una verità dimenticata.

 Attraverso i secoli, Iddio ha sempre suscitato chiese o movimenti, individui o comunità, ai quali affidare il messaggio di qualche verità dimenticata o trascurata; in questo secolo Egli ha suscitato il popolo pentecostale per predicare la dottrina della salvezza e per sottolineare l’importanza del battesimo dello Spirito Santo.

Al principio di questo secolo una voce è risuonata nel deserto per ricordare che Cristo ha ordinato di attendere, prima del lavoro cristiano, la potenza o il battesimo dello Spirito Santo, e questa voce è partita dal seno di un popolo che è stato chiamato pentecostale. Non meravigliamoci quindi della nascita di questo movimento, o della particolarità del suo messaggio, che testimoniano semplicemente di una necessità storica conforme alla volontà di Dio.

“Ragione ministeriale“. — Il movimento cristiano, che ha ricevuto dall’esterno la denominazione, che lo ha associato alla Pentecoste, predica il battesimo dello Spirito Santo nella convinzione profonda che esso rappresenta condizione essenziale all’espletamento del ministerio cristiano. La potenza carismatica dello Spirito Santo può essere vista come il principio vitale del ministerio, che deve essere appunto la manifestazione soprannaturale della chiesa cristiana.

 I discepoli di Cristo avevano, anche prima della Sua morte, e durante il periodo che va dalla resurrezione all’ascensione, compiute reali esperienze spirituali; avevano confessato il Cristo, Lo avevano riconosciuto e proclamato Figliuolo di Dio, avevano ricevuto il soffio delle Sue labbra e l’autorità del Suo Regno, ma non furono autorizzati da Gesù ad iniziare la loro completa attività sul fondamento di tali esperienze. Il Maestro fu esplicito: “ Dimorate in Gerusalemme ed aspettate il compimento della Promessa… “.  La Pentecoste fu, e quindi è, il fondamento del servizio; senza di essa il servizio è debole ed il messaggio inefficace. 

 Quando si parla di Pentecoste bisogna naturalmente riferirsi a ciò che essa esprime o, per essere più precisi, a ciò che essa è. La Pentecoste è il miracolo delle lingue, ma non soltanto il miracolo delle lingue, perché è potenza e miracolo nel senso più esteso e più profondo di questa parola. Gli Atti degli Apostoli ci parlano della Pentecoste non soltanto nel capitolo 2, ma dal capitolo 2 di questo libro meraviglioso, che è stato definito anche “Atti dello Spirito Santo“.

Il discorso potente di Pietro è la Pentecoste, la guarigione dello zoppo è la Pentecoste, la franchezza degli Apostoli, la comunione e l’amore dei discepoli, il discernimento di Pietro e la sua autorità di fronte ad Anania e Saffira, l’amministrazione della chiesa nascente, la testimonianza eroica, l’attività missionaria… tutto, tutto è la Pentecoste che è soprattutto potenza in cammino, potenza in azione.

 Il servizio cristiano può anche essere compiuto sulla falsariga di un’arida preparazione scolastica e, quindi, mediante l’ausilio di una cultura scientifica, ma esso non sarà perfetto e non sarà efficace perché privo del solo autentico fondamento: “ la Pentecoste”.

 La Potenza di Dio e la Sapienza di Dio sono suggellate nella Pentecoste e quindi un ministerio veramente pentecostale può anche ignorare o addirittura rifiutare le allettanti offerte della cultura umana; mentre la cultura umana, anche nella sua manifestazione più elevata e più nobile, non può e non potrà mai sostituire o semplicemente essere un surrogato della potenza dello Spirito Santo.

 

“Ragione Etica“. — Il battesimo dello Spirito Santo è potenziamento della personalità umana. Potenziamento in profondità e potenziamento in estensione. Colui che esperimenta il battesimo, cioè l’immersione nello Spirito, afferra le facoltà soprannaturali dello Spirito non soltanto per esercitare il ministerio, ma anche per vivere nel piano divino.

In questa generazione si è cercato di giustificare l’assenza dei carismi dello Spirito con lo specioso ragionamento che la chiesa è chiamata soprattutto a fecondare il frutto dello Spirito. La chiesa, è necessario precisare, non ha facoltà di scelta nella volontà di Dio perché è chiamata a compierla tutta: servizio e santificazione rappresentano limiti entro i quali bisogna muoversi e non traguardi che possono essere perseguiti separatamente per legge di preferenza.

Ma comunque è necessario sottolineare che anche l’etica cristiana impone la Pentecoste. Il frutto dello Spirito può nascere soltanto dove c’è lo Spirito e sarà tanto più ricco o tanto più maturo quanto più lo Spirito sarà esuberante. La vita dello Spirito si può compiere soltanto nella presenza e nella guida dello Spirito Santo e la guida sarà tanto più sicura ed efficace quanto più lo Spirito sarà esuberante nel credente.

Sì, l’etica cristiana impone il battesimo dello Spirito Santo che è sorgente di santificazione e santificazione interiore nel senso più completo di questo termine.

Queste sono le tre ragioni fondamentali che giustificano il messaggio della Pentecoste e nell’esporle ho precisato implicitamente i princìpi dottrinali di questo messaggio; essi possono essere riepilogati nei seguenti punti:

     1. – Il battesimo dello Spirito Santo rappresenta un’esperienza spirituale promessa e necessaria alla cristianità di tutti i secoli.

     2. – Quest’esperienza si differenzia dalle altre esperienze spirituali che la precedono e cioè da quella della fede in Cristo, dalla proclamazione di Cristo e dalla rigenerazione in Cristo.

    3. – Il battesimo dello Spirito Santo conferisce potenza soprannaturale per il servizio e quindi impartisce doni spirituali ed autorità spirituale. Il dono delle lingue rappresenta soltanto uno fra i diversi doni dello Spirito.

    4. – Il battesimo dello Spirito Santo conferisce altresì potenza soprannaturale per compiere la propria santificazione in Cristo.

     5. – Soltanto il battesimo dello Spirito Santo rende idonea la chiesa cristiana ad adempiere fedelmente il mandato ricevuto da Cristo.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Un vaso al servizio del Maestro

di Charles E. Greenaway  –   “La parola che fu rivolta a Geremia da parte dell’Eterno, in questi termini: “Levati, scendi in casa del vasaio, e quivi ti farò udire le mie parole”. Allora io scesi in casa del vasaio, ed ecco egli stava lavorando alla ruota; e il vaso che faceva si guastò, come succede all’argilla in man del vasaio, ed egli da capo ne fece un altro …
Leggi Tutto

666-2

di HENK SCHOUTEN  –   Molti cristiani si raffigurano l’Anticristo come il «superuomo» degli ultimi tempi ma la Bibbia lo mostra anche sotto un altro aspetto, raramente percepito dai cristiani.   –   Ci sarebbe molto da dire sull’Anticristo. Non appena si nomina questa parola, tutti vogliono sentire. Soprattutto le speculazioni su tale figura sono molto diffuse. Il numero 666 e altre caratteristiche e proprietà di questo personaggio colpiscono, soprattutto …
Leggi Tutto

EVITARE I PARAGONI

Poiché noi non abbiamo il coraggio di classificarci o confrontarci con certuni che si raccomandano da sé; i quali però, misurandosi secondo la loro propria misura e paragonandosi tra di loro stessi, mancano d’intelligenza. 2 Corinti 10:12 La pubblicità è spesso orientata a far si che le persone si sforzino di guardare il meglio, essere i migliori, i migliori in assoluto. Se indossi “questa” particolare marca di vestito, …
Leggi Tutto

1900: Esperienze pentecostali nella scuola biblica di TOPEKA

Nell’autunno del 1900 fu inaugurata una Scuola Biblica a Topeka, Kansas. Quaranta studenti si riunirono col solo scopo di studiare la Parola di Dio e nessun libro di testo era usato all’infuori della Bibbia. Tra i vari soggetti biblici che erano oggetto di studio e meditazione, c’era quello del Battesimo nello Spirito Santo. Gli studenti ebbero il tempo necessario per una esauriente ricerca nelle Scritture e, quando furono …
Leggi Tutto

COMPRA IL CAMPO

di Mike Brown  –   Questo messaggio dovrebbe edifi­carvi e fortificarvi nella fede. Fino a quando saremo in questo mondo avremo sempre combattimenti di fede, e fino a quando saremo in questo corpo dovremo scegliere di camminare per fede e non per visione. Sono un uomo abbastanza ottimista, ma negli ultimi cinque anni ho affrontato dure prove e grandi pressioni che andavano al di là delle mie forze, e proprio …
Leggi Tutto

Sermone Domenica 3 Febbraio 2013

Agostino Masdea:  LA CASA COSTRUITA DALLA GRAZIA (Ebrei 10:32-39;11:1-6) …
Leggi Tutto

SAREMO SIMILI A LUI

di MW. B. RILEY   –  Paolo scrisse: “Ma dirà qualcuno: Come risuscitano i morti, e con quale corpo verranno? Stolto! Quello che tu semini non è vivificato, se prima non muore.  E quanto a quello che semini, tu non semini il corpo che ha da nascere, ma un granello ignudo, che può essere di frumento o di qualche altro seme. E Dio gli dà un corpo come ha …
Leggi Tutto

COSA SIGNIFICA ESSERE UN SERVO

di Brian L. Harbour – Dopo la conversione, molti credenti si chiedono: “E adesso? Ora che sono stato riscattato dalla schiavitù di Satana e liberato dal peso dei miei peccati, cosa devo fare?”. Nell’introduzione della sua epistola a Tito, Paolo dà una risposta a questo interrogativo coll’appellativo che applicava a sé stesso. Lui si definiva: “Servo di Gesù Cristo”. Diverse parole greche hanno il significato di servo. “Diaconos” …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti