FRANCHEZZA

di Roberto Bracco  –  Nell’esercizio del ministero e del servizio, cristiano la “franchezza” rappresenta una caratteristica positiva, anzi un elemento indispensabile, ma dobbiamo saperla individuare per essere certi di non sostituirla con quei surrogati perniciosi che vengono abbondantemente offerti dalla natura umana.

“Franchezza” vuol dire esercizio della libertà e quando ci riferiamo alla “franchezza” espressa nella vita e nel servizio cristiano parliamo della completa liberazione dalla timidezza, dalla paura, dall’esitazione e dalla perplessità. Liberazione che deve apparire evidente in tutti i comportamenti del credente e quindi che deve avere una chiara manifestazione nelle riunioni di culto, nelle testimonianze verbali, nella vita di ogni giorno e di ogni luogo.

L’apostolo Paolo afferma che soltanto con l’uso costante della franchezza riusciamo ad esercitare fedelmente il ministero dello Spirito ed offrire così una chiara visione della gloria di Dio; con un parallelo esemplificativo egli conclude che mancanza di franchezza significherebbe “mettere un velo” sopra il ministero, oscurare cioè lo splendore della gloria.

L’argomento è di proporzioni vastissime, ma restringiamolo all’esame di due dettagli di notevole valore non solo culturale, ma anche, anzi soprattutto pratico:

– La franchezza del credente nelle riunioni di culto.

– La franchezza del ministro nel servizio cristiano.

Noi crediamo che la celebrazione del culto, da parte della comunità rappresenta, nello stesso tempo, comunione con Dio e comunione fraterna e se accettiamo che comunione vuol dire “mettere tutte le cose in comune” dobbiamo concludere che la “comune radunanza” è l’occasione per offrire a Dio e ricevere da Dio, ma anche per offrire al fratello e ricevere dal fratello.

I “timidi”, i “paurosi” pretendono l’esercizio della comunione a senso unico: ricevere, ma non dare. Non è soltanto questa assurda pretesa che li squalifica perché una diagnosi esatta della loro personalità e della loro posizione ci rivela l’esistenza di una serie di elementi negativi nel loro comportamento e possiamo ricordarne alcuni in breve:

– Essi soffocano e mortificano gli impulsi dello Spirito ostacolando l’apprendimento del servizio.
(1° Corinzi 14:31);

– Turbano il programma carismatico dello Spirito. (1° Corinzi 12:11 ; 14:26);

– E naturalmente finiscono per agevolare e concedere spazio a coloro che dovrebbero tacere.
(1° Corinzi 14:30).

Oltre alle cose ricordate si può quasi sempre aggiungere un altro elemento di squalifica; questo: “Il timido lo è, nel maggior numero dei casi, per timore di non essere sufficientemente “brillante”; non vuol fare una “mediocre figura”. Questa posizione generalmente è di autentico orgoglio; noi dobbiamo muoverci entro i limiti della nostra fede (Romani 12:6) e se la nostra fede ci permette soltanto di esprimere poche parole, ma infuocate dallo Spirito Santo, esprimiamole alla gloria di Dio e per l’edificazione dei fratelli senza pretendere od aspettarci un plauso od un encomio.

Quindi i credenti, tutti i credenti, devono desiderare e procacciare abbondanza di doni spirituali perché questi possano essere procacciati ed esercitati da tutti con “franchezza” cioè piena libertà spirituale. (1° Corinzi 12:12). Abbiamo proprio precisato “libertà spirituale”. La precisione è indispensabile perché come abbiamo ricordato sin dal principio, esistono surrogati che tentano, con frequenza ed insistenza, di sostituire la libertà cristiana. Ci riferiamo particolarmente a quella disinvoltura, a quel senso d’irresponsabilità e d’incoscienza che raramente affiorano nelle riunioni comunitarie; specialmente nella nostra generazione socialmente emancipata, abituata al dialogo, non mancano individui sempre pronti ad interloquire senza disagio. Questi possono con estrema facilità, sotto lo spirito di un’emozione personale o, peggio ancora, stimolati dal desiderio di emergere, far sentire la loro voce che è proprio la “loro voce” e soltanto la “loro voce”.

Non dobbiamo scoraggiare l’esercizio dei doni spirituali, anzi il ministero della chiesa deve essere assolto in maniera che includa la partecipazione di tutti e manifesti la gloria dello Spirito, ma questo non vuol dire che possa essere lasciato spazio a quelle libertà che debbono essere purtroppo definite: sollecitudine, presunzione, insensibilità.

Alla franchezza del credente, di ogni credente, nelle riunioni di culto si deve addizionare quella del ministro nel più vasto servizio cristiano che non esclude, ovviamente, le riunioni di culto, ma che oltrepassa anche i confini di queste. Nelle riunioni di culto il ministro che presiede, che predica, deve possedere ed esercitare tutta la libertà necessaria per “presiedere con diligenza” per “riprendere coloro che peccano” per “proporre tutto il consiglio di Dio”.

Non sono affatto rari i casi di riunioni di culto prive di ogni disciplina, proprio perché colui che presiede non ha forza o coraggio di esortare e controllare i disordini ed i “disordinati”. Franchezza in questo caso non vuol dire autoritarismo dispotico, ma amore espresso con sapienza e con forza.

Un male anche più grave è rappresentato dalla predicazione della Parola di Dio in forma che possiamo chiamare addomesticata cioè quella predicazione che non vuole offendere, non vuole colpire coloro che notoriamente mantengono posizioni inconciliabili con una sana vita cristiana. Si dice che qualche volta la franchezza del ministro è mortificata dalle sue considerazioni personali: egli è legato o condizionato dalle sue relazioni amichevoli o da altre ragioni che impediscono una parola libera e se è necessario severa.

Il ministero, come già detto, valica i confini delle riunioni di culto e richiede “franchezza” per affrontare tutte le esigenze derivanti dalle circostanze che deve affrontare:

– Pietro e Giovanni davanti al Sinedrio di Gerusalemme, manifestarono “franchezza” per testimoniare di Cristo e per respingere coraggiosamente le ingiunzioni e le minacce dei capi del popolo. Erano veramente liberi da ogni limitazione, da ogni spavento.

– I discepoli, informati dai due delle intenzioni del Sinedrio, alzarono la voce della loro preghiera a Dio per essere nuovamente “riempiti” di Spirito Santo ed ottenere tutta la franchezza necessaria per predicare senza timore il messaggio della Buona Novella. (Atti 4:24).

– Paolo a Roma, dando informazione ai fratelli lontani del suo stato e del suo ministero, li rassicura scrivendo che continua a predicare Cristo con ogni “franchezza”; infatti egli è in prigione, ma la Parola di Dio ed anche il suo ministero non sono in catena.

Queste ricordate sono soltanto alcune delle testimonianze che ci aiutano a comprendere che cos’è “franchezza”; perché, e quando è necessaria. Dobbiamo interpretare con esattezza la storia per non incorrere nel pericolo di errate valutazioni; se gli episodi ricordati ci prospettano l’esercizio della franchezza di fronte alla persecuzione, non dobbiamo concludere che soltanto in circostanze analoghe a quelle vissute dalla chiesa primitiva la franchezza diventa una necessità; ecco l’interpretazione:

Gli episodi ci parlano di persecuzione, è vero, ma la persecuzione è soltanto uno degli aspetti della lotta cristiana e quindi qualsiasi opposizione al ministero rappresenta un aspetto della stessa lotta. Oggi ci troviamo impegnati in un combattimento che ci mette a confronto con un materialismo inasprito fino alla violenza, non soltanto verbale, con una cultura puntigliosa e contestataria, con l’indifferenza religiosa provocata dai cento interessi che assorbono l’individuo e le masse.

Si, ci troviamo proprio impegnati in una lotta e contro una potenza che cercano di scoraggiarci, ridurci in soggezione; abbiamo bisogno di franchezza, dobbiamo affrontare la derisione, gli scherni; dobbiamo subire le più diverse forme di violenza eppure essere e rimanere fedeli nel proclamare un messaggio che oggi più che mai “è scandalo ai giudei e pazzia ai greci”.

Purtroppo i paurosi ed i timidi non mancano e non sono pochi coloro che ieri predicavano l’Evangelo e che oggi preferiscono fare discorsi di politica o di sociologia nella certezza che con questi possono essere considerati a pieno diritto membri del consesso umano dal quale i testimoni di Cristo vengono invece frequentemente radiati. Costoro, tradiscono, il ministero e disonorano la causa di Cristo, sono dei vinti, hanno, perduto la loro franchezza, la loro libertà.

Abbiamo bisogno di un risveglio che restituisca al popolo di Dio, assieme all’esuberanza dello Spirito, ai doni celesti, la “franchezza” cristiana e poiché questa può venire soltanto dalla potenza divina, abbiamo bisogno di riconoscere le nostre carenze e di stringerci assieme davanti al Trono di Dio per chiedere che la Pentecoste torni ad essere non una ricorrenza liturgica, ma un’esperienza della chiesa, di tutta la chiesa (Atti 4:29).

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

C'E' POTENZA NEL SANGUE DI GESU'

di Charles Greeneway  –  Ricordo nel 1945, quando giacevo in una capanna di fango in Africa. Avevo la febbre nera, ed era un tempo in cui si poteva morire di quella malattia. Ho contato 124 tombe di missionari che non avevano raggiunto i quarant’anni. Ho seppellito i miei amici, ho dovuto imbracciare un fucile per poter difendere il loro corpo esanime dagli animali feroci perché al mattino potessimo …
Leggi Tutto

RAVVEDETEVI

di G. Robert Ashcroft  –   Questo fu il grido dei profeti e degli apostoli, questo deve essere il grido degli odierni predicatori.  –   «Ricordati, dunque, donde sei caduto, e ravvediti, e fa’ le opere di prima; se no, verrò a te, e rimuoverò il tuo candelabro dal suo posto, se tu non ti ravvedi. (Apoc. 2:5).  Giovanni Battista venne a predicare il suo messaggio e si mantenne …
Leggi Tutto

IL BUON PASTORE

di GEORGE WHITEFIELD  –  Sermone d’addio (L’ultimo sermone predicato a Londra, mercoledì 30 agosto 1769 prima della sua ultima partenza per l’America) “Le mie pecore ascoltano la mia voce, io le conosco ed esse mi seguono; e io do loro la vita eterna e non periranno mai, e nessuno le rapirà dalla mia mano” (Giovanni 10:27-28).   – È un detto comune e, io credo, giusto, quello che …
Leggi Tutto

POTENZA NELLA PREGHIERA

di H. D. Pettit   —    L’Apostolo Giacomo ci meraviglia con la sua dichiarazione, “Voi non avete, perché non domandate” (Giacomo 4:2). Ciò mette in risalto l’importanza della preghiera: soltanto da Dio possiamo ricevere ciò che ci necessita, ciò che aneliamo; dobbiamo sempli­cementechiedere. “Se dimorate in me e le mie parole dimorano in voi, domandate quel che volete e vi sarà fatto”. (Giov. 15:7). La promessa è illimitata; …
Leggi Tutto

QUANDO GESU' PENETRA IN UNA PRIGIONE

Era l’inverno di guerra 1939-40. Ecco che cosa poté fare la grazia di Dio, fra le più crudeli scene dell’odio umano. Un ingegnere finlandese, ben conosciuto, narra i fatti seguenti: Avevamo riconquistata una città che i nemici ci avevano presa. In quell’occasione ebbi da custodire un buon numero di prigionieri russi: sette di essi dovevano esser fucilati la mattina seguente. Non dimenticherò mai la domenica che precedette quell’esecuzione …
Leggi Tutto

CHIESI A DIO

Chiesi a Dio la forza Per compiere qualcosa; fui reso debole per ubbidire umilmente. Chiesi a Dio la salute per fare cose maggiori; ricevetti infermità per fare cose migliori. Chiesi la ricchezza per diventare felice; Ricevetti povertà per acquistare sapienza. Chiesi la potenza per essere onorato dagli uomini; Ricevetti debolezza per riconoscere la mia dipendenza da Dio. Chiesi ogni cosa per godere la vita; ricevetti la vita per …
Leggi Tutto

IL MISTERO E IL MINISTERO DELLA PREGHIERA

di Roberto Bracco   –   Quante volte il Signore Gesù ha esortato i suoi discepoli alla preghiera? Perché la preghiera ha occupato un posto così importante nella vita e negli ammaestramenti del figliuolo di Dio? Vi siete mai posto queste domande? Ogni cristiano dovrebbe porsele e rispondere ad esse e, così facendo, si accorgerebbe di non essere perfettamente fedele al volere divino, nella pratica della preghiera …
Leggi Tutto

GEORGE VERWER: UNA GRANDE IMMAGINE

GEORGE VERWER – Domenica 27 Luglio 2014 – Chiesa Alfa Omega …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti