DITECI DELLE COSE PIACEVOLI (Isaia 30: 10)

di ROBERTO BRACCO   –   Il compito del servitore di Dio è stato sempre quello di predicare cose spiacevoli alla natura umana. Egli, attraverso tutte le età, è stato sospinto a colpire duramente e con parole di fuoco tutti i vizi, le passioni, le turpitudini degli uomini.

Per questo unico motivo il ministero dei santi ha provocato sempre le più violente reazioni e le parole da essi pronunciate sono riuscite gradite soltanto ad una sparuta minoranza nel mondo e nella chiesa.

Gli uomini amano ascoltare discorsi piacevoli. Non vogliono essere individuati, denudati, sferzati, anzi chiedono parole che possano essere ascoltate con lo stesso godimento con il quale si potrebbe ascoltare una dolce melodia (Ezechiele 33:32).

Il desiderio della natura umana è quello di avere dottori e predicatori secondo le proprie voglie (2 Timoteo 4:3).

Questo non vuol dire soltanto che la maggioranza degli uomini desidera ricevere una esplicita approvazione del proprio peccato ma vuol dire anche che quasi tutti chiedono di non essere colpiti e condannati nelle imperfezioni della propria vita. In altre parole tutti sono pronti ad ascoltare le prediche di un servitore che espone la verità in termini generici ed in forma teorica, ma soltanto pochi sono disposti ad onorarlo quando egli presenta il consiglio di Dio in forma diretta e facendo di esso applicazioni individuali e pratiche.

Erode aveva rispettato per alcuni anni il Battista, benché la predicazione di questo ardito profeta avesse sempre bollato il peccato, ma egli lo fece chiudere nella prigione di Macheronte soltanto per reazione ad un sermone rivolto direttamente alla sua persona.

Achab aveva rispettato per molto tempo la libertà di Mica, ma sentì il bisogno di togliergliela, quando il profeta pronunciò il duro messaggio contro di lui.

Le medesime esperienze furono fatte da Elia, Amos, Geremia… e da altre centinaia di servitori di Dio.

Il popolo è disposto ad ascoltare sermoni di condanna al peccato; è disposto ad udire prediche che combattono la carne nelle sue concupiscenze e nelle sue insane manifestazioni, ma pone come condizione che queste parole rimangano nella sfera del generico e del teorico cioè che rimangano entro quei concetti astratti che fanno di un sermone, un bel sermone, un sermone piacevole ad ascoltarsi.

Dite pure: “Fratelli, Iddio ci chiama ad amare e perciò noi dobbiamo vivere come una grande famiglia, stretti nei vincoli dolcissimi dello Spirito”. Tutti ascolteranno con piacere questa dichiarazione, questo consiglio. Ma se fate una applicazione individuale e dite: “Ascolta, o maldicente: le parole di calunnia con le quali insinui il tuo fratello, sono il prodotto dell’inferno e tu con esse collabori con il diavolo per generare turbamento nella chiesa…”, in questo caso il vostro sermone non è più molto piacevole all’uditorio che lo ascolta.

Potete anche dire: “Fratelli, noi apparteniamo a Dio e quindi tutto quello che ci appartiene è Suo; ogni cosa che possediamo deve essere posta sull’altare del Suo servizio e della Sua volontà!”.

Voi sentirete molti “Amen” e molti “Alleluia” coronare la vostra predica. Ma gli “Amen” diminuiranno notevolmente se voi dite: “Gettate fuori dai vostri cuori l’avarizia che vi opprime e vi distrugge; aprite le vostre casse e i vostri portafogli per i vostri fratelli e per l’opera di Dio. Date subito e poi regolarmente una parte dei vostri beni e delle vostre entrate alla chiesa… portate le vostre decime e le vostre offerte per sostenere il lavoro del Signore… non aggiungete campi ai vostri campi e case alle vostre case, ma fatevi un tesoro eterno nel cielo: date, date la vostra moneta per i poveri, per le missioni, per i ministri, per i locali…”.

Si potrebbero moltiplicare gli esempi all’infinito, ma è inutile indugiare sopra illustrazioni che servono soltanto per ribadire il concetto chiaramente esposto: il popolo ama udire cose piacevoli!

Il problema del ministro cristiano però non è costituito dal conoscere quello che il popolo ama udire, ma è costituito dal sapere quello che Iddio vuole che sia predicato. Il servitore è stato fatto tale da Dio, è stato unto da Dio e quindi deve rispondere del suo servizio di fronte a Dio.

Egli può essere tentato a compiacere il popolo, specialmente se ci sono motivi particolari che lo legano a questo, ma la fedeltà del suo ministero è affidata alla intima convinzione che egli deve rendersi approvato di fronte a Dio. Quindi deve essere disposto a subire persecuzioni o lotte, amarezze o incomprensioni, ma deve essere assolutamente deciso a rimanere saldo sul consiglio dell’Eterno.

Egli non avrà forse, in certi periodi, consolatori o collaboratori, ma avrà sempre la potenza della Parola che rimarrà costantemente dalla sua parte se esporrà con fermezza e con fede tutto il consiglio del Signore.

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

GRANDI INNI: "FORTE ROCCA E' IL NOSTRO DIO".

Il 31 ottobre 1517, Martin Lutero affisse le famose  novantacinque tesi alla porta della cattedrale di Wittenberg, Germania. Questa data è stata definita come il “4 Luglio del protestantesimo”. “Forte Rocca è il nostro Dio” è l’inno più potente del movimento della riforma protestante  di Lutero ed è basato sul Salmo 46. Questo inno è diventato il grido di battaglia del popolo, una grande fonte di forza e …
Leggi Tutto

 Una promessa per oggi: “Io so tutto della tua vita e conosco tutte le tue vie”.

Salmo 139: 1-3  Tu mi hai investigato, o Eterno, e mi conosci.  Tu sai quando mi siedo e quando mi alzo, tu intendi il mio pensiero da lontano.  Tu esamini accuratamente il mio cammino e il mio riposo e conosci a fondo tutte le mie vie.   –    Ti sei mai trovato in una stanza piena di persone e sentirti completamente solo? A volte possiamo essere circondati da tante persone nella nostra vita quotidiana, …
Leggi Tutto

VAI, IO MANDO TE!

di MIKE BROWN  –  Il cuore di Dio è un cuore missionario. Egli desidera che il popolo che ha creato viva con Lui per sempre. Questo è il primo motivo per cui ci ha creato, affinché potessimo avere comunione con Lui, conoscerlo e così essere Suoi. Ciò era, ed è il Suo cuore. Egli, dopo tutto, è chiamato il Padre celeste.  La caduta dell’uomo non ha cambiato le …
Leggi Tutto

ABRAMO O LOT ?

Abramo o Lot, non Abramo e Lot! Quando Abramo, ubbidendo alla chiamata di Dio, usci da Ur, il racconto della Genesi dice che:  Terah prese Abramo suo figliolo e Lot…e uscirono insieme da Ur dei Caldei, per andare nel paese di Canaan. (Genesi 11:3). All’inizio di questo viaggio erano Abramo e Lot, perchè Lot accompagnava suo zio e godeva l’insigne privilegio di camminare con il padre di tutti …
Leggi Tutto

Sermone: La Chiesa il Tempio di Dio

​     Sermone di Agostino Masdea  –  1 Corinti 3  – “La Chiesa, il tempio di Dio”. Da cosa sono causati i problemi nella chiesa oggi? Cos’è che porta divisione? Qual è il marchio di una chiesa matura e spirituale? Nella chiesa non ci sarebbero problemi, non ci sarebbero mal di pancia, lamentele e critiche, se ogni credente si arrendesse all’opera dello Spirito Santo! Bisognerebbe avvisare tanti …
Leggi Tutto

LIBERTÀ O LASSISMO?

di AGOSTINO MASDEA  –  (Galati 5:1-5:13)  i) Non sempre è facile gestire la libertà: si può riperdere e ritornare in schiavitù. Esempio: Israele (Giudici 2:10-16) –  A. – CRISTIANESIMO O LASSISMO? a) Cos’è il lassismo? ” – “Dottrina che modifica in forme accomodanti e rilassate il rigore dei precetti cristiani.” (Zingarelli) “Indulgenza verso le norme del cristianesimo.” b) E’ la Religione del ” che male c’è? “! c) …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: Un giorno asciugherò ogni tua lacrima e cancellerò ogni tua sofferenza.

E Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi, e non ci sarà più la morte, né cordoglio né grido né fatica, perché le cose di prima son passate» Apocalisse 21:4 La promessa di oggi ci parla di un giorno che viene, quando Dio stesso asciugherà ogni lacrima dai nostri occhi. In quel grande e glorioso giorno, non ci sarà più la morte, non più dolore, non più motivi per …
Leggi Tutto

Perseverare nella Parola di Dio

di Roberto Bracco  –  “Se perseverate nella mia Parola…” (Giovanni 8:31)  –  Questo passo dell’Evangelo di Giovanni ci fa comprendere tre cose di grande importanza : – Per essere veramente discepoli di Gesù bisogna perseverare nella sua parola. – Mediante la perseveranza nella sua parola si giunge alla conoscenza della verità. – La conoscenza della verità produce la conquista della libertà. La prima cosa ci dice chiaramente che …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti