IL MISTERO E IL MINISTERO DELLA PREGHIERA

di Roberto Bracco   –   Quante volte il Signore Gesù ha esortato i suoi discepoli alla preghiera? Perché la preghiera ha occupato un posto così importante nella vita e negli ammaestramenti del figliuolo di Dio? Vi siete mai posto queste domande? Ogni cristiano dovrebbe porsele e rispondere ad esse e, così facendo, si accorgerebbe di non essere perfettamente fedele al volere divino, nella pratica della preghiera.

Esorto quindi tutti i lettori alla lettura e alla meditazione di tutti quei passi del Vangelo che siano di aiuto per poter rispondere alle due importantissime domande presentate più sopra. Lettura e meditazione vi riveleranno cose importantissime e utilissime nella vostra vita cristiana.

Perché meditare ancora sul soggetto della preghiera? Io credo che un argomento così profondo sia inesauribile, e credo quindi che farne oggetto di meditazione quotidiana non sia eccessivo. Potremmo meditare ogni giorno, potremmo ogni giorno leggere qualche passo della Scrittura e ogni giorno potremo udire un sermone intorno alla preghiera, senza per questo poter mai dire: “ora conosco tutto della preghiera e circa la preghiera”.

La preghiera si rivela nello studio biblico ma, soprattutto, nella pratica e quanto più si rivela, tanto più ci accorgiamo di avere bisogno di nuove rivelazioni intorno ad essa. Non solo si rivela nel senso che veniamo a conoscere ogni giorno meglio, praticandola, come dobbiamo farla, quando dobbiamo farla, e non solo si rivela mostrandoci sempre più chiaramente quello che rappresenta per il cristiano e quello che può dare al cristiano, ma possiamo dire, si rivela in mille aspetti impensati e con mille benefici inattesi.

Forse per questo motivo i grandi messaggeri del Vangelo che hanno dedicato il loro slancio al ministero della preghiera, hanno sentito l’assoluto bisogno di darsi ogni giorno di più al compimento di esso. Nel dissetarsi nella preghiera essi hanno sentito crescere la sete. La rivelazione gli ha fatto avvertire il bisogno della rivelazione ed hanno così voluto praticare sempre più profondamente e intensamente il ministero dalle mille esperienze, dalle mille benedizioni.

Non è possibile citare tutte le testimonianze della storia, perché non è possibile illustrare le infinite rivelazioni avute dagli uomini di Dio intorno alla preghiera, ma perché non dire dei grandi evangelisti che hanno scoperto che la preghiera, soprattutto la preghiera, faceva loro realizzare la vera compassione di Cristo per quelli che vivono lontani dalla croce? Perché non dire dei grandi predicatori che hanno scoperto che solo dalla preghiera ricevevano i soggetti dei loro sermoni e la virtù per predicarli? Perché non dire dei grandi atleti del Vangelo che per la preghiera hanno trovato il cammino per amare sempre più semplicemente il Salvatore Benedetto?

La preghiera si rivela e si mostra maestra e generatrice di amore, di perdono, di umiltà. La preghiera si rivela e si mostra fonte di coraggio, di speranza, di fede. Ma tutto questo non è  tutta la preghiera. Le cose descritte dicono di alcuni lati di essa, ma non la illustrano completamente. Perché allora tanti cristiani e, purtroppo tanti conduttori di chiesa non si preoccupano di donarsi totalmente ad un ministero così ricco di benedizioni?

Perché non pensano che la preghiera sia così profonda nella sua essenza spirituale e la vedono  solo con un atto di culto e quasi di vuoto formalismo. Compiute le preghiere suggerite dalla consuetudine e raggiunto nella preghiera il normale fervore di ogni momento, pensano di aver conosciuto tutta la ricchezza della preghiera.

Ma rispondano questi cristiani alle due domande iniziali: perché mentre mediteranno per rispondere comprenderanno quanto hanno errato nel valutare la preghiera. Comprendendo, pregheranno di più, molto di più.

È sempre possibile pregare molto di più di quanto si prega? Sì! Tutti hanno molto tempo che impiegano purtroppo vanamente; tutti hanno del tempo che impiegano purtroppo in un riposo superfluo; assommando questi ritagli o periodi di tempo si formano qualche volta delle ore. Queste ore il Signore vuole che le trascorriamo nella preghiera.

Tutti, tutti dobbiamo molto pregare ma soprattutto i conduttori di chiesa si devono letteralmente donare a questo ministero perché le benedizioni che possono ricevere da esso saranno benedizioni e ricchezze per le chiese nelle quali espletano la loro attività.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Terremoti

di Agostino Masdea  –  La terra si schianterà tutta: la terra si screpolerà interamente, la terra traballerà violentemente. La terra barcollerà come un ubriaco, vacillerà come una capanna. Il suo peccato pesa su di essa, cadrà e non si rialzerà più. Isaia 24:19-20 Uno dei terremoti più devastanti di questi ultimi tempi si è verificato appena pochi mesi fa, venerdì 11 marzo in Giappone.La scossa di magnitudo 8,9 …
Leggi Tutto

10 errori che le persone fanno con l'Oroscopo:

Velocissimo messaggio pensato per farti pensare …di MIKE CAMPAGNA . 1. Lo vedono come una cosa innocua. (Una cosa comune). 2. Non sanno di essere parte di un sistema globale dell’occulto condannato dalla Bibbia. (Deuteronomio 18:10-12) 3. Dimenticano che nessuno conosce il futuro, all’infuori di Dio. (Daniele 2:27-28) 4. Ignorano che gli oroscopi sono creati in modo generalizzato affinché chi legge possa determinare/concludere qualsiasi cosa. 5. Consultandolo dimostrano …
Leggi Tutto

DOMANDE PER GLI AMICI CATTOLICI, RIGUARDO GESÙ E IL PERDONO.

di Matt Slick  –   I cattolici hanno il confessionale, i sacerdoti, la penitenza, i sacramenti, i santi e Maria, e tutti in un modo o in un altro incidono sul  perdono dei peccati. In confessionale, il Cattolico confessa i suoi peccati a un sacerdote che gli da l’assoluzione e gli  prescrive la penitenza – un mezzo necessario per il perdono (CCC 980) “con la quale i peccati commessi …
Leggi Tutto

IL RISVEGLIO NASCE NELLA NOSTRA CASA

Quando una chiesa entra in crisi, generalmente si attribuisce la colpa a questo o a quella persona ( quasi mai a noi stessi…) ed in percentuale logicamente maggiore al Pastore ed ai suoi più stretti collaboratori ; vale a dire a quelli che hanno delle responsabilità e fanno qualcosa per sostenere e portare a- vanti l’Opera del Signore. Chi non fa nulla non sbaglia mail Oppure si cercano …
Leggi Tutto

L'UNICA VIA

di OSWALD J. SMITH – Un banchiere ed un industriale sedevano l’uno di fronte all’altro negli uffici della banca. L’industriale parlava molto animatamente, quando all’improvviso l’altro interruppe. “Ridicolo! Assurdo! Pazzesco!” esclamò l’orgoglioso banchiere, atteggiando le sue labbra allo scherno. “Ma perché”? chiese il suo interlocutore. “Perché”? E voi, uomo ben pensante, chiedete il perché? Le vostro sono delle sciocchezze!” rispose, deridendolo. “Ebbene “ ribattè l’altro “vi chiedo proprio: Perché?!?” La …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Io sono un padre per gli orfani e difendo la causa delle vedove.

Dio è padre degli orfani e difensore delle vedove nella sua santa dimora; (Salmo 68:5) È confortante sapere che Dio promette di essere un padre per l’orfano. In questa generazione di orfani nella quale viviamo, c’è un grande bisogno come non mai dell’amore di un padre. Con quasi il 50% delle famiglie, nei paesi occidentali, finite in divorzio, c’è un grido che oggi ripete quello dei discepoli di Gesù …
Leggi Tutto

NON AMATE IL MONDO

“Ora avviene il giudizio di questo mondo; ora sarà cacciato fuori il principe di questo mondo; e io, quando sarò innalzato dalla terra, trarrò tutti a me” (Giovanni 12:31-32). Il nostro Signore Gesù pronuncia queste parole ad un punto chiave del Suo ministero. Egli è entrato a Gerusalemme festeggiato da folle entusiaste; ma quasi subito ha parlato in termini velati del deporre la Sua vita, e a questo …
Leggi Tutto

Testimonianze da Azusa Street 

di A. W. Orwig  –   A.W Orwig, ex ministro metodista, battezzato nello Spirito Santo nella missione di Azusa Street, nel seguente racconto condivide le esperienze fatte al n° 312 di Azusa Street. L’articolo è tratto dalla prima storia del movimento pentecostale pubblicata, di Bennett F. Lawrence, The Apostolic Faith Restored (St. Louis, MO: Gospel Publishing House, 1916), pp 77-89. Era il settembre del 1906. Mi era giunta all’orecchio …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti