IL MALE NASCOSTO

di Roberto Bracco   –   Fratello, hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore dopo aver pronunciato un ispirato sermone, o dopo aver reso una testimonianza guidata, o dopo aver elevato una calda preghiera? Hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore dopo aver compiuto una buona opera, o dopo aver fatto una generosa elargizione? Hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore dopo aver ottenuto una vittoria spirituale, o dopo aver conseguito un progresso cristiano? Sai tu che il tuo cuore può rendere inutili e vane tutte le cose buone della tua vita?

Sai tu che esso può rubarti il premio della tua fatica? Ricorda: “sopra ogni guardia, guarda il tuo cuore…” (Proverbi 4:3). E soprattutto ricorda che: “I puri di cuore vedranno Dio “(Matteo 5)

Il cuore puro ha sempre e solo un’attitudine perché, secondo il significato della parola “puro” è privo di ogni mistura, mentre l’attitudine dei cuori nei quali si trovano mescolate la superbia, la vanagloria, la carnalità, i rancori, gli odi, viene modificata dalle circostanze, che invece non hanno nessuna influenza sui cuori “puri”. In considerazione di ciò, fratello, ti domando ancora una volta, “hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore?”

Nota bene: la domanda riguarda solo l’attitudine del cuore successivamente al compimento di quelle opere buone che possono definirsi cristiane, perché quelli sono momenti particolari nei quali è possibile accertare profondamente la condizione spirituale nella quale viviamo.

Se non l’hai mai esaminata, comincia ad esaminarla da oggi; fa tesoro di questo esame e fa tesoro delle conclusioni che potrai trarne. Ricorda: il cuore puro ha sempre un’attitudine: l’attitudine di Gesù. Il cuore che subisce alterazioni o modifiche non è puro.

Se, per esempio, dopo aver compiuto una bella o buona operazione sei soddisfatto di te stesso, nel tuo cuore c’è ancora della mistura. Il sentimento che ci fa godere di una intima o palese soddisfazione della nostra personalità si chiama “superbia”. È se, dopo il compimento di una bella o buona opera avverti il desiderio di darle larga pubblicità, puoi senz’altro concludere che il tuo cuore non è puro. In questo caso la mistura che contiene si chiama “vanagloria”.

E se, dopo il compimento di una bella o buona opera si è tentato di trarne benefici per la tua vita puoi apertamente dichiarare a te stesso che una tremenda impurità abita ancora nel tuo cuore: la carnalità. Il fratello Smith Wigglesworth diceva: “se vuoi andare ad un convegno, devi prima rivolgerti tre domande:
– Desidero di essere ascoltato?
– Desidero  attirare gli sguardi su di me?
– Desidero qualche vantaggio finanziario? Se poi rispondere affermativamente anche una sola di queste domande, non hai il diritto di andarci
“.
Perché? Perché se ci andassi permetteresti all’impurità del tuo cuore di svilupparsi.

È da tener presente che queste non sono le sole impurità che possono trovare albergo dentro di noi: ce ne sono tante altre, ed è necessario guardarsi da tutte: ma quelle menzionate sono tra le più pericolose e tra le più nascoste: infatti è spontaneo controllare ed investigare il proprio cuore dopo un’azione scorretta ed è facile, quindi, scoprire e, conseguentemente combattere altre impurità; ma non è altrettanto spontaneo controllare il proprio interno dopo aver operato il bene. Le regioni più pericolose impurità sono quindi quelle che si nascondono dietro il bene.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

COS’E’ LA NUOVA NASCITA?

“Gesù gli rispose: “In verità, in verità ti dico che se uno non è nato di nuovo non può vedere il regno di Dio”…  “Non ti meravigliare se ti ho detto: “Bisogna che nasciate di nuovo ” (Giovanni 3: 3-7). “Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna… Chi crede in …
Leggi Tutto

IL RE RITORNA

di Agostino Masdea   –  «Quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, allora sappiate che la sua devastazione è vicina. Allora quelli che sono in Giudea, fuggano sui monti; e quelli che sono in città, se ne allontanino; e quelli che sono nella campagna non entrino nella città. Perché quelli sono giorni di vendetta, affinché si adempia tutto quello che è stato scritto…. Vi saranno segni nel sole, nella luna …
Leggi Tutto

VENTO IN FACCIA

di A.W. Tozer  –  “Dio ti ha chiamato al fianco di Cristo” scrisse Samuele Rutheford, “ed il vento, in questo paese, è ora sul volto di Gesù; e siccome tu sei con Lui, non ti puoi certo aspettare d’essere sotto vento o sulla parte sollevata del pendio.”  Samuele Rutherford, con la sua grande capacità di fare un uso eccellente delle parole, anche nelle affermazioni più causali, cristallizza per noi uno …
Leggi Tutto

GRANDI INNI: "BLESSED ASSURANCE" (GARANZIA BENEDETTA )

Fanny Crosby, compositrice di inni, era rimasta cieca quando aveva sei settimane di vita, per delle cure mediche sbagliate. Fanny Crosby nel corso della sua lunga vita (morì all’età di 95 anni) scrisse più di ottomila testi di canzoni gospel. Spesso i temi per i testi venivano suggeriti a Fanny Crosby da ministri che la andavano a trovare e che desideravano avere una nuova canzone su un soggetto …
Leggi Tutto

NON UNIRTI AGLI INFEDELI

di John R. Rice  –  Secondo me non c’è nulla di più importante al mondo per un Cristiano del matrimonio con una persona della medesima fede. Il matrimonio è stato creato da Dio. Esso è un’istituzione santa, stabilita da Dio per il nostro beneficio. L’unione tra uomo e donna è tanto intima o preziosa nella sua continuità che in ammonio tra una persona credente e non credente non …
Leggi Tutto

CRESCERE NELLA GRAZIA

 di AGOSTINO MASDEA – L’ultima delle esortazioni che l’apostolo Pietro indirizza ai credenti è anche l’ultimo verso del capitolo tre della sua seconda epistola. Questo capitolo è dedicato agli avvenimenti degli ultimi tempi e al ritorno del Signore. Nell’attesa del suo ritorno, Pietro esorta a stare fermi nella fede e ad  aspettare queste cose facendo in modo da “essere trovati da lui immacolati e irreprensibili, in pace”. Esortando alla …
Leggi Tutto

COSA SIGNIFICA VERAMENTE SEGUIRE GESÙ CRISTO?

di William MacDonald  –  L’essenza del cristianesimo è l’abbandono totale alla signoria di Cristo. Il Signore non cerca uomini e donne che dedichino a Lui le loro serate libere, oppure qualche fine settimana o che aspettino di andare in pensione per mettersi al suo servizio. Egli cerca invece quelli che sono pronti ad offrirgli il primo posto, il posto migliore nella loro vita. La nostra risposta al suo sacrificio …
Leggi Tutto

CROCIFISSI CON CRISTO

di George D. Watson  –  La Bibbia mette spesso in rilievo l’infinita debolezza morale degli uomini. Perfino gli uomini migliori e validi strumenti della provvidenza di Dio vengono a volta presentati nella Scrittura come esseri deboli e soggetti al peccato: Abramo disse di essere »polvere e cenere«; Isaia disse che noi periamo come una foglia; Giobbe a momenti aveva orrore di se stesso e lo stesso Apostolo Paolo …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti