IL MALE NASCOSTO

di Roberto Bracco   –   Fratello, hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore dopo aver pronunciato un ispirato sermone, o dopo aver reso una testimonianza guidata, o dopo aver elevato una calda preghiera? Hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore dopo aver compiuto una buona opera, o dopo aver fatto una generosa elargizione? Hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore dopo aver ottenuto una vittoria spirituale, o dopo aver conseguito un progresso cristiano? Sai tu che il tuo cuore può rendere inutili e vane tutte le cose buone della tua vita?

Sai tu che esso può rubarti il premio della tua fatica? Ricorda: “sopra ogni guardia, guarda il tuo cuore…” (Proverbi 4:3). E soprattutto ricorda che: “I puri di cuore vedranno Dio “(Matteo 5)

Il cuore puro ha sempre e solo un’attitudine perché, secondo il significato della parola “puro” è privo di ogni mistura, mentre l’attitudine dei cuori nei quali si trovano mescolate la superbia, la vanagloria, la carnalità, i rancori, gli odi, viene modificata dalle circostanze, che invece non hanno nessuna influenza sui cuori “puri”. In considerazione di ciò, fratello, ti domando ancora una volta, “hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore?”

Nota bene: la domanda riguarda solo l’attitudine del cuore successivamente al compimento di quelle opere buone che possono definirsi cristiane, perché quelli sono momenti particolari nei quali è possibile accertare profondamente la condizione spirituale nella quale viviamo.

Se non l’hai mai esaminata, comincia ad esaminarla da oggi; fa tesoro di questo esame e fa tesoro delle conclusioni che potrai trarne. Ricorda: il cuore puro ha sempre un’attitudine: l’attitudine di Gesù. Il cuore che subisce alterazioni o modifiche non è puro.

Se, per esempio, dopo aver compiuto una bella o buona operazione sei soddisfatto di te stesso, nel tuo cuore c’è ancora della mistura. Il sentimento che ci fa godere di una intima o palese soddisfazione della nostra personalità si chiama “superbia”. È se, dopo il compimento di una bella o buona opera avverti il desiderio di darle larga pubblicità, puoi senz’altro concludere che il tuo cuore non è puro. In questo caso la mistura che contiene si chiama “vanagloria”.

E se, dopo il compimento di una bella o buona opera si è tentato di trarne benefici per la tua vita puoi apertamente dichiarare a te stesso che una tremenda impurità abita ancora nel tuo cuore: la carnalità. Il fratello Smith Wigglesworth diceva: “se vuoi andare ad un convegno, devi prima rivolgerti tre domande:
– Desidero di essere ascoltato?
– Desidero  attirare gli sguardi su di me?
– Desidero qualche vantaggio finanziario? Se poi rispondere affermativamente anche una sola di queste domande, non hai il diritto di andarci
“.
Perché? Perché se ci andassi permetteresti all’impurità del tuo cuore di svilupparsi.

È da tener presente che queste non sono le sole impurità che possono trovare albergo dentro di noi: ce ne sono tante altre, ed è necessario guardarsi da tutte: ma quelle menzionate sono tra le più pericolose e tra le più nascoste: infatti è spontaneo controllare ed investigare il proprio cuore dopo un’azione scorretta ed è facile, quindi, scoprire e, conseguentemente combattere altre impurità; ma non è altrettanto spontaneo controllare il proprio interno dopo aver operato il bene. Le regioni più pericolose impurità sono quindi quelle che si nascondono dietro il bene.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

SAREMO SIMILI A LUI

di MW. B. RILEY   –  Paolo scrisse: “Ma dirà qualcuno: Come risuscitano i morti, e con quale corpo verranno? Stolto! Quello che tu semini non è vivificato, se prima non muore.  E quanto a quello che semini, tu non semini il corpo che ha da nascere, ma un granello ignudo, che può essere di frumento o di qualche altro seme. E Dio gli dà un corpo come ha …
Leggi Tutto

Cos'è un vero risveglio?

di Reuben A. Torrey (1855 -1928 noto evangelista, insegnante e scrittore). Qual è un vero risveglio e quali sono le sue conseguenze? Un vero risveglio è un tempo in cui la vita si rinnova e in cui questo rinnovamento si espande. Questo è il significato della parola “risveglio” secondo la sua origine come pure secondo l’uso che ne viene fatto nel nostro tempo. Anche la parola ebraica corrispondente ha …
Leggi Tutto

LA CHIESA ECUMENICA

TIM LA HAYE  –   “E uno dei sette angeli che aveva le sette coppe venne, e mi parlò dicendo: Vieni; io ti mostrerò il giudizio della gran meretrice”  (Apocalisse 17:1,6) Circa vent’anni or sono, un mio zio, il dottor E.W. Palmer, che per cinquant’anni ha annunziato l’Evangelo, era pastore di una grande chiesa in Oak Park. Illinois. Durante un culto che egli presiedette a Minneapolis, lo udii affermare …
Leggi Tutto

COSA VUOL DIRE “ESSERE SALVATO”.

Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. (Giovanni 3: 16-17 )   –   Gesù pronunciò queste parole in una conversazione con un importante personaggio religioso del suo …
Leggi Tutto

LA VITA E IL MINISTERO DI DWIGHT L. MOODY

LA VITA E IL MINISTERO DI DWIGHT LYMAN MOODY – 5 febbraio 1837 – 22 dicembre 1899 Moody disse: “sono l’uomo più sopravvalutato d’America”, ai giornalisti nel 1870 dopo aver tenuto con successo le sue riunioni di risveglio a Philadelphia e a New York. Egli chiamava se stesso “solo un portavoce e l’espressione di una profonda e misteriosa onda di sentimenti religiosi che stava attraversando la nazione.” Ed …
Leggi Tutto

ONORIAMO IL SIGNORE

di Agostino Masdea  –  Malachia – Capitolo 1   –   Malachia significa “angelo” “messaggero”. Probabilmente questo non era il suo vero nome, ma questo era sicuramente il suo compito. Egli era “il messaggero di Dio”. Visse in un periodo particolare: il tempio era stato ricostruito (siamo al tempo di Zaccaria e Aggeo), c’era stato un tempo di risveglio, ma ora  il popolo d’Israele viveva un periodo di crisi spirituale. Crisi …
Leggi Tutto

IL PERICOLO DELL’INSODDISFAZIONE

di AGOSTINO MASDEA  –   Infatti io so che in me, cioè nella mia carne, non abita alcun bene, poiché ben si trova in me la volontà di fare il bene, ma io non trovo il modo di compierlo. Infatti il bene che io voglio, non lo faccio; ma il male che non voglio, quello faccio… O miserabile uomo che sono! Chi mi libererà da questo corpo di morte? Io rendo grazie …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti