CULTI FREQUENTI E VIVI

–   di Roberto Bracco.   –    È triste la vita di quei fedeli i quali, a causa di circostanze particolari, sono costretti a vivere soli, lontani da altri fedeli, privi del conforto che si riceve nella comunione fraterna e nella celebrazione dei culti.

Molto più triste, però, è la vita di quei fedeli che pure non essendo soli, vivono come se lo fossero. Mi riferisco qui a coloro che trascurano la “comune adunanza”. Ma ancora più triste di queste due condizioni è quella di quei fedeli che non sono soli, ma vivono come se lo stare uniti fosse un male e non un bene. Questa è la condizione di tutti quei gruppi che non si curano di celebrare assiduamente dei culti al Signore e di stare raccolti insieme per godere la comunione fraterna.

La loro vita cristiana non è traboccante di allegrezza, perché manca in loro quello che può produrre l’allegrezza. Sono tristi!

Sarebbe facile per loro superare tale condizione, ma non lo fanno. La loro vita cristiana è diventata un vuoto formalismo; celebrano il culto ogni sette o ogni 15 giorni, ed anche quello è pieno di tristezza; vi partecipano infatti perché così esige il dovere, e non perché vogliono rallegrarsi in esso. Quali sono i motivi che possono aver indotto dei cristiani a giungere a tale condizione? Quali sono i motivi che possono aver fatto pensare a dei cristiani che il riunirsi per celebrare il Signore possa essere un male anziché un bene? Molti. I più frequenti sono quelli connessi con le occupazioni e le preoccupazioni della vita. Particolarmente le località di provincia e in quei luoghi ove il lavoro agricolo tiene, nella quasi totalità, vincolate le fratellanze, le preoccupazioni che fanno sentire il loro peso nelle decisioni sono le seguenti:

Questo articolo-esortazione del pastore R. Bracco è stato tratto dal periodico Risveglio Pentecostale del 1947. Nel leggerlo tenere presente il contesto  sociale di quel tempo, quando le comunità pentecostali erano per lo più formate da contadini e da operai. Tuttavia lo ripubblichiamo perchè sebbene oggi il contesto sia alquanto diverso, i concetti dell’articoli rimangono attuali e quindi pensiamo ancora utili per molti credenti.

–  la lontananza dal luogo di riunione delle abitazioni dei fedeli;
– la necessità di essere sempre liberi e indipendenti per poter attendere a lavori
straordinari che immancabilmente si presentano;
– la necessità di utilizzare tutte le ore libere per il riposo.

Queste, e molte altre preoccupazioni, inducono i fedeli alla persuasione che è impossibile, quasi dannoso, organizzare riunioni nei giorni feriali. Questa persuasione, naturalmente, distoglie lo sguardo dal cielo e lo fa posare sulla terra. Ecco perché i giorni passano e i fedeli, invece di progredire nelle vie dello Spirito, si incrostano in quelle della carne, ma, soprattutto, ecco perché ogni giorno diventano più tristi.

Il Signore fornisce allegrezza “a quelli che sono diritti di cuore” e come troviamo scritto nella Bibbia, particolarmente per la comunione fraterna, l’allegrezza riceve alimento dallo Spirito.

Quelli che trascurano la dolcezza delle riunioni cristiane, e in conseguenza deviano dal diritto sentiero del volere divino, non possono essere che tristi. Ogni cristiano, qualunque sia la sua occupazione, dovrebbe tenere al centro della sua vita le cose spirituali per sottoporre tutte le altre all’interesse del fine supremo. Egli non si dovrebbe mai rendere schiavo delle cose che si presentano come necessarie. Egli dovrebbe sempre ricordare le parole di Gesù: “Cercate prima il regno dei cieli...”.

Le riunioni dovrebbero essere frequenti in campagna come in città. Dovrebbero attirare l’interesse dei fedeli della campagna, come quelli della città. Non è sufficiente una riunione settimanale, perciò le lontananze devono essere superate e i lavori compiuti senza esagerata applicazione. Bisogna lavorare quanto è sufficiente per poter riservare il tempo necessario alle riunioni di culto, tenute con regolarità e frequenza. Bisogna anche riservarsi un tempo che offra la possibilità di partecipare alle riunioni con la mente serena e con l’animo forte. Si vedono troppi sonnacchiosi in quelle riunioni di campagna, tenute in ore nelle quali i fedeli non resistono più al sonno. Quelle non sono riunioni di culto: sono riunioni nelle quali si offre poco o nulla e si riceve poco o nulla dalla Sua mano.

Perché essere tristi? Non sarebbe meglio essere desti ed allegri anche se si dovesse assegnare un posto meno importante alle occupazioni materiali? Così facendo si produrrà di meno, ma non importa; la benedizione del Signore è quella che arricchisce. Dove le famiglie fedeli sono numerose, possono essere disposti saggiamente dei turni e, mentre alcuni dei membri accudiscono ai lavori, altri partecipano alla riunione. Possono essere prese cento misure, cento provvedimenti, tutti guidati da Dio, ma il risultato deve essere sempre uno: RIUNIONI FREQUENTI E VIVE.

Perché essere tristi? Perché essere più tristi di quei poveri fratelli che vorrebbero avere le riunioni  e non le hanno, o di quei fratelli vacillanti, che non sono assidui, anzi trascurano le riunioni? Perché?
Fratelli che non realizzate per intero l’allegrezza della comunione fraterna: anche a danno dei vostri interessi materiali, organizzate e sviluppate i programmi delle riunioni nelle vostre chiese. Ricordate: CULTI FREQUENTI E VIVI.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

NON TRASCURARE LA TUA SALVEZZA

Perciò bisogna che ci atteniamo maggiormente alle cose udite, che talora non finiamo fuori strada. Se infatti la parola pronunziata per mezzo degli angeli fu ferma e ogni trasgressione e disubbidienza ricevette una giusta retribuzione, come scamperemo noi, se trascuriamo una così grande salvezza? (Ebrei 2:1-3)  –  di Agostino Masdea  –  Più studio l’epistola agli Ebrei e più me ne innamoro. È un’epistola che esalta Cristo e la sua …
Leggi Tutto

C'È POTENZA NELLA PAROLA DI DIO

di BURKHARD VETSCH –  «Prendete oltre a tutto ciò lo scudo della fede, con il quale potrete spegnere tutti i dardi infocati del maligno. Prendete anche l’elmo della salvezza e la spada dello Spirito, che è la parola di Dio» (Ef. 6,16-17). «Oh, no, mi si incita alla lotta! Ma io non ho un’indole da combattente, voglio armonia e pace! Preferirei una maschera che mi rendesse invisibile al …
Leggi Tutto

STORIA DI UN INNO: ABIDE WITH ME

Henry F. Lyte  ABIDE WITH ME (JESSY DIXON) Henry Francis Lyte  (1793-1847) nacque a Ednam, in Scozia e studiò alla Royal School di Enniskillen e al Trinity College, Dublino, dove conseguì la laurea in teologia.  Nel 1818 accadde qualcosa che nella sua vita ebbe un grande impatto spirituale, e che determinò un radicale cambiamento:  la malattia e la morte di un suo grande amico e fratello, un caro …
Leggi Tutto

I falsi profeti all'opera oggi

  di ROBERT J. WELLS   –  In Matteo 7:15, è scritto: «Guardatevi dai falsi profeti i quali vengono a voi in vesti da pecore, ma dentro sono lupi rapaci».  Ci sono solo due vie lungo le quali gli uomini possono viaggiare: la via larga che conduce alla distruzione e la stretta via che conduce alla vita. Questo affermò Gesù Cristo, il vero profeta di Dio, il quale …
Leggi Tutto

LA STRADA DELLA MATURITÀ

di J. Oswald Sanders  –   Alcuni pensano che lo scopo della chiesa e del nostro impegno di credenti sia l’evangelizzazione, ma io non vedo questo nella Scrittura. Io credo che lo scopo del nostro ministero sia di portare le persone alla maturità in Cristo. Consideriamo Colossesi 1:28, dove Paolo dice: “Noi proclamiamo questo mistero…” in vista di che cosa? “…affinché presentiamo ogni uomo perfetto in Cristo”. “Perfetto” qui …
Leggi Tutto

Non toccate i miei unti...

di ROBERTO BRACCO  –  Non bisogna dimenticare che un ministro, un pastore, rappresentano sempre le persone più notate, più osservate, più conosciute della comunità. Non bisogna dimenticare cioè che essi vengono seguiti da centinaia di occhi e giudicati da un numero più o meno grande di fedeli.  Non c’è un’ora della loro giornata o non c’è una circostanza della loro vita che non cadano sotto l’osservazione di tutti …
Leggi Tutto

Sermone  predicato Domenica 31 Maggio 2015: pastore Agostino Masdea La religiosità ha a che fare con le cose visibili, esteriori. La spiritualità è soprattutto qualcosa che riguarda il cuore.Uno dei più grandi pericoli che deve affrontare il cristiano nel suo cammino di fede verso la ricerca di una vita santa è diventare troppo religioso e poco spirituale. La religiosità può essere spesso scambiata per spiritualità… come distinguere l’una …
Leggi Tutto

SOTTO IL SOLE

di BILLY SUNDAY  –   ″Che profitto ha l’uomo di tutta la fatica che sostiene sotto il sole?″  (Ecclesiaste 1:3)    –   È lo stesso re Salomone a formulare questa domanda e a darle una risposta. Nel modo d’esprimersi contemporaneo, significa più o meno: ″Che bene ricava un uomo da questa vita, se vive solamente per le cose che può dare il mondo?″ Se c’è mai stato qualcuno in …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti