SEGUIRE GESU’

di ROBERTO BRACCO   –   Alcuni episodi, ricordati con dovizia di particolari, trascendono il loro significato storico per esprimere una lezione spirituale. Questo è uno di quelli perché si propone una lezione di dottrina cristiana che possiamo definire fondamentale e cioè:  «Come pervenire alla vita eterna».

Bisogna premettere che «vita eterna» non è sinonimo d’immortalità : tutte le anime sono immortali, ma soltanto quelle che si uniscono a Dio hanno la vita eterna, cioè la pienezza della vita.

L’episodio che ci sta davanti è de-scritto non soltanto in questo Vangelo, ma anche in quelli di Matteo e di Marco e raccogliendo gli elementi integrativi contenuti in questo e in quelli si può tracciare un profilo esauriente del soggetto.

—        Colui che si presenta a Gesù è un giovane.

—        E’ molto ricco.

—        E’ uno dei principali… e in Israele essere uno dei principali voleva dire occupare una posizione di preeminenza tanto nel mondo sociale, amministrativo, quanto in quello religioso.

—        Riconosce in Gesù Colui davanti al quale ci si può inginocchiare ed anche qui s’impone una facile considerazione :

  1. Un Israelita sapeva che questo era permesso soltanto nella presenza di Dio
  2. b) Quindi la frase di Gesù : Perché mi chiami buono? Uno solo è buono, soltanto Dio!
    Può anche significare: Mi hai veramente riconosciuto !

Sappiamo’ bene quanto altre interpretazioni possono essere date alla frase di Gesù, ma neanche questa è esclusa.

—        Riconosce in Gesù colui che gli può indicare in modo preciso la vita eterna. Ma seguiamo l’episodio e cogliamone la lezione.

«Che farò io per ereditare la vita eterna?» Egli sa che c’è la vita eterna e l’esclusione dalla vita eterna; il principio è chiaro al suo cuore e alla sua mente: non lo nega, non lo contesta.

Egli ha il desiderio di possedere la vita eterna; ma già qui viene precisato implicitamente che un desiderio non basta. In fondo qual’è l’uomo che desidera andare all’inferno? Neanche colui che dice di non credere all’inferno vuole andare all’inferno, anzi spesso il suo cinico rifiuto della realtà assomiglia alla folle azione dello struzzo che nasconde la sua testa nella sabbia per non vedere il pericolo, nella convinzione di evitarlo.

Il giovane è un legalista ed è ovvio che lo sia perché è un religioso del suo tempo, e della sua nazione e perciò chiede quello che chiederebbero molti religiosi di oggi ed anche della nostra terra : «CHE FARO’ io per ereditare la vita eterna?»

Ad un legalista, ad un praticante Gesù deve prima di tutto ricordare l’osservanza della legge. Tu sai i comandamenti, ma, cosa che può sembrare strana, Gesù nel citarli omette i primi ; cioè non menziona quei comandamenti che sanciscono i doveri verso Dio e si riferisce soltanto a quelli che regolano i rapporti con il prossimo.

L’omissione non è dimenticanza, non è discriminazione. Gesù apprezza la moralità e la religiosità del giovane che ha fatto tesoro delle norme del decalogo per vivere una vita di rettitudine sociale conforme all’insegnamento divino, ma vuol giungere al fulcro della questione e dichiarare apertamente che per giungere alla vita eterna non basta essere :

Monoteisti, cioè avere un solo Dio, come stabilisce il primo comandamento.

Non basta non essere:

Idolatri, come è ricordato nel secondo comandamento.

Non basta non essere:

Profani, come precisa il divieto del terzo comandamento.

Non basta non essere:

Sacrileghi, come è chiaro nel quarto comandamento, ma bisogna, dopo aver riconosciuto Gesù, come il giovane lo aveva riconosciuto, essere disposti a seguirLo.

Il giovane lo aveva riconosciuto. Molti non lo riconoscono ed anche oggi non pochi vedono in Gesù: Il Filosofo, II Grande Iniziato ; Il Sociologo ; il Martire; Il Taumaturgo.

Ma ci sono quelli che riconoscono in Lui il Figlio di Dio, Dio in carne, il Salvatore… eppure non sono salvati.

In fondo Gesù ha messo in evidenza che:

  1. a) Essere principale non basta;
  2. b) Essere religioso non basta;
  3. c) Aver rispettato i principi morali non basta;
  4. d) Aver desiderio di salvezza non basta;
  5. e) E non basta neanche aver riconosciuto Lui come Colui che può salvare:

La Salvezza è «accettare Gesù, e seguirlo».

A questo punto un altro particolare del piano della Salvezza viene chiarito : «Vendi i tuoi beni, poi ritorna e seguimi».

Non pochi si sono intoppati in questa parola di Gesù che chiariamo subito con raffermare che:

  1. a) La ricchezza da sé stessa non è motivo di perdizione
  2. b) Come la povertà da sé stessa non è motivo di salvezza.

La ricchezza rovina l’uomo quando è ostacolo a seguire Cristo e la povertà benedice l’uomo quando è un mezzo per andare a Cristo.

La ricchezza del giovane era il suo laccio, sostanzialmente il suo «vitello d’oro»; formalmente egli poteva pensare di essere ossequiente a tutta la legge, ma in realtà i primi due comandamenti del decalogo che superficialmente erano rispettati, sostanzialmente erano violati dal rapporto che c’era fra lui e la sua ricchezza: i suoi beni, idolo del suo cuore, erano soprattutto l’ostacolo insormontabile per seguire Gesù. La prova del posto occupato da quei beni, nel cuore del giovane è data dalla sua decisione:

Egli volta le spalle, come tanti, e si allontana turbato.

Tanti hanno fatto e fanno questa decisione:

«Egli è andato in casa sua…» ;

«Questo parlare è duro…».

La decisione del giovane è determinata dal fatto, «perché era molto ricco».

La mole dell’ostacolo è determinante ; se fosse stato solo benestante, forse avrebbe avuto disposizione a farlo. Questo ci dà la misura dei condizionamenti dell’uomo, della sua schiavitù.

Qui potrebbe essere sollevato il quesito : Perché la liberazione non viene direttamente da Gesù? Qui anche la risposta:

Gesù è pronto a liberare, ma l’uomo è libero nella scelta:

—        Di farsi liberare.

—        O di non farsi liberare.

Anzi l’azione, se vogliamo chiamarla così, consiste proprio nell’aprirsi o no a Gesù e qui s’impone un parallelo :

—        Fra un religioso, praticante morale, che s’inginocchia davanti a Gesù;

—        E un peccatore odiato e biasimato, che si limitò a guardare Gesù ora lontano, dal
ramo di un albero.

Parliamo del giovane ricco e di Zaccheo : ambedue in possesso di patrimonio finanziario. Al primo Gesù dice : Vendi ! Al secondo Gesù non dice nulla. Ma, mentre il primo si allontana da Gesù per conservare i suoi beni, il secondo ne dispone la metà per i poveri e forse l’altra metà per riparare le sue precedenti azioni disoneste.

Quale la conclusione:

  1. a) Il primo non si è aperto all’aiuto di Gesù.
  2. b) Il secondo, di fronte al Maestro che è voluto entrare nella sua casa, ha aperto il cuore e la vita.

Ma torniamo al soggetto centrale: Come avere la vita Eterna!

Non è soltanto avere un tesoro nel cielo, ma è essere certi di poter giungere nel cielo.

Questo è possibile soltanto seguendo Gesù : «Poi vieni e seguimi! »

Qui è racchiuso tutto il messaggio del Vangelo espresso in invito «Seguire Gesù», dopo averLo riconosciuto, accettato, seguito.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: IO SONO L’ETERNO CHE TI GUARISCO…
    In Devotional
    di A.B. SIMPSON   –   E’ ragionevole che Dio si aspetti  che  noi confidiamo in Lui per il nostro corpo  così come  per  le nostre  anime. Se la nostra fede non è abbastanza pratica da portarci sollievo temporale, come possiamo essere istruiti a dipendere da Dio per tutto ciò che comporta gravi rischi? Va  bene a parlare di confidare in Dio per la distante e futura prospettiva  della salvezza dopo la morte. Non c’è quasi un peccatore in un paese cristiano che non confida che un giorno sarà  salvato, ma non c’è attaccamento alla fede in questo. E’ solo quando ci troviamo faccia a faccia con le questioni concrete [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • COSA SIGNIFICA VERAMENTE SEGUIRE GESÙ CRISTO?
    di William MacDonald  –  L’essenza del cristianesimo è l’abbandono totale alla signoria di Cristo. Il Signore non cerca uomini e donne che dedichino a Lui le loro serate libere, oppure qualche fine settimana o che aspettino di andare in pensione per mettersi al suo servizio. Egli cerca invece quelli che sono pronti ad offrirgli il primo posto, il posto migliore nella loro vita. La nostra risposta al suo sacrificio sul Calvario non dovrebbe essere inferiore ad una dedizione totale da parte nostra. L’amore di Dio, tanto immenso e profondo può venir soddisfatto soltanto se gli offriamo tutta la nostra anima, tutta la nostra vita ed ogni parte del nostro essere. Gesù si aspettava molto da quelli che erano disposti ad essere suoi discepoli. Le aspettative di Gesù mal si aggiustano con le […]
  • LA LODE PORTA LA VITTORIA
    di Peter Scothem  – Ti senti solo, scoraggiato e impaurito? Allora alza il tuo cuore a lodare il Signore! Sei debole, ammalato e abbattuto? Allora alza la tua voce a lodare il Signore! La lode è il linguaggio della fede. Un cuore che loda è sempre un cuore che crede. La lode è la fede in azione! La lode ravviverà l’anima tua e farà suonare le campane della gioia nel tuo cuore.Sai tu che la mancanza di lode può ritardare un esaudimento delle tue preghiere?Quanti fra i figli di Dio passano delle ore a pregare e a supplicare, e poi vanno a mani vuote, perché hanno mancato di dare la risposta con la lode! La fede vuol dire ringraziare mentre la risposta sta ancora arrivando. La fede vuol dire lodare finché la benedizione di Dio divenga realtà. Paolo e Sila furono […]
  • IMPARATE
    di FILIPPO WILES – Il Cristiano è nato perché impari, è salvato ed arruolato per imparare, quindi non è motivo di meraviglia se al cenno dell’invito di Gesù, troviamo questa parola: imparate. Chi fallisce in questo ha perso lo scopo e il significato della sua chiamata in Cristo. Imparare significa apprendere con lo studio o con la pratica, mandare a memoria. Sembra naturale, è vero, che come cristiani lo stiamo facendo. Ognuno che cammina con Dio, sia egli un Paolo che imparava ad essere contento nello stato in cui si trovava, o un Davide che affermava: “E’ stato un bene l’essere afflitto ond’io imparassi i tuoi statuti”, ne sa qualcosa. Ma stiamo attenti a non illuderci! Il fatto che ci troviamo nella chiesa o in mezzo alle benedizioni non è in sé stesso una garanzia […]
  • Che devo fare?
    di Roberto Bracco  –  La tua chiesa langue a causa dell’indifferenza spirituale e della mondanità? La vanità, la carne e il peccato hanno preso il posto della consacrazione, dello spirito e della santità? La potenza celeste non si muove e non opera come operava anni addietro, gli ammalati non vengono più guariti e i tormentati liberati? Insomma ti accorgi che la tua chiesa si trova sulla strada dello sviamento o sotto l’oppressione della crisi spirituale? Se ti accorgi chiaramente di questa pericolosa situazione, mettiti all’opera. Molti vedono questo spettacolo di miseria spirituale, ma cercano soltanto di mostrarlo agli altri e poi dicono: “che dobbiamo fare?” Aspettano forse che ” tutti ” si mettano all’opera e perché ognuno aspetta […]
  • C’È POTENZA NELLA PAROLA DI DIO
      di BURKHARD VETSCH –  «Prendete oltre a tutto ciò lo scudo della fede, con il quale potrete spegnere tutti i dardi infocati del maligno. Prendete anche l’elmo della salvezza e la spada dello Spirito, che è la parola di Dio» (Ef. 6,16-17). «Oh, no, mi si incita alla lotta! Ma io non ho un’indole da combattente, voglio armonia e pace! Preferirei una maschera che mi rendesse invisibile al male.», pensa il cristiano codardo. Se riesce a fuggire nell’invisibilità, appartiene da subito ai perdenti e agli sconfitti. Nella strategia militare si dice che l’attacco è la migliore difesa. Non è però così per il regno di Dio. Il discepolato di Gesù non ci viene promesso come una via piacevole e tranquilla. Certo, non tutti sono come Davide che affrontò […]
  • SODOMA NON AVEVA LA BIBBIA
    9 Dicembre 2012  –  di Leonard Ravenhill   –   Ho spesso pensato ultimamente ad una frase pronunciata dal noto predicatore Jonathan Edwards, che tanto influsso ha avuto sul risveglio spirituale. Per descrivere la giustizia divina, che è puntata verso il nostro cuore come una freccia aguzza, egli dice: “Tutto ciò che ci meritiamo è un Dio adirato che ci guarda da lontano senza rivelarci nulla e senza aiutarci”. Questa frase mi viene continua mente in mente e mi chiedo: quali doveri dovrebbe avere Dio verso un popolo che riesce a commettere in un solo giorno più peccati di quelli che venivano commessi a Sodoma e Gomorra in un anno intero? Pensiamo inoltre al grande privilegio che abbiamo di sentir predicare l’Evangelo già da molti secoli, mentre invece gli abitanti di Sodoma non […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti