FUI FORESTIERO E MI ACCOGLIESTE  –  Matteo 25:35  

di Roberto Bracco  “Signore, quando ti abbiamo veduto forestiero e ti abbiamo accolto? (vs. 38)   –   La domanda umile e sincera dei giusti ci rivela non soltanto la sorpresa di vedere e udire il Figliuolo dell’uomo sostituire o rappresentare i poveri e i bisognosi beneficati nelle più diverse occasioni e nelle più svariate necessità, ma ci rivela anche la modestia profonda che adorna coloro i quali operano il bene, sospinti veramente dall’ardore della carità.

Sembra quasi di udire la meraviglia dei giusti che esclamano: – Signore, non soltanto ignoravamo di aver prodigato il nostro affetto verso te, ma eravamo proprio ignari di aver compiuto un bene che sarebbe stato ricordato nell’eternità.

I giusti compiono le opere preparate da Dio per loro in una maniera tanto semplice e naturale da non notarla e da non farla notare. Con la stessa inconsapevole spontaneità con la quale respirano, così aprono la mano al povero o le labbra per l’afflitto; l’opera loro non è suggerita da nessun calcolo umano e non è provocata da nessuna finalità terrena.

L’amore è la natura del giusto e le opere sono il risultato concreto dell’amore; egli ama perché lo Spirito Santo ha sparso la carità nel suo cuore ed egli opera perché l’amore non può rimanere infecondo nella vita. I giusti risplenderanno come le stelle nel cielo dell’eternità perché il loro amore e le opere del loro amore non potranno estinguersi. Fuori del tempo e fuori del finito brilleranno della luce di Dio.

Oggi, molti, anche nel seno della cristianità, cercano di brillare e di farsi notare compiendo faticosamente opere benemerite. L’amore del cielo non è la fonte della loro ispirazione e dei loro impulsi perché la loro azione procede soltanto, e questo nel migliore dei casi, da un sentimento vago di benevolenza sociale.

Compiono l’opera e sanno di averla compiuta, e non sodisfatti di ciò si prodigano nel propagandarla con qualsiasi mezzo perché altri lo sappiano, perché tutti ne siano informati. Poveri illusi! L’opera portata a termine viene premiata soltanto, e non sempre, dal plauso umano che si spegne prima dell’opera stessa.

Ma Gesù Cristo ci insegna, con la parola e con l’esempio a vivere l’amore, l’amore puro, l’amore vero, l’amore dei giusti; l’opera dell’amore deve essere per il credente l’effetto spontaneo dell’esperienza interiore della grazia divina: egli deve agire, deve beneficare e deve sollevare semplicemente per assecondare quella potenza divina, quel fuoco celeste che sono stati posti nel suo cuore.

Dio vuol rinnovare la Pentecoste in un’effusione di Spirito Santo che sia un autentico battesimo di amore ma vuole anche che noi usiamo tutto quello che abbiamo ricevuto e realizzato nella semplicità della fede per compiere le opere preparate alla gloria del Suo Nome e per la benedizione dei nostri fratelli.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Una promessa per oggi: Il mio Spirito riposa si di te quando soffri per amor di Cristo.

Se siete vituperati per il nome di Cristo, beati voi, poiché lo Spirito di gloria e lo Spirito di Dio riposa su di voi. (1 Pietro 4:14) La Bibbia dice che coloro che vogliono vivere una vita pia saranno perseguitati. Viviamo in un mondo orfano con valori orfani. Gesù ha detto che se le persone hanno rifiutato Lui, avrebbero rifiutato anche noi. Prima o poi nella nostra vita, tutti …
Leggi Tutto

IL BATTESIMO DELLO SPIRITO SANTO normale esperienza cristiana.

di LEWI PETHRUS   –    «Or gli apostoli ch’erano a Gerusalemme, avendo inteso che la Samaria aveva ricevuto la Parola di Dio, vi mandarono Pietro e Giovanni. I quali, essendo discesi là, pregarono per loro affinché ricevessero lo Spirito Santo; poiché non era ancora disceso sopra alcuno di loro, ma erano stati soltanto battezzati nel nome del Signor Gesù. Allora imposero loro le mani, ed essi ricevettero lo …
Leggi Tutto

GRANDI INNI: "FORTE ROCCA E' IL NOSTRO DIO".

Il 31 ottobre 1517, Martin Lutero affisse le famose  novantacinque tesi alla porta della cattedrale di Wittenberg, Germania. Questa data è stata definita come il “4 Luglio del protestantesimo”. “Forte Rocca è il nostro Dio” è l’inno più potente del movimento della riforma protestante  di Lutero ed è basato sul Salmo 46. Questo inno è diventato il grido di battaglia del popolo, una grande fonte di forza e …
Leggi Tutto

TRASFORMATI TRAMITE L’OPERA DI CRISTO

di  JESSIE PENN LEWIS  –  “Poiché l’amore di Cristo ci costringe, essendo giunti alla conclusione che, se uno è morto per tutti, dunque tutti sono morti; e che egli è morto per tutti, affinché quelli che vivono, non vivano più d’ ora in avanti per sé stessi, ma per colui che è morto ed è risuscitato per loro. Perciò d’ ora in avanti noi non conosciamo nessuno secondo …
Leggi Tutto

Promessa del giorno: La mia armatura vi aiuterà a stare ritti e saldi contro le insidie del nemico.   

Rivestitevi dell’intera armatura di Dio per poter rimanere ritti e saldi contro le insidie del diavolo. Efesi 6:11  –   In Efesi 6, l’apostolo Paolo esorta la chiesa di Efeso ad indossare la completa armatura di Dio, per essere in grado di resistere contro gli attacchi del nemico. È interessante notare che l’armatura non è nostra, ma appartiene a Dio. È la sua armatura. Egli ci ha dato l’elmo della salvezza …
Leggi Tutto

Pastore Elio Marrocco: La Visione

Ospiti: Elio Marrocco, Pastore della  New Life Church Weston Road, Woodbridge, Ontario, e sua moglie Micki. Clicca per ascoltare la predicazione.  “LA VISIONE”. La Visione (Atti 26:19) –   …
Leggi Tutto

QUANDO DIO DISFA' IL TUO NIDO

di  Rex Humbard –  “Come un’aquila incita la sua nidiata, si libra sopra i suoi piccoli, spiega le sue ali, li prende e li porta sulle sue penne, l’Eterno lo guidò da solo, e non c’era con lui alcun dio straniero” (Deut. 32:11,12). E’ facile avere fede quando tutto procede tranquillamente, ma cosa succede quando la strada comincia a farsi difficile? Proprio in questo momento può darsi che …
Leggi Tutto

POTENZA NELLA PREGHIERA

di H. D. Pettit   —    L’Apostolo Giacomo ci meraviglia con la sua dichiarazione, “Voi non avete, perché non domandate” (Giacomo 4:2). Ciò mette in risalto l’importanza della preghiera: soltanto da Dio possiamo ricevere ciò che ci necessita, ciò che aneliamo; dobbiamo sempli­cementechiedere. “Se dimorate in me e le mie parole dimorano in voi, domandate quel che volete e vi sarà fatto”. (Giov. 15:7). La promessa è illimitata; …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti