FUI FORESTIERO E MI ACCOGLIESTE  –  Matteo 25:35  

di Roberto Bracco  “Signore, quando ti abbiamo veduto forestiero e ti abbiamo accolto? (vs. 38)   –   La domanda umile e sincera dei giusti ci rivela non soltanto la sorpresa di vedere e udire il Figliuolo dell’uomo sostituire o rappresentare i poveri e i bisognosi beneficati nelle più diverse occasioni e nelle più svariate necessità, ma ci rivela anche la modestia profonda che adorna coloro i quali operano il bene, sospinti veramente dall’ardore della carità.

Sembra quasi di udire la meraviglia dei giusti che esclamano: – Signore, non soltanto ignoravamo di aver prodigato il nostro affetto verso te, ma eravamo proprio ignari di aver compiuto un bene che sarebbe stato ricordato nell’eternità.

I giusti compiono le opere preparate da Dio per loro in una maniera tanto semplice e naturale da non notarla e da non farla notare. Con la stessa inconsapevole spontaneità con la quale respirano, così aprono la mano al povero o le labbra per l’afflitto; l’opera loro non è suggerita da nessun calcolo umano e non è provocata da nessuna finalità terrena.

L’amore è la natura del giusto e le opere sono il risultato concreto dell’amore; egli ama perché lo Spirito Santo ha sparso la carità nel suo cuore ed egli opera perché l’amore non può rimanere infecondo nella vita. I giusti risplenderanno come le stelle nel cielo dell’eternità perché il loro amore e le opere del loro amore non potranno estinguersi. Fuori del tempo e fuori del finito brilleranno della luce di Dio.

Oggi, molti, anche nel seno della cristianità, cercano di brillare e di farsi notare compiendo faticosamente opere benemerite. L’amore del cielo non è la fonte della loro ispirazione e dei loro impulsi perché la loro azione procede soltanto, e questo nel migliore dei casi, da un sentimento vago di benevolenza sociale.

Compiono l’opera e sanno di averla compiuta, e non sodisfatti di ciò si prodigano nel propagandarla con qualsiasi mezzo perché altri lo sappiano, perché tutti ne siano informati. Poveri illusi! L’opera portata a termine viene premiata soltanto, e non sempre, dal plauso umano che si spegne prima dell’opera stessa.

Ma Gesù Cristo ci insegna, con la parola e con l’esempio a vivere l’amore, l’amore puro, l’amore vero, l’amore dei giusti; l’opera dell’amore deve essere per il credente l’effetto spontaneo dell’esperienza interiore della grazia divina: egli deve agire, deve beneficare e deve sollevare semplicemente per assecondare quella potenza divina, quel fuoco celeste che sono stati posti nel suo cuore.

Dio vuol rinnovare la Pentecoste in un’effusione di Spirito Santo che sia un autentico battesimo di amore ma vuole anche che noi usiamo tutto quello che abbiamo ricevuto e realizzato nella semplicità della fede per compiere le opere preparate alla gloria del Suo Nome e per la benedizione dei nostri fratelli.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Charles Spurgeon: Predicare tra le avversità

di John Piper  –  Charles Haddon Spurgeon morì il 31 gennaio del 1892, all’età di 57 anni. Predicò per 38 anni al “Metropolitan Tabernacle” di Londra. La sua vita è ricchissima d’insegnamenti per i cristiani e specialmente per i pastori. Tutti dobbiamo affrontare le avversità e trovare in mezzo ad esse, il modo di perseverare anche nei momenti più opprimenti della vita. Tutti, allo stesso modo, devono alzarsi, fare …
Leggi Tutto

UNA NUOVA SPERANZA

di Masdea Agostino  –  Ruth 1:1-7 –  i) Il libro di Ruth racconta la storia di due donne, una suocera e una nuora… e sebbene questo tipo di rapporto proverbialmente sembra sia difficile, queste due persone unirono la loro vita in un legame spirituale e di affetto sincero che lasciò un segno profondo nella storia d’Israele e nella storia del popolo di Dio. In questo brevissimo libro si …
Leggi Tutto

UNA PROMESSA PER OGGI: "HO PREPARATO COSE STUPENDE PER COLORO CHE MI AMANO"

1 Corinzi 2: 9 – Ma come sta scritto: “Le cose che occhio non ha visto e che orecchio non ha udito e che non sono salite in cuor d’ uomo, sono quelle che Dio ha preparato per quelli che lo amano”. Quando mia moglie ed io ospitiamo una festa di compleanno o un evento speciale per i nostri cari, un prepariamo e pianifichiamo prima un sacco di …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Niente sarà impossibile per chi ha una fede anche piccola

E Gesù disse loro: «… io vi dico in verità che, se avete fede quanto un granel di senape, direte a questo monte: “Spostati da qui a là”, ed esso si sposterà; e niente vi sarà impossibile. (Matt. 17:20) In questa promessa, Gesù ci dice che, anche se la nostra fede è piccola come un granello di senape, siamo in grado di dire ad una montagna di spostarsi e …
Leggi Tutto

BARRIERE  E SCALE PER IL SUCCESSO DELLA PREGHIERA.

 INTRODUZIONE: Il Dott. George Washington Carver ha affermato: “Non c’è nessuno che debba restare senza guida e direzione nel mezzo delle perplessità di questa vita.” Possiamo affermare chiaramente: ‘Riconoscilo in tutte le Tue vie, e ed Egli appienerà i tuoi sentieri? “Il Dott. Carver’s era abituato al sorgere di ogni giorno, alle quattro di mattina a cercare la guida di Dio per la sua vita. Riguardo alle benedizioni …
Leggi Tutto

DOVE SONO I VERI PROFETI?

di A. W. TOZER  –  Il dono del discernimento profetico è una necessità assoluta del nostro tempo. Un profeta è una persona che conosce l’epoca in cui vive e ciò che Dio sta cercando di dire ai suoi contemporanei.  Ciò che Dio ha da dire alla sua Chiesa, in qualsiasi epoca, dipende dalla condizione morale e spirituale in cui la Chiesa versa nonché dalle necessità spirituali del momento. I …
Leggi Tutto

Come incontrare Gesù

              Sermone di Roberto Bracco – Marco 2:1-12 “Come incontrare Gesù”.  1 Alcuni giorni dopo, egli entrò di nuovo in Capernaum e si venne a sapere che egli si trovava in casa; 2 e subito si radunò tanta gente da non trovare più posto neppure davanti alla porta; ed egli annunziava loro la parola. 3 Allora vennero da lui alcuni a presentargli un paralitico, portato da …
Leggi Tutto

gocceNelTempo

di  ROBERTO BRACCO                                           Questo studio ha, soprattutto, uno scopo: esaminare l’uomo nel suo aspetto di “creatura di Dio”, quindi nel suo aspetto più profondo, più importante. Noi speriamo che questo esame possa rappresentare un raggio, sia pur debole, di luce, per una conoscenza più intera dell’uomo, la …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti