FUI FORESTIERO E MI ACCOGLIESTE  –  Matteo 25:35  

di Roberto Bracco  “Signore, quando ti abbiamo veduto forestiero e ti abbiamo accolto? (vs. 38)   –   La domanda umile e sincera dei giusti ci rivela non soltanto la sorpresa di vedere e udire il Figliuolo dell’uomo sostituire o rappresentare i poveri e i bisognosi beneficati nelle più diverse occasioni e nelle più svariate necessità, ma ci rivela anche la modestia profonda che adorna coloro i quali operano il bene, sospinti veramente dall’ardore della carità.

Sembra quasi di udire la meraviglia dei giusti che esclamano: – Signore, non soltanto ignoravamo di aver prodigato il nostro affetto verso te, ma eravamo proprio ignari di aver compiuto un bene che sarebbe stato ricordato nell’eternità.

I giusti compiono le opere preparate da Dio per loro in una maniera tanto semplice e naturale da non notarla e da non farla notare. Con la stessa inconsapevole spontaneità con la quale respirano, così aprono la mano al povero o le labbra per l’afflitto; l’opera loro non è suggerita da nessun calcolo umano e non è provocata da nessuna finalità terrena.

L’amore è la natura del giusto e le opere sono il risultato concreto dell’amore; egli ama perché lo Spirito Santo ha sparso la carità nel suo cuore ed egli opera perché l’amore non può rimanere infecondo nella vita. I giusti risplenderanno come le stelle nel cielo dell’eternità perché il loro amore e le opere del loro amore non potranno estinguersi. Fuori del tempo e fuori del finito brilleranno della luce di Dio.

Oggi, molti, anche nel seno della cristianità, cercano di brillare e di farsi notare compiendo faticosamente opere benemerite. L’amore del cielo non è la fonte della loro ispirazione e dei loro impulsi perché la loro azione procede soltanto, e questo nel migliore dei casi, da un sentimento vago di benevolenza sociale.

Compiono l’opera e sanno di averla compiuta, e non sodisfatti di ciò si prodigano nel propagandarla con qualsiasi mezzo perché altri lo sappiano, perché tutti ne siano informati. Poveri illusi! L’opera portata a termine viene premiata soltanto, e non sempre, dal plauso umano che si spegne prima dell’opera stessa.

Ma Gesù Cristo ci insegna, con la parola e con l’esempio a vivere l’amore, l’amore puro, l’amore vero, l’amore dei giusti; l’opera dell’amore deve essere per il credente l’effetto spontaneo dell’esperienza interiore della grazia divina: egli deve agire, deve beneficare e deve sollevare semplicemente per assecondare quella potenza divina, quel fuoco celeste che sono stati posti nel suo cuore.

Dio vuol rinnovare la Pentecoste in un’effusione di Spirito Santo che sia un autentico battesimo di amore ma vuole anche che noi usiamo tutto quello che abbiamo ricevuto e realizzato nella semplicità della fede per compiere le opere preparate alla gloria del Suo Nome e per la benedizione dei nostri fratelli.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Ubbidienza più che sacrificio
    In Devotional
    di JR Miller  –  “L’ubbidienza vale più del sacrificio.” (1 Samuele 15:22) – Molte persone danno più peso ai rituali religiosi, che sull’obbedienza pratica. Saranno fedeli sempre presenti nei servizi di chiesa, devoti e riverenti nel culto, eppure nella loro vita quotidiana, essi ignorano i semplici comandamenti di Dio! Riempiono la loro settimana di egoismo, orgoglio, amarezza, e maldicenza, e poi vanno in chiesa la Domenica, con grande mostra di devozione e di impegno nell’adorazione. Ma ciò che Dio desidera prima che la nostra adorazione sia accettevole, è che osserviamo ciò che Egli ci comanda. [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • CHI E’ COSTUI?
    di ROBERTO BRACCO – Coloro che avevano risposto all’appello del Maestro divino, che lo avevano seguito, che erano entrati nelle file dei suoi discepoli, avevano avuta la possibilità più degli altri di vedere le opere, di udire le parole di Cristo. La potenza soprannaturale del Redentore era stata messa in azione davanti a loro attraverso molteplici circostanze ed essi avevano veduto miracoli, guarigioni, liberazioni. Erano passati di meraviglia in meraviglia e le esperienze compiute erano state esperienze sempre nuove, sempre più grandi. Eppure di fronte all’autorità che Gesù esercita, non sopra un corpo ammalato, o sopra un’anima inferma, ma addirittura sopra gli elementi della natura, essi si sentono sopraffatti dalla grandezza della sua personalità ed esclamano: […]
  • Giovedì 3 Maggio 2012 – Pastore Elio Marrocco
    Ospiti: Elio Marrocco, Pastore della  New Life Church Weston Road, Woodbridge, Ontario, e sua moglie Micki. Clicca per ascoltare la predicazione.  “LA VISIONE”. La Visione (Atti 26:19) –   […]
  • Storie di grandi inni: “COME, THOU FOUNT OF EVERY BLESSING,”
    Forse tutti gli inni sono in una certa misura autobiografici, nel senso che rivelano qualcosa dell’esperienza spirituale dell’autore. In alcuni inni, il filo autobiografico è più forte e più marcato. Come nel caso di questo inno battista scritto da Robert Robinson (1735-1790), che mentre era un apprendista barbiere, fu fortemente influenzato dalla predicazione di George Whitefield. In particolare una frase dell’ultima strofa, “incline a vagare, Signore, mi sento incline ad allontanarmi dall’Iddio che amo”, si pensa sia particolarmente autobiografica, e si riferisce all’adolescenza di Robinson, quando sua madre lo ha mandò a Londra per diventare apprendista barbiere. Fu durante questo periodo che egli si associò ad una famigerata banda di teppisti e visse una […]
  • Una promessa per oggi: Il mio amore per te durerà per sempre
    Da tempi lontani il SIGNORE mi è apparso. “Sì, io ti amo di un amore eterno; perciò ti prolungo la mia bontà. Geremia 31:3 Che cosa significa che Dio ci ama con un amore eterno? Un mio caro amico una volta mi disse che essere amato di un amore eterno significa che non c’è mai stato un momento in tutta l’eternità in cui non sono stato amato. Ero amato prima della fondazione del mondo (Efesini 1: 3-6), ero amato mentre venivo formato nel seno di mia madre (Salmo 139: 13), e sono stato amato dal giorno in cui sono nato. (Salmo 71: 6). Gesù portò la rivelazione dell’amore eterno del Padre nel profondo del suo essere. Non c’era assolutamente alcun dubbio che Egli potesse non sapere che Suo padre lo aveva sempre amato. In Giovanni 17:24, nella sua preghiera […]
  • LA SHEKINAH MANCANTE
    “Shekinah”: parola ebraica che descrive la nuvola scintillante che aleggiava sul coperchio dell’arca, simbolo ed espressione della gloria di Dio.  di A. W. TOZER  –  Viviamo in giorni nei quali l’opera del Signore è portata avanti da personalità brillanti secondo i metodi del mondo dell’intrattenimento e dello spettacolo. Come è importante perciò considerare il consiglio di uomini di Dio sinceri e umili, che tengono ascosta la loro personalità e mettono l’enfasi sull’opera interiore dello Spirito Santo. E’ nostra convinzione che il movimento evangelico continuerà a deviare sempre di più dagli standard del Nuovo Testamento a meno che coloro che hanno la responsabilità di guidare il movimento non passino dalla condizione di protagonismo e promozione personale alla condizione di […]
  • Promessa per oggi: NON ESSERE TRISTE, PERCHÉ LA MIA GIOIA È LA TUA FORZA.
    Poi Neemia disse loro: «Andate, mangiate cibi grassi e bevete bevande dolci, e mandate delle porzioni a quelli che non hanno preparato nulla per loro; perché questo giorno è consacrato al nostro Signore; non siate tristi; perché la gioia del SIGNORE è la vostra forza». Neemia 8:10 In questo brano della Scrittura, Israele era riunito per ascoltare la Parola di Dio. Sembra fosse un momento molto intenso e tutte le persone piangevano per la solennità di quell’assemblea. Senza dubbio rimasero sorpresi quando sentirono l’incoraggiamento del Signore che diceva loro di non essere tristi, ma contare sulla gioia del Signore per trovare la loro vera forza. La parola “forza” in questo contesto significa un luogo fortificato, come un forte, una rocca, una fortezza. Pensaci per un attimo… la […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti