HO FINITO LA CORSA…

di Agostino Masdea   –  Messaggio predicato il 9 Novembre 2000 in occasione del funerale della sorella Anna Bracco, moglie del pastore Roberto Bracco, fondatore della nostra comunità.

i) Vogliamo in questo giorno particolare benedire il Signore e siamo qui per dare il nostro ” arrivederci ” alla nostra cara sorella. Vogliamo anche  manifestare il nostro affetto e il nostro sentimento cristiano ai figli, ai parenti tutti. Le nostre parole risultano sempre insufficienti in queste circostanze, ma  la parola di Dio è sorgente di benedizioni in ogni circostanza; fonte di consolazione e conforto in momenti di dolore e di distacco, necessità dell’anima nostra per ogni giorno di vita che il Signore ci concede.

Apocalisse 14:13 “Poi udii dal cielo una voce che mi diceva: “Scrivi: Beati i morti che d’ora in avanti muoiono nel Signore; sì, dice lo Spirito, affinché si riposino dalle loro fatiche, perché le loro opere li seguono”

LA SORELLA ANNA.

– Il passo che abbiamo letto ci illumina sulla sua condizione attuale: BEATI I MORTI…

– Per l’uomo religioso, abituato ad una liturgia arida e vuota, questa parola suscita l’immagine estatica di una statua religiosa. Per i figli di Dio queste parole ricordano che c’è uno stato di ” PERFETTA FELICITÀ ” che viene gradualmente raggiunto ma mano che ci avviciniamo al Signore. (beati i poveri in Spirito… i mansueti… gli affamati… i puri di cuore; (Matteo 5: 1-11)

Realtà presenti (felicità relativa); realtà future (felicità perfetta)

– Questo è il processo che abbiamo verificato nella vita dei santi che ci hanno preceduto nella gloria; e anche per la nostra sorella  possiamo dire la stessa cosa.

– Particolarmente per questi ultimi tempi: la beatitudine cresceva… era evidente sul suo volto, e nonostante la sofferenza fisica la sorella Anna ha dimostrato un grande vigore spirituale fino all’ultimo giorno della sua vita terrena.

-Questo perché nonostante le difficoltà, le prove, le sofferenze che affrontiamo, noi siamo felici nella misura in cui ci avviciniamo a Dio.

MORIRE NEL SIGNORE;

– Non è possibile morire nel Signore senza ” VIVERE ” nel Signore. La sorella e morta ” nel ” signore, perché ha vissuto nel Signore.

– Ci sono a volte delle eccezioni: il ladrone sulla croce, tanti cari che hanno accettato solo in punto di morte il Signore… ma l’eccezione conferma la regola: Paolo poteva dire “ho combattuto il buon combattimento… ho finito la corsa… ho serbato la fede,”  perché aveva potuto dire prima “non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me.”

– Il valore di un atleta si giudica solo dal risultato finale. Quando TRIONFA non si ricordano che le cose positive e buone. Forse ha commesso degli errori, ma tutti vedono la gloria del trionfo. (2 Corinzi 2:14) TUTTI APPLAUDONO alla vittoria.

– Giudicare, a volte impietosamente, durante la gara non è saggio. Per uno spettatore si, ma non per uno che vive le stesse sofferenze e gli stessi travagli che portano alla vittoria. .
Non è facile condividere i travagli, le sofferenze, le ingiustizie, i combattimenti, le ansie, le persecuzioni, di un pastore.

– La sorella Anna ha sposato un uomo di Dio. Un uomo di Dio che ha sofferto tanto e lavorato tanto per l’opera di Dio.

– Quando la sofferenza viene dal mondo (Matteo 5:11) e diversa da quando viene dal giudizio dei fratelli, dall’incomprensione, da battaglie che potrebbero essere evitate se esercitassimo il nostro cristianesimo in maniera simile a quella del Maestro.

– Siamo stati ” insegnato ad amarci… ” questo è il testamento spirituale che abbiamo ricevuto dal fratello Bracco.

– Amiamoci fratelli, questo ci porterà ad evitare sofferenza gli uni agli altri perché se dobbiamo soffrire è meglio che ciò avvenga a causa del vangelo.

-La sorella ha ” sposato ” un uomo di Dio; ci sono tappe fondamentali nella nostra vita, una di queste è il matrimonio. Se avesse sposato un industriale, un grande medico… un politico, la sua vita sarebbe stata completamente diversa. Ma a fianco di un uomo di Dio è vero… si passa per le stesse sofferenze, ma si gode anche per il frutto meraviglioso che si porta alla gloria del Signore. In quante piazze, strade, locali, è stato annunciato il regno di Dio e la sorella ha testimoniato, insieme al marito, dell’opera di salvezza esperimentata in Cristo.

– Noi riconosciamo che dobbiamo onorare prima di tutto il Signore, ma anche i servitori di Dio come dice la parola sono degni di onore. La nostra presenza qui oggi ci fa ricordare l’opera spirituale che la sorella Anna insieme a suo marito hanno fatto per il Signore. Oggi abbiamo la gioia di poter dire: hanno tagliato il traguardo con fedeltà, hanno ricevuto la corona dalle mani di Gesù.

– D’altronde un uomo di Dio si ricorda non per ciò che ha fatto o costruito e che poi finisce insieme a lui nella tomba,  ma per ciò che rimane della sua opera e del suo ministero.

-La sorella era contenta, in questi ultimi tempi, di vedere che quel glorioso ministerio ancora porta frutto… attraverso il sito in Internet, dove abbiamo pubblicato articoli, libri e messaggi del pastore R. Bracco, riceviamo numerose email di incoraggiamento e di ringraziamento da chi ha apprezzato e amato questo uomo di Dio che… benché morto parla ancora.

CONCLUSIONE:  Vogliamo dire ” arrivederci sorella Anna ” ci vedremo in quella grande folla; dove non c’è più dolore e sofferenza, dove la battaglia sarà finita, non più incomprensioni e delusioni, non più funerali, non più divisioni e separazioni. Canteremo insieme ancora e canteremo il canto dell’Agnello, ceneremo alla Sua mensa, e grideremo con voce potente insieme: ” la salvezza appartiene al nostro Dio che siede sul trono e all’Agnello.”

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Uganda: il padre di un martire racconta il proprio cammino di fede

UGANDA  –   William Masolo, padre di Francis Namokubalu (un credente ex-musulmano ucciso a causa della sua fede), ci testimonia del risultato della campagna di lettere organizzata da Porte Aperte, che ha permesso alla sua famiglia di rimanere salda e unita nonostante la perdita del figlio. William ha inoltre condiviso con noi il suo personale cammino di fede. La storia della conversione di William risale agli inizi degli …
Leggi Tutto

IL SERPENTE DI RAME

«E, come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che il Figlio dell’uomo sia innalzato, affinché chiunque crede in lui abbia vita eterna. Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo …
Leggi Tutto

Predicazione Domenica 22 Settembre 2013

Pastore AGOSTINO MASDEA “Egli ha dato…”  –  Giovanni 1:12 …
Leggi Tutto

Essere ripieni  di Spirito Santo

di  Zac Poonen  –   Ho visto un cartone animato, una volta che mostrava i discepoli nell’alto solaio che aspettavano di essere pieni di Spirito Santo (Atti 1:12-14). (Oggi sappiamo che hanno aspettato dieci giorni, ma in quel momento, nessuno di loro sapeva per quanto tempo avrebbero dovuto attendere.) Al nono giorno, uno di loro uscì e se ne andò a casa dicendo che era stanco di aspettare …
Leggi Tutto

Perché c'è la chiesa

by Kenneth D. Barney 1. C’è la chiesa perché Gesù disse: “lo edificherò la mia chiesa” (Matteo 16:18). Gesù visse su questa terra per 33 anni; solo gli ultimi anni vennero dedicati al ministerio pubblico. Prima di abbandonare la terra Egli disse che stava andando ad edificare la Sua Chiesa, ed incominciò con i suoi discepoli. Il loro numero fu molto. ampliato nel giorno della Pentecoste la Chiesa …
Leggi Tutto

COSA SIGNIFICA VERAMENTE SEGUIRE GESÙ CRISTO?

di William MacDonald  –  L’essenza del cristianesimo è l’abbandono totale alla signoria di Cristo. Il Signore non cerca uomini e donne che dedichino a Lui le loro serate libere, oppure qualche fine settimana o che aspettino di andare in pensione per mettersi al suo servizio. Egli cerca invece quelli che sono pronti ad offrirgli il primo posto, il posto migliore nella loro vita. La nostra risposta al suo sacrificio …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

LA FEDE

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  -  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte... per ...
Leggi Tutto
Calvario

Calvario

di John Charles Ryle  -  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non ...
Leggi Tutto
La tua parola mi ristora

La tua parola mi ristora

di N.A. WOYCHUK  -  Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomi­ni, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere ...
Leggi Tutto
LA PACE E’ POSSIBILE!

LA PACE E’ POSSIBILE!

di J. F. Walvoord   -  Desideriamo la pace nel mondo.  Ai nostri giorni sono pochi i quesiti che ci inducono a meditare, certamente non tanto quanto la domanda: E’ ...
Leggi Tutto
CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

«Il calice della benedizione che benediciamo, non è la comunione col sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è la comunione col corpo di Cristo? Siccome vi è ...
Leggi Tutto
L'UNICA VIA

L’UNICA VIA

di OSWALD J. SMITH - Un banchiere ed un industriale sedevano l'uno di fronte all'altro negli uffici della banca. L'industriale parlava molto animatamente, quando all'improvviso l'altro interruppe. "Ridicolo! Assurdo! Pazzesco!" esclamò l'orgoglioso ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti