HO FINITO LA CORSA…

di Agostino Masdea   –  Messaggio predicato il 9 Novembre 2000 in occasione del funerale della sorella Anna Bracco, moglie del pastore Roberto Bracco, fondatore della nostra comunità.

i) Vogliamo in questo giorno particolare benedire il Signore e siamo qui per dare il nostro ” arrivederci ” alla nostra cara sorella. Vogliamo anche  manifestare il nostro affetto e il nostro sentimento cristiano ai figli, ai parenti tutti. Le nostre parole risultano sempre insufficienti in queste circostanze, ma  la parola di Dio è sorgente di benedizioni in ogni circostanza; fonte di consolazione e conforto in momenti di dolore e di distacco, necessità dell’anima nostra per ogni giorno di vita che il Signore ci concede.

Apocalisse 14:13 “Poi udii dal cielo una voce che mi diceva: “Scrivi: Beati i morti che d’ora in avanti muoiono nel Signore; sì, dice lo Spirito, affinché si riposino dalle loro fatiche, perché le loro opere li seguono”

LA SORELLA ANNA.

– Il passo che abbiamo letto ci illumina sulla sua condizione attuale: BEATI I MORTI…

– Per l’uomo religioso, abituato ad una liturgia arida e vuota, questa parola suscita l’immagine estatica di una statua religiosa. Per i figli di Dio queste parole ricordano che c’è uno stato di ” PERFETTA FELICITÀ ” che viene gradualmente raggiunto ma mano che ci avviciniamo al Signore. (beati i poveri in Spirito… i mansueti… gli affamati… i puri di cuore; (Matteo 5: 1-11)

Realtà presenti (felicità relativa); realtà future (felicità perfetta)

– Questo è il processo che abbiamo verificato nella vita dei santi che ci hanno preceduto nella gloria; e anche per la nostra sorella  possiamo dire la stessa cosa.

– Particolarmente per questi ultimi tempi: la beatitudine cresceva… era evidente sul suo volto, e nonostante la sofferenza fisica la sorella Anna ha dimostrato un grande vigore spirituale fino all’ultimo giorno della sua vita terrena.

-Questo perché nonostante le difficoltà, le prove, le sofferenze che affrontiamo, noi siamo felici nella misura in cui ci avviciniamo a Dio.

MORIRE NEL SIGNORE;

– Non è possibile morire nel Signore senza ” VIVERE ” nel Signore. La sorella e morta ” nel ” signore, perché ha vissuto nel Signore.

– Ci sono a volte delle eccezioni: il ladrone sulla croce, tanti cari che hanno accettato solo in punto di morte il Signore… ma l’eccezione conferma la regola: Paolo poteva dire “ho combattuto il buon combattimento… ho finito la corsa… ho serbato la fede,”  perché aveva potuto dire prima “non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me.”

– Il valore di un atleta si giudica solo dal risultato finale. Quando TRIONFA non si ricordano che le cose positive e buone. Forse ha commesso degli errori, ma tutti vedono la gloria del trionfo. (2 Corinzi 2:14) TUTTI APPLAUDONO alla vittoria.

– Giudicare, a volte impietosamente, durante la gara non è saggio. Per uno spettatore si, ma non per uno che vive le stesse sofferenze e gli stessi travagli che portano alla vittoria. .
Non è facile condividere i travagli, le sofferenze, le ingiustizie, i combattimenti, le ansie, le persecuzioni, di un pastore.

– La sorella Anna ha sposato un uomo di Dio. Un uomo di Dio che ha sofferto tanto e lavorato tanto per l’opera di Dio.

– Quando la sofferenza viene dal mondo (Matteo 5:11) e diversa da quando viene dal giudizio dei fratelli, dall’incomprensione, da battaglie che potrebbero essere evitate se esercitassimo il nostro cristianesimo in maniera simile a quella del Maestro.

– Siamo stati ” insegnato ad amarci… ” questo è il testamento spirituale che abbiamo ricevuto dal fratello Bracco.

– Amiamoci fratelli, questo ci porterà ad evitare sofferenza gli uni agli altri perché se dobbiamo soffrire è meglio che ciò avvenga a causa del vangelo.

-La sorella ha ” sposato ” un uomo di Dio; ci sono tappe fondamentali nella nostra vita, una di queste è il matrimonio. Se avesse sposato un industriale, un grande medico… un politico, la sua vita sarebbe stata completamente diversa. Ma a fianco di un uomo di Dio è vero… si passa per le stesse sofferenze, ma si gode anche per il frutto meraviglioso che si porta alla gloria del Signore. In quante piazze, strade, locali, è stato annunciato il regno di Dio e la sorella ha testimoniato, insieme al marito, dell’opera di salvezza esperimentata in Cristo.

– Noi riconosciamo che dobbiamo onorare prima di tutto il Signore, ma anche i servitori di Dio come dice la parola sono degni di onore. La nostra presenza qui oggi ci fa ricordare l’opera spirituale che la sorella Anna insieme a suo marito hanno fatto per il Signore. Oggi abbiamo la gioia di poter dire: hanno tagliato il traguardo con fedeltà, hanno ricevuto la corona dalle mani di Gesù.

– D’altronde un uomo di Dio si ricorda non per ciò che ha fatto o costruito e che poi finisce insieme a lui nella tomba,  ma per ciò che rimane della sua opera e del suo ministero.

-La sorella era contenta, in questi ultimi tempi, di vedere che quel glorioso ministerio ancora porta frutto… attraverso il sito in Internet, dove abbiamo pubblicato articoli, libri e messaggi del pastore R. Bracco, riceviamo numerose email di incoraggiamento e di ringraziamento da chi ha apprezzato e amato questo uomo di Dio che… benché morto parla ancora.

CONCLUSIONE:  Vogliamo dire ” arrivederci sorella Anna ” ci vedremo in quella grande folla; dove non c’è più dolore e sofferenza, dove la battaglia sarà finita, non più incomprensioni e delusioni, non più funerali, non più divisioni e separazioni. Canteremo insieme ancora e canteremo il canto dell’Agnello, ceneremo alla Sua mensa, e grideremo con voce potente insieme: ” la salvezza appartiene al nostro Dio che siede sul trono e all’Agnello.”

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

PECCATORI NELLE MANI DI UN DIO ADIRATO

di Jonathan Edwards . –  Jonathan Edwards nacque nel 1703 e morì nel 1758. Questo sermone fu predicato nel pomeriggio dell’ 8 luglio 1741 ad Enfield, nel Connecticut. I fuochi del risveglio erano iniziati in tutta l’area della nuova Inghilterra mediante il ministero di George Whitefield, ma Enfield, la comunità più malvagia di tutte, non era stata raggiunta. Un servizio speciale era stato convocato da un gruppo di ministri …
Leggi Tutto

DAI SERMONI DI ROBERTO BRACCO

SCEGLIETE OGGI CHI VOLETE SERVIRE  (Giosuè 24) …
Leggi Tutto

Perché c'è la chiesa

by Kenneth D. Barney 1. C’è la chiesa perché Gesù disse: “lo edificherò la mia chiesa” (Matteo 16:18). Gesù visse su questa terra per 33 anni; solo gli ultimi anni vennero dedicati al ministerio pubblico. Prima di abbandonare la terra Egli disse che stava andando ad edificare la Sua Chiesa, ed incominciò con i suoi discepoli. Il loro numero fu molto. ampliato nel giorno della Pentecoste la Chiesa …
Leggi Tutto

Cristo nostra Roccia

di  Theodore Epp –  Leggere Numeri 20:1-13, 22-29  –   La roccia menzionata in Esodo 17 profetizza di Cristo, che molti anni dopo sarebbe andato a morire sulla croce. La roccia di Numeri 20, invece, profetizza l’ascesa di Cristo, il quale, adesso intercede per noi credenti presso il Padre.  La significante differenza tra le due rocce, quella in Esodo 17 e Numeri 20, è anche specificata da due diverse …
Leggi Tutto

CULTI FREQUENTI E VIVI

–   di Roberto Bracco.   –    È triste la vita di quei fedeli i quali, a causa di circostanze particolari, sono costretti a vivere soli, lontani da altri fedeli, privi del conforto che si riceve nella comunione fraterna e nella celebrazione dei culti. Molto più triste, però, è la vita di quei fedeli che pure non essendo soli, vivono come se lo fossero. Mi riferisco qui a coloro che trascurano …
Leggi Tutto

GLI OCCHI DEL CUORE

di Jim Cymbala  –  (Pastore della Chiesa Brooklyn Tabernacle – New York)  –  E’ più probabile che si trovi un neo credente nelle montagne del Perù che capisca della Bibbia  più di un teologo con un dottorato di ricerca. Infatti, quel Peruviano privo di istruzione non solo potrebbe saperne di più della Bibbia, ma potrebbe anche conoscere il Signore in un modo che lo studente Greco o Ebreo ignorano. Ricorda, …
Leggi Tutto

Noi sappiamo...Se sapete queste cose, siete beati se le fate... (Giovanni 13:17)

Noi siamo fra coloro che vogliono essere ignoranti. Chiudiamo gli occhi per non vedere e serriamo le orecchie per non udire. Non è vero che non conosciamo, non è vero che siamo privi di rivelazione. La volontà di Dio ci è stata rivelata e noi sappiamo quello che dobbiamo fare, ma cerchiamo di dimenticare quello che sappiamo e di ignorare quello che conosciamo. La povertà spirituale che ci …
Leggi Tutto

IL RE RITORNA

di Agostino Masdea   –  «Quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, allora sappiate che la sua devastazione è vicina. Allora quelli che sono in Giudea, fuggano sui monti; e quelli che sono in città, se ne allontanino; e quelli che sono nella campagna non entrino nella città. Perché quelli sono giorni di vendetta, affinché si adempia tutto quello che è stato scritto…. Vi saranno segni nel sole, nella luna …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti