Amare il prossimo.

di Agostino Masdea  –  “E chi è il mio prossimo?” (Luca 10:27-29)  i) – Prossimo: dall’ebraico”rea” colui che è vicino, col quale stai trattando. Dal greco ” plesion”  –  avvicinarsi.

a) Prima di Gesù, anche nel v. T., ” prossimo ” e un termine riservato ai “connazionali” ai “parenti” agli amici e ai compagni. Al massimo il termine si estende allo straniero che dimora in terra di Israele; ma il “detto” conosciuto da tutti era: ” ama il tuo prossimo… e odia il tuo nemico ” (Matteo 5:43)

b) La legge non diceva questo (Levitico 19:18) ; 

c) – Dall’esilio in poi si manifestano due tendenze: una farisaica, chiusa, che restringe la cerchia del prossimo, (ama solo quelli che ti amano, saluta solo i tuoi fratelli) l’altra invece, con la versione dei 70 che introduce con il greco, il termine “plesion” il prossimo diventano “gli altri”, siano o no fratelli. 

d) Ma è con Gesù… che il termine ” prossimo ” si estende a TUTTI gli uomini, senza distinzione di religione o di cultura o di razza. Tutti devono essere ” amati “… ” Ma io vi dico: ” amate, benedite, pregate… Così nella parabola del buon samaritano il prossimo diventa chiunque ha bisogno di aiuto.

Allora ecco lo scriba domandare con malizia: ” CHI È IL MIO PROSSIMO? “

1. Non stabiliamo noi, o non scegliamo chi è il nostro prossimo, ma chiunque ha bisogno d’aiuto diventa tale.

2. Così l’amore si manifesta nei confronti di chiunque Dio mette sulla nostra strada.

3. Amore che deve essere prima manifestato più che richiesto. (il versetto 37 ci dice che il samaritano ebbe compassione di Lui.)
Si puo dare senza amare, ma non si può amare senza dare…

4. Gesù, il vero buon samaritano, prova questo profondo amore: “avere compassione” e si pone come maestro ed esempio davanti a noi…

5. Così nel N. T. i due comandamenti diventano uno: cade così ogni pretesa legittima di considerare se stessi “benefattori” ma è Cristo che può darci quel tipo di amore che noi poi possiamo dare agli altri. Noi non siamo capaci di amare di quel vero amore, ma egli supplisce a questa carenza e ci viene incontro mostrandoci il Suo amore…

La parabola del buon samaritano ci dimostra che ci sono diversi tipi di persone:

1.- coloro che “parlano” di amore, di compassione…. (lo scriba)

2. – coloro che prendono amore, che pretendono misericordia e compassione… coloro che ricevono sempre e non danno mai…

3.-coloro che dovrebbero mostrare l’amore, gli addetti ai lavori... il sacerdote, il levita, che  guardano, giudicano, ma passano avanti trovando solo scuse…  (se andresti a lavorare… se spendessi meglio i tuoi soldi… se fossi più attento… se avessi tempo… forse qualcuno più capace di me potrà farlo… )

4.-infine coloro che agiscono, amando e avendo compassione, per il regno di Dio, amano le anime dei peccatori, sono pronti al “sacrificio” (come il buon samaritano) per l’opera di salvezza…

DOV’E’ IL TUO PROSSIMO?

1. Dove è il tuo prossimo ? forse più prossimo, più vicino, di quanto tu possa pensare.. Guardati intorno è il Signore che mostrerà chi ha bisogno di aiuto. Vai e fa il somigliante…

2. L’omissione di soccorso, è un reato per la legge italiana: lo è ancora di più per la legge divina.

3. Abbiamo bisogno di quella compassione che:

a) Dio provò per gli Ebrei in Egitto (Esodo 2:25)

b) Gesù provò quando sceso dalla barca vide la folla:

Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, predicando il vangelo del regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità. Vedendo le folle, ne ebbe compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore.

d) Gesù che vide quei due ciechi, ne ebbe compassione e li guarì…

e) Gesù che vede la vedova di Nain…

f) Il Buon Samaritano provò per quel viandante…

Se siamo deboli e inefficaci nell’opera, è perché siamo deboli nella ” compassione “.

– La santità non è tale senza l’amore (1 Corinti 13)

– I carismi sono nulla senza la carità. (1 Corinzi 13)

  • E’ sorprendente che un samaritano ignorante sappia agire più cristianamente di un religioso sapiente.
  • Ma noi non saremo giudicati da Dio per la dottrina, ma per la vita che abbiamo vissuto.

– Efesi 5:2 camminate nell’amore… e sappiamo che “camminare” è inteso nel senso di praticare, vivere.

Galati 5:22-il frutto dello Spirito è amore… c’è potenza nell’amore; è come dinamite pura…

1. – Amare è una scelta… (quindi più che solo un sentimento)

a) Vuol dire che io scelgo chi e come amare…. e non solo se mi sento di farlo. Quindi è implicata la volontà.

b) Amare vuol dire agire (1 Giovanni 3:18)

c) La mistificazione più grande del cristianesimo e dire di essere cristiani ma poi non avere l’amore per le persone, cioè per il prossimo.

2 – Il metodo di Dio per insegnaci l’amore è mettere sulla nostra strada persone difficili e strane, maleducate, insensibili, acide…. e poi Dio dice: Amala!

PER POTER AMARE IL PROSSIMO:

1. – Dobbiamo esperimentare profondamente l’amore di Dio (Efesi 3:17-18)

a) Io voglio amare ciò che Dio ama… voglio odiare ciò che lui odia.

b) Le persone che non ricevono amore sono quelle che non sanno amare…

2.- Avere pensieri di affetto verso ogni persona.

Questo è possibile se:

a) Non ci focalizziamo sui difetti ma sui bisogni, perché l’amore copre moltitudine di peccati.

b) Non guardiamo alla qualità delle persone (ricche, simpatiche, meritevoli…) ma abbiamo sempre con noi olio, vino e bende per fasciare e curare le ferite…..

3. –  Agire, operare verso tutti con amore.

a) Non importa quello che “senti “. Se agisci e cammini nell’amore, Dio cambierà i tuoi sentimenti.

b) nNn sei ipocrita se agisci senza “sentirlo” ma lo sei se dici di essere cristiano e non ami…

c) Questo ci porta ad essere strumenti nelle mani di Dio sempre disponibili ad essere usati da colui che ci da il Suo amore da dare agli altri.

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

NON ERANO CHE DEI RAGAZZI

Uno studente dell’Università Yale (Usa), un giorno, intraprese una strenua difesa a favore dell’opera delle missioni al punto che fu espulso dalla sua scuola. Questo giovane si chiamava David Brainerd, grande missionario  e  pioniere  tra  i  Pellirossa.  Il suo diario, pubblicato dopo la sua morte, andò nelle mani di un calzolaio inglese: William Carey, che divenne una “colonna di fuoco”. Dio si usò di lui in India dove …
Leggi Tutto

E mi sarete testimoni. (Atti 1:8)

di Agostino Masdea  –   Viviamo in una nazione che si definisce cristiana. Le persone si sentono cristiani per il semplice fatto che vivono in questa nazione, o forse perché  frequentano una chiesa, o hanno una solida tradizione familiare religiosa. Ma tutto questo non è sufficiente per essere “veramente” un cristiano. Si può conoscere persino la Scrittura, la teologia, la dottrina eppure non essere cristiani, o almeno non esserlo in …
Leggi Tutto

PREGHIERA DI UN SERVITORE MINORE

 di A. W. TOZER – Questa è la preghiera di un uomo chiamato ad essere testimone alle Nazioni, questo  ci che egli disse al Signore il giorno in cui fu ordinato. Dopo che gli anziani e i ministri ebbero pregato ed imposto le mani su di lui, egli si ritirò per incontrare il suo Signore in un posto segreto e silenzioso, lontano anche dai suoi fratelli, e disse: …
Leggi Tutto

Grandi Inni: "Because He lives" (Perch'Egli vive)

BILL & GLORIA GAITHER BECAUSE HE LIVES (con testo e traduzione) Senza dubbio alcuno non c’è sulla faccia della terra un fan della Southern Gospel Music che non ha sentito almeno una canzone scritta da Bill e Gloria Gaither. Milioni di americani e di altre nazioni nel mondo cominciano ad amare il Southern Gospel, e la maggior parte di loro può citare una o più canzoni dei Gaithers …
Leggi Tutto

DIARIO DI UN VIAGGIO IN ANGOLA

di Agostino Masdea.  Una delegazione dell’A.M.E.N, Agenzia Missionaria Evangelo per le Nazioni, si è recata in Angola per inaugurare, nel centro Beniamino di Funda, nella provincia di Cacuaco, un panificio (“padaria” in portoghese), che consentirà la produzione di pane per I bambini e i ragazzi della scuola del centro. La delegazione era composta da alcuni pastori, membri del consiglio nazionale dell’AMEN, tra cui il presidente Remo Cristallo, il …
Leggi Tutto

EMOZIONI ARTIFICIALI

Qualche tempo fa un amico che guida la musica nella sua chiesa mi ha detto che il suo pastore chiedeva che le loro riunioni di culto fossero più emozionanti. Il dizionario dice che emozionante significa “che causa grande entusiasmo e fervore.” Certamente, nessuna cosa dovrebbe causare maggiore entusiasmo e fervore del fatto di incontrarsi con la chiesa e raccontare ciò che Dio ha fatto per salvarci dalla sua ira …
Leggi Tutto

II battesimo nello Spirito Santo.

di DAVID PETTS     –    Il battesimo nello Spirito Santo è l’adempimento di una promessa fatta dal Signore Gesù ai discepoli, affinché essi ricevessero potenza per essere Suoi testimoni (Atti 1:4-8). La promessa fu adempiuta la prima volta il giorno della Pentecoste (Atti 2), successivamente in varie altre occasioni (Atti 8, 10, 19) in cui leggiamo che lo Spirito Santo scese sopra i seguaci di Gesù …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti