Amare il prossimo.

di Agostino Masdea  –  “E chi è il mio prossimo?” (Luca 10:27-29)  i) – Prossimo: dall’ebraico”rea” colui che è vicino, col quale stai trattando. Dal greco ” plesion”  –  avvicinarsi.

a) Prima di Gesù, anche nel v. T., ” prossimo ” e un termine riservato ai “connazionali” ai “parenti” agli amici e ai compagni. Al massimo il termine si estende allo straniero che dimora in terra di Israele; ma il “detto” conosciuto da tutti era: ” ama il tuo prossimo… e odia il tuo nemico ” (Matteo 5:43)

b) La legge non diceva questo (Levitico 19:18) ; 

c) – Dall’esilio in poi si manifestano due tendenze: una farisaica, chiusa, che restringe la cerchia del prossimo, (ama solo quelli che ti amano, saluta solo i tuoi fratelli) l’altra invece, con la versione dei 70 che introduce con il greco, il termine “plesion” il prossimo diventano “gli altri”, siano o no fratelli. 

d) Ma è con Gesù… che il termine ” prossimo ” si estende a TUTTI gli uomini, senza distinzione di religione o di cultura o di razza. Tutti devono essere ” amati “… ” Ma io vi dico: ” amate, benedite, pregate… Così nella parabola del buon samaritano il prossimo diventa chiunque ha bisogno di aiuto.

Allora ecco lo scriba domandare con malizia: ” CHI È IL MIO PROSSIMO? “

1. Non stabiliamo noi, o non scegliamo chi è il nostro prossimo, ma chiunque ha bisogno d’aiuto diventa tale.

2. Così l’amore si manifesta nei confronti di chiunque Dio mette sulla nostra strada.

3. Amore che deve essere prima manifestato più che richiesto. (il versetto 37 ci dice che il samaritano ebbe compassione di Lui.)
Si puo dare senza amare, ma non si può amare senza dare…

4. Gesù, il vero buon samaritano, prova questo profondo amore: “avere compassione” e si pone come maestro ed esempio davanti a noi…

5. Così nel N. T. i due comandamenti diventano uno: cade così ogni pretesa legittima di considerare se stessi “benefattori” ma è Cristo che può darci quel tipo di amore che noi poi possiamo dare agli altri. Noi non siamo capaci di amare di quel vero amore, ma egli supplisce a questa carenza e ci viene incontro mostrandoci il Suo amore…

La parabola del buon samaritano ci dimostra che ci sono diversi tipi di persone:

1.- coloro che “parlano” di amore, di compassione…. (lo scriba)

2. – coloro che prendono amore, che pretendono misericordia e compassione… coloro che ricevono sempre e non danno mai…

3.-coloro che dovrebbero mostrare l’amore, gli addetti ai lavori... il sacerdote, il levita, che  guardano, giudicano, ma passano avanti trovando solo scuse…  (se andresti a lavorare… se spendessi meglio i tuoi soldi… se fossi più attento… se avessi tempo… forse qualcuno più capace di me potrà farlo… )

4.-infine coloro che agiscono, amando e avendo compassione, per il regno di Dio, amano le anime dei peccatori, sono pronti al “sacrificio” (come il buon samaritano) per l’opera di salvezza…

DOV’E’ IL TUO PROSSIMO?

1. Dove è il tuo prossimo ? forse più prossimo, più vicino, di quanto tu possa pensare.. Guardati intorno è il Signore che mostrerà chi ha bisogno di aiuto. Vai e fa il somigliante…

2. L’omissione di soccorso, è un reato per la legge italiana: lo è ancora di più per la legge divina.

3. Abbiamo bisogno di quella compassione che:

a) Dio provò per gli Ebrei in Egitto (Esodo 2:25)

b) Gesù provò quando sceso dalla barca vide la folla:

Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, predicando il vangelo del regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità. Vedendo le folle, ne ebbe compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore.

d) Gesù che vide quei due ciechi, ne ebbe compassione e li guarì…

e) Gesù che vede la vedova di Nain…

f) Il Buon Samaritano provò per quel viandante…

Se siamo deboli e inefficaci nell’opera, è perché siamo deboli nella ” compassione “.

– La santità non è tale senza l’amore (1 Corinti 13)

– I carismi sono nulla senza la carità. (1 Corinzi 13)

  • E’ sorprendente che un samaritano ignorante sappia agire più cristianamente di un religioso sapiente.
  • Ma noi non saremo giudicati da Dio per la dottrina, ma per la vita che abbiamo vissuto.

– Efesi 5:2 camminate nell’amore… e sappiamo che “camminare” è inteso nel senso di praticare, vivere.

Galati 5:22-il frutto dello Spirito è amore… c’è potenza nell’amore; è come dinamite pura…

1. – Amare è una scelta… (quindi più che solo un sentimento)

a) Vuol dire che io scelgo chi e come amare…. e non solo se mi sento di farlo. Quindi è implicata la volontà.

b) Amare vuol dire agire (1 Giovanni 3:18)

c) La mistificazione più grande del cristianesimo e dire di essere cristiani ma poi non avere l’amore per le persone, cioè per il prossimo.

2 – Il metodo di Dio per insegnaci l’amore è mettere sulla nostra strada persone difficili e strane, maleducate, insensibili, acide…. e poi Dio dice: Amala!

PER POTER AMARE IL PROSSIMO:

1. – Dobbiamo esperimentare profondamente l’amore di Dio (Efesi 3:17-18)

a) Io voglio amare ciò che Dio ama… voglio odiare ciò che lui odia.

b) Le persone che non ricevono amore sono quelle che non sanno amare…

2.- Avere pensieri di affetto verso ogni persona.

Questo è possibile se:

a) Non ci focalizziamo sui difetti ma sui bisogni, perché l’amore copre moltitudine di peccati.

b) Non guardiamo alla qualità delle persone (ricche, simpatiche, meritevoli…) ma abbiamo sempre con noi olio, vino e bende per fasciare e curare le ferite…..

3. –  Agire, operare verso tutti con amore.

a) Non importa quello che “senti “. Se agisci e cammini nell’amore, Dio cambierà i tuoi sentimenti.

b) nNn sei ipocrita se agisci senza “sentirlo” ma lo sei se dici di essere cristiano e non ami…

c) Questo ci porta ad essere strumenti nelle mani di Dio sempre disponibili ad essere usati da colui che ci da il Suo amore da dare agli altri.

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

LA PIAGA DELLA PORNOGRAFIA

LA PIAGA DELLA PORNOGRAFIA.  –   “La pornografia trasmette l’idea del diritto illimitato di poter soddisfare i propri desideri sessuali senza alcun rispetto per l’altro”. Stavo appunto passando dello spray nero su un grandissimo cartellone pubblicitario pornografico accanto a casa nostra, quando da lontano sentii un gruppo di uomini che mi prendevano in giro, facevano insinuazioni ed erano addirittura irritati. Ma proprio quando arrivarono alla mia altezza, l’unica donna …
Leggi Tutto

CREDENTI INCREDULI

di LEONARD RAVENHILL –  Uno di questi giorni qualche anima semplice prenderà la Parola di Dio, la leggerà e crederà. Allora noi altri ci sentiremo imbarazzati. Noi abbiamo adottato la conveniente teoria che la Bibbia sia il Libro da spiegare, laddove innanzi tutto si tratta di un Libro che deve essere creduto (e subito dopo obbedito). La realtà che occupa ininterrottamente i miei pensieri in questi giorni è che c’è …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: Io sarò la tua sicurezza e un luogo di rifugio per i tuoi figli. 

Nel timore dell’Eterno c’è una grande sicurezza, e i suoi figli avranno un luogo di rifugio. (Proverbi 14:26)   –   La persona che adora il Signore ha la fiducia che Dio sarà un luogo sicuro per lui e un luogo di rifugio per i suoi figli. Dio è la nostra fortezza sicura. Le Sue mura sono impenetrabili.  Siamo sicuri e protetti nel centro del Suo cuore. Questa è una buona notizia per noi, …
Leggi Tutto

LA BIBBIA, PAROLA DI DIO

Strappata, condannata, bruciata. Odiata, disprezzata, maledetta. Messa in dubbio, guardata con sospetto, criticata. Condannata dagli atei. Schernita dagli empi. Esagerata dai fanatici. Capita ed interpretata male. Oggetto d’infamia e frenesia. Negata nella sua ispirazione divina. – Eppure, essa vive: Vive – come una lampada per i nostri piedi. Vive – come una luce per i nostri sentieri. Vive – come la porta per il cielo. Vive – come …
Leggi Tutto

LA SHEKINAH MANCANTE

“Shekinah”: parola ebraica che descrive la nuvola scintillante che aleggiava sul coperchio dell’arca, simbolo ed espressione della gloria di Dio.  di A. W. TOZER  –  Viviamo in giorni nei quali l’opera del Signore è portata avanti da personalità brillanti secondo i metodi del mondo dell’intrattenimento e dello spettacolo. Come è importante perciò considerare il consiglio di uomini di Dio sinceri e umili, che tengono ascosta la loro personalità …
Leggi Tutto

Perché c'è la chiesa

by Kenneth D. Barney 1. C’è la chiesa perché Gesù disse: “lo edificherò la mia chiesa” (Matteo 16:18). Gesù visse su questa terra per 33 anni; solo gli ultimi anni vennero dedicati al ministerio pubblico. Prima di abbandonare la terra Egli disse che stava andando ad edificare la Sua Chiesa, ed incominciò con i suoi discepoli. Il loro numero fu molto. ampliato nel giorno della Pentecoste la Chiesa …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

coro

ADORAZIONE COL CANTO

Istruzioni su come cantare  in chiesa - dal grande predicatore del XVIII secolo John Wesley Perché questa parte del culto di adorazione sia più gradita a Dio, così come più utile ...
Leggi Tutto
CONFUSI SULL’ADORAZIONE

CONFUSI SULL’ADORAZIONE

di  A. W. Tozer      -     Conoscere veramente Gesù Cristo come Salvatore e Signore significa amarLo e adorarLo! Come popolo di Dio, siamo così spesso confusi che potremmo essere ...
Leggi Tutto
LA RISCOPERTA DELLO SPIRITO

LA RISCOPERTA DELLO SPIRITO

di JIM CYMBALA  -  Non mi aspettavo che lo Spirito Santo si unisse a me per pranzo, eppure è esattamente ciò che accadde.  Mia moglie Carol era fuori città, così ...
Leggi Tutto
UNA PERSONA CHE DOVRESTI CONOSCERE

UNA PERSONA CHE DOVRESTI CONOSCERE

di R.A. Torrey  -  Prima di poter capire correttamente l’opera dello Spirito Santo, bisogna conoscere lo Spirito Santo stesso. Una frequente sorgente di errori e di fanatismo, circa l’opera dello ...
Leggi Tutto
EMOZIONI ARTIFICIALI

EMOZIONI ARTIFICIALI

Qualche tempo fa un amico che guida la musica nella sua chiesa mi ha detto che il suo pastore chiedeva che le loro riunioni di culto fossero più emozionanti. Il dizionario ...
Leggi Tutto
Meditazione del giorno: Servite l'Eterno con gioia

Meditazione del giorno: Servite l’Eterno con gioia

di C.H. Spurgeon -  SERVITE L'ETERNO CON GIOIA - Salmo 100:2  - Gioire nel servizio del Signore è un segno d'appartenenza. Quelli che servono Dio con un volto triste, perché trovano che ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti