IL RE RITORNA

di Agostino Masdea   –  «Quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, allora sappiate che la sua devastazione è vicina. Allora quelli che sono in Giudea, fuggano sui monti; e quelli che sono in città, se ne allontanino; e quelli che sono nella campagna non entrino nella città. Perché quelli sono giorni di vendetta, affinché si adempia tutto quello che è stato scritto…. Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle; sulla terra, angoscia delle nazioni, spaventate dal rimbombo del mare e delle onde; gli uomini verranno meno per la paurosa attesa di quello che starà per accadere al mondo; poiché le potenze dei cieli saranno scrollate.Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nuvole con potenza e gloria grande. Ma quando queste cose cominceranno ad avvenire, rialzatevi, levate il capo, perché la vostra liberazione si avvicina».
     Disse loro una parabola: «Guardate il fico e tutti gli alberi; quando cominciano a germogliare, voi, guardando, riconoscete da voi stessi che l’estate è ormai vicina. Così anche voi, quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino. In verità vi dico che questa generazione non passerà prima che tutte queste cose siano avvenute. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno. Badate a voi stessi, perché i vostri cuori non siano intorpiditi da stravizio, da ubriachezza, dalle ansiose preoccupazioni di questa vita e che quel giorno non vi venga addosso all’improvviso come un laccio; perché verrà sopra tutti quelli che abitano su tutta la terra. Vegliate dunque, pregando in ogni momento, affinché siate in grado di scampare a tutte queste cose che stanno per venire, e di comparire davanti al Figlio dell’uomo».. (Luca 21:20-36)

Non passa un solo giorno senza che qualche corteo sfili per le strade per manifestare in favore della pace. Conferenze, congressi, dibattiti, tavole rotonde sono costantemente organizzate, a volte in consessi di altissimo livello, per dare una soluzione alle guerre, alle violenze, ai problemi nel mondo, e proporre strategie in favore della pace. Sembra che nessuno si renda conto della dramma che sta alla radice del problema: L’uomo ha rigettato il Principe della pace! La Bibbia dice che solo quando verrà di nuovo Lui, il Principe della pace, allora

“Il lupo abiterà con l’agnello, e il leopardo si sdraierà accanto al capretto; il vitello, il leoncello e il bestiame ingrassato staranno assieme, e un bambino li condurrà. La mucca pascolerà con l’orsa, i loro piccoli si sdraieranno assieme, e il leone mangerà il foraggio come il bue.Il lattante giocherà sul nido della vipera, e il bambino divezzato stenderà la mano nella buca del serpente. Non si farà né male né danno su tutto il mio monte santo, poiché la conoscenza del SIGNORE riempirà la terra, come le acque coprono il fondo del mare.” (Isaia 11:6-9)

E inoltre:

Egli sarà giudice fra molti popoli, arbitro fra nazioni potenti e lontane. Dalle loro spade fabbricheranno vomeri, dalle loro lance, roncole; una nazione non alzerà più la spada contro l’altra e non impareranno più la guerra. (Profeta Michea 4:3)

E’ sorprendente come persino le persone più religiose parlino impropriamente di realtà riguardanti il regno di Dio, ignorando queste realtà totalmente.

Esempio, tutti recitano il “Padre nostro” dicendo “venga il tuo regno”, ma quanti sanno che il regno di Dio sta per essere stabilito? Quanti credono che il Re, il Figlio di Dio, sta per ritornare sulla terra per instaurare un regno millenniale di pace e giustizia? Quanti aspettano e amano “la sua apparizione”? (2 Timoteo 4:8)

 

IL TUO REGNO VENGA. – AMEN, VIENI SIGNORE GESU’

La Scrittura dice che Egli un giorno venne come “Agnello di Dio” per essere il prezzo di riscatto per il peccato dell’umanità. Egli nacque povero, visse in umiltà, morì in modo orribile su una croce infamante. Egli è stato

” disprezzato e abbandonato dagli uomini, uomo di dolore, familiare con la sofferenza, pari a colui davanti al quale ciascuno si nasconde la faccia, era spregiato, e noi non ne facemmo stima alcuna. Tuttavia erano le nostre malattie che egli portava, erano i nostri dolori quelli di cui si era caricato; ma noi lo ritenevamo colpito, percosso da Dio e umiliato! Egli è stato trafitto a causa delle nostre trasgressioni, stroncato a causa delle nostre iniquità; il castigo, per cui abbiamo pace, è caduto su di lui e grazie alle sue ferite noi siamo stati guariti. (Isaia 53:3:5)

Presto Gesù ritornerà, la Sua venuta sarà totalmente diversa dalla prima volta; l’Apostolo Giovanni vide questa sconcertante visione e la descrive con termini intensi e molto espressivi:

“Poi vidi il cielo aperto, ed ecco apparire un cavallo bianco. Colui che lo cavalcava si chiama Fedele e Veritiero; perché giudica e combatte con giustizia. I suoi occhi erano una fiamma di fuoco, sul suo capo vi erano molti diademi e portava scritto un nome che nessuno conosce fuorché lui. Era vestito di una veste tinta di sangue e il suo nome è la Parola di Dio. Gli eserciti che sono nel cielo lo seguivano sopra cavalli bianchi, ed erano vestiti di lino fino bianco e puro. Dalla bocca gli usciva una spada affilata per colpire le nazioni; ed egli le governerà con una verga di ferro, e pigerà il tino del vino dell’ira ardente del Dio onnipotente. E sulla veste e sulla coscia porta scritto questo nome: RE DEI RE E SIGNORE DEI SIGNORI. (Apocalisse 19:11-16)

Il Suo regno sarà un regno letterale, Egli regnerà realmente e visibilmente sulla terra per 1000 anni. Non ha importanza se i teologi dicono che questi passi della Bibbia sono simbolici, non è importante se qualcuno dice che il “millennio” è l’era attuale che stiamo vivendo, o se altri dicono che Gesù è già tornato in forma invisibile. Conta ciò che Dio dice nella Sua Parola: Egli verrà, e ogni occhio lo vedrà.

” Allora apparirà nel cielo il segno del Figlio dell’uomo; e allora tutte le tribù della terra faranno cordoglio e vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nuvole del cielo con gran potenza e gloria.” (Matteo 24.30)

Egli verrà a giudicare la terra. Ogni ginocchio si piegherà, ogni lingua confesserà che Gesù Cristo è il Signore. (Filippesi 2:11)

Non più come Agnello… ma come il Leone della tribù di Giuda.

Se tu fai parte del popolo di Dio, se sei stato riscattato dal prezioso sangue dell’Agnello di Dio, se hai accettato il Figlio di Dio come tuo personale Salvatore, allora tu sarai con Lui e regnerai con Lui. Scrive sempre l’Apostolo Giovanni:

“Beato e santo è colui che partecipa alla prima risurrezione. Su di loro non ha potere la morte seconda, ma saranno sacerdoti di Dio e di Cristo e regneranno con lui quei mille anni.” (Apocalisse 20.4)

REALTA’ O FANTASCIENZA?

E se tutto fosse un’illusione? Se i teologi di cui parlavamo prima avessero ragione? Chi ci assicura che sarà in questo tempo che Gesù tornerà?

Le parole di Gesù nel testo che abbiamo davanti per questa meditazione sono eloquenti e chiare. Il fico è un albero diffuso anche dalle nostre parti. Ebbene, se lo osserviamo quando mette i primi ficucci, noi comprendiamo che l’estate si avvicina… Così le parole di Gesù ci mostrano oggi che il mondo sta vorticosamente entrando in quel tempo da Lui descritto. Se tutto fosse fantascienza o illusione, allora potremmo sprofondare nel più cupo pessimismo e nella disperazione più totale. Ma Gesù dice ancora oggi: “Rialzate il capo, la vostra redenzione è vicina”.

Noi guardiamo in alto, perché stiamo aspettando il RE! Se i capi religiosi di questo mondo, se i teologi più accreditati, se gli studiosi e i politici ci dicono che la speranza per il futuro è nell’uomo, che alla fine egli troverà il bandolo della matassa, e ci sarà un “Nuovo ordine mondiale” dove tutti godranno pace e benessere, noi continueremo a guardare verso Colui che ha promesso:

“Il vostro cuore non sia turbato; abbiate fede in Dio, e abbiate fede anche in me! Nella casa del Padre mio ci sono molte dimore; se no, vi avrei detto forse che io vado a prepararvi un luogo? Quando sarò andato e vi avrò preparato un luogo, tornerò e vi accoglierò presso di me, affinché dove sono io, siate anche voi.” (Giovanni 14:1-2)

Il RE RITORNA…. sei tu pronto ad incontrarlo?!?

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

COS'E' UN VERO RISVEGLIO?

di Reuben A. Torrey (1855 – 1928) noto evangelista, insegnante e scrittore.  –   Qual è un vero risveglio e quali sono le sue conseguenze? Un vero risveglio è un tempo in cui la vita si rinnova e in cui questo rinnovamento si espande. Questo è il significato della parola “risveglio” secondo la sua origine come pure secondo l’uso che ne viene fatto nel nostro tempo. Anche la parola …
Leggi Tutto

LA VITA  DI  ADONIRAM  JUDSON

di T.W. ENGSTROM  –  In tutti gli annali delle Missioni, la storia di Adoniram e Anna Judson, missionari-pionieri dell’India, sta come mirabile testimonianza del modo in cui Dio può operare attraverso vite che si dedicano completamente al Suo servizio. La loro fortezza, la fede in Dio e lo spirito di perseveranza saranno di stimolo e di ispirazione a coloro che hanno seguito e seguiranno le loro orme, come …
Leggi Tutto

PERCHE’ LE PERSONE SI SVIANO?

di W. H. GRIFFITH THOMAS  –  Durante una riunione di lettura della Bibbia alcuni anni fa affermai che se vi erano 500 sviati che non frequentavano più la chiesa, ognuno di essi aveva iniziato il suo sviamento per aver negletto la lettura della Sacra Scrittura. Dopo la riunione una donna mi disse, «Io non riesco a comprendere come lei può essere così sicuro, che ognuno dei 500 si sia …
Leggi Tutto

IL RUOLO DELLA BIBBIA NELLA CHIESA (e nella vita del credente)

La Bibbia non è una collezione di scritti umani, o solo un capolavoro letterario. Non possiamo accogliere nemmeno la teoria che la Bibbia “contiene” la Parola di Dio, ma affermiamo e crediamo che la Bibbia è l’infallibile, ispirata ed efficace Parola di Dio. Abraham Lincoln un giorno disse: “io credo che la Bibbia sia il miglior dono che Dio abbia fatto agli uomini. LA PAROLA NEL MINISTERIO DI CRISTO …
Leggi Tutto

LA FATALE RISPOSTA DI DIO

di M. R. DeHaan –   “Ed egli dette loro quel che chiedevano, ma mandò la consunzione nelle loro persone.” Salmo 106:15 I figli d’Israele non erano soddisfatti del cibo di Dio ma desideravano poter stabilire essi stessi la propria dieta. Non erano contenti della manna, al suo posto volevano carne. Dio esaudì la loro preghiera a loro proprio danno. Sarebbe stato molto meglio se Dio non li avesse …
Leggi Tutto

R.A.Torrey

di  R. A. TORREY –   Una delle storie più strane e più tristi dei fatti del Vecchio Testa­mento è quella di Sansone; essa è anche una delle più istruttive. Sansone era di gran lunga uno degli uomini più noti dei suoi giorni. Davanti a lui erano aperte le più grandi opportunità. Ma dopo un periodo di sorprendenti vittorie, la sua vita si concluse miseramente; e ciò a causa …
Leggi Tutto

II battesimo nello Spirito Santo.

di DAVID PETTS     –    Il battesimo nello Spirito Santo è l’adempimento di una promessa fatta dal Signore Gesù ai discepoli, affinché essi ricevessero potenza per essere Suoi testimoni (Atti 1:4-8). La promessa fu adempiuta la prima volta il giorno della Pentecoste (Atti 2), successivamente in varie altre occasioni (Atti 8, 10, 19) in cui leggiamo che lo Spirito Santo scese sopra i seguaci di Gesù …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: IO NON TI ABBANDONERO’ PERCHE’ SONO FELICE CHE TU MI APPARTIENGA

Poiché l’Eterno non abbandonerà il suo popolo, per amore del suo grande nome, perché è piaciuto all’Eterno di farvi il suo popolo. (1 Samuele 12:22) Molte persone vivono nella continua paura che possano essere abbandonati in qualsiasi momento. Alcuni si sentono in questo modo perché sono stati delusi in passato, mentre altri semplicemente non vivono con un profondo senso di appartenenza a qualcosa o a qualcuno. Amo questa …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti