CASA O TENDA

Sappiamo infatti che se questa tenda che è la nostra dimora terrena viene disfatta, abbiamo da Dio un edificio, una casa non fatta da mano d’uomo, eterna, nei cieli. Perciò in questa tenda gemiamo, desiderando intensamente di essere rivestiti della nostra abitazione celeste, se pure saremo trovati vestiti e non nudi.
Poiché noi che siamo in questa tenda, gemiamo, oppressi; e perciò desideriamo non già di essere spogliati, ma di essere rivestiti, affinché ciò che è mortale sia assorbito dalla vita.
(2 Corinzi 5:1-4)

Introduzione:  Paolo era un costruttore di tende: gli Ebrei sapevano per la loro storia la differenza tra una tenda e una casa.

    1. La tenda è un luogo di dimora “temporaneo” ma la casa è una dimora permanente, sicura, solida.
    2. Paolo definisce il nostro corpo una tenda; in questa “tenda” gemiamo; evidentemente a causa della sofferenza, afflizioni, malattie, tentazioni che affrontiamo quotidianamente.
    3. Dobbiamo avere certezza circa la prospettiva del nostro futuro: questa tenda sarà distrutta prima o poi… abbiamo una casa dove rifugiarci?
    4. L’insegnamento e la visione di Paolo sono difficile da capire alla luce del nostro “razionale” impregnato di materialismo, scetticismo, incapacità di aderire al punto di vista di Dio.
    5. Infatti il filosofo, il sociologo, lo scienziato possono formulare ipotesi, dare consigli etc. I più ottimisti ti diranno: In questa vita bisogna realizzare il massimo, sfruttare tutte tue possibilità. Lavora sodo per te stesso e sii più felice possibile.
    6. Ma la Parola di Dio insegna ai cristiani che pur impegnandosi a fare tutto ciò,  a vivere nella società adempiendo ogni obbligo che ne deriva, anzi impegnandosi ad essere buoni cittadini, padri e madri, studenti, operai, impiegati modello,  devono tuttavia guardare al futuro con fervida e viva speranza che esso è in Dio e con Dio è nell’eternità. Devono cioè avere una prospettiva non limitata solo a questa vita, ma proiettata in un domani in un regno eterno: il Regno di Dio.  Lui sta preparando per noi una “CASA”, quando questa “tenda” sarà disfatta.

1. – LA NOSTRA VERA CASA.

    1. Gesù ha promesso: Io vado a prepararvi un luogo. (Giovanni 14:1-2)
    2. La nostra casa è celeste e non terrestre…
    3. La presenza reale di Gesù, dei suoi angeli, dei suoi santi è reale in quella casa.
    4. Noi che siamo in questa tenda….  (verso 4). Di chi parla? A chi si riferisce? A coloro che hanno fede in Cristo e mettono in pratica la Sua Parola….  A coloro che hanno accettato il sacrificio di Cristo sulla Croce come prezzo di riscatto per la loro anima e hanno ricevuto il Signore Gesù come loro Salvatore…
    5. Per l’uomo che non crede, colto o ignorante, laureato o analfabeta, ricco o povero,  tutto ciò è follia, assurdità.
    6. e allora come Mosè disse a suo suocero: «Noi c’incamminiamo verso il luogo del quale il SIGNORE ha detto: “Io ve lo darò”. … (Numeri 10:29)
    7. Paolo aveva visto quella casa in visione, e quindi poteva dire: Posso restare, lavorare, ma guardo a quel giorno non con timore o terrore, ma con gioia; “Infatti per me il vivere è Cristo e il morire guadagno.
      Ma se il vivere nella carne porta frutto all’opera mia, non saprei che cosa preferire.
      Sono stretto da due lati: da una parte ho il desiderio di partire e di essere con Cristo, perché è molto meglio;
      ma, dall’altra, il mio rimanere nel corpo è più necessario per voi.
        (Filippesi 1:21-24)
    8. Certamente, per molti Paolo era un esagerato, forse un pazzo fanatico… ma io voglio essere come lui.

2. – CHE GIOVA ALL’UOMO SE GUADAGNA TUTTO…

    1. Che cosa è il nostro corpo senza l’anima? Un po’ di materiale chimico…. ritornerà polvere alla polvere…
    2. Gesù ha detto: “Che giova all’uomo se guadagna tutto il mondo e poi perde la sua anima?
    3. Meglio lasciare questa terra in  giovane età ma con la certezza della salvezza che vecchio, ricco, importante, ma…. perduto.

3.  – CRISTO HA VINTO LA MORTE: E’ RISORTO, VIVE… !

    1. Le Sue parole risuonano ancora: “Io sono la resurrezione e vita(Giovanni 11;25-26)
    2. Egli non è venuto per ingannare gli uomini dicendo cose che non potevano essere vere, e poi farlo cadere nell’oblio e nelle tenebre della morte: Lui era ed è la verità.
    3. LA MORTE HA A CHE FARE COL NOSTRO CORPO. Come il freddo Inverno quando arriva: Spoglia gli alberi, priva i prati dai loro fiori, le montagne del loro verde, gli uccelli dei loro nidi.. e tutto sembra morte, ma poi arriva la Primavera…  Così Gesù ritornerà per la Sua Chiesa! E i morti in Cristo resusciteranno per primi…   perché il Signore stesso, con un ordine, con voce d’arcangelo e con la tromba di Dio, scenderà dal cielo, e prima risusciteranno i morti in Cristo; (1 Tessalonicesi 4:13)
    4. Ed è per questo che “Noi dunque facciamo da ambasciatori per Cristo, come se Dio esortasse per mezzo nostro; vi supplichiamo nel nome di Cristo: siate riconciliati con Dio. (2 Corinti 5:20)
    5. Hai tu questa speranza? Vuoi avere la vera vita? Gesù te la offre gratuitamente. Egli morì per te. Accetta il suo dono d’amore.

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

AMOR PROPRIO

L’amor proprio è un incentivo efficace dell’azione e si possono enumerare intere moltitudini di uomini che hanno compiuto imprese eroiche o durature sotto lo stimolo di questo sentimento umano. Anche nel mondo religioso l’amor proprio ha il suo posto onorevole e riesce ad ispirare e promuovere le opere più gigantesche e le imprese più impegnative. Molti programmi missionari, molte attività assistenziali e moltissime opere comunitarie sono il risultato …
Leggi Tutto

ED ORA CHE INDUGI....LEVATI!

di Agostino Masdea   –  Or un certo Anania, uomo pio secondo la legge, al quale tutti i Giudei che abitavan quivi rendevan buona testimonianza, venne a me; e standomi vicino, mi disse: Fratello Saulo, ricupera la vista. Ed io in quell’istante ricuperai la vista, e lo guardai. Ed egli disse: L’Iddio de’ nostri padri ti ha destinato a conoscer la sua volontà, e a vedere il Giusto, e a …
Leggi Tutto

UNA PROMESSA PER OGGI: "HO PREPARATO COSE STUPENDE PER COLORO CHE MI AMANO"

1 Corinzi 2: 9 – Ma come sta scritto: “Le cose che occhio non ha visto e che orecchio non ha udito e che non sono salite in cuor d’ uomo, sono quelle che Dio ha preparato per quelli che lo amano”. Quando mia moglie ed io ospitiamo una festa di compleanno o un evento speciale per i nostri cari, un prepariamo e pianifichiamo prima un sacco di …
Leggi Tutto

Le Condizioni del Discepolato

di WILLIAM MACDONALD – Il vero cristianesimo è un impegno totale verso il Signore Gesù. Il Salvatore non cerca uomini e donne che gli vogliano dedicare le loro serate libere od i loro week-end, o ancora gli ultimi anni della loro vita, quando vanno in pensione. Egli ricerca piuttosto chi gli voglia dare il primo posto nella propria vita. Secondo le parole di Evan Hopkins Egli cerca oggi, …
Leggi Tutto

Quando i padri volgono i loro cuori verso i loro figli

  By Mark Ellis  –   Sembra sia stato solo ieri che stavo insegnando ai nostri figli ad andare in bici, giocare a calcio, fare delle escursioni con le guide indiane o boy scouts, e condividere felici momenti familiari con il nostro carrello-tenda da campeggio nei viaggi durante l’estate. Ora da quando i nostro ragazzi non vivono più con noi la casa è molto calma. Padri, voi solo avete …
Leggi Tutto

IMPARATE

di FILIPPO WILES – Il Cristiano è nato perché impari, è salvato ed arruolato per imparare, quindi non è motivo di meraviglia se al cenno dell’invito di Gesù, troviamo questa parola: imparate. Chi fallisce in questo ha perso lo scopo e il significato della sua chiamata in Cristo. Imparare significa apprendere con lo studio o con la pratica, mandare a memoria. Sembra naturale, è vero, che come cristiani …
Leggi Tutto

LA VITA E IL MINISTERO DI DWIGHT L. MOODY

LA VITA E IL MINISTERO DI DWIGHT LYMAN MOODY – 5 febbraio 1837 – 22 dicembre 1899 Moody disse: “sono l’uomo più sopravvalutato d’America”, ai giornalisti nel 1870 dopo aver tenuto con successo le sue riunioni di risveglio a Philadelphia e a New York. Egli chiamava se stesso “solo un portavoce e l’espressione di una profonda e misteriosa onda di sentimenti religiosi che stava attraversando la nazione.” Ed …
Leggi Tutto

SEGUIRE GESÙ

di ROBERTO BRACCO  –  Alcuni episodi ricordati con dovizia di particolari, trascendono il loro significato storico per esprimere una lezione spirituale. Questo è uno di quelli perché si propone una lezione di dottrina cristiana che possiamo definire fondamentale e cioè: “Come pervenire alla vita eterna”. Bisogna premettere che “vita eterna” non è sinonimo d’immortalità: tutte le anime sono immortali, ma soltanto quelle che si uniscono a Dio hanno la …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti