Meditazione del giorno: Amare Dio con tutto il cuore.

di Agostino Masdea   –  Marco 12:28-34   –  Fin dal giorno che siamo nati di nuovo, continuiamo ad essere  meravigliati ed affascinati dall’amore di Dio. Come Suoi figli sappiamo che Egli ci invita alla Sua presenza perché ci ama e perché vuole essere amato da noi. Il Suo desiderio per ogn’uno di noi è che possiamo “crescere nella grazia e nella conoscenza del Suo Figliuolo Gesù Cristo”.  Detto con altre parole questo indica che Dio vuole avere con noi una crescente e profonda relazione spirituale che ci porti ad un livello più elevato di ubbidienza e di santità.

Solo quando la comunione diventa reale, la preghiera allora cessa di essere mero dovere e diventa delizia. (Vance Havner)  Ciò che Dio si aspetta da noi, in fin dei conti è una sola cosa:  che lo amiamo “con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta a tua forza.” 

Ciò che la legge non era in grado di fare, diventa una realtà concreta tramite “l’amore di Dio che è stato sparso nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato. (Romani 5:5) Senza mettere in dubbio lo spessore e la straordinaria valenza dei dieci comandamenti, Dio vuole che i credenti vadano oltre alla semplice osservanza di essi, per entrare in un rapporto personale, di amore e fiducia, che trascende il “fare” o “non fare” determinate cose.

Notiamo bene: i comandamenti avevano una funzione passiva: “Non avere altri dii… non uccidere, non rubare… tutto questo non ci avvicina a Dio ma “amarlo con tutto il cuore, l’anima e la  mente”…  questo ci avvicina a Dio!

L’esclusività dell’amore per Dio non riguarda solo la “quantità” ma la “qualità”. Dobbiamo amarlo con il Suo amore. Non può essere il tipo di amore che possiamo avere  per altre cose. Facciamo un grande errore se pensiamo di poter amare Dio con l’amore umano, che è egocentrico e interessato. L’amore di Dio è “Agape”, cioè un amore disinteressato verso gli altri, disposto al sacrificio senza chiedere nulla in cambio.  Agape è l’amore di Dio per noi. Agape è l’essenza di Dio stesso. (1 Giovanni 4:8)

Se amiamo Dio con l’amore naturale, umano, lo ameremo per le benedizioni, la guarigione, la prosperità, i beni che ci dà. Insomma cercheremo Dio per tutto ciò che possiamo ottenere da Lui. Ma Dio deve essere cercato e amato per ciò che Egli è, prima di tutto.  Dobbiamo amare Dio, perché Egli è Dio.  Amarlo perché Egli ci ha amati per primo. Amarlo con un amore unico ed esclusivo.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Crescita spirituale
    In Articoli di Agostino Masdea, Devotional
    di Agostino Masdea   –   “Colui che ha cominciato un’opera buona in voi, la porterà a compimento fino al giorno di Cristo Gesù”. (Filippesi 1:6) La Parola di Dio mette il credente davanti all’ineluttabile necessità di un costante cambiamento. Non solo un cambiamento iniziale, alla conversione, ma una trasformazione progressiva operata dallo Spirito Santo nella misura in cui il credente si arrende alla Sua opera.  A Nicodemo Gesù dice: ““In verità, in verità ti dico che se uno non è nato di nuovo, non può vedere il regno di Dio”. Ma più tardi ai Suoi discepoli dirà: “In verità vi dico: se non cambiate [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • Vita Cristiana giorno per giorno.
    di H. W. Smith- “O voi tutti che siete assetati, venite alle acque, e voi che non avete denaro venite, comprate, mangiate! Venite. comprate senza denaro, senza pagare, vino e latte! Perché spendete denaro per ciò che non è pane, e il frutto delle vostre fatiche per ciò che non sazia? Ascoltatemi attentamente e mangerete ciò che è buono, e l’anima vostra godrà di cibi succulenti! (Isaia 55:1?2) Nell’ambito della nostra esistenza fisica sappiamo che il nostro corpo ha bisogno di cibo quotidiano. Lo stesso vale per ciò che concerne la nostra vita spirituale. La nostra anima ha bisogno di essere nutrita ogni giorno. “Dacci oggi il nostro pane quotidiano” è un’espressione che include anche le necessità spirituali. Se la nostra anima non viene nutrita […]
  • Ehi Dio! Ci sei?
    di Frank Foglio  –  Bellissima testimonianza di una famiglia italiana emigrata in America   –  Era 1925 la mia famiglia; la famiglia Foglio, italiani emigrati in America del nord in Pennsylvania, ci trasferimmo dalla nostra abitazione in una grande fattoria, con novantacinque acri con una grande casa colonica. Un giorno, papà fece una proposta a un uomo di colore, un certo Slim Hopper. Che se avrebbe arato la nostra terra per un compenso non troppo alto, avrebbe ricevuto prodotti agricoli in abbondanza oltre a frutta e bacche. Slim fu d’accordo e subito dopo sua moglie comparve sulla scena. Una bella negra alta con voce molto piacevole, la signora Hopper aveva un’indole molto pacifica che la rendeva diversa da ogni altra persona da noi conosciuta. Accettò di aiutare la mamma […]
  • La sostituzione che cambiò il mondo
    di ZAC POONEN    –  «Colui che non ha conosciuto peccato, egli lo ha fatto diventare peccato per noi, affinché noi diventassimo giustizia di Dio in lui.» 2° Corinzi 5:21   –  L a Bibbia rivela che, quando Gesù morì sulla croce per noi, Egli ci sostituì occupando il nostro posto. Cristo è diventato peccato per noi, affinché noi diventassimo giustizia per Dio. Questo scambio si chiama giustificazione, cioè il dono di Dio offerto a tutti gli uomini che si rendono conto della loro colpa davanti a Dio e che sono consapevoli di non poter mai raggiungere il livello richiestoci. Solo per grazia, mediante la fede, siamo giustificati davanti a Dio. E la Bibbia lo esprime con queste parole: «Ma se è per grazia, non è più per opere; altrimenti, la grazia non è più grazia» (Romani 11:6). […]
  • LA PIAGA DELLA PORNOGRAFIA
    LA PIAGA DELLA PORNOGRAFIA.  –   “La pornografia trasmette l’idea del diritto illimitato di poter soddisfare i propri desideri sessuali senza alcun rispetto per l’altro”. Stavo appunto passando dello spray nero su un grandissimo cartellone pubblicitario pornografico accanto a casa nostra, quando da lontano sentii un gruppo di uomini che mi prendevano in giro, facevano insinuazioni ed erano addirittura irritati. Ma proprio quando arrivarono alla mia altezza, l’unica donna del gruppo prese la parola. Disse che la mia azione era ammirevole e che avrebbe voluto più gente così coraggiosa. Infine mi ringraziò per quel contributo alla salvaguardia dei diritti della donna. I suoi accompagnatori maschili, che fino a poco prima erano stati tanto loquaci, non dissero più una parola… La […]
  • LE RISPOSTE DIO SARANNO PRECISE COSI COME LO SONO LE NOSTRE PREGHIERE
    di Charles G. Finney.  –    Voglio ricordare alcune cose che una persona deve fare, se vuole che vengano esaudite le preghiere. Deve pregare per un qualcosa di definito (Marco 11:23-24; 10:51). Deve avere davanti alla propria mente una chiara visione di ciò che vuole. Invece di pregare per qualcosa di definito molte persone pregano per ciò che li passa per la mente in quel momento. Questa non è una preghiera fruttuosa. Per essere fruttuosa la preghiera deve essere in accordo con la volontà rivelata di Dio (1 Giovanni 5:14-15). Ci sono tre modi con cui Dio rivela la sua volontà per la guida nella preghiera. Uno, mediante le sue promesse. Due, mediante il suo provvedere, e tre mediante il suo Spirito. La preghiera fruttuosa implica un desiderare qualcosa in […]
  • ESSERE COME TRALCI
    Ci sono due problemi che fanno particolarmente soffrire la chiesa di Gesù Cristo: l’immaturità e la solitudine in cui vivono alcuni credenti! Benché siamo abituati a guardare queste cose con meno apprensione di azioni decisamente peccaminose e malvagie, pur nondimeno costituiscono un grave ostacolo, sia per lo sviluppo della propria vita spirituale, sia per il progresso della testimonianza dell’Evangelo. Vivere nell’immaturità, significa, secondo il dettato biblico, restare eternamente bambini. Vuol dire prolungare quello che deve essere un momento di transizione, in una situazione di sconcertante immobilità. Per questa ragione la Sacra Scrittura non esita a definire questo stato: carnalità (1 Cor. 3:1 – 3). Difatti colui che rimane fanciullo nella fede, non è mai […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti