E mi sarete testimoni. (Atti 1:8)

di Agostino Masdea  –   Viviamo in una nazione che si definisce cristiana. Le persone si sentono cristiani per il semplice fatto che vivono in questa nazione, o forse perché  frequentano una chiesa, o hanno una solida tradizione familiare religiosa. Ma tutto questo non è sufficiente per essere “veramente” un cristiano. Si può conoscere persino la Scrittura, la teologia, la dottrina eppure non essere cristiani, o almeno non esserlo in senso biblico. Le parole di Gesù nel versetto citato ci ricordano che c’è una caratteristica che identifica un Suo seguace, un Suo discepolo,  cioè un vero cristiano: essere un testimone!  
Un testimone di Gesù è un vero cristiano e un vero cristiano è un testimone di Gesù.

L’evento straordinario del giorno della Pentecoste non fu il “vento impetuoso”, le “lingue di fuoco”, o i 120 che parlavano in “altre lingue”, ma fu il fatto che un umile pescatore “testimoniò” ad una folla eterogenea (circa 15 nazioni erano rappresentate in quella piazza di Gerusalemme)  e quando finì il suo discorso tremila anime accettarono Cristo come loro Salvatore e furono battezzate.

La prima chiesa nasce “testimoniando”, e tutto ciò è la manifestazione della potenza di Dio attraverso la vita di quei discepoli che avevano ascoltato il comando di Gesù: “…e ordinò loro di non allontanarsi da Gerusalemme, ma di attendere l’attuazione della promessa del Padre, «la quale», egli disse, «avete udita da me».”

Di quella potenza abbiamo necessità oggi per ricevere “capacità” da Dio; quella capacità che supplisce ogni umana carenza di natura intellettuale, teologica o caratteriale, e ci consente di predicare l’Evangelo con zelo ed autorità.

E’ la potenza di Dio che ci consente di essere “vincitori” sulle tentazioni: “Gesù, pieno di Spirito Santo, ritornò dal Giordano, e fu condotto dallo Spirito nel deserto per quaranta giorni, dove era tentato dal diavolo.” (Luca 4:1)

E’ la potenza di Dio che ci rende capaci di vivere una vita santa: “infatti il peccato non avrà più potere su di voi; perché non siete sotto la legge ma sotto la grazia.” (Romani 6:14)

Ed è sempre per quella potenza che possiamo trionfare sulle circostanze avverse che il nemico userà per impedirci di essere testimoni di Gesù. Di fronte alle minacce del sommo sacerdote Pietro e Giovanni mostrano una “franchezza” che non possedevano naturalmente; era soprannaturale:«Bisogna ubbidire a Dio anziché agli uomini.”

Figure come Paolo, Stefano, Giovanni, si ergono imponenti dalle pagine della Scrittura per ricordarci che la potenza dello Spirito Santo non è un optional sostituibile con l’organizzazione, il talento o la capacità umana; è l’essenza e l’unica realtà necessaria nell’evangelizzazione.

Uomini come Wesley, Whitefield,  Finney, Booth, illuminano la storia più recente della chiesa e dimostrano che quando Dio si muove con la Sua potenza e usa servi disponibili e umili, allora il mondo viene scosso e le potenze  dell’inferno vengono sgominate. Il risultato è sempre lo stesso: i peccatori si convertono e l’Evangelo viene predicato con efficacia senza compromessi.

La testimonianza del cristiano deve andare al di là delle parole. In questi giorni molti parlano di Dio; alcuni lo fanno in maniera eloquente e in forma elegante, ineccepibili dal punto di vista della dialettica, e forse anche della dottrina.

Ma il mondo non li ascolta, perché ha bisogno di qualcosa di più che belle parole; ha bisogno della potenza di Dio. E un cristiano può testimoniare fedelmente ed efficacemente solo se ha realizzato ed esperimentato quella potenza che rigenera, trasforma e salva.

È necessario, urgente ed improrogabile il bisogno di testimoniare di Cristo. Facciamolo con tutti i mezzi: letteratura, bibbie, programmi radio, riunioni all’aperto… ma facciamolo soprattutto con la testimonianza della nostra vita, dimostrando che Cristo vive in noi e che quindi a ragione possiamo dire insieme all’Apostolo: quel che abbiamo visto e udito, noi lo annunziamo anche a voi, perché voi pure siate in comunione con noi; e la nostra comunione è con il Padre e con il Figlio suo, Gesù Cristo. (1°Giovanni 1:3)

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

TRASFORMATI TRAMITE L’OPERA DI CRISTO

di  JESSIE PENN LEWIS  –  “Poiché l’amore di Cristo ci costringe, essendo giunti alla conclusione che, se uno è morto per tutti, dunque tutti sono morti; e che egli è morto per tutti, affinché quelli che vivono, non vivano più d’ ora in avanti per sé stessi, ma per colui che è morto ed è risuscitato per loro. Perciò d’ ora in avanti noi non conosciamo nessuno secondo …
Leggi Tutto

IL LAVORO NASCOSTO

di DON MALLOUGH –  “Andrea, fratello di Simon Pietro, era uno dei due che avevano udito Giovanni e avevano seguito Gesù”. – Giovanni 1:40  –   È strano come lo scrittore di questo versetto si riferisca ad Andrea: due delle tre volte in cui Giovanni parla di lui, specifica che è il fratello di Pietro. Andrea era in realtà anche lui uno dei dodici apostoli, e quindi sarebbe stato nel …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: La Mia bontà ha più valore della vita

Poiché la tua benignità vale più della vita, le mie labbra ti loderanno. (Salmo 63:3)  –  In questa promessa, il salmista fa una dichiarazione sulla straordinaria bontà di Dio e di come il suo amore vale più della vita stessa. Lo scrittore continua dicendo che l’unica risposta adeguata ad un amore così meraviglioso è quella di vivere la vita rispondendo all’amore di Dio  presentando a Lui i nostri corpi …
Leggi Tutto

LA PIAGA DELLA PORNOGRAFIA

LA PIAGA DELLA PORNOGRAFIA.  –   “La pornografia trasmette l’idea del diritto illimitato di poter soddisfare i propri desideri sessuali senza alcun rispetto per l’altro”. Stavo appunto passando dello spray nero su un grandissimo cartellone pubblicitario pornografico accanto a casa nostra, quando da lontano sentii un gruppo di uomini che mi prendevano in giro, facevano insinuazioni ed erano addirittura irritati. Ma proprio quando arrivarono alla mia altezza, l’unica donna …
Leggi Tutto

QUESTO E' IL TEMPO

– di Agostino Masdea –  E questo tanto più dobbiamo fare, conoscendo il tempo, perché è ormai ora che ci svegliamo dal sonno, poiché la salvezza ci è ora più vicina di quando credemmo. La notte è avanzata e il giorno è vicino; gettiamo dunque via le opere delle tenebre e indossiamo le armi della luce. (Romani 13:11-12) Questo è il tempo, per ogni credente di alzarsi e annunciare l’Evangelo …
Leggi Tutto

FUOCO CONSUMANTE

di – Jim Cymbala    –  Gesù non ha mai battezzato nessuno con acqua. Perché? Perché il battesimo che Lui avrebbe ministrato sarebbe stato il battesimo dello Spirito Santo e col fuoco (leggere Luca 3:16). Non confondete queste parole come a voler indicare due battesimi, uno con lo Spirito e uno col fuoco.  Al contrario, Luca stava usando l’immagine del fuoco come simbolo che rappresenta lo Spirito, per …
Leggi Tutto

Roberto Bracco

 “Dio ti offre più di quanto ti chiede” – 1 Pietro 1:19-20″ …siete stati riscattati dal vano modo di vivere tramandatovi dai vostri padri, ma con il prezioso sangue di Cristo, come quello di un agnello senza difetto né macchia.  Già designato prima della fondazione del mondo, egli è stato manifestato negli ultimi tempi per voi; …
Leggi Tutto

PERDERE, PER GUADAGNARE

Dr. M.R. de Haan  –  Chi avrà perduto la sua vita per amor mio, la troverà»  Mat. 16:25 .  –  Quale debba essere la meta d’un atleta professionista ce lo dice Vince Lombardi: «Vincere non significa essere il primo in tutte le gare — ciò che conta è la vittoria finale!» Una squadra può aver vinto la maggior parte delle partite di qualificazione, ma se perde la partita finale, …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti