E mi sarete testimoni. (Atti 1:8)

di Agostino Masdea  –   Viviamo in una nazione che si definisce cristiana. Le persone si sentono cristiani per il semplice fatto che vivono in questa nazione, o forse perché  frequentano una chiesa, o hanno una solida tradizione familiare religiosa. Ma tutto questo non è sufficiente per essere “veramente” un cristiano. Si può conoscere persino la Scrittura, la teologia, la dottrina eppure non essere cristiani, o almeno non esserlo in senso biblico. Le parole di Gesù nel versetto citato ci ricordano che c’è una caratteristica che identifica un Suo seguace, un Suo discepolo,  cioè un vero cristiano: essere un testimone!  
Un testimone di Gesù è un vero cristiano e un vero cristiano è un testimone di Gesù.

L’evento straordinario del giorno della Pentecoste non fu il “vento impetuoso”, le “lingue di fuoco”, o i 120 che parlavano in “altre lingue”, ma fu il fatto che un umile pescatore “testimoniò” ad una folla eterogenea (circa 15 nazioni erano rappresentate in quella piazza di Gerusalemme)  e quando finì il suo discorso tremila anime accettarono Cristo come loro Salvatore e furono battezzate.

La prima chiesa nasce “testimoniando”, e tutto ciò è la manifestazione della potenza di Dio attraverso la vita di quei discepoli che avevano ascoltato il comando di Gesù: “…e ordinò loro di non allontanarsi da Gerusalemme, ma di attendere l’attuazione della promessa del Padre, «la quale», egli disse, «avete udita da me».”

Di quella potenza abbiamo necessità oggi per ricevere “capacità” da Dio; quella capacità che supplisce ogni umana carenza di natura intellettuale, teologica o caratteriale, e ci consente di predicare l’Evangelo con zelo ed autorità.

E’ la potenza di Dio che ci consente di essere “vincitori” sulle tentazioni: “Gesù, pieno di Spirito Santo, ritornò dal Giordano, e fu condotto dallo Spirito nel deserto per quaranta giorni, dove era tentato dal diavolo.” (Luca 4:1)

E’ la potenza di Dio che ci rende capaci di vivere una vita santa: “infatti il peccato non avrà più potere su di voi; perché non siete sotto la legge ma sotto la grazia.” (Romani 6:14)

Ed è sempre per quella potenza che possiamo trionfare sulle circostanze avverse che il nemico userà per impedirci di essere testimoni di Gesù. Di fronte alle minacce del sommo sacerdote Pietro e Giovanni mostrano una “franchezza” che non possedevano naturalmente; era soprannaturale:«Bisogna ubbidire a Dio anziché agli uomini.”

Figure come Paolo, Stefano, Giovanni, si ergono imponenti dalle pagine della Scrittura per ricordarci che la potenza dello Spirito Santo non è un optional sostituibile con l’organizzazione, il talento o la capacità umana; è l’essenza e l’unica realtà necessaria nell’evangelizzazione.

Uomini come Wesley, Whitefield,  Finney, Booth, illuminano la storia più recente della chiesa e dimostrano che quando Dio si muove con la Sua potenza e usa servi disponibili e umili, allora il mondo viene scosso e le potenze  dell’inferno vengono sgominate. Il risultato è sempre lo stesso: i peccatori si convertono e l’Evangelo viene predicato con efficacia senza compromessi.

La testimonianza del cristiano deve andare al di là delle parole. In questi giorni molti parlano di Dio; alcuni lo fanno in maniera eloquente e in forma elegante, ineccepibili dal punto di vista della dialettica, e forse anche della dottrina.

Ma il mondo non li ascolta, perché ha bisogno di qualcosa di più che belle parole; ha bisogno della potenza di Dio. E un cristiano può testimoniare fedelmente ed efficacemente solo se ha realizzato ed esperimentato quella potenza che rigenera, trasforma e salva.

È necessario, urgente ed improrogabile il bisogno di testimoniare di Cristo. Facciamolo con tutti i mezzi: letteratura, bibbie, programmi radio, riunioni all’aperto… ma facciamolo soprattutto con la testimonianza della nostra vita, dimostrando che Cristo vive in noi e che quindi a ragione possiamo dire insieme all’Apostolo: quel che abbiamo visto e udito, noi lo annunziamo anche a voi, perché voi pure siate in comunione con noi; e la nostra comunione è con il Padre e con il Figlio suo, Gesù Cristo. (1°Giovanni 1:3)

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

UN SEGRETO SULLA GRAZIA

di Max Lucado  –  Ecco un segreto sulla GRAZIA:  dieci piccole parole che spiegano tutto quello che c’è da sapere: “Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi?” (Romani 8:28). Da un lato questo concetto può sembrare cosi semplice, in realtà, queste parole contengono un significato veramente profondo. Esaminiamo attentamente le quattro parole di questo versetto. Leggete lentamente la frase: “Dio è per noi”. Fate una …
Leggi Tutto

PREGHIERA DI UN SERVITORE MINORE

 di A. W. TOZER – Questa è la preghiera di un uomo chiamato ad essere testimone alle Nazioni, questo  ci che egli disse al Signore il giorno in cui fu ordinato. Dopo che gli anziani e i ministri ebbero pregato ed imposto le mani su di lui, egli si ritirò per incontrare il suo Signore in un posto segreto e silenzioso, lontano anche dai suoi fratelli, e disse: …
Leggi Tutto

LA PREGHIERA

di LEONARD RAVENHILL    –   Il Vangelo Della Preghiera  –   Non v’è niente di più trasfigurante della preghiera. Le persone spesso dicono: “Perché insisti tanto sull’argomento della preghiera?”  La risposta è  molto semplice: perché Gesù stesso lo ha fatto. Potresti cambiare il titolo del Vangelo secondo S. Luca in  “Vangelo della Preghiera”. Esso infatti racconta la vita di preghiera di Gesù. Gli altri evangelisti dicono che Gesù era nel …
Leggi Tutto

Domenica 10 Giugno 2012: "Dio fara' cose nuove".

http://www.chiesadiroma.it/wp-content/uploads/2012/10/Dio-fa-cose-nuove.mp3 Predicazione del Pastore Masdea, Domenica 10 Giugno 2012 …
Leggi Tutto

Chiamata al ministerio della Guarigione Divina

  La testimonianza personale di John G. Lake dalla sua chiamata al ministerio della Guarigione Divina sarà, ne siamo certi, di grande benedizione per i visitatori del sito. Il suo ministerio apostolico svolto dal 1908 al 1913, nel sud dell’Africa, fu certamente uno dei più potenti ministeri dai giorni della Chiesa primitiva. Egli ritornò in seguito a Spokane, nello Stato di Washington, dove 100.000 guarigioni furono registrate in …
Leggi Tutto

R.A.Torrey

 di  R.A. TORREY    –   “La potenza appartiene a Dio”. Pertanto è a disposizione dell’uomo. Vi è una cosa che crea la separazione tra Dio e l’uomo: il peccato. Leggiamo in Isaia: “Ecco, la mano del Signore non è troppo corta per salvare, né il suo orecchio troppo duro per udire; ma sono le nostre iniquità quelle che han posto una barriera fra voi e il vostro Dio; sono i vostri peccati quelli …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

coro

ADORAZIONE COL CANTO

Istruzioni su come cantare  in chiesa - dal grande predicatore del XVIII secolo John Wesley Perché questa parte del culto di adorazione sia più gradita a Dio, così come più utile ...
Leggi Tutto
CONFUSI SULL’ADORAZIONE

CONFUSI SULL’ADORAZIONE

di  A. W. Tozer      -     Conoscere veramente Gesù Cristo come Salvatore e Signore significa amarLo e adorarLo! Come popolo di Dio, siamo così spesso confusi che potremmo essere ...
Leggi Tutto
LA RISCOPERTA DELLO SPIRITO

LA RISCOPERTA DELLO SPIRITO

di JIM CYMBALA  -  Non mi aspettavo che lo Spirito Santo si unisse a me per pranzo, eppure è esattamente ciò che accadde.  Mia moglie Carol era fuori città, così ...
Leggi Tutto
UNA PERSONA CHE DOVRESTI CONOSCERE

UNA PERSONA CHE DOVRESTI CONOSCERE

di R.A. Torrey  -  Prima di poter capire correttamente l’opera dello Spirito Santo, bisogna conoscere lo Spirito Santo stesso. Una frequente sorgente di errori e di fanatismo, circa l’opera dello ...
Leggi Tutto
EMOZIONI ARTIFICIALI

EMOZIONI ARTIFICIALI

Qualche tempo fa un amico che guida la musica nella sua chiesa mi ha detto che il suo pastore chiedeva che le loro riunioni di culto fossero più emozionanti. Il dizionario ...
Leggi Tutto
Meditazione del giorno: Servite l'Eterno con gioia

Meditazione del giorno: Servite l’Eterno con gioia

di C.H. Spurgeon -  SERVITE L'ETERNO CON GIOIA - Salmo 100:2  - Gioire nel servizio del Signore è un segno d'appartenenza. Quelli che servono Dio con un volto triste, perché trovano che ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti