ED ORA CHE INDUGI….LEVATI!

di Agostino Masdea   –  Or un certo Anania, uomo pio secondo la legge, al quale tutti i Giudei che abitavan quivi rendevan buona testimonianza, venne a me; e standomi vicino, mi disse: Fratello Saulo, ricupera la vista. Ed io in quell’istante ricuperai la vista, e lo guardai. Ed egli disse: L’Iddio de’ nostri padri ti ha destinato a conoscer la sua volontà, e a vedere il Giusto, e a udire una voce dalla sua bocca. Poiché tu gli sarai presso tutti gli uomini un testimone delle cose che hai vedute e udite. Ed ora, che indugi? Lèvati, e sii battezzato, e lavato dei tuoi peccati, invocando il suo nome. (Atti 22:12-16)

Ed ora che indugi…. parole che sembra vogliano mettere premura a chi invece preferirebbe prendere tempo, o a chi non sappia decidere sul da farsi. Parole che oggi lo Spirito Santo indirizza al cuore di qualcuno che deve recuperare la vista e tornare alla casa del Padre.

Certamente gli avvenimenti recenti avevano profondamente scosso il focoso Saulo da Tarso. Tutto era stato messo in discussione….la sua posizione sociale, la sua nobile religione, il suo zelo esuberante, il suo passato da Fariseo, scrupoloso osservatore della legge e accanito persecutore della Chiesa. Li, sulla  via di Damasco in un solo istante tutto era crollato e si era sbriciolato davanti a quella potente e amorevole voce che gli domandava: “Perché mi perseguiti?” Non e’ facile immaginare i pensieri e le emozioni che si accavallavano nella sua mente durante quei tre giorni passati in Damasco prima che arrivasse Anania per fargli recuperare la vista e portargli il consiglio di Dio. Una cosa e’ certa: da quel momento la sua vita non fu piu’ la stessa.

Le stesse parole di Anania hanno probabilmente pronunciato gli angeli quando sollecitavano Lot a lasciare Sodoma che stava per essere distrutta. Egli “indugiava”: forse non era proprio convinto. L’ influenza della moglie, restia a lasciare i suoi beni, la sua casa; l’ironia dei suoi generi che avranno scherzato su cio’ che appariva come uno “scherzo”, lo facevano dubitare e tentennare nel prendere una risoluta decisione; ma avvenne che appena fuori dalla citta’ -”L’Eterno fece piovere dai cieli fuoco e zolfo su Sodoma e Gomorra”. (Genesi 19)

Non c’e’ da indugiare…. il tempo scorre inesorabilmente. Geremia esprimeva il suo dolore e il suo grande rammarico: “La messe e’ passata, l’estate e’ finita e noi non siamo salvati…” (Ger. 8:20)

L’inganno piů subdolo del diavolo e’ quello di farti pensare che “non c’e’ nessuna fretta… domani ci sarŕ ancora tempo.”   Domani potrai consacrarti al Signore…. domani avrai piu’ tempo per pregare…. domani potrai leggere la Parola di Dio…. domani sarai meno stanco e potrai andare al culto…. domani ci sara’ un’opportunita’ migliore per parlare di Gesu’ ai tuoi amici….. domani smetterai di fare “quel peccato”….. domani potrai convertirti ed essere salvato….

Ma il Signore ti dice: “Oggi… se udite la mia voce non indurite i vostri cuori”.   Vuoi aspettare per deciderti che arrivi prima il fuoco dal cielo? Farai in tempo ad uscire dalla citta’?

Se il Signore ti manda un “Anania” per portarti il Suo messaggio che ti esorta a non perdere ancora tempo ma a levarti,  ricuperare la vista, e diventare un “testimone delle cose vedute ed udite” (Atti 22:15), resterai indifferente e penserai che sia tutto uno scherzo?

Ed ora che aspetti?!? Levati, alzati, svegliati!!! Invoca il Suo nome! Sii perdonato dai tuoi peccati!

Non c’e’ piů tempo! Levati…. comincia a cerca  il regno di Dio e la Sua giustizia….

Levati…. lascia le opere morte che compiacciono la tua carne ma distruggono il tuo spirito.

Levati…. arrendi la tua vita al Signore.

Levati…. lascia che il Figliuolo di Dio viva in te. Invocalo…Egli ti risponderà!

“Venite, torniamo all’Eterno perch’Egli ha lacerato, ma ci risanerà; ha percosso, ma ci fascerà.  In due giorni ci ridarà la vita; il terzo giorno ci rimetterà in piedi, e noi vivremo alla sua presenza.  Conosciamo l’Eterno, sforziamoci di conoscerlo! Il suo levarsi è certo, come quello dell’aurora; Egli verrà a noi come la pioggia, come la pioggia di primavera che annaffia la terra”.  (Osea 6:1-3)

 “Dissodatevi un campo nuovo! Poiché è tempo di cercare l’Eterno, finch’Egli non venga, e non spanda su voi la pioggia della giustizia. (Osea 10:12)

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

VENITE DIETRO A ME... (Matteo 4:19)

di Roberto Bracco   –  Gesù Cristo è “ogni cosa” per “ogni credente”; in Lui si risolvono tutti problemi, in Lui si compiono tutti programmi e in Lui, in Lui soltanto, si raggiungono tutte le mete. “Venite a me!” “Imparate da me! ” ” Dimorate in me! “… queste e tante altre espressioni analoghe a queste ci dichiarano che Gesù Cristo è il “capo” della chiesa, la “luce” della …
Leggi Tutto

Non siamo protestanti.

di ROBERTO BRACCO   –    –  Il 10 dicembre 1520 Martin Lutero, l’impetuoso agostiniano che ha legato il proprio nome a quel movimento di riforma religiosa che rappresenta l’avvenimento più sensazionale dello infuocato XVI secolo, bruciava pubblicamente la bolla papale che decretava la sua scomunica e protestava così, nel modo più audace contro la chiesa di Roma.     Il 19 aprile 1529 i Principi che avevano apertamente aderito al …
Leggi Tutto

EBREI MESSIANICI

di Agostino Masdea   –   Una realtà del nostro tempo. Affrontare questo soggetto non è facile, sia per il poco tempo che abbiamo a disposizione, sia per la complessità dei temi che questo argomento richiederebbe fossero trattati. Non si può parlare di Ebrei messianici in maniera esaustiva se non si toccano anche  temi come la storia di Israele, la storia della Chiesa,  l’antisemitismo, le profezie bibliche…. e tanti altri soggetti correlati. Potete …
Leggi Tutto

HO FINITO LA CORSA...

di Agostino Masdea   –  Messaggio predicato il 9 Novembre 2000 in occasione del funerale della sorella Anna Bracco, moglie del pastore Roberto Bracco, fondatore della nostra comunità. i) Vogliamo in questo giorno particolare benedire il Signore e siamo qui per dare il nostro ” arrivederci ” alla nostra cara sorella. Vogliamo anche  manifestare il nostro affetto e il nostro sentimento cristiano ai figli, ai parenti tutti. Le nostre …
Leggi Tutto

LA TUA VECCHIA VITA È FINITA E ORA TUTTO È NUOVO IN CRISTO.

Se dunque uno è in Cristo, egli è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate; ecco, tutte le cose sono diventate nuove. (2 Corinzi 5:17)  –  Che meravigliosa promessa. La nostra vecchia vita è finita e tutte le cose sono diventate nuove. In questo brano della Bibbia, l’apostolo Paolo non sta parlando della nostra vita naturale, ma della nostra vita spirituale. Quando abbiamo ricevuto il dono di Gesù Cristo …
Leggi Tutto

LE COSE LECITE

di Roberto Bracco  –  Un servo di Dio disse: – “La parte più numerosa di coloro che naufragano nell’oceano della fede è vinta non dall’immoralità, ma dalle cose lecite.” Oggi quest’affermazione sembra una didascalia della situazione della cristianità. Le “cose lecite” sono diventate un’altra volta le catene dei credenti; i loro polsi e le loro caviglie, parliamo in metafora, sono serrati strettamente …
Leggi Tutto

VENTO IN FACCIA

di A.W. Tozer  –  “Dio ti ha chiamato al fianco di Cristo” scrisse Samuele Rutheford, “ed il vento, in questo paese, è ora sul volto di Gesù; e siccome tu sei con Lui, non ti puoi certo aspettare d’essere sotto vento o sulla parte sollevata del pendio.”  Samuele Rutherford, con la sua grande capacità di fare un uso eccellente delle parole, anche nelle affermazioni più causali, cristallizza per noi uno …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti