C’E’ SPERANZA PER LE NAZIONI E PER IL MONDO?

di AGOSTINO MASDEA – Questo è un tempo di straordinario cambiamento. Come non mai prima. La storia dell’umanità è una storia di cambiamenti: demografici, tecnologici, religiosi, sociali, politici, economici. La differenza rispetto al passato è che oggi questi cambiamenti avvengono a velocità supersonica.

Dal modo di vestire alle automobili, dalla musica all’arredamento della casa… tutto è in evoluzione, tutto procede speditamente.  Cambia anche il clima.   Tutto sembra   nuovo… ma da un altro punto di vista non c’è niente di nuovo sotto il sole.

Perché dopo millenni l’uomo rimane lo stesso; il cuore dell’uomo è malvagio quanto lo era al tempo in cui Geremia lo descriveva così: Il cuore è ingannevole più di ogni altra cosa e insanabilmente malato; chi lo può conoscere?  L’uomo rimane sempre peccatore e egoista, l’uomo rimane perennemente insoddisfatto. La tecnologia, il progresso, la posizione economica, il benessere di cui oggi, almeno in parte gode, non lo rende felice, non colma il vuoto che egli ha nel suo cuore.

Così molti cercano di sfuggire alla noia e all’insoddisfazione seguendo le mode più stravaganti, sposando filosofie e religioni bizzarre, cercando di provare nuove emozioni nelle cose estreme … ma continuano a vagare in un deserto di aridità spirituale e di vanità infinita.

Il salmista esprime con queste parole pronunciate 2500 anni fa, che sono nello stesso tempo una preghiera e una dichiarazione allarmante: “È tempo che tu operi, o Eterno; essi hanno annullato la tua legge.”  (Salmo 119:126)

Ci può essere speranza per il futuro? Ci può essere speranza per i nostri figli e le nuove generazioni? Ci può essere speranza per l’Italia e per le nazioni? Il tentativo dell’uomo, attraverso le sue più importanti istituzioni, come l’Onu, la Nato, l’Unione Europea, il G8, G20, ecc., di risolvere i grandi problemi che affliggono l’umanità, è destinato ad avere successo e garantire pace e prosperità alle generazioni future, a costruire un mondo migliore? Possiamo essere ottimisti o pessimisti?

Cosa dice la Bibbia su questo argomento? La Scrittura ci assicura che sebbene Dio sia stato estromesso e allontanato dalle nazioni, EGLI ANCORA SIEDE SUL SUO TRONO! Il destino dell’umanità è comunque nelle Sue mani. Gli è stato chiesto di non intromettersi, e Lui gentilmente si è messo da parte, ma non sarà per sempre così. Ecco perché la risposta che noi diamo alla domanda iniziale è: “LA SPERANZA DELLE NAZIONI E’ SOLO GESU’ CRISTO”!

Nei vangeli leggiamo cosa Egli fece durante il Suo ministero terreno:grandi folle lo seguirono, ed egli li guarì tutti”, fece del bene a tutti, apri gli occhi ai ciechi, fece camminare gli zoppi, risuscitò i morti… guarì i lebbrosi, scaccio i demoni.  Ma soprattutto predicò IL VANGELO.

Poi lo arrestarono, lo accusarono ingiustamente, lo processarono in un processo – farsa, e infine, lo crocifissero. Crocifissero il Figlio di Dio. Ma la morte non poté trattenerlo. Il messaggio del Vangelo si basa su una tomba vuota: EGLI E’ RISORTO! E ora vive…

C’è un altro aspetto che ci fa dichiarare che Egli è la speranza delle nazioni. Ma prima permettetemi di aggiungere una cosa importante: La salvezza, la speranza, questo ineffabile dono prima che sia applicato in modo ampio alle nazioni, in senso generale, è LA SPERANZA DI OGNI UOMO IN SENSO INDIVIDUALE. Tu sei prezioso agli occhi di Dio… Egli salva gli individui, e tanti individui salvati formano famiglie, comunità, paesi e infine nazioni salvate.

CONCLUSIONE: Cosa accadrà il giorno che Dio deciderà di dire basta e interverrà per risolvere definitivamente il problema? Ora è una cosa stranissima che nessuno ne parli, perché la bibbia dice tanto, tantissimo di quel giorno: “Il giorno del Signore”!  Succederà, e questo è rivelato in ogni pagina della sacra scrittura, CHE GESU’ CRISTO TORNERA’ DI NUOVO E REGNARA’ PERSONALMENTE SU TUTTA LA TERRA. Non per l’eternità, ma per un periodo abbastanza lungo. La Bibbia parla di 1000 anni. Cosa accadrà: IL REGNO DI DIO VERRA’ SULLA TERRA E LA VOLONTA’ DI DIO SARA FATTA IN TERRA COME E’ FATTA NEL CIELO.

KINGDOM

Tutto cambierà, e tutto tornerà come era al principio. Prendo un solo passo della scrittura che parla di quel giorno: “La giustizia sarà la cintura dei suoi lombi, e la fedeltà la cintura dei suoi fianchi.  (Cristo).  Il lupo abiterà con l’agnello e il leopardo giacerà col capretto; il vitello, il leoncello e il bestiame ingrassato, staranno insieme e un bambino li guiderà. La vacca pascolerà con l’orsa, i loro piccoli giaceranno insieme, e il leone si nutrirà di paglia come il bue. Il lattante giocherà sulla buca dell’aspide, e il bambino divezzato metterà la sua mano nel covo della vipera. Non si farà né male né distruzione su tutto il mio monte santo, poiché il paese sarà ripieno della conoscenza dell’Eterno, come le acque ricoprono il mare. In quel giorno avverrà che la radice di Isai (Cristo) si ergerà come una bandiera per i popoli; le nazioni lo cercheranno, e il luogo del suo riposo, sarà glorioso.”

Ecco con questa parola, “glorioso”, concludo questa breve meditazione perché illustra ciò che caratterizzerà non il futuro immediato, ma l’eternità dei figli di Dio.

Poiché io conosco i pensieri che ho per voi”, dice l’Eterno, “pensieri di pace e non di male, per darvi un futuro e una speranza. (Geremia 29:11) QUESTA SPERANZA E’ ANCHE PER TE.

 

 

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Qual’è il mio punteggio?
    In Devotional
    di  Elisabeth Elliot   –   Ero tentata questa mattina – no, non solo tentata, in realtà l’ho fatto – a pregare: “Signore, sono stata disubbidiente in molte cose, ma sono stato obbediente nelle “grandi” cose, non è vero, Signore? “ “Come chiameresti ‘amarmi con tutto il tuo cuore, l’anima, la mente e la tua forza’? E’una piccola cosa?” Related posts: Meditazione del giorno: CHI È IL MIO PROSSIMO ? Meditazione del giorno: Dio mio, Dio mio, perché? Una promessa per oggi: Il mio amore è sparso nel tuo cuore per mezzo del mio Spirito Meditazione del giorno: IL MIO AMICO CELESTE[...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • IL BUON PASTORE
    di GEORGE WHITEFIELD  –  Sermone d’addio (L’ultimo sermone predicato a Londra, mercoledì 30 agosto 1769 prima della sua ultima partenza per l’America) “Le mie pecore ascoltano la mia voce, io le conosco ed esse mi seguono; e io do loro la vita eterna e non periranno mai, e nessuno le rapirà dalla mia mano” (Giovanni 10:27-28).   – È un detto comune e, io credo, giusto, quello che afferma che il malcostume produce buone leggi. Non so se esso si possa o meno applicare ad ogni situazione di questo mondo, ma sono persuaso che sia molto adatto alle realtà spirituali: i modi, le parole, e la condotta malvagia degli uomini sono stati vinti dalla grazia sovrana di Dio, per produrre, ed essere la causa, dei migliori sermoni predicati dal Signore Gesù Cristo. Si potrebbe immaginare che, […]
  • EGLI NON SAPEVA…
    di E.K.Rusthoi  –  “Egli (Sansone), non sapeva che Dio s’era ritirato da lui” (Giudici 16,20).  –  “Or Mosè, quando scese dal monte Sinai – scendendo Mosè aveva in mano le due tavole della testimonianza – non sapeva che la pelle del suo viso era diventata tutta raggiante” (Esodo 34,29). Vorrei attirare la vostra attenzione su questi due versetti biblici che sembrano in aperto contrasto. Il primo è un versetto negativo e triste. Il secondo è proprio l’opposto ed è un invito alla preghiera, positivo e pieno di letizia.  Che enorme differenza! Che grande contrasto! Sansone non sapeva che il Signore s’era allontanato da lui. Mosè non sapeva che il suo volto era raggiante poiché la sua pelle rifletteva la gloria del Signore. Uno di questi due uomini si era tanto […]
  • Io benedirò i costruttori di pace e li chiamo miei figli
    Beati coloro che si adoperano per la pace, perché essi saranno chiamati figli di Dio. (Matteo 5:9) Come pensi si senta un padre nel vedere i suoi figli litigare in casa sua? Come padre io stesso so quanto dispiacere ho provato quando ho visto i miei figli non andare d’accordo. Il cuore di un padre è per la pace e l’armonia dei suoi figli. Quando penso a questa promessa, sono incoraggiato che ci sia una benedizione per noi quando amiamo la pace e facciamo tutto il possibile per vivere in pace con tutti coloro che ci circondano. A volte semplicemente non è possibile, ma per quanto dipende da noi, dobbiamo essere un popolo che ama la pace. Nella promessa di oggi, leggiamo che i figli di Dio saranno operatori di pace. Visto che siamo stati fatti uno con Gesù, e uno dei suoi nomi è […]
  • SOTTO IL SOLE
    di BILLY SUNDAY  –   ″Che profitto ha l’uomo di tutta la fatica che sostiene sotto il sole?″  (Ecclesiaste 1:3)    –   È lo stesso re Salomone a formulare questa domanda e a darle una risposta. Nel modo d’esprimersi contemporaneo, significa più o meno: ″Che bene ricava un uomo da questa vita, se vive solamente per le cose che può dare il mondo?″ Se c’è mai stato qualcuno in grado di dare la giusta risposta a questa importantissima domanda fondandosi sulla propria esperienza di vita e sulla propria saggezza, quello era Salomone. Se mai uomo al mondo nacque baciato dalla fortuna, quello fu lui. Talvolta pare che il diavolo infierisca particolarmente su certe persone sin dalla loro nascita, ma Salomone non ebbe questo problema perché nacque privilegiato. Era il figlio […]
  • Una promessa per oggi: Io posso fare per te più di quanto tu possa immaginare.
    Or a colui che può, secondo la potenza che opera in noi, fare smisuratamente al di là di quanto chiediamo o pensiamo, a lui sia la gloria nella chiesa in Cristo Gesù per tutte le generazioni, nei secoli dei secoli. Amen. (Efesini 3:20-21)  –  Dopo aver letto questa promessa, prova per un attimo ad immaginare la più grande, impensabile cosa, per la tua vita. Non importa quanto grande sia, i piani di Dio per te sono molto più grandi! Una versione della bibbia traduce la grandezza dei piani di Dio con ”infinitamente al di là” ed un’altra con “ampiamente al di là”. Non importa in quale versione della Bibbia scegli di leggere questo versetto; Dio è in grado di fare molto di più per noi di quanto mai noi possiamo comprendere, per mezzo della sua incredibile potenza che opera in noi… […]
  • “CARISMATICI”
    di Roberto Bracco  –  «Fiumi di acqua viva sgorgheranno dal suo seno… » (Giovanni 7:38) Con questa potente espressione Gesù ha definito l’esperienza dei credenti ripieni di Spirito Santo; la frase chiarisce in maniera precisa e dettagliata il miracolo annunciato dal Signore ed offre quindi dei riferimenti dottrinali che non possono essere ignorati dalla teologia cristiana. Il « credente» che « riceve » (v. 39) lo Spirito non può « non» essere una « sorgente » generosa. E’ evidente che il riferimento è relativo non ad una qualsiasi esperienza spirituale, ma proprio a quella che comunemente definiamo « esperienza pentecostale »; infatti sia Pietro in Gerusalemme che Paolo in Efeso si riferivano proprio a questa esperienza quando dissero: «… e voi riceverete il dono dello […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti