ARMONIA SPIRITUALE

di Agostino Masdea   –  “Rendete perfetta la mia gioia, avendo uno stesso modo di pensare, uno stesso amore, un solo accordo…” (Filippesi 2.2)  –   Questa richiesta di Paolo ai credenti di Filippi ci parla di armonia.  Che parola straordinaria… armonia! Ci parla di bellezza, di equilibrio, di gradevolezza.  E’ una parola legata alla musica: E’ una consonanza di voci o strumenti musicali che produca una sensazione piacevole, o anche una combinazione di accordi, cioè la concordanza di note simultanee, che provochi un’impressione di piacere in chi ascolta.

Si parla di Armonia nella letteratura e nella poesia, quando si nota una “musicalità” che unisce le parole, i verbi e gli aggettivi usati….  Si parla di armonia del corpo umano, armonia dell’universo, armonia dei Vangeli, armonia di colori, armonia familiare…  e proprio a quest’ultimo tipo di armonia, che ci auguriamo possa regnare in tutte le famiglie, fa riferimento Paolo, intendendo per famiglia la comunità locale.

Quando Paolo dice “rendete perfetta la mia gioia, avendo un medesimo pensare, un medesimo amore, essendo di un animo solo e di un unico sentimento” non dobbiamo cadere nell’errore di pensare che Dio ci vuole tutti uguali, come esseri clonati, senza personalità e senza individualità… uniformati e conformati all’unico pensiero di un leader o di una guida spirituale, come avviene nelle sette.

Se Dio avesse voluto questo ci avrebbe creati tutti uguali, come tanti robot. Invece ci ha fatti tutti diversi, come ogni fiocco di neve che cade sulla terra. Se fossimo cloni uno dell’altro non potremmo parlare di armonia. L’armonia è possibile nella diversità… Armonia di colori… non tutto blù o tutto nero; armonia musicale…pensiamo ad una orchestra che esegue una sinfonia: tanti strumenti differenti, ogni strumento suona una nota e produce un suono diverso dall’altro, ma diretti abilmente dal direttore d’orchestra producono una straordinaria armonia.

La prima persona con la quale il singolo musicista deve stare in armonia, è proprio il direttore d’orchestra. Se non siamo in pace con Dio e se non siamo in armonia con Lui, non potremo esserlo con gli altri “componenti dell’orchestra”, cioè con i nostri fratelli. (Romani 5:1)

Dobbiamo essere chiaramente consapevoli del fatto che ogni cristiano ha un suo personale, unico, rapporto con Dio. Diverso da quello di altri… Il più grande errore che possiamo fare, che porta poi gravi conseguenze in seno alla comunità, è pensare che il nostro modo di rapportarci con Dio sia lo standard che tutti gli altri debbano avere. E’ impossibile. Dio potrebbe richiedere da me qualcosa che non necessariamente richiede da te o da qualcun altro… e viceversa.

Ed ecco perché, dobbiamo stare attenti quando esprimiamo giudizi sui nostri fratelli e sulle sorelle basati sul confronto con noi stessi.  Semplicemente per la ragione che siamo diversi uno dall’altro. Ognuno ha il suo dono, la sua chiamata, la sua sensibilità e la sua altezza o maturità.

Una cosa è sicuramente importante: Noi parliamo davanti a Dio, in Cristo, e tutto ciò, carissimi, per la vostra edificazione.  2 Corinzi 12:19

Ogni membro, in ogni comunità cristiana dovrebbe avere questa preoccupazione: “Cosa posso fare per EDIFICARE”?  Paolo diceva ai Corinti “io non cerco i vostri beni, ma voi…” (vs. 14)

L’ARMONIA è IL FRUTTO DELLA GENEROSITA’ SPIRITUALE, non dell’individualismo o dell’egoismo.  Quando prevalgono gli interessi personali, l’ambizione o sentimenti di gelosia, allora Paolo dice che al posto dell’armonia nascono i conflitti. “…ci siano fra voi contese, gelosie, ire, risse, diffamazioni, insinuazioni, superbie, tumulti; (Vs. 20)

Solo lo Spirito Santo può cambiare la nostra natura egoista e ribelle, ma dobbiamo riconoscere il nostro bisogno e poi umiliarci davanti alla Sua presenza e chiedergli di cambiarci, di operare in noi e trasformarci, in accordo con la Sua volontà per noi.

L’armonia familiare e spirituale è un bene prezioso. Non siamo capaci di raggiungere nessun bene da noi stessi. Siano completamente inadeguati e incompetenti a praticare il bene da noi stessi. Solo Dio ci può trasformare giorno dopo giorno perché raggiungiamo come individui e poi come comunità questo glorioso obiettivo.  Egli ci accetta così come siamo, con il nostro bagaglio di errori, di fallimenti e a volte di sensi di colpa… ma l’invito risuona ancora: “Venite a me…” Io vi darò riposo… io vi darò pace… io vi metterò in accordo con gli altri vostri fratelli perché insieme siate una famiglia spirituale in armonia.”

Noi non abbiamo in noi stessi quell’amore necessario, direi indispensabile che crea vera armonia nella famiglia e nella comunità. Dio però ci viene incontro in questa nostra carenza: Romani 5:5 ci ricorda che “l’amore di Dio è stato sparso nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato.”

Questo amore, come già detto tante volte, non è l’amore umano. E’ il SUO AMORE. “Agapeo”, amore sacrificale e non amore egoistico. Tutti conoscono l’amore sentimentale… ma non l’amore vero. Il sentimento va e viene, come un’onda del mare… c’è e poi svanisce. L’amore di Dio non si basa sul sentimento ma sulla volontà e sulla fede.

Così l’armonia nella casa e nella famiglia, l’armonia nella comunità non è frutto della nostra perfezione o di quella degli altri, MA FRUTTO DELLA SUA PERFEZIONE.

Il più grande nemico della fede e della vita spirituale è il sentimentalismo. Anche nella nostra vita e nella comunità la mancanza di armonia è una questione di immaturità spirituale. Lo sterile sentimentalismo che spesso accompagna le scelte e le decisioni dei cristiani. Quell’emotività religiosa che nonostante la sua intrinseca e inconsistente natura, prevale a volte sulla fede e sulle realtà dello Spirito.

Cristo è la nostra speranza e la vostra vita (Col. 3:4). Egli è il nostro Salvatore, noi siamo in Lui, Lui è in noi. Egli è la sorgente della Pace, della gioia ed è anche il Direttore di quella straordinaria orchestra che è la Sua chiesa chiamata a seguire le Sue direttive per essere un’armonia gradita a DIO!

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: RINUNCIA
    In Devotional
    di OSWALD CHAMBERS  –  “Io ti seguirò ovunque tu andrai.” Luca 9: 57.  –  La risposta del Signore fu volutamente scoraggiante, poiché Egli sa che cosa si nasconde nel cuore dell’uomo. Noi avremmo commentato: « Che stravaganza perdere una così buona occasione di guadagnare a sé costui! » Oppure: « Che sciocchezza agghiacciarlo con quella risposta e farlo andar via scoraggiato! » Non rammaricarti per quello che il Signore fa. Le Sue parole colpiscono e feriscono fino a che non c’è più nulla da colpire e ferire. Gesù Cristo non ha nessuna indulgenza per quello che alla fine conduce alla rovina una creatura al servizio di [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • Che devo fare?
    di Roberto Bracco  –  La tua chiesa langue a causa dell’indifferenza spirituale e della mondanità? La vanità, la carne e il peccato hanno preso il posto della consacrazione, dello spirito e della santità? La potenza celeste non si muove e non opera come operava anni addietro, gli ammalati non vengono più guariti e i tormentati liberati? Insomma ti accorgi che la tua chiesa si trova sulla strada dello sviamento o sotto l’oppressione della crisi spirituale? Se ti accorgi chiaramente di questa pericolosa situazione, mettiti all’opera. Molti vedono questo spettacolo di miseria spirituale, ma cercano soltanto di mostrarlo agli altri e poi dicono: “che dobbiamo fare?” Aspettano forse che ” tutti ” si mettano all’opera e perché ognuno aspetta […]
  • LA FEDE
    di  William Macdonald  –  «Or la fede è certezza di cose che si sperano, dimostrazione di realtà che non si vedono». – Non si può essere veri discepoli senza una fede nell’Iddio vivente che sia profonda e assoluta. Chi desidera compiere grandi imprese per il Signore deve prima avere implicita fiducia in Lui. «Tutti i giganti di Dio sono stati degli uomini deboli che hanno fatte grandi cose per Dio perchè contavano sul fatto che Dio era con loro». (Hudson Taylor). Ora la vera fede si basa sempre su qualche promessa di Dio, su qualche brano della Sua Parola. Questo è molto importante. Il credente dapprima legge o ascolta qualche promessa del Signore, quindi lo Spirito Santo prende quella promessa e la applica al suo cuore e alla sua coscienza in maniera personale. Il cristiano […]
  • QUANDO C’E’ PASSIONE PER LE ANIME
    Testimonianza di George Verwer  –  George Verwer  frequentava ancora il college, quando fondò il ministero che diventerà poi Operazione Mobilitazione. George Verwer si convertì mentre era ancora studente. Vicino al liceo che  egli frequentava, nel New Jersey, abitava una donna di preghiera. Questa donna pregava continuamente per gli studenti di questa scuola, chiedendo a Dio di salvarli e fare di loro dei missionari. Pregò perché anche George fosse salvato e gli mandò un Vangelo di Giovanni. Tre anni dopo aver letto il Vangelo, George andò ad ascoltare Billy Graham, durante una campagna evangelistica.  Accetto Cristo come Suo Salvatore e subito cominciò ad evangelizzare, portando alla fede molti suoi compagni. Prima al college, poi al Moody Bible Institute di Chicago, George sfidava […]
  • GRANDI MISSIONARI: JONATHAN GOFORTH
     Tra tutti i missionari che operavano in Oriente durante il XIX e XX secolo nessuno vide un immediato e grandioso responso al suo ministerio come Jonathan Goforth, il quale, secondo alcuni, fu il più grande evangelista della Cina. La Cina fu la base principale di Goforth, ma egli operò anche in Korea e Manciuria, e ovunque andasse lo seguiva un risveglio. Goforth era il settimo di 11 figli, nacque nell’Ontario nel 1859 e fu allevato da una madre che con costante devozione pregava con lui e lo ammaestrava nella lettura della Parola. All’età di 18 anni si convertì […]
  • SIETE PRONTI PER L’ETERNITÀ?
    di Charles H. Spurgeon  – Il cibo è necessario e indispensabile per mantenere in forza l’organismo umano. Supponiamo die voi diciate un giorno: “Non voglio più mangiare perché non voglio essere uno schiavo del materialismo”. Potete mettervi in viaggio verso una località più sana e soleggiata ma vi accorgerete ben presto che il clima e l’esercizio fisico non sono sufficienti a mantenervi in vita se vi rifiutate di mangiare. Pensate che sarebbe giusto lamentarvi, dicendo: “E’ dure dover morire per rimanere fedele ai miei principi di astinenza dal cibo”? La morte per voi non sarebbe ingiusta se vi ostinate stupidamente a rifiutarvi di mangiare. Lo stesso accade con la fede. Ci sono delle persone che trovano ingiusta la dannazione eterna per coloro che non vogliono porre la loro fede in […]
  • VIVERE IL CRISTIANESIMO.
    di ROBERTO BRACCO  –  Che cos’è il cristianesimo?  Questa domanda rappresenta una premessa indispensabile al soggetto che ci accingiamo a trattare. Il cristianesimo è la dottrina di Cristo nella sua attuazione pratica! La dottrina di Cristo, non bisogna dimenticare, non ha soltanto un aspetto morale ed un contenuto legale, ma anche, anzi soprattutto, un aspetto ideale; cioè la dottrina di Cristo non si esaurisce nell’insegnare a vivere puramente e onestamente, ma si sofferma soprattutto a proclamare l’amore di Dio, la misericordia di Dio e le promesse di Dio. […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti