QUESTO E’ IL TEMPO

Scarica il file PDF488 downloads
– di Agostino Masdea –  E questo tanto più dobbiamo fare, conoscendo il tempo, perché è ormai ora che ci svegliamo dal sonno, poiché la salvezza ci è ora più vicina di quando credemmo. La notte è avanzata e il giorno è vicino; gettiamo dunque via le opere delle tenebre e indossiamo le armi della luce. (Romani 13:11-12)

Questo è il tempo, per ogni credente di alzarsi e annunciare l’Evangelo.
Questo è il tempo, per i figli di Dio di mostrare alla gente il Cristo vivente.
Questo è il tempo, di tenere alti i valori biblici riguardo la morale, la famiglia,  e dimostrare che il bisogno fondamentale dell’uomo è conoscere Dio, non diventare ricco; riconciliarsi con il Suo creatore, e non calpestare e infrangere le Sue leggi.

Salmo 119:126 – E’ tempo che tu operi o Eterno….,  essi hanno annullato la tua legge”.
Oggi viviamo in un tempo di eccezionale progresso tecnologico. Possiamo comunicare in tempo reale con tutte le parti del mondo, possiamo vedere in tempo reale cosa accade dall’altra parte del pianeta. L’uomo riesce a parlare con un suo simile che sta nell’estremità della terra, MA NON RIESCE A COMUNICARE E A PARLARE COL SUO CREATORE.

Si, possiamo unirci al salmista e dire anche noi:  “E’ tempo che tu operi o Eterno…” perché oggi abbiamo bellissime case, macchine confortevoli e costose, sofisticati congegni elettronici, come smartphone, computer, tablet, tv satellitari e quant’altro, ma abbiamo anche tanto peccato e tanti problemi legati al peccato, come lo sfascio delle famiglie, il deterioramento dei rapporti con i figli, il degrado morale della società, una corruzione dilagante, e il persistente allontanamento da Dio e dalle Sue leggi.

Certo, la scienza ha fatto passi da gigante, ma ne ha fatti altrettanti allontanandosi dal Creatore di tutte le cose… ha scoperto tante cose, ma non riesce a scoprire l’amore di Dio e il tocco di Dio in tutto ciò che Egli ha creato.

La medicina ha trovato la soluzione alle terribili e devastanti malattie che nel passato hanno seminato morte e terrore, come il tifo, il colera, il vaiolo, la tubercolosi, e forse, speriamo, troverà soluzione per l’Aids, l’Ebola e altre nuove malattie che improvvisamente si presentano alla ribalta, ma non è riuscita a trovare la soluzione alla malattia più perniciosa e devastante: il peccato.   

Sono molti gli studiosi della Parola di che ritengono che prima del ritorno del Signore ci sarà un potente risveglio sulla terra, in base alla profezia di Gioele 2:28… e noi pure lo crediamo. Ma il popolo di Dio deve saper elevare questa preghiera incessantemente e con vivo desiderio davanti al Trono della Grazia: “E’ tempo che tu operi o Eterno…”

Perché se è vero che la Parola di Dio parla di un risveglio senza precedenti, è vero pure che il ritorno del Signore  non sarà preceduto da un generale ravvedimento da parte del genere umano, un regresso del tasso di malvagità e di peccaminosità, cosicché ritornando il Figlio di Dio troverà un mondo migliore, ma sarà preceduto, in accordo con ciò che dice la Scrittura da una evoluzione del male, della scelleratezza e del peccato dell’uomo,  da una malvagità crescente che raggiungerà il picco massimo di tutta la storia. Il 666 non è altro che il simbolo di questa escalation che coinvolgere tutte le nazioni, e già ci siamo… “La notte è avanzata…” è quasi l’alba, ed è ora di svegliarci dal torpore del sonno, non solo per non essere trascinati nel gorgo, ma per cercare di aiutare a salvarsi quante più anime possibile .

La strategia del nemico è di coinvolgere in questo processo di rovina e di devastante immoralità anche la chiesa del Signore. Oggi è difficile sentire parlare contro il peccato, ma si tenta piuttosto di giustificarlo e di minimizzarlo. Perché essere severi col peccato quando ciò ci rende impopolari? Quando noi stessi ne siamo coinvolti? Parliamo piuttosto di amore…, di grazia, di cose positive,  non di peccato. Il  “peccato” è diventato un argomento scomodo!

Ecco il problema: abbiamo annullato la legge di Dio. La legge morale di Dio non è cambiata… i Suoi comandamenti sono ancora validi.  Possiamo fare tutte le nostre considerazioni e possiamo trarre tutte le conclusioni che vogliamo; possiamo filosofeggiare e argomentare a nostro piacimento, ma c’è qualcosa che dobbiamo sempre comunque ricordare:  “Non v’ingannate; Dio non si può beffare , ciò che l’uomo semina quello raccoglierà”(Galati 6: 7).

Ciò che un tempo era visto come abominevole oggi è considerato normale… ciò che ieri era ritenuto giusto, onesto, virtuoso, santo, oggi è diventato anormale.  E questa filosofia blasfema penetra e si insinua purtroppo anche nella chiesa. Il matrimonio di un uomo con un altro uomo, le cosiddette coppie di fatto, la convivenza senza matrimonio, il divorzio, oggi dobbiamo considerarle cose normali… la famiglia felice, il matrimonio benedetto da Dio, figli fedeli che servono il Signore, la purezza, tutto ciò è diventato anormale.

Ma guardiamoci intorno: qual’è il frutto o il risultato di questo progresso?  Vite distrutte, famiglie allo sfascio, matrimoni finiti, adolescenti che si suicidano, psichiatri e case farmaceutiche che si arricchiscono… “il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita eterna!”

Abbiamo più che mai bisogno di pregare… “E’ tempo che tu operi o Eterno…” – E’ tempo che tu operi o Eterno…Cosa possiamo fare contro l’immoralità dilagante? Contro la pedofilia? La tossicodipendenza? La criminalità? Contro la trasformazione delle nostre città in moderne Sodoma e Gomorra?

Preghiamo per i bambini che vedono i loro genitori divorziare e soffrono… preghiamo per i matrimoni in crisi… preghiamo per le famiglie in difficoltà: spirituale, morale materiale… preghiamo per chi ha perso il lavoro, preghiamo per la protezione dei nostri figli nelle strade… è sempre più rischioso camminare per le nostre strade. Preghiamo che Dio spanda lo Spirito Suo santo sopra ogni credente in ogni comunità cristiana!

Abbiamo bisogno di ritornare sulla ruota del vasaio. Non serve cantare  ”Il vasaio tu sei Signor, io son l’argilla nelle tue man…” se poi restiamo sempre nella stessa condizione di argilla impura… impura di orgoglio, di vanità, di presunzione, di ribellione. Il vasaio modella l’argilla togliendo le imperfezioni, i corpi estranei, e poi ne fa un vaso. Così Dio vuole purificare la vita dei Suoi figli, perché ognuno sia un vaso ad onore del Suo nome.

Abbiamo bisogno di uscire fuori dalla mediocrità, dalla superficialità, dall’alone di spiritualità solo esteriore e abbiamo bisogno di chiedere allo Spirito di Dio di operare in profondità nella nostra vita. Abbiamo bisogno di applicare alla nostra vita quella che è una delle parole più antipatiche e fastidiose della Scrittura: “Ravvedimento”!  E’ lì che inizia il risveglio spirituale.

Risveglio vuol dire convinzione di peccato, confessione del peccato, separazione dal mondo, sottomissione alla Signoria di Cristo, ed essere riempiti di Spirito Santo.

E’ ora di svegliarsi, dice Romani 13:11. E’ giunto il momento che Dio giudicherà il mondo. Ma la Bibbia ci informa che questo giudizio comincerà con la casa di Dio!

E’ tempo di cercare l’Eterno… cercare la Sua faccia. Quanto tempo ci rimane?  Ricordate il ricco della parabola di Gesù? “Tu hai molti beni riposti per molti anni… riposati, mangia, bevi e godi” ! MOLTI ANNI… e invece gli restavano meno di 12 ore.

Questo è il tempo che io mi voglio prostrare davanti a te, confessare il mio peccato, arrendermi all’opera delle tue mani…”

“Questo è il tempo che vogliamo vedere la Tua potenza operare prima nella nostra vita e poi in quella dei nostri fratelli, amici, familiari.“

Questo è il tempo di aprire la porta del nostro cuore… affinché Cristo possa vivere in noi, stare con noi, cenare insieme a noi, e usarsi di noi. Per l’avanzamento del Suo Regno e la salvezza dei perduti.

E’ tempo che Dio operi! E’ tempo di cercare il Signore. E’ tempo che ci svegliamo dal sonno, poiché la salvezza ci è ora più vicina di quando credemmo. La notte è avanzata e il giorno è vicino; gettiamo dunque via le opere delle tenebre e indossiamo le armi della luce.

 

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: SEMBRA IMPOSSIBILE
    In Devotional
     by Carter Conlon  –   In Matteo 4, Gesù fu condotto nel deserto dallo Spirito Santo. Non mangiava da quaranta giorni quando Satana andò da Lui e gli disse:“Se tu sei Figlio di Dio, ordina che queste pietre diventino pani”(Matteo 4:3). In altre parole: “se sei il figlio di Dio, devi per forza affrontare queste difficoltà? Non dovresti soffrire e privarti del cibo. Comanda a queste pietre di diventare pane”.  Ma Gesù replicò, “Sta scritto: Non di pane soltanto vivrà l’uomo, ma di ogni parola che proviene dalla bocca di Dio” (Matteo 4:4). In altre parole: “Io sono stato mandato in missione dal Padre mio ed Io la porterò a termine. [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • VIVERE IL CRISTIANESIMO.
    di ROBERTO BRACCO  –  Che cos’è il cristianesimo?  Questa domanda rappresenta una premessa indispensabile al soggetto che ci accingiamo a trattare. Il cristianesimo è la dottrina di Cristo nella sua attuazione pratica! La dottrina di Cristo, non bisogna dimenticare, non ha soltanto un aspetto morale ed un contenuto legale, ma anche, anzi soprattutto, un aspetto ideale; cioè la dottrina di Cristo non si esaurisce nell’insegnare a vivere puramente e onestamente, ma si sofferma soprattutto a proclamare l’amore di Dio, la misericordia di Dio e le promesse di Dio. […]
  • Io benedirò i costruttori di pace e li chiamo miei figli
    Beati coloro che si adoperano per la pace, perché essi saranno chiamati figli di Dio. (Matteo 5:9) Come pensi si senta un padre nel vedere i suoi figli litigare in casa sua? Come padre io stesso so quanto dispiacere ho provato quando ho visto i miei figli non andare d’accordo. Il cuore di un padre è per la pace e l’armonia dei suoi figli. Quando penso a questa promessa, sono incoraggiato che ci sia una benedizione per noi quando amiamo la pace e facciamo tutto il possibile per vivere in pace con tutti coloro che ci circondano. A volte semplicemente non è possibile, ma per quanto dipende da noi, dobbiamo essere un popolo che ama la pace. Nella promessa di oggi, leggiamo che i figli di Dio saranno operatori di pace. Visto che siamo stati fatti uno con Gesù, e uno dei suoi nomi è […]
  • LA GIOIA
    di GUIDO SCALZI ?- ??La natura umana ? cos? fatta che non pu? vivere un attimo senza cercare un po’ di contentezza. Ma ? ben difficile trovarla se non si cerca dove la si pu? trovare. Essa non pu? venire dalle ricchezze, dal danaro, dal buon successo o dagli amici; e neppure dalla buona salute. Questi sono elementi naturali che possono contribuire alla tranquillit? della men?te, ma non possono dare la felicit?. ?La vita ? difficile. Da bambini, si guarda avanti negli an?ni e ci si aspetta di trovare la gioia nella pienezza della gio?vent?. Ma la giovent? vola via, lasciandosi dietro solo poche foglie appassite; e la virilit? e la vecchiaia vengono spese rimpiangendo quello che si poteva fare e non si ? fatto, o quello che si ? fatto e non bisognava farlo. […]
  • Avvertimenti utili a quei membri di chiesa che non vivono in Cristo
    di CHARLES H. SPURGEON – L’apostolo Paolo ci offre il modello perfetto di un uomo sinceramente consacrato. Pastore vigilante, si preoccupava incessantemente del gregge affidato alle sue cure e non si limitava a predicare l’Evangelo, ne pensava di aver fatto tutto il suo dovere annunziando la salvezza; ma i suoi occhi era?no sempre aperti sulle Chiese che ave?va fondato, seguendo con vivo interesse i loro progressi spirituali o il loro declino della fede. Quando l’apostolo Paolo doveva allontanarsi in altre località a proclamare l?Evangelo, non cessava mai di […]
  • LE RISPOSTE DIO SARANNO PRECISE COSI COME LO SONO LE NOSTRE PREGHIERE
    di Charles G. Finney.  –    Voglio ricordare alcune cose che una persona deve fare, se vuole che vengano esaudite le preghiere. Deve pregare per un qualcosa di definito (Marco 11:23-24; 10:51). Deve avere davanti alla propria mente una chiara visione di ciò che vuole. Invece di pregare per qualcosa di definito molte persone pregano per ciò che li passa per la mente in quel momento. Questa non è una preghiera fruttuosa. Per essere fruttuosa la preghiera deve essere in accordo con la volontà rivelata di Dio (1 Giovanni 5:14-15). Ci sono tre modi con cui Dio rivela la sua volontà per la guida nella preghiera. Uno, mediante le sue promesse. Due, mediante il suo provvedere, e tre mediante il suo Spirito. La preghiera fruttuosa implica un desiderare qualcosa in […]
  • L’AMORE DI DIO È LIMITATO AGLI ELETTI?
    Rispondere alla sfida calvinista sul Vangelo.   Tra i difensori evangelici contemporanei della redenzione limitata spiccano, più di tutti, R.C. Sproul e John Piper. Sproul, nato nel 1939, è stato un influente apologeta evangelico e teologo riformato per la maggior parte della seconda metà del ventesimo secolo. Dalla sua sede di Ligonier Ministries è intervenuto a trasmissioni radiofoniche, ha viaggiato per parlare a numerose conferenze apologetiche e teologiche, e scritto molti libri, di cui la maggior parte trattanti la sovranità di Dio da una prospettiva fortemente riformata. […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti