COSA VUOL DIRE “ESSERE SALVATO”.

Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. (Giovanni 3: 16-17 )   –   Gesù pronunciò queste parole in una conversazione con un importante personaggio religioso del suo tempo. Nicodemo era un dottore della legge, un fariseo. Gesù dice a quell’uomo in modo molto chiaro, che Egli è venuto nel mondo per offrire la salvezza a tutti gli uomini. La salvezza è un soggetto di vitale importanza per ogni per ogni uomo che vive sulla faccia della terra, a prescindere dalla religione che professa, dalla razza a cui appartiene, o dal suo stato sociale.  La nostra scelta o decisione riguardo alla nostra salvezza determinerà dove trascorreremo l’eternità.

Permettete per un istante che io possa spiegare cos’è la salvezza. Questo perché la terminologia biblica non sempre di primo acchito è chiara a chi non conosce il contesto della Sacra Scrittura. Ciò che voglio dire è che le cose che diciamo potrebbero generare confusione in coloro che non conoscono il significato biblico di concetti come la “salvezza”, la “grazia” ecc.

Cosa vuol dire  Gesù quando dice che Egli “non è venuto nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo, per mezzo di lui, possa essere “salvato”?  Cosa significa “salvato”?

Questo termine deriva dalla parola greca ” sozo “, che significa
letteralmente, soccorrere, proteggere, aiutare, salvare da un pericolo o dalla morte.

Per esempio, se qualcuno sta annegando, morirà, a meno che qualcun altro non intervenga e lo salvi. A volte chi lo fa  rischia o perde addirittura la sua vita.

Un altro esempio: un ostaggio, in mano a dei terroristi, sarà ucciso… la sentenza di morte sarà eseguita. Poi qualcuno si offre come sostituto. L’ostaggio viene liberato e l’altro muore al suo posto. Gli ha salvato la vita…

Questo è ciò che Gesù dice a Nicodemo; io sono venuto per salvare coloro che sono perduti… cioè coloro che sono spiritualmente morti, destinati dopo questa vita, ad un’eterna separazione da Dio, in un luogo che la bibbia chiama “inferno”. La Bibbia dice che ogni uomo, nel suo stato naturale, è un peccatore, e quindi è perduto.  Romani 3:23 emette la triste sentenza: “tutti hanno peccato… e quindi sono privi della gloria di Dio”, cioè perduti.  Infatti aggiunge S. Paolo al cap. 6 della stessa lettera, vs 23: “il salario del peccato è la morte”   A meno che una persona non venga “salvata” morirà nel suo peccato e passerà l’eternità in un luogo di separazione da Dio.

Ecco allora il Vangelo: il rimedio di Dio al destino di perdizione dell’uomo. La buona notizia: c’è speranza, c’è salvezza possibile per ogni uomo, e questa salvezza si chiama Cristo Gesù.

Gesù è Colui che per salvare noi è morto al posto nostro. Egli ha dato la Sua vita per noi. Egli è il sostituto dell’ostaggio che era condannato a morte… tu ed io siamo quell’ostaggio. Gesù ha scelto di sostituirsi e te perché possa vivere eternamente. Questo è il Vangelo. Può Dio salvare anche te? Certamente! Cosa devo fare per avere vita eterna, per essere salvato?

La salvezza non è altro che l’incontro tra l’amore di Dio e la fede del credente. “Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il Suo unico Figlio, affinché chiunque crede in Lui non perisca ma abbia vita eterna.”

Al duro e rude carceriere che fece questa stessa domanda all’apostolo Paolo, ricevette questa risposta: “Credi… credi nel Signore Gesù e sarai salvato tu e la casa tua”. Dio salva ancora oggi, Egli vuole salvare anche te… ricevi il Suo amore, che è personificato  nel Suo Figlio Gesù Cristo e credi con tutto il tuo cuore in ciò che Egli ha fatto per te e sarai salvato.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Quando questo è finito
    In Devotional
    di RICHARD W. DEHANN  –  L’Iddio mio supplirà ad ogni vostro bisogno secon­do le sue ricchezze e con gloria, in Cristo Gesù… (Filippesi 4:19)  –  Avevamo molto gioito per la riunione in Altoona,  Pensylvania, e per il privilegio avuto di poter salutare molti amici della Classe Biblica per Radio, pure presenti quella sera. Dopo la riunione alcuni cari amici c’invitarono a uno spuntino. Ma arrivati in casa loro ci accorgemmo che si trattava invece più che di un ottimo pranzo, di un pranzo di festa. Mentre mangiavamo, una delle ospiti venne nella stanza per vedere se avessimo abbastanza. Prima di riandarsene, si voltò e disse: [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • PREGARE O REMARE?
    di Billy Sunday  –  Billy Sunday era un famoso giocatore di baseball americano. Diede il suo cuore a Cristo e da famoso atleta divenne un famoso predicatore del Vangelo. –  “Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno” (Ebrei 13: 8).  –  Soli in un piccolo battello ed esposti a una grande tempesta ci chiediamo: «Dobbiamo pregare o remare?» Viviamo in un mondo nel quale regna il senso della praticità. Gli uomini non agiscono perché la legge li costringe, ma perché vengono rimunerati per quello che fanno. Nei giorni d’oggi sembra che la massima sia: cosa mi serve partecipare? Che cosa ne guadagno? Siamo disposti a investire i nostri soldi, se ne traiamo un buon profitto. Ciò è giusto. Siamo ben pronti di seguire la terapia raccomandata dal dottore. La […]
  •  IO SUPPLIRÒ QUALSIASI TUO BISOGNO, TRAMITE LE MIE ETERNE RICCHEZZE IN GESÙ CRISTO.
    Ora il mio Dio supplirà ad ogni vostro bisogno secondo le sue ricchezze in gloria, in Cristo Gesù. (Filippesi 4:19) Il nostro Dio e Padre ha promesso di soddisfare ogni nostro bisogno in base alle immense ricchezze del deposito glorioso celeste che è in Gesù Cristo.  Il nostro Dio sa di che cosa abbiamo bisogno prima ancora che abbiamo quel bisogno e si diletta a provvederci ciò che ci serve… quando ci serve. Che si tratti di una necessità fisica o spirituale, il nostro Padre celeste è un Padre che provvede per i suoi figli. In questo specifico passaggio, Paolo scrive ai Filippesi e li ringrazia per il dono che gli hanno fatto avere per aiutarlo a portare avanti il lavoro per il Regno di Dio. Paolo li incoraggia che, per come sono stati obbedienti a condividere ciò che avevano, Dio […]
  • Promessa per oggi: La Mia bontà ha più valore della vita
    Poiché la tua benignità vale più della vita, le mie labbra ti loderanno. (Salmo 63:3)  –  In questa promessa, il salmista fa una dichiarazione sulla straordinaria bontà di Dio e di come il suo amore vale più della vita stessa. Lo scrittore continua dicendo che l’unica risposta adeguata ad un amore così meraviglioso è quella di vivere la vita rispondendo all’amore di Dio  presentando a Lui i nostri corpi come sacrificio vivente. Credo davvero che ogni persona sulla terra è stata creata per rispondere all’amore.  1 Giovanni 4:19 ci dice che noi lo amiamo perché egli ci ha amati per primo. Dio prende l’iniziativa e noi dobbiamo corrispondere. Quando cominciamo veramente a ricevere la sua benignità in ogni settore della nostra vita, l’unica risposta adeguata è […]
  • Promessa per oggi: La mia Parola non tornerà a me a vuoto.
    Come infatti la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere annaffiato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, in modo da dare il seme al seminatore e pane da mangiare, 11 così sarà la mia parola, uscita dalla mia bocca: essa non ritornerà a me a vuoto, senza avere compiuto ciò che desidero e realizzato pienamente ciò per cui l’ho mandata. (Isaia 55:10-11) Nella promessa di oggi, Dio dice che la Sua Parola è sparsa sulla terra, proprio come la pioggia e la neve che cadono nelle stagioni stabilite. L’intento di Dio è di innaffiare ogni sorta di seme in modo che possa sbocciare nel suo pieno potenziale. La sua Parola è così per noi. Possiamo dissetarci in tutto ciò che dice e mangiare ogni parola che pronuncia. Gesù ha detto: “L’uomo non […]
  • TROVARE GRAZIA
    Libro di RUTH –  CAPITOLO 2   –   Introduzione. – Abbiamo visto nel cap. precedente che Ruth, nel paragone con Orpa, si differenzia, emerge e si impone alla nostra attenzione per il suo carattere. Qualcuno ha affermato che nessuna persona, se non è motivata da Dio, può fare ciò che fece Ruth. I. – RUTH, FIGURA DELLA CHIESA 1. – Il passaggio dalla terra di Moab a Bethlemme significa per Ruth il passaggio alla povertà e alla condizione di bisogno. Ma per questo non la vediamo triste e nostalgica della sua condizione precedente. Se nel capitolo 1 abbiamo visto in lei la figura del vero credente, di colui che ama il Signore, vediamo in questo capitolo la figura della Chiesa. La Chiesa, intesa non come comunemente si pensa, l’edificio nel quale si radunano i credenti, […]
  • TORNERA’!
    di S. Carruthers  – (Leggendo le statistiche citate nell’articolo tenere presente che è stato scritto negli anni 70) Gesù, che non ha mai mentito, poiché è la verità per essenza, prima di lasciare questa terra, disse ai suoi discepoli: Ritornerò! E noi possiamo essere altrettanto sicuri della realtà del suo ritorno, come possiamo essere certi della realtà della sua prima venuta! Effettivamente, nella Sacra Scrittura ci sono assai più profezie che riguardano la seconda venuta di Cristo, di quelle che parlano della sua prima venuta. Sappiamo che è venuto la prima volta, nascendo in umiltà e povertà a Betlemme 19 secoli fa, immolandosi poi, dopo una vita perfetta, sull’altare del Calvario, per la nostra salvezza. Verrà una seconda volta a giudicare quelli che hanno rifiutato la sua grazia e […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti