Meditazione del giorno: Ministri inosservati

di A.W. Tozer  –  Sebbene molti di noi non ne parlino, Gesù disse dei bambini: “vi dico che gli angeli loro, nei cieli, vedono continuamente la faccia del Padre mio che è nei cieli” (Matteo 18:10).  Di tutto ciò che Gesù disse riguardo agli angeli, niente è più significativo per noi, membri di una razza ormai decaduta, di ciò che affermò in Luca 15:10: “Così, vi dico, v’è gioia davanti agli angeli di Dio per un solo peccatore che si ravvede” (Luca 15:10).

Il nostro cuore si scioglie nel leggere di Gesù che nel Giardino del Getsemani pregava con intensa agonia. Quando ebbe pregato fino a diventare esausto per poi essere tradito e crocifisso, “Allora gli apparve un angelo dal cielo per rafforzarlo” (Luca 22:43).

Alla risurrezione di Gesù gli angeli furono messi ancor più in evidenza. Un angelo rotolò la pietra che occludeva l’entrata della tomba. Gli angeli annunziarono ai discepoli la lieta novella della Sua risurrezione.

Chiunque vuole può mettere davanti ai propri occhi un velo di incredulità e così facendo negare l’esistenza dell’attività degli angeli. Ma facendo ciò si nega un chiaro insegnamento biblico.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • LA FORNACE DELL’AFFLIZIONE
    In Devotional
      di DAVID WILKERSON  –  “Se pure soffriamo con lui per essere anche con lui glorificati. Io ritengo infatti che le sofferenze del tempo presente non sono affatto da eguagliarsi alla gloria che sarà manifestata in noi” (Romani 8:17-18). L’apostolo Paolo sta dicendo che alla luce della gloria che l’attendeva, cos’erano le sue prove a confronto? Allo stesso modo, egli vuole che distogliamo lo sguardo dalle nostre sofferenze presenti e ci concentriamo su ciò che sta per arrivare, che cambierà ogni cosa. Un minuto nella nostra nuova casa nell’eternità, dice Paolo, e noi non ricorderemo cosa ci sia stato prima. Ciò che voleva dire è [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • IL RISVEGLIO COMINCIA NELLA FAMIGLIA
    di ROY HESSION  –     Il luogo più difficile, il più impegnativo, ma anche il più necessario, se si vuole un risveglio, è costituito dalla famiglia. Migliaia di anni fa, nel più meraviglioso giardino che il mondo abbia mai avuto, vivevano un uomo e una donna. Creati a somiglianza del loro Creatore, essi vivevano per manifestare la bellezza della creazione e per glorificare Dio in ogni momento della giornata. Umilmente essi accettavano di essere umili creature di fronte all’onnipotenza del creatore, umilmente essi si sottomettevano a Lui. Poiché essi sempre si sottomettevano a Dio, poiché vivevano per Lui e non per se stessi, essi erano umili anche verso se stessi. Questa prima famiglia della storia umana, viveva nell’armonia, nella pace, nell’amore, nell’unità non solo nei riguardi […]
  • SETTE PASSI PER TROVARE DIO
    di William Booth  –  Lo scritto How to find God di William Booth, fondatore dell’Esercito della Salvezza, presenta la visione di un uomo che per tutta la vita ha amato Dio profondamente. Booth ha amato, oltre Dio, anche gli altri, continuando ad adoperarsi affinché quanti, vivendo nelle tenebre, nella difficoltà e nel peccato, e che avevano bisogno di conoscere Dio, potessero incontrarLo personalmente. Anche oggi per chiunque è possibile nutrire il santo desiderio di cercare Dio, di entrare e gustare la gioia e la pace che Egli dona gratuitamente ad ogni cuore che si apre nella Sua presenza, ricercando una personale relazione con il nostro Padre che è nel cielo. I sette passi qui di seguito sono per quanti hanno un serio desiderio di ricevere grazia, perdono e misericordia da […]
  • PIÙ VOLENTIERI AL MERCATO CHE NEL SANTUARIO
    di Vance Havner  –  «A chi assomiglierò io questa generazione? Ella è simile ai fanciulli seduti nelle piazze che gridano ai loro compagni e dicono: Vi abbiamo suonato il flauto e voi non avete ballato» (Matteo 11:16,17). Oggi molti cristiani giocano alla religione. Essi si trovano perfettamente a loro agio in questo mondo: vivono serenamente, comprano, vendono, acquistano, guadagnano; la loro mente è tutta dedita ai profitti e alle perdite; non fanno che accumulare dei tesori per la terra e non per il cielo. Dove è il loro tesoro naturalmente è anche il loro cuore e quindi essi diventano presto molto mondani e infruttuosi. Come al tempo di Noè e di Lot, così avviene ai nostri giorni. Migliaia e migliaia d’individui che si chiamano cristiani si sentono più a loro agio al […]
  • LA POTENZA DELLO SPIRITO SANTO
    Il Risveglio della Pentecoste è la risposta di Dio ai bisogni degli ultimi giorni. Noi viviamo in giorni di grande potenza : potenza politica, meccanica, nucleare e potenza demoniaca. La violenza s’accresce ogni giorno nel mondo. La potenza dello Spirito Santo è per noi, essa ci appartiene. Sta a noi che abbiamo ricevuto il battesimo dello Spirito Santo di utilizzare questa potenza di Dio, fino al suo pieno rendimento. Questa è la potenza: l’amore che perdona, l’amore che ci porta alla vittoria, l’amore che opera. E’ interessante vedere come la potenza dello Spirito Santo è stata manifestata al tempo del Vecchio e del Nuovo Testamento. Potenza Fisica. Canalizzata in potenza fisica nella forza di Sansone. Sopra di lui agiva lo Spirito Santo ed egli lacerò il leone, come se avesse […]
  • ESSERE COME TRALCI
    Ci sono due problemi che fanno particolarmente soffrire la chiesa di Gesù Cristo: l’immaturità e la solitudine in cui vivono alcuni credenti! Benché siamo abituati a guardare queste cose con meno apprensione di azioni decisamente peccaminose e malvagie, pur nondimeno costituiscono un grave ostacolo, sia per lo sviluppo della propria vita spirituale, sia per il progresso della testimonianza dell’Evangelo. Vivere nell’immaturità, significa, secondo il dettato biblico, restare eternamente bambini. Vuol dire prolungare quello che deve essere un momento di transizione, in una situazione di sconcertante immobilità. Per questa ragione la Sacra Scrittura non esita a definire questo stato: carnalità (1 Cor. 3:1 – 3). Difatti colui che rimane fanciullo nella fede, non è mai […]
  • PREGHIERA DI UN SERVITORE MINORE
    Parte di questo articolo ? gi? presente sul sito come Devotional (25/1/2102). Ora lo pubblichiamo per intero. ? ?di ?A. W. TOZER – ??Questa ? la preghiera di un uomo chiamato ad essere testimone alle Na?zioni, questo ? ci? che egli disse al Si?gnore il giorno in cui fu ordinato. Dopo che gli anziani e i ministri ebbero pre?gato ed imposto le mani su di lui, egli si ritir? per incontrare il suo Signore in un posto segreto e silenzioso, lonta?no anche dai suoi fratelli, e disse:??O Signore, ho sentito la tua voce ed ho avuto paura; mi hai chiamato ad un compito delicato in quest?ora grave e pericolosa. Tu stai per scuotere tutte le nazioni, la terra ed anche i cieli, af?finch? le cose che non possono essere scosse possano rimanere. O Signore, mio Signore, Tu mi hai innalzato, […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti