Meditazione del giorno: Tristi o gioiosi?

di Vance Havner  –  “Perché lo avevano visto tutti e si erano spaventati” (Marco 6:50).   “I discepoli dunque, vedendo il Signore, si rallegrarono” (Giovanni 20:20).  –   I discepoli Lo videro durante una tempesta ma pensarono che fosse un fantasma, non lo riconobbero. Ma nel secondo verso di oggi essi videro il Signore risorto e lo riconobbero dai segni dei chiodi che Egli aveva sulle Sue mani e sui piedi.

Di certo la vista del nostro Signore dovrebbe renderci felici. Ma a volte è come se, ciò che scorgiamo in lontananza, vorremmo non sia Lui. Gesù si avvicina a noi, ma come i discepoli di Emmaus, non riusciamo a riconoscerlo. Ciò che dovrebbe recarci emozione invece ci fa spaventare. In effetti, proprio come sperimentarono i discepoli, Gesù apparve loro, ma essi “pensarono che fosse un fantasma”, però subito Gesù calmò le loro paure, così come racconta Giovanni, mostrando loro i segni della croce.

Noi camminiamo per fede, non per visione, perché oggi non capita spesso di vederLo con i nostri occhi. Ma nel Suo rapporto con noi Egli cammina sui nostri mari in tempesta, viene nelle nostre stanze passando attraverso le porte che abbiamo chiuso. Ahimè, la paura ci fa spesso vedere un fantasma quando invece la fede dovrebbe farci vedere il Salvatore! Ciò che porta la vittoria è invece portatore di paura. Vediamo il Signore e gioiamo!

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: “Solo Cristo”.
    In Devotional
    di VANCE HAVNER  –  Spurgeon un giorno disse: “Nei giorni di Paolo la somma e la sostanza della teologia era Gesù Cristo. Io non mi vergogno di dichiararmi un calvinista. Non ho nessuna esitazione a denominarmi Battista. Ma se mi chiedi qual è il mio credo, rispondo che è Gesù Cristo “.  Si pensi ai primi anni di A.B. Simpson nella ricerca di questa esperienza e culminata in quella conclusione così ben espressa all’inizio di una sua poesia:  “Una volta era la benedizione, ora è il Signore.” Come ci piace fare del Signore una specie di Babbo Natale, cercando solo i suoi doni! Beati noi quando cerchiamo il [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • UNITA’… A CHE PREZZO?
      di Keith Green –  Di questi tempi si fa un gran parlare tra i Cristiani riguardo all’esigenza di unità. Ovunque cristiani si riuniscono puoi sentire qualcuno che afferma “Se solo tutti i credenti potessero unirsi e andare d’accordo, allora il mondo si sveglierebbe e ci darebbe retta! allora sì il Diavolo fuggirebbe spaventato! Allora si avrebbe un vero risveglio!!” L’intero movimento ecumenico si basa su questo assunto. Devo ammettere che il pensiero suona meraviglioso – vedere tutte quelle diverse denominazioni (e affini) amarsi e stare in comunione reciproca -: sarebbe veramente magnifico, eccome! Be’, ma… non v’illudete: non può succedere. Ci saranno sempre in giro un paio di veri cristiani per rovinare tutto! […]
  • GRANDI INNI: “BLESSED ASSURANCE” (GARANZIA BENEDETTA )
    Fanny Crosby, compositrice di inni, era rimasta cieca quando aveva sei settimane di vita, per delle cure mediche sbagliate. Fanny Crosby nel corso della sua lunga vita (morì all’età di 95 anni) scrisse più di ottomila testi di canzoni gospel. Spesso i temi per i testi venivano suggeriti a Fanny Crosby da ministri che la andavano a trovare e che desideravano avere una nuova canzone su un soggetto particolare. Una volta lei disse: “La nostra casa è un alveare di attività per i tanti amici che vengono per richiedere di un nuovo inno in vista di qualche speciale occasione.” Altre volte suoi amici musicisti componevano la musica poi chiedevano a Fanny di scrivere il testo. Sebbene fosse era una donna umile, aveva un mucchio di amici illustri. Per esempio, Grover Cleveland, che […]
  • Una promessa per oggi: Io avrò misericordia di coloro che sono misericordiosi verso gli altri.
    “Beati i misericordiosi, perché a loro misericordia sarà fatta. (Matteo 5:7)   –   Anche nell’ambiente secolare, viene citato spesso quel verso che riporta le parole di Gesù che chiamiamo la ‘regola d’oro’ … “Fai agli altri quello che vorresti gli altri facessero a te”.  Anche il mondo riconosce che questo è un principio universale. La misericordia funziona allo stesso modo. C’è una promessa di misericordia per coloro che sono misericordiosi verso gli altri. È così semplice. Di quanta misericordia ho bisogno nella mia vita? Ne ho bisogno di un po’, o tanta? E, naturalmente, la mia risposta è sempre … “Ne ho bisogno quanta più ne posso ottenere!” Il modo in cui ogni giorno posso camminare nella misericordia (per me stesso) è […]
  • PERCHE’ PREDICHIAMO IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO
    “Ragione storica“. – La cristianità della nostra generazione ha smarrito il significato del messaggio della Pentecoste. Le chiese non guardano più a questa data o a quest’avvenimento come ad una meta che, come è stata raggiunta ieri, deve essere raggiunta, nel succedersi dei secoli, da ogni nuova generazione. La potenza dello Spirito Santo, l’effusione del dono divino, il battesimo celeste promesso da Gesù… sono diventate espressioni teoriche e quindi realtà indefinite e sbiadite. In tale tragica situazione la chiesa pentecostale ha raccolto l’invito di Dio di predicare e proclamare una verità dimenticata. […]
  • R.A.TorreyLa potenza del sangue di Cristo
     di  R.A. TORREY    –   “La potenza appartiene a Dio”. Pertanto è a disposizione dell’uomo. Vi è una cosa che crea la separazione tra Dio e l’uomo: il peccato. Leggiamo in Isaia: “Ecco, la mano del Signore non è troppo corta per salvare, né il suo orecchio troppo duro per udire; ma sono le nostre iniquità quelle che han posto una barriera fra voi e il vostro Dio; sono i vostri peccati quelli che han fatto sì ch’Egli nasconda la sua faccia da voi, per non darvi più ascolto” (Isaia 59:1,2).   Il peccato deve essere tolto fra Dio e noi, se vogliamo conoscere la potenza di Dio nella nostra vita. E’ il sangue che toglie il peccato (Ebrei 9:26). Pertanto, prima ancora di conoscere la potenza di Dio dobbiamo esperimentare l’efficacia […]
  • Vita Cristiana giorno per giorno.
    di H. W. Smith- “O voi tutti che siete assetati, venite alle acque, e voi che non avete denaro venite, comprate, mangiate! Venite. comprate senza denaro, senza pagare, vino e latte! Perché spendete denaro per ciò che non è pane, e il frutto delle vostre fatiche per ciò che non sazia? Ascoltatemi attentamente e mangerete ciò che è buono, e l’anima vostra godrà di cibi succulenti! (Isaia 55:1?2) Nell’ambito della nostra esistenza fisica sappiamo che il nostro corpo ha bisogno di cibo quotidiano. Lo stesso vale per ciò che concerne la nostra vita spirituale. La nostra anima ha bisogno di essere nutrita ogni giorno. “Dacci oggi il nostro pane quotidiano” è un’espressione che include anche le necessità spirituali. Se la nostra anima non viene nutrita […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti