MEDITAZIONE DEL GIORNO: NESSUN ALTRO DONO

di A. B. SIMPSON   –   “Qualunque cosa chiederete al Padre nel mio nome, Egli ve la darà” (Giovanni 16:23).   –  Due uomini vanno dal cassiere della banca ed entrambi hanno in mano un pezzo di carta. Uno è vestito elegantemente, e si presenta con la mano guantata e adorna di costosi anelli, l’altro è un rozzo operaio, un po’ sporco nei suoi abiti da lavoro. Il primo viene gentilmente respinto,  mentre il secondo riceve un migliaio di dollari dal cassiere. Qual è la differenza tra i due? Il primo ha presentato un nome senza valore; l’altro ha presentato una nota approvata e firmata dal presidente della banca.

E così il più virtuoso dei moralisti sarà allontanato dalle porte della misericordia, e il più vile dei peccatori invece sarà accolto se presenterà il nome di Gesù.  Cosa possiamo dare all’infinita Purezza e all’infinita Giustizia? Gesù! Nessun altro dono sarà accettato da Dio. Egli ci ha dato Gesù per questo scopo, per ridarlo a Lui come nostro sostituto.

Ed Egli ha “testimoniato” che oltre questo dono non c’è né nessun altro, e cioè che solo in Lui Egli si compiace, e tutti coloro che ricevono Lui “sono accettati nel Suo Amato Figlio”.
Accettiamo la testimonianza che Dio è soddisfatto del suo Figlio? E noi siamo soddisfatti con Lui?

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • E’ necessario un pavimento nuovo
    In Devotional
    di M.R. DE HANN  –  ”E vi darò un cuor nuovo”. Ezechiele  36:26   –   Il messaggio della redenzione non è “miglioramento”, bensì “rinnovamento”. Paolo dice: “Se alcuno è in Cristo, è una nuova creatura”, (2 Cor.  5:17). La nuova nascita non è un miglioramento del vecchio uomo ma una nuova crea­zione. Non si tratta quindi di una riverniciatura. La natura del vecchio Adamo è così irrimediabilmente corrotta che Dio stesso non vuol cercare di ripararla o di migliorarla ma insiste perché si butti completamente via come rot­tame  per fare un uomo nuovo. Gesù dice: “Quel che è nato dalla carne, [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • LA SHEKINAH MANCANTE
    “Shekinah”: parola ebraica che descrive la nuvola scintillante che aleggiava sul coperchio dell’arca, simbolo ed espressione della gloria di Dio.  di A. W. TOZER  –  Viviamo in giorni nei quali l’opera del Signore è portata avanti da personalità brillanti secondo i metodi del mondo dell’intrattenimento e dello spettacolo. Come è importante perciò considerare il consiglio di uomini di Dio sinceri e umili, che tengono ascosta la loro personalità e mettono l’enfasi sull’opera interiore dello Spirito Santo. E’ nostra convinzione che il movimento evangelico continuerà a deviare sempre di più dagli standard del Nuovo Testamento a meno che coloro che hanno la responsabilità di guidare il movimento non passino dalla condizione di protagonismo e promozione personale alla condizione di […]
  • CASA TUA!
    di FILIPPO WILES   –   Quanti sermoni il lettore avrà ascol­tato sulla parola che Gesù rivolse a Zaccheo: «Scendi presto, perché oggi debbo albergare in casa tua».  Credo di non sbagliarmi quando di­co che l’interpretazione data a queste parole è, nella maggioranza dei casi, spirituale, cioè una interpretazione fi­gurativa, essendo la casa  paragonata alla nostra vita. Poche sono le volte quando sono prese alla lettera. Ebbene il messaggio che segue è di questa ul­tima categoria, non per questo però sarà meno spirituale! La Bibbia parla molto della casa, di quell’ambiente fatto di quattro mura dove tu dimori. E’ evidente dalle Sacre pagine che vi è una grande responsa­bilità verso la propria casa. Ciò che succede dentro le mura è responsabi­lità di chi vi dimora, e […]
  • PER LA SUA GRAZIA
    di Agostino Masdea  –  Ma per la grazia di Dio sono quello che sono; e la sua grazia verso di me non è stata vana, anzi ho faticato piú di tutti loro non io però, ma la grazia di Dio che è con me. ( 1 Corinzi 15:10 ) a) Cos’è la grazia? E’ un favore immeritato che ci viene da Dio! Ma è più di questo: E’ la Sua misericordia che esercitata sopra di noi giorno dopo giorno, ci aiuta, ci fortifica, ci avvicina a Cristo, e fa crescere la nostra fede. E’ quell’intervento quotidiano di Dio nella nostra vita come credenti che ci fa realizzare la gioia della vita cristiana. Paolo sta affrontando l’argomento della resurrezione. Egli cita gli Apostoli, Pietro, Giacomo, e tutti coloro ai quali Cristo si è manifestato. Poi dice “Infine, ultimo di tutti, apparve anche a me come […]
  • VENITE DIETRO A ME… (Matteo 4:19)
    di Roberto Bracco   –  Gesù Cristo è “ogni cosa” per “ogni credente”; in Lui si risolvono tutti problemi, in Lui si compiono tutti programmi e in Lui, in Lui soltanto, si raggiungono tutte le mete. “Venite a me!” “Imparate da me! ” ” Dimorate in me! “… queste e tante altre espressioni analoghe a queste ci dichiarano che Gesù Cristo è il “capo” della chiesa, la “luce” della chiesa, la “linfa” della chiesa. La chiesa ha “tutto” in Lui e senza Lui non ha nulla.  Quando siamo “travagliati” ed “aggravati” noi possiamo cercare riposo e ristoro nelle più allettanti oasi di questo mondo, ma se vogliamo trovare alleggerimento del nostro carico dobbiamo […]
  • SAPER VIVERE, SAPER MORIRE
    di ROBERTO BRACCO  –  Filippesi 1: 18-23  –  Qualcuno ha detto che non è difficile morire, ma è difficile vivere; molti altri invece hanno affermato che è facile vivere, ma non è facile saper morire coraggiosamente… crediamo che tutti abbiano torto, perché in realtà è difficile saper vivere e non meno difficile saper morire. Tutti vivono e tutti muoiono, ma questo non vuol dire che sappiano vivere e sappiano morire; lo spettacolo più comune è quello di vite sprecate e di morti disperate, e questo spettacolo è una dolorosa testimonianza dello stato di un mondo incredulo. Sì, abbiamo proprio detto « un mondo incredulo» perché soltanto il possesso e l’esercizio della fede in Cristo maturano le capacità per vivere e morire. Paolo ci offre la sua testimonianza, ma […]
  • ALLATTA IL BAMBINO E AVRAI IL TUO SALARIO
    “Porta via questo bambino… allattalo, e io ti darò il tuo salario” (Esodo 2:9). Jokebed non si rendeva completamente conto del significato della sua fede quando affidava il suo piccolo al Signore, deponendolo dentro una cesta e nascondendolo nel canneto sulla riva del Nilo. Ella non pensava neppure che stava dando un bellissimo esempio a favore di milioni di bambini che, come Mosè, sarebbero stati usati da Dio per le Sue grandi opere. Molte madri, dal tempo di Jokebed a noi, sanno bene di […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti