Le dimensioni dell’amore di Dio.

di F. B. MEYER  –  “…perché Cristo abiti nei vostri cuori per mezzo della fede,  affinché, radicati e fondati nell’amore, possiate comprendere con tutti i santi quale sia la larghezza, la lunghezza, la profondità e l’altezza, e conoscere l’amore di Cristo che sopravanza ogni conoscenza, affinché siate ripieni di tutta la pienezza di Dio.” – (Efesi 3:17-19)

Le dimensioni dell’amore di Cristo! E’ vasto come l’umanità, “Dio ha tanto amato il mondo” ( Giov 3:16, cf 1 Giov 3:16 ), la lunghezza dell’amore  di Dio ha inizio, e non avrà mai fine. Dio è amore ( 1 Giov.  4:08,16 ), e il Suo amore rimane per sempre, indissolubile, immutabile, un continuo presente. La sua altezza – come le acque del Diluvio superarono le montagne più alte, così questo Amore copre tutti i nostri peccati, (Rom. 5:20). E’ alto quanto il cielo sopra la terra. La sua profondità – Cristo, il nostro Signore, è sceso nelle parti più basse,  prima di salire in alto. Ha toccato il pozzo profondo del nostro peccato e della nostra miseria, del nostro dolore e del nostro bisogno. Per quanto in basso tu possa essere caduto, o umile la tua sorte, le braccia eterne ( Deut. 33:27 ) del Suo amore sono sempre sotto di te.

L’ apostolo parla per iperbole, quando prega che  possiamo giungere a conoscere l’amore di Cristo che sopravanza  ogni conoscenza. Non possiamo misurare l’amore di Cristo, ma possiamo beneficiarne. Probabilmente l’unico modo per conoscere l’amore di Cristo è quello di cominciare a mostrarlo. L’emotivo che viene facilmente influenzato dal piacere dei sensi, non lo conosce, il teorico o colui che si entusiasma facilmente non lo conosce, ma l’anima che cerca di mostrare l’amore di Cristo, lo conosce. Più l’amore di Cristo attraverso di te si espande, si estende, aumenta, si accresce, più conoscerai questo amore, non intellettualmente, ma praticamente. ( 1Giov.  4:11-12; 1Giov. 4:20-21 ).

Ma tu dici: “Ci sono persone nella mia vita che non posso amare.”  E’ vero, ma devi distinguere tra l’amore e l’emozione o l’amore sentimentale. Potresti non essere in grado di sentire amore, inizialmente, ma puoi disporti  ad essere il canale dell’amore di Cristo. Non posso amare, ma Cristo è in me, ed Egli può. Sarebbe troppo chiedere che ciò avvenga in noi e negli altri? No, perché Dio è già all’opera in noi per mezzo dello Spirito Santo, ed Egli è in grado di fare infinitamente al di là di tutte le nostre richieste o dei pensieri più elevati.  Guarda più lontano che puoi, formula il tuo più elevato pensiero, e l’Amore Divino sarà sempre infinitamente in anticipo.

PREGHIERA :  Ti ringraziamo, o Dio, per l’infinito amore che ci hai dato in Gesù Cristo. Non abbiamo le misure della sua altezza e profondità, della larghezza e della sua lunghezza. Insegnaci con tutti i santi a conoscere di più perché possiamo amare di più. AMEN.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Grandi servitori di Dio: Oswald J. Smith

Il Dr. Oswald J. Smith è nato in una fattoria nella periferia di Odessa, Ontario, l’ 8 novembre 1889. Suo padre era un operatore del telegrafo, e per questo ha trascorso la sua infanzia nelle stazioni ferroviarie. Il tempo trascorso a Mount Albert, Ontario, una piccola e tranquilla cittadina, dove solitamente viveva per brevi periodi, non l’ha mai  dimenticato. Dopo essere diventato famoso, vi tornò a meditare e …
Leggi Tutto

NON TRASCURARE LA TUA SALVEZZA

Perciò bisogna che ci atteniamo maggiormente alle cose udite, che talora non finiamo fuori strada. Se infatti la parola pronunziata per mezzo degli angeli fu ferma e ogni trasgressione e disubbidienza ricevette una giusta retribuzione, come scamperemo noi, se trascuriamo una così grande salvezza? (Ebrei 2:1-3)  –  di Agostino Masdea  –  Più studio l’epistola agli Ebrei e più me ne innamoro. È un’epistola che esalta Cristo e la sua …
Leggi Tutto

Il viaggio spirituale dell'attore Steve McQueen

Si dice fosse in grado di recitare anche con la nuca, non necessitava di dialoghi o fronzoli, perché la sua sola presenza incombeva in modo straordinario ad ogni fotogramma. Anche se recitava insieme agli attori più belli dello show business, Steve riusciva a metterli in ombra semplicemente venendo inquadrato dalla telecamera. I suoi penetranti occhi azzurri erano incastonati in una viso rude ma affascinante che raramente faceva trasparire forti …
Leggi Tutto

Signore! Signore!

di Roberto Bracco   –   Questo grido si eleva insistentemente quasi a dimostrare che anche in questi giorni di generale indifferenza esiste un popolo che guarda verso Dio, che parla con Dio, che osserva la legge di Dio. Dalle chiese o dagli individui, dai paesi o dalle città s’innalza e si ripete: Signore, Signore! Non è vero, come affermano alcuni, che non c’è più religione; non è vero che Dio …
Leggi Tutto

A PROPOSITO DI TATUAGGI

di Alejandro Seibel  –   “Non vi farete incisioni nella carne… né vi farete tatuaggi addosso. Io sono il SIGNORE”  (Lev. 19, 28)  –    La Diodati riporta : “Non vi fate alcuna tagliatura nelle carni … e non vi fate bollatura alcuna addosso. Io sono il Signore”. Tatuaggi, incisioni, “piercing” (dal verbo inglese “to pierce”, lett. Traforare, pratica indicante la perforazione della pelle allo scopo di inserirvi oggetti …
Leggi Tutto

LA PREGHIERA

di LEONARD RAVENHILL    –   Il Vangelo Della Preghiera  –   Non v’è niente di più trasfigurante della preghiera. Le persone spesso dicono: “Perché insisti tanto sull’argomento della preghiera?”  La risposta è  molto semplice: perché Gesù stesso lo ha fatto. Potresti cambiare il titolo del Vangelo secondo S. Luca in  “Vangelo della Preghiera”. Esso infatti racconta la vita di preghiera di Gesù. Gli altri evangelisti dicono che Gesù era nel …
Leggi Tutto

L’AMORE PERFETTO CACCIA VIA LA PAURA.

di FILIPPO WILES  –  «Perché avete paura, o gente di poca fede?» In un mare burrascoso ove le onde infuriate dal vento coprivano la barca, sembra una domanda ingiusta ed illogica. Che altro potevano fare quegli uomini terrorizzati se non gridare? Eppure Colui che domanda non provoca inutilmente perché Egli è amore. Come i discepoli, così tutte le persone, compresi i credenti, talvolta sono schiavi della paura. C’è …
Leggi Tutto

CONVERSIONE E CORAGGIO DEL VECCHIO  ZI PEPPE

Uno spaccato di testimonianza del clima religioso nell’immediato dopoguerra. La semplicità di un anziano credente vs. la prosopopea e la teologia di un vescovo cattolico.    (Da una lettera di un pastore battista, di Schiavi d’Abruzzo, a Stefano Testa, un ministro di Los Angeles, California.) Caro fratello Testa, il miglior lavoro in Italia viene fatto dai fratelli pentecostali. Essi prendono di mira una persona e non la lasciano …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti