Meditazione del Giorno: UN PREDICATORE SENZA LA BIBBIA

di VANCE HAVNER  –  Incominciai ai piedi delle Blue Ridge Mountains. Non sapevo molto. Da allora non ho imparato molto di più, ma certo quel poco che sapevo allora era prezioso. Credevo alla Bibbia. La prendevo, e la leggevo com’era. Cominciai con la Genesi e passai un tempo prezioso con essa, raccogliendo promesse di Dio a destra e a sinistra, proprio come un fanciullo raccoglie mele qua e là dagli alberi di un frutteto. Un giorno incontrai uno di quegli studiosi della Bibbia, e mi disse che quelle promesse non erano per me, ma che erano per gli Ebrei. Restai un poco scoraggiato. Poi mi dissi: Cercherò da un’altra parte.  Così passai al Nuovo Testamento e cominciai dal Vangelo di Matteo, raccogliendo da capo promesse a destra e a sinistra. Ma fui di nuovo interrotto, e mi venne debitamente notificato che quelle promesse non erano per me, ma erano tutte per il tempo del Regno a venire.  Non avevo mai sentito parlare prima del tempo del Regno a venire, ma, poiché quelle cose non erano per me, le lasciai stare. Passai agli Atti degli Apostoli e osai prendere per me alcune, non tutte, delle benedizioni della Pentecoste. Ma ancora una volta mi interruppero, facendomi l’osservazione che quello era un periodo di transizione, e che non bisognava prendere quelle promesse troppo alla lettera.

Così, praticamente, un po’ alla volta, restai soltanto con le Epistole e l’Apocalisse e mi dissero subito che l’Apocalisse era tutta per il futuro. Mi trovavo a guardare la Bibbia attraverso gli occhiali di una dozzina di espositori o di commentatori in disaccordo. Avevo paura di posare i miei piedi su un versetto per sentirmi dire da qualche studioso che non avevo il diritto di prenderlo per me.
Alla fine, dissi: « Signore, ho sentito parlare di un uomo senza patria. Se io continuo così, diventerò un predicatore senza Bibbia. Vorrei che Tu mi dessi un versetto sul quale mi potessi fondare, e che Tu me lo dessi subito, perché altrimenti mi porteranno via anche quello»!  E il Signore mi diede, proprio dalle Epistole, il versetto che Gli avevo chiesto: «Sia Dio riconosciuto verace ed ogni uomo bugiardo ». (Romani 3:3-4), e da allora non mi sono mosso da questo passo. Lo credo totalmente, lo godo fino in fondo.

Abbiamo tutti bisogno di una simile infantile capacità di goderci la Parola di Dio. Oggi siamo giunti al punto nel quale si prende la Bibbia, la si fa a pezzi, poi si cerca di metterla insieme, la si analizza, la si viviseziona, ma non la si gode.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Puoi godere piena libertà, perché Cristo ti ha reso libero.

State dunque saldi nella libertà con la quale Cristo ci ha liberati, e non siate di nuovo ridotti sotto il giogo della schiavitù. (Galati 5:1)  –  Questa promessa ci esorta a rimanere saldi nella libertà con cui Cristo ci ha liberati! Questo non è un’opzione, è un comando. Un’altra versione della Bibbia dice che a causa dell’amore della libertà che Cristo ci ha liberati. Dio ama ciò, quando …
Leggi Tutto

QUANDO GESU' PENETRA IN UNA PRIGIONE

Era l’inverno di guerra 1939-40. Ecco che cosa poté fare la grazia di Dio, fra le più crudeli scene dell’odio umano. Un ingegnere finlandese, ben conosciuto, narra i fatti seguenti: Avevamo riconquistata una città che i nemici ci avevano presa. In quell’occasione ebbi da custodire un buon numero di prigionieri russi: sette di essi dovevano esser fucilati la mattina seguente. Non dimenticherò mai la domenica che precedette quell’esecuzione …
Leggi Tutto

IL VALORE DI UNA DOMANDA

Il risveglio spirituale ha sempre avuto inizio dal momento che uno o più credenti si sono domandati se la loro vita cristiana era realmente in regola con Dio. Fino a tanto che i figliuoli di Dio vivono senza farsi questa domanda il risveglio non si può manifestare. Anzi coloro che lasciano trascorrere i giorni nell’indifferenza, sono condannati ad impoverire ogni giorno di più nella grazia del Signore. Se …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: DIO NON ABBANDONA COLORO CHE LO CERCANO

Salmo 9:10 – Quelli che conoscono il tuo nome confideranno in te, perché, o SIGNORE, tu non abbandoni quelli che ti cercano.  –   …
Leggi Tutto

GOLGOTA DIMENTICATO

di J. R. GSCHWEND – Missionario in AFRICA per più di 70 anni.  –  Milioni di uomini e donne di tutte le classi sociali e di tutte le nazioni, piangono e piangeranno ancora amaramente, perché si sono dimenticati del Golgota e del Figliuolo di Dio che offri per la loro salvezza, nei giorni della sua carne, preghiere, supplicazioni con alte grida e con lacrime (Ebrei 5.7). Migliaia di …
Leggi Tutto

Sermone Domenica 13 Gennaio 2013

Agostino Masdea: VITA SOPRANNATURALE (Giovanni 10:10) …
Leggi Tutto

C'È POTENZA NELLA PAROLA DI DIO

di BURKHARD VETSCH –  «Prendete oltre a tutto ciò lo scudo della fede, con il quale potrete spegnere tutti i dardi infocati del maligno. Prendete anche l’elmo della salvezza e la spada dello Spirito, che è la parola di Dio» (Ef. 6,16-17). «Oh, no, mi si incita alla lotta! Ma io non ho un’indole da combattente, voglio armonia e pace! Preferirei una maschera che mi rendesse invisibile al …
Leggi Tutto

CRESCERE NELLA GRAZIA

 di AGOSTINO MASDEA – L’ultima delle esortazioni che l’apostolo Pietro indirizza ai credenti è anche l’ultimo verso del capitolo tre della sua seconda epistola. Questo capitolo è dedicato agli avvenimenti degli ultimi tempi e al ritorno del Signore. Nell’attesa del suo ritorno, Pietro esorta a stare fermi nella fede e ad  aspettare queste cose facendo in modo da “essere trovati da lui immacolati e irreprensibili, in pace”. Esortando alla …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti