Meditazione del giorno: SIGNORIA SUL CREDENTE

di OSWALD CHAMBERS  –  Voi mi chiamate Maestro e Signore; e dite bene, perché lo sono”. Giovanni 13: 13.  –  Il Signore non impone mai la Sua autorità; non dice mai: « Devi. » Egli ci lascia perfettamente liberi, così liberi che si può arrivare a sputarGli in faccia, come gli uomini hanno fatto; così liberi che si può arrivare a metterLo a morte, come gli uomini hanno fatto; ed Egli non dirà nulla. Ma quando la Sua vita è stata creata in me per mezzo della Sua redenzione, io riconosco immediatamente il Suo diritto di avere autorità assoluta su di me. E’ una signoria morale: «Tu sei degno, o Signore…” Mi rifiuto d’inchinarmi dinanzi a ciò che è degno solo perché sono un indegno, e rivelo questa mia indegnità anche quando incontro una persona più santa di me e rifiuto di riconoscere il suo valore e di ubbidire ai dettami che da essa provengono. Dio ci educa per mezzo di coloro che sono anche di poco migliori di noi, non intellettualmente ma «in santità», finché non ci mettiamo direttamente sotto la signoria di Cristo; immediatamente tutto il nostro modo di condurci si volge ad ubbidirGli.

Se il Signore insistesse per essere ubbidito, si tramuterebbe in un sorvegliante, in un controllore, e cesserebbe di avere qualsiasi autorità. Egli non insiste mai sull’ubbidienza; ma ci basta vederLo — e subito Gli ubbidiamo, perché subito Lo riconosciamo Signore e Lo adoriamo del continuo. Il mio modo di concepire l’ubbidienza dà la misura del mio progredire nella grazia. Dobbiamo riscattare la parola «ubbidienza» restituendola al suo vero valore. L’ubbidienza è possibile solo fra eguali; è il rapporto fra padre e figlio, non fra padrone e servo. «Io e il Padre siamo Uno»; «benché fosse Figlio, imparò l’ubbidienza dalle cose che soffrì». Il Figlio ubbidì per essere il Redentore; ubbidì perché era Figlio, e non per essere Figlio.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Il nostro tempo disponibile
    In Devotional
    di Warren Wiersbe   –   Salmo 31:14-24  –  Davide parla spesso della mano di Dio ma anche della mano del nemico. “I miei giorni sono nelle tue mani; liberami dalla mano dei miei nemici e dai miei persecutori” (v. 15). Questa è una meravigliosa dichiarazione di fede che Davide non scrive da una suite d’albergo, bensì dalla selvaggia Giudea, dove tutto era buio, sporco e secco, e come se tutto ciò non bastasse era anche inseguito da Saul. Scrivendo “i miei giorni sono nelle tue mani”, Davide ci insegna diverse lezioni. Innanzitutto, il tempo è importante: se stai sprecando il tuo tempo, stai anche sprecando [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • Quando i padri volgono i loro cuori verso i loro figli
      By Mark Ellis  –   Sembra sia stato solo ieri che stavo insegnando ai nostri figli ad andare in bici, giocare a calcio, fare delle escursioni con le guide indiane o boy scouts, e condividere felici momenti familiari con il nostro carrello-tenda da campeggio nei viaggi durante l’estate. Ora da quando i nostro ragazzi non vivono più con noi la casa è molto calma. Padri, voi solo avete una possibilità di fare la differenza mentre i vostri figli sono ancora sotto il vostro tetto, e non sarà per molto tempo. Non ci sono troppi uomini che arrivano alla fine della loro vita e dicano: “Sai, vorrei aver passato più tempo in ufficio.” […]
  • FRUTTI DI PENITENZA
    GIUSEPPE MANAFO’ –  Matteo 3: 7-8  – Ma vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: «Razza di vipere, chi vi ha insegnato a sfuggire l’ira futura? 8 Fate dunque dei frutti degni del ravvedimento. Giovanni Battista, anche se visse una vita solitaria nel deserto, era divenuto popolare. Egli appari come un lampo con lo spirito del profeta Elia ed il deserto stesso non era più un posto solitario, perché moltitudini da Gerusalemme, dalla Giudea e dai paesi intorno al Giordano, accorrevano a lui. Molti venivano per udire un gran predicatore ma i loro cuori non furono toccati, e quindi non si convertirono. Forse essi furono attratti dalla corrente dell’opinione pubblica, perché come sempre, la folla attira la folla. Giovanni però non si […]
  • I falsi profeti all’opera oggi
      di ROBERT J. WELLS   –  In Matteo 7:15, è scritto: «Guardatevi dai falsi profeti i quali vengono a voi in vesti da pecore, ma dentro sono lupi rapaci».  Ci sono solo due vie lungo le quali gli uomini possono viaggiare: la via larga che conduce alla distruzione e la stretta via che conduce alla vita. Questo affermò Gesù Cristo, il vero profeta di Dio, il quale fece la più urgente ammonizione che si possa trovare nella Bibbia: «Entrate attraverso la porta stretta … perché stretta è la porta e angusta la via che mena alla vita, e pochi sono quelli che la trovano». Gesù sapeva che questo suo principio avrebbe suscitato nei secoli tempestosi a venire le più terribili controversie. Affinché i suoi seguaci fedeli non rimanessero senza guida Gesù li ammonì: «Guardatevi dai falsi […]
  • EVITARE I PARAGONI
    Poiché noi non abbiamo il coraggio di classificarci o confrontarci con certuni che si raccomandano da sé; i quali però, misurandosi secondo la loro propria misura e paragonandosi tra di loro stessi, mancano d’intelligenza. 2 Corinti 10:12 La pubblicità è spesso orientata a far si che le persone si sforzino di guardare il meglio, essere i migliori, i migliori in assoluto. Se indossi “questa” particolare marca di vestito, le persone ti ammireranno! Prova “questa” nuova dieta e perderai quei pochi chili in più e quindi sarai più notato ed accettato. Il mondo continuamente ci dà l’impressione che dobbiamo essere qualcosa di diverso da quello che siamo. Una persona fiduciosa evita i confronti. La fiducia non è possibile fino a quando ci confrontiamo con […]
  • La libertà cristiana
    di John MacArthur   – “Fratelli, voi siete stati chiamati a libertà; soltanto non fate della libertà un’occasione per vivere secondo la carne, ma per mezzo dell’amore servite gli uni agli altri”(Gal. 5:13).  Una delle mie gioie come pastore è quella di insegnare alle persone la Parola di Dio e spiegare le sue implicazioni nelle loro vite.  Tra i dubbi che la gente esprime, non figurano domande su se sia sbagliato mentire, truffare, rubare, uccidere, comemttere adulterio, o concupire. Né mi viene chiesto se i Cristiani dovrebbero leggere la Bibbia, pregare, o parlare agli altri della salvezza in Gesù Cristo. La Bibbia infatti è molto chiara su tutti questi punti. C’è, però, una serie di domande che si trova in un’area che potremmo definire […]
  • CULTI FREQUENTI E VIVI
    –   di Roberto Bracco.   –    È triste la vita di quei fedeli i quali, a causa di circostanze particolari, sono costretti a vivere soli, lontani da altri fedeli, privi del conforto che si riceve nella comunione fraterna e nella celebrazione dei culti. Molto più triste, però, è la vita di quei fedeli che pure non essendo soli, vivono come se lo fossero. Mi riferisco qui a coloro che trascurano la “comune adunanza”. Ma ancora più triste di queste due condizioni è quella di quei fedeli che non sono soli, ma vivono come se lo stare uniti fosse un male e non un bene. […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti