Meditazione del giorno: Optare per il volere di Dio

di A.W. Tozer  –   DOMANDA: Quando preghiamo dicendo: “sia fatta la Tua volontà”, ma non conosciamo affatto quale sia la volontà di Dio, non è come distruggere la fede e la fiducia che la nostra preghiera venga ascoltata?  Se non conosciamo il volere di Dio riguardo una richiesta come possiamo avere fiducia che quella richiesta verrà concessa? Avere fiducia in una tale condizione sarebbe pura presunzione. D’altro canto però quando Dio ha adempiuto il suo piano per noi, perché dovremmo aver paura nel dire: “sia fatta la Tua volontà?” L’unica preghiera valida è quella fatta nella volontà di Dio, sia per confermare la Sua volontà o perché la conosciamo già. Finché non ne veniamo a conoscenza facciamo bene a coprire la nostra ignoranza con un velo di mite sottomissione.

La vera preghiera non è uno sforzo che serve a persuadere Dio a fare la nostra volontà; ma è piuttosto uno sforzo a muoversi verso il potente volere di Dio in modo da essere trascinati da esso. Una persona che ama e comprende il volere di Dio non vuole altro al di fuori di esso.

La nostra esitazione nell’aggiungere “sia fatta la Tua volontà” alle nostre preghiere potrebbe sorgere da un onesto timore e da una sorta di incredulità che tentiamo di mascherare con le parole; oppure potrebbe rivelare una determinazione inconscia ad ottenere ciò che vogliamo, che Dio lo voglia o meno.

Quando ascolto predicatori che condannano l’utilizzo di “sia fatta la Tua volontà” al termine delle nostre preghiere provo una sensazione di disagio perché sembra che essi stiano involontariamente rimproverando Colui che un tempo usò proprio queste parole nel Giardino del Getsemani. Per quanto mi riguarda, non credo affatto di saper pregare meglio di come fece Lui.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: C’è solo un frutto dello Spirito
    In Devotional
    di George Wood  (Sovrintendente generale delle Assembee di Dio USA)   –  Il primo frutto dello Spirito è l’amore. Alcuni hanno detto che questo è in realtà il frutto da cui tutti gli altri frutti derivano. Non ci sono nove frutti dello Spirito. C’è n’è in realtà uno solo – l’amore. Se abbiamo l’amore, abbiamo tutto il resto. Tutto il frutto dello Spirito ha un parallelo nell’esperienza non cristiana. Ci sono non-cristiani che sono persone molto amorevoli. Ciò che rende l’amore cristiano differente è che non scaturisce  dall’emozione e dal sentimento. Scaturisce dall’impegno. L’amore cristiano è noto per la sua [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • COS’E’ LA NUOVA NASCITA?
    “Gesù gli rispose: “In verità, in verità ti dico che se uno non è nato di nuovo non può vedere il regno di Dio”…  “Non ti meravigliare se ti ho detto: “Bisogna che nasciate di nuovo ” (Giovanni 3: 3-7). “Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna… Chi crede in lui non è giudicato; chi non crede è già giudicato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio” (Giovanni 3:16- 18). “Dovete nascere di nuovo”   –     Ci sono tre ragioni per parlarvi di questo soggetto. La prima, per il bene di quelli che hanno bisogno di sapere cosa vuol ire nascere di nuovo; la seconda, per il bene di quelli che già lo sanno, ma hanno bisogno di aver sempre rinfrescate le idee, così […]
  • Perseverare nella Parola di Dio
    di Roberto Bracco  –  “Se perseverate nella mia Parola…” (Giovanni 8:31)  –  Questo passo dell’Evangelo di Giovanni ci fa comprendere tre cose di grande importanza : – Per essere veramente discepoli di Gesù bisogna perseverare nella sua parola. – Mediante la perseveranza nella sua parola si giunge alla conoscenza della verità. – La conoscenza della verità produce la conquista della libertà. La prima cosa ci dice chiaramente che fra coloro che seguono Gesù ci sono veri discepoli e discepoli falsi. La seconda cosa ci ricorda che […]
  • VAI, IO MANDO TE!
    di MIKE BROWN  –  Il cuore di Dio è un cuore missionario. Egli desidera che il popolo che ha creato viva con Lui per sempre. Questo è il primo motivo per cui ci ha creato, affinché potessimo avere comunione con Lui, conoscerlo e così essere Suoi. Ciò era, ed è il Suo cuore. Egli, dopo tutto, è chiamato il Padre celeste.  La caduta dell’uomo non ha cambiato le cose. Dio non ebbe nessun piacere nel portare Adamo fuori dal giardino. Si addolorò per lo stato di peccato della razza umana, prima di distruggere il mondo con il diluvio; avrebbe piuttosto voluto vedere ravvedimento! Ezechiele scrisse: «Provo io forse piacere se l’empio muore? Dice il Signore, l’Eterno. Non ne trovo piuttosto quand’egli si converte dalle sue vie» (Ez. 18:23) Egli è un Dio di vita e non […]
  • SIGNORE, MANDA IL VENTO DI UNA NUOVA PENTECOSTE!
    Mercoledì 16 Mag, 2012 – dalla rubrica “Fire In My Bones” di  J. Lee Grady –  CHARISMA MAGAZINE. Dodici anni fa un uomo d’affari sudafricano, Graham Power, sentì Dio spingerlo ad organizzare un incontro di preghiera nella città di Cape Town. Circa 45 mila cristiani hanno risposto alla chiamata accalcandosi in uno stadio di rugby nel marzo 2001, per intercedere per la loro nazione. Quello fu l’inizio della Giornata Mondiale di Preghiera, un evento che probabilmente coinvolgerà milioni di cristiani in 220 nazioni, la Domenica di Pentecoste, il 27 maggio. […]
  • BALSAMO DI GALAAD
     di LILIAN B. YEOMANS Tanto tempo fa, su una collina solitaria, tre croci, le vedo ancor! Tanto tempo fa il Salvatore disse, mentre chinava il Suo capo morente: «Tutto è compiuto». Balsamo di Galaad, guarisci le mie ferite, rendimi  interamente sano e forte, Tu sei la Medicina che io prendo, e subito la mia salute irrompe: «Tutto è compiuto».  Geremia 8:22: «Non c’è balsamo in Galaad? Non c’è laggiù nessun medico?» Che vi sia invece balsamo in Galaad, e che vi sia un Medico, è chiaramente implicito, perché il profeta continua chiedendo: «Perché dunque la piaga della figlia del mio popolo non è stata medicata?» Nel capitolo 46 di Geremia, il secondo verso, per la stessa profezia, la figlia d’Egitto, è esortata a salire a Galaad e prendere il balsamo, e le si assicura che è cosa vana per […]
  • IL CULTO
    di Roberto Bracco –  “Onore reso a Dio”. Per il cristiano è anche mezzo per realizzare comunione con Dio; quindi possibilità di offrire a Dio, ricevere da Dio. Comunemente con questo nome si definiscono le riunioni che uniscono i fedeli per la celebrazione liturgica: preghiera, canto, predicazione… In queste riunioni i fedeli vogliono offrire lode a Dio, esprimere amore, gratitudine e aspettano le benedizioni della presenza di Dio nelle manifestazioni edificative della predica e di tutti quegli elementi cultuali che possono essere di incoraggiamento, di esortazione, di consiglio.     La Scrittura è molto precisa nell’indicarci quei principi fondamentali che dovrebbero sempre disciplinare queste riunioni, ma purtroppo non sempre e non tutti hanno accettato la […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti