Meditazione del giorno: AI MARGINI DELLA FEDE

di Gary Wilkerson  –  Se sei un cristiano che scegli di sedere ai margini della fede, che va in chiesa solo per ricevere conforto, non avrai molta resistenza dal nemico. Ma se sei determinato a vivere per Gesù – se hai una visione per i feriti, i perduti e per il corpo di Cristo – Satana ti scaglierà contro tutto il suo arsenale. Il tuo viaggio sarà pieno di prove e pericoli che scuoteranno la tua anima.

Il viaggio di Paolo a Roma, come descritto in Atti 27, illustra in che modo alcuni di noi reagiscono agli sballottamenti di Satana. Quando la nave che trasportava Paolo completò il primo tratto del viaggio, leggiamo: “E poiché quel porto non era adatto per svernare, i più furono del parere di salpare di là per cercare di arrivare in qualche modo a Fenice…e passarvi l’inverno” (Atti 27:12). Paolo era contrario a tale decisione, non solo perché in questo modo non avrebbero raggiunto Roma, ma perché lo Spirito aveva avvertito il suo cuore a riguardo. Ma in quel momento sembrava la decisione più conveniente da prendere. In seguito, la nave incorse in seri guai, quasi a costo della vita di tutti i passeggeri.Sottolineo questo perché quando alcuni cristiani incontrano la resistenza del nemico nella loro missione, decidono di “andare a Fenice per l’inverno”. Certo, tutti noi abbiamo bisogno di una vacanza per rinfrescare il nostro spirito dal costante ministrare ai bisogni altrui. Ma mi riferisco a qualcosa di diverso – ad una condizione del cuore che dice, “Prendi la tua missione in modo più tranquillo. Fatti indietro e riposati un po’”.

Quando i cristiani si comportano così, presto si ritrovano completamente fuori pista. La loro missione non è più Cristo, ma piuttosto diventa prendersi cura della nave – e ciò significa farla stare lontano dalle tempeste. Infatti, si ritirano dalla resistenza che si scaglia contro di loro.

Questi credenti non lo sanno, ma sono stati derubati della loro alta vocazione. E non è qualcosa di insignificante agli occhi di Dio. Se navigo verso Fenice invece che verso Roma, significa che nessuno andrà a Roma con la missione che Dio mi ha dato. La nave viene mantenuta e conservata in condizioni operative – ma, ironicamente, la missione per quella nave non è stata adempiuta.

Il comfort e il riposo non sono caratteristiche del regno. Chi vive nel regno dice, “La mia vita non mi appartiene più – sono stata acquistato a caro prezzo. Gesù mi guida in ogni cosa e mi provvede la grazia per andare avanti, non importa la resistenza che arriverà”.

I commenti sono chiusi.