Meditazione del giorno: Non contristate lo Spirito Santo

di William MacDonald   –  “E non contristate lo Spirito Santo di Dio, col quale siete stati sigillati per il giorno della redenzione..” (Efesini 4:30) Come per noi è possibile spegnere lo Spirito nelle riunioni in chiesa, è così possibile contristarlo nella nostra vita privata.

C’è una certa tenerezza nella parola “contristarlo”. Possiamo contristare solo qualcuno che ci ama. I monelli del quartiere non ci fanno soffrire, ma i nostri figli cattivi si.

Manteniamo un posto speciale di vicinanza e di tenerezza per lo Spirito Santo. Egli ci ama. Egli ci ha sigillati fino al giorno della redenzione. Noi possiamo contristarlo.

Ma cos’è che lo addolora? Ogni forma di peccato porta dolore al Suo cuore. Non a caso in questo verso Paolo lo chiama “Spirito Santo”. Tutto ciò che è empio provoca dolore in Lui.

L’esortazione “non contristate ” è posta nel bel mezzo di una serie di peccati contro i quali siamo avvertiti. L’elenco non vuole essere esaustivo ma solo indicativo.

La menzogna contrista lo Spirito (vs. 25) – bugie bianche, bugie nere, frottole, esagerazioni, mezze verità e verità camuffate. Dio non può mentire e non può concedere questo privilegio al suo popolo.

Rabbia che sfocia in peccato rattrista lo Spirito (v. 26). L’unico caso in cui la rabbia può essere giustificata è solo per la causa di Dio. Tutte le altre volte offre al diavolo una testa di ponte (vs.27).

Rubare è contrisyare lo Spirito Santo (vs. 28), sia che si tratti dalla borsa della mamma o del tempo rubato al nostro datore di lavoro, o di oggetti di cancelleria in ufficio.

Un parlare malsano rattrista lo Spirito Santo (vs. 29). Questo spazia dalla volgarità alle barzellette a doppio senso, al pettegolezzo. La nostra conversazione deve essere edificante, appropriata e cortese.

Amarezza, ira, cruccio, tumulto, calunnia e malizia completano la lista nel capitolo 4.

Uno dei ministeri preferiti dallo Spirito Santo è quello di tenerci occupati con il Signore Gesù Cristo. Ma quando pecchiamo, Egli deve interrompere questo ministero, al fine di ripristinarci nella corretta comunione con il Signore.

Ma anche allora, se pur addolorato,  Egli non ci lascerà. Egli non ci abbandonerà mai. Noi siamo stati da Lui sigillati fino al giorno della redenzione. Tuttavia, questo non dovrebbe essere usato come scusa per trascuratezza o disattenzione, ma dovrebbe essere uno dei più grandi incentivi verso la santificazione.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Sermone: RESA INCONDIZIONATA

“RESA INCONDIZIONATA”  …
Leggi Tutto

PREGHIERA DI UN SERVITORE MINORE

 di A. W. TOZER – Questa è la preghiera di un uomo chiamato ad essere testimone alle Nazioni, questo  ci che egli disse al Signore il giorno in cui fu ordinato. Dopo che gli anziani e i ministri ebbero pregato ed imposto le mani su di lui, egli si ritirò per incontrare il suo Signore in un posto segreto e silenzioso, lontano anche dai suoi fratelli, e disse: …
Leggi Tutto

Grandi inni: "What a Friend we have in Jesus"

QUALE AMICO IN CRISTO ABBIAMO –  di  Joseph Scriven (10 September 1819 – 10 August 1886) –  Joseph Scriven nacque nel 1819 a Dublino, Irlanda,  da genitori benestanti. Si laureò al Trinity College di Dublino.  Da giovane voleva seguire le orme del padre nella Royal Marine, ma la sua salute cagionevole non gli e lo permise.  All’età di venticinque anni, decise di lasciare il suo paese natale ed …
Leggi Tutto

Come Dio ci guida.

di  FRANCIS W. DIXON  –  «I passi dell’uomo dabbene con diretti dall’Eterno ed egli gradisce le vie di lui. Se cade, non è però atterrato, perché l’Eterno lo sostiene per la mano». (Salmo 37:23-24).  Per quanto m’è possibile ricordare, il Salmo 37 è stato sempre uno dei miei brani favoriti delle Scritture, e in particolare i versi 23 e 24. La ragione di ciò è che quand’ero bambino …
Leggi Tutto

Non siamo protestanti.

di ROBERTO BRACCO   –    –  Il 10 dicembre 1520 Martin Lutero, l’impetuoso agostiniano che ha legato il proprio nome a quel movimento di riforma religiosa che rappresenta l’avvenimento più sensazionale dello infuocato XVI secolo, bruciava pubblicamente la bolla papale che decretava la sua scomunica e protestava così, nel modo più audace contro la chiesa di Roma.     Il 19 aprile 1529 i Principi che avevano apertamente aderito al …
Leggi Tutto

LA BIBBIA, PAROLA DI DIO

Strappata, condannata, bruciata. Odiata, disprezzata, maledetta. Messa in dubbio, guardata con sospetto, criticata. Condannata dagli atei. Schernita dagli empi. Esagerata dai fanatici. Capita ed interpretata male. Oggetto d’infamia e frenesia. Negata nella sua ispirazione divina. – Eppure, essa vive: Vive – come una lampada per i nostri piedi. Vive – come una luce per i nostri sentieri. Vive – come la porta per il cielo. Vive – come …
Leggi Tutto

Jim Cymbala  -  1 Dicembre 2011

Giovedì 1 Dicembre 2011  –  JIM CYMBALA – Pastore BROOKLYN  TABERNACLE – N.Y …
Leggi Tutto

PreghieraDigiuno

« Se voi mi amate, osserverete i miei comandamenti. E io pregherò il Padre, ed Egli vi darà un altro Consolatore… » (Giov. 14 :15-16). Nello studio della dottrina dello Spirito e specialmente quando vogliamo approfondire il soggetto «battesimo con lo Spirito Santo» non dobbiamo trascurare un passo scritturale come questo; le parole di Gesù chiariscono l’argomento e stabiliscono un fondamento sul quale la dottrina stessa deve saldamente …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti