Meditazione del giorno: Non contristate lo Spirito Santo

di William MacDonald   –  “E non contristate lo Spirito Santo di Dio, col quale siete stati sigillati per il giorno della redenzione..” (Efesini 4:30) Come per noi è possibile spegnere lo Spirito nelle riunioni in chiesa, è così possibile contristarlo nella nostra vita privata.

C’è una certa tenerezza nella parola “contristarlo”. Possiamo contristare solo qualcuno che ci ama. I monelli del quartiere non ci fanno soffrire, ma i nostri figli cattivi si.

Manteniamo un posto speciale di vicinanza e di tenerezza per lo Spirito Santo. Egli ci ama. Egli ci ha sigillati fino al giorno della redenzione. Noi possiamo contristarlo.

Ma cos’è che lo addolora? Ogni forma di peccato porta dolore al Suo cuore. Non a caso in questo verso Paolo lo chiama “Spirito Santo”. Tutto ciò che è empio provoca dolore in Lui.

L’esortazione “non contristate ” è posta nel bel mezzo di una serie di peccati contro i quali siamo avvertiti. L’elenco non vuole essere esaustivo ma solo indicativo.

La menzogna contrista lo Spirito (vs. 25) – bugie bianche, bugie nere, frottole, esagerazioni, mezze verità e verità camuffate. Dio non può mentire e non può concedere questo privilegio al suo popolo.

Rabbia che sfocia in peccato rattrista lo Spirito (v. 26). L’unico caso in cui la rabbia può essere giustificata è solo per la causa di Dio. Tutte le altre volte offre al diavolo una testa di ponte (vs.27).

Rubare è contrisyare lo Spirito Santo (vs. 28), sia che si tratti dalla borsa della mamma o del tempo rubato al nostro datore di lavoro, o di oggetti di cancelleria in ufficio.

Un parlare malsano rattrista lo Spirito Santo (vs. 29). Questo spazia dalla volgarità alle barzellette a doppio senso, al pettegolezzo. La nostra conversazione deve essere edificante, appropriata e cortese.

Amarezza, ira, cruccio, tumulto, calunnia e malizia completano la lista nel capitolo 4.

Uno dei ministeri preferiti dallo Spirito Santo è quello di tenerci occupati con il Signore Gesù Cristo. Ma quando pecchiamo, Egli deve interrompere questo ministero, al fine di ripristinarci nella corretta comunione con il Signore.

Ma anche allora, se pur addolorato,  Egli non ci lascerà. Egli non ci abbandonerà mai. Noi siamo stati da Lui sigillati fino al giorno della redenzione. Tuttavia, questo non dovrebbe essere usato come scusa per trascuratezza o disattenzione, ma dovrebbe essere uno dei più grandi incentivi verso la santificazione.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Una promessa per oggi: Il mio amore per te durerà per sempre

Da tempi lontani il SIGNORE mi è apparso. “Sì, io ti amo di un amore eterno; perciò ti prolungo la mia bontà. Geremia 31:3 Che cosa significa che Dio ci ama con un amore eterno? Un mio caro amico una volta mi disse che essere amato di un amore eterno significa che non c’è mai stato un momento in tutta l’eternità in cui non sono stato amato. Ero …
Leggi Tutto

Amare il prossimo.

di Agostino Masdea  –  “E chi è il mio prossimo?” (Luca 10:27-29)  i) – Prossimo: dall’ebraico”rea” colui che è vicino, col quale stai trattando. Dal greco ” plesion”  –  avvicinarsi. a) Prima di Gesù, anche nel v. T., ” prossimo ” e un termine riservato ai “connazionali” ai “parenti” agli amici e ai compagni. Al massimo il termine si estende allo straniero che dimora in terra di Israele; …
Leggi Tutto

QUESTIONE DI SOVRANITA'

di  A. W. TOZER  –  Se Dio governa il Suo universo secondo le Sue leggi sovrane, come può l’uomo avere il libero arbitrio? E se non può esercitare il libero arbitrio, come può essere considerato responsabile per la sua condotta? Non è forse un semplice burattino, le cui azioni sono stabilite da un Dio “dietro le scene” che muove i fili come Gli piace? Il tentativo di rispondere …
Leggi Tutto

LE RISPOSTE DIO SARANNO PRECISE COSI COME LO SONO LE NOSTRE PREGHIERE

di Charles G. Finney.  –    Voglio ricordare alcune cose che una persona deve fare, se vuole che vengano esaudite le preghiere. Deve pregare per un qualcosa di definito (Marco 11:23-24; 10:51). Deve avere davanti alla propria mente una chiara visione di ciò che vuole. Invece di pregare per qualcosa di definito molte persone pregano per ciò che li passa per la mente in quel momento. Questa non è …
Leggi Tutto

Ancora non hanno il fuoco.

di VANCE HAVNER   –   È vero che la Pentecoste, storicamente, ha avuto luogo una volta per tutte. Così è stato per  il Calvario. Ma ogni individuo deve personalmente appropriarsi del sangue per mezzo della fede e così ogni credente deve riceve per fede lo Spirito per avere potenza.  …
Leggi Tutto

IMPARATE

di FILIPPO WILES – Il Cristiano è nato perché impari, è salvato ed arruolato per imparare, quindi non è motivo di meraviglia se al cenno dell’invito di Gesù, troviamo questa parola: imparate. Chi fallisce in questo ha perso lo scopo e il significato della sua chiamata in Cristo. Imparare significa apprendere con lo studio o con la pratica, mandare a memoria. Sembra naturale, è vero, che come cristiani …
Leggi Tutto

IL VALORE DI UNA DOMANDA

Il risveglio spirituale ha sempre avuto inizio dal momento che uno o più credenti si sono domandati se la loro vita cristiana era realmente in regola con Dio. Fino a tanto che i figliuoli di Dio vivono senza farsi questa domanda il risveglio non si può manifestare. Anzi coloro che lasciano trascorrere i giorni nell’indifferenza, sono condannati ad impoverire ogni giorno di più nella grazia del Signore. Se …
Leggi Tutto

Preghiera per imparare l'umiltà

Anonimo «O Gesù, mansueto ed umile di cuore, ti prego di ascoltarmi. Liberami, Gesù, dal desiderio, di essere amato, di essere ammirato, di essere onorato, di essere lodato, di essere preferito agli altri, di essere preso in considerazione, di essere apprezzato. Liberami, Gesù, dalla paura, di essere umiliato, di essere disprezzato, di essere rimproverato, di essere dimenticato, di essere deriso, di essere valutato in modo sbagliato, di essere …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti