Una lezione da Corrie.

di JONI EARECKSON TADA  –  Qualche anno fa Ken e io avemmo il privilegio di assistere al funerale di Corrie Ten Boom. Fu una cerimonia semplice; breve, pochi fiori. Ma come tornammo a casa incoraggiati, quel giorno! Diversi pastori avevano parlato della vita e del lavoro di Corrie, leggendo stralci dai suoi libri o raccontando episodi del suo ministerio. Parlarono tutti del suo amore per Gesù. Un pastore aveva riferito che Corrie, prima di morire, gli aveva chiesto specificamente di parlare dell’amore di Gesù, e non di Corrie Ten Boom. Questo era ciò che avveniva ogni volta che andavo a trovarla o che la sentivo parlare: Gesù era sempre al centro dei suoi pensieri e delle sue parole. Conversava raramente sul “cammino cristiano” o sull’esperienza cristiana”. Non parlava di Cristo come se Egli fosse ridotto a un credo, a una dottrina o a uno stile di vita. Parlava di una Persona, una Persona che lei amava più di ogni altra al mondo.
Quando io e Ken ci allontanammo dalla sua tomba, dissi che la vita di Corrie mi ricordava le parole di Paolo ai Corinzi: “Quando venni a voi, fratelli, non venni ad annunciarvi la testimonianza di Dio con eccellenza di parola o di sapienza; poiché mi proposi di non sapere altro fra voi, fuorché Gesù Cristo e lui crocifisso. (1 Corinzi 2:1-2)

Corrie Ten Boom (1892 – 1983)

“Come mai”, dissi a Ken, “siamo così presi dallo spiegare il nostro cammino con Cristo, o la vita in Cristo, o qiualche esperienza spirituale, invece di parlare semplicemente di Lui?”
Mi trovo ad annunciare spesso la mia testimonianza ed a parlare della mia fiducia, della mia ubbidienza, o del “Dio della Bibbia”. Parlo più dei dettagli e della dottrina di quanto non faccia di Gesù, il mio Salvatore e Signore.
Mi chiedo se tu ti trovi nella mia stessa situazione. Dio ci aiuti a non ridurre il nostro Salvatore a dottrine ben stampate e relegate in un bel libro di teologia! Possa il Signore risvegliarci dal nostro torpore spirituale, se ci troviamo a propagandare la nostra vita in Cristo” invece della semplice testimonianza di Gesù. Il Signore ci aiuti a non fare affidamento su abili tecniche dialettiche o su storie memorabili, o ancora sull’eloquenza di cui parla Paolo. Facciamo in modo che la vita di Corrie sia d’esempio anche per noi, oggi. Ella amava ripetere spesso: “Gesù è vincitore!” Sia Gesù il nostro messaggio! Sia Gesù la nostra gioia e speranza. Facciamo partecipi gli altri della Sua Persona, parliamo loro del nostro amore… soltanto per Lui.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

mp3

Amen, Vieni Signor Gesù [mp3player width=500 height=20 config=fmp_jw_widget_config.xml file=http://www.chiesadiroma.it/wp-content/uploads/2014/10/AMEN-VIENI-SIGNOR-GESU.mp3]  …
Leggi Tutto

Da una vita di sesso, droga, suicidio, ad attivista in favore della vita: Come Dio mi ha riscosso dalle tenebre

LA STORIA DI MEAGAN WEBER  – Tra la prima e la seconda gravidanza qualcosa è successo nella vita di Meagan Weber.  “Credevo  nel mantra “il corpo è mio e lo gestisco io”; facevo uso di droghe e vivevo «completamente immersa nella promiscuità», ma poi qualcosa accadde nel mio cuore”. Meagan Weber oggi è impegnata nella lotta contro l’aborto negli Stati Uniti e racconta la sua «redenzione», il passaggio …
Leggi Tutto

UN PIANO PER LA TUA VITA

di  ZAC POONEN  –  Il più grande onore e privilegio che l’uomo possa avere è fare la volontà di Dio. Questo è quanto il Signore Gesù insegnò ai suoi discepoli. Un giorno Egli disse loro che solamente coloro fanno la volontà del Padre Celeste entreranno nel regno dei cieli (Matteo 7 :21 ). Disse anche che i suoi veri fratelli e sorelle sono coloro che fanno la volontà …
Leggi Tutto

LA FEDELTÀ

di Parker Baker   –   “Egli era un uomo fedele e timorato di Dio più di tanti altri”.  Nehemia 7:2   –   Nehemia aveva costruito il muro e voleva che un altro prendesse il comando delle faccende civili. Egli nominò un uomo per quel compito e il motivo per cui venne scelto Anania fu: “Era un uomo fedele e timorato di Dio più di tanti altri”. Molte persone non sono …
Leggi Tutto

L’evangelizzazione comincia nella propria casa

di Ruth Steelberg Carter  –  Qualcuno ha detto che «la sola religione che vale è quella praticata in casa» e questo è vero anche per l’evangelizzazione. Quando il Signor Gesù dette ai Suoi seguaci l’ordine di esserGli testimoni, Egli disse loro di cominciare da dove si trovavano, cioè da Gerusalemme. (Atti 1 :8). La casa è come un fiume che, sebbene piccolo all’inizio, si gonfia nello scorrere fino …
Leggi Tutto

UNA CHIESA CONSCIA DI DIO

di Donald Gee  –   Lo stesso Dio che è stato una realtà per i cristiani del primo secolo desidera esserlo per i cristiani della presente generazione.  –   Recentemente, mentre rileggevo in Atti 15 la cronistoria del concilio di Gerusalemme, fui colpito, come mai prima, dell’enfasi posta su DIO. Questa enfasi porta sostanzialmente all’affermazione conclusiva : “E’ parso bene allo Spirito Santo ed a noi” (v. 28). Tale linguaggio …
Leggi Tutto

SIA IL VOSTRO PARLARE SI,SI...!

di ROBERTO BRACCO  –  L’esortazione di Gesù’ vuol ricordare ad ogni cristiano la correttezza che deve caratterizzare i propri rapporti con gli uomini. Non servono giuramenti, promesse solenni, dichiarazioni enfatiche; serve soltanto precisione e fedeltà. Il cristiano deve essere riconosciuto per la propria veracità e per la propria correttezza, e tutte, tutte le sue azioni devono dire che egli é un uomo di parola sano e integro nelle sue …
Leggi Tutto

BARRIERE  E SCALE PER IL SUCCESSO DELLA PREGHIERA.

 INTRODUZIONE: Il Dott. George Washington Carver ha affermato: “Non c’è nessuno che debba restare senza guida e direzione nel mezzo delle perplessità di questa vita.” Possiamo affermare chiaramente: ‘Riconoscilo in tutte le Tue vie, e ed Egli appienerà i tuoi sentieri? “Il Dott. Carver’s era abituato al sorgere di ogni giorno, alle quattro di mattina a cercare la guida di Dio per la sua vita. Riguardo alle benedizioni …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti