Meditazione del giorno: Lo scudo della fede

di GIOVANNI ROSTAGNO    –  “Prendete lo scudo della fede col quale potrete spegnere tutti i dardi infocati del maligno”.  Efesi 6 : 16.  –  Gli assalti del maligno vengono paragonati da Paolo – quei dardi infiammati che si lanciavano sulle città nemiche per incendiarle. L’immagine è vivissima. Essa fa pensare ai cattivi pensieri, alle passioni ardenti che Satana ispira ad un cuore per raggiungere i suoi fini micidiali. Ma non ci sgomentiamo. Come i guerrieri antichi op­ponevano alle saette che piovevano loro addosso, lo scudo, così noi, ai dardi infiammati del maligno, opporremo il no­stro : lo scudo della fede.

Che cos’è, qui, la fede?  La fede, per il guerriero di Cristo, è semplicemente la fiducia completa nel Gran Capitano. Non è forse detto che coloro che guerreggeranno contro l’Agnello, l’Agnello li vincerà? E non è forse detto altresì che vinceranno anche quelli che sono con lui, gli eletti e fedeli? — La fede è una visione: la visione e il lieto possesso delle grandi dovizie spirituali e della grande felicità dell’anima che ci fanno tenere a vile i godimenti del peccato. Di quel possesso non godiamo noi forse fin da questo momento? E non è forse per questo che la vita non è e non sarà mai per noi un inferno? — La fede è quel sentimento che ci conduce a trascurare nella lotta qualsiasi aiuto umano e ad affidarci soltanto nel soccorso di­vino. Quel soccorso non ci è forse stato concesso nel mo­mento opportuno? E non è forse diventato più robusto il nostro braccio nel sostenere e nel maneggiar lo scudo? — La fede è una certezza, la certezza assoluta della vittoria che otterremo con le energie trasmesseci direttamente, per contatto immediato, dal Gran Trionfatore. Quella certezza non è forse resa incrollabile in noi dalle esperienze del passato? E il pas­sato non è forse la più sicura garanzia dell’avvenire?

In quanto ai dardi infocati del maligno, non ci colpiranno mai più. Perché non saranno soltanto ammortiti dallo scudo della nostra fede; ma spenti, distrutti, annientati per sempre.

Da “Più presso a Te Signor” – ed. Claudiana

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Una promessa per oggi: La Mia giustizia s'innalza come le montagne più alte, i miei giudizi sono profondi come il grande oceano.

La tua giustizia s’innalza come le montagne più alte, i tuoi giudizi sono profondi come il grande oceano. O SIGNORE, tu soccorri uomini e bestie. (Salmo 36:6) –   Credo che tutta la creazione ci parla continuamente della bontà del Padre. Nella promessa di oggi, il re Davide dichiara che la giustizia di Dio si innalza come le maestose montagne della terra e i suoi giudizi sono profondi come …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: Io do buoni doni ai miei figli quando essi chiedono

Se dunque voi, che siete malvagi, sapete dare buoni doni ai vostri figli, quanto più il Padre vostro, che è nei cieli, darà cose buone a quelli che gliele domandano! Matteo 7:11  –   In questa parte del sermone sul monte, Gesù incoraggia i suoi ascoltatori a non aver paura di chiedere a Dio ciò di cui hanno bisogno. Nei versetti precedenti, Gesù incoraggia le persone a continuare a …
Leggi Tutto

SEGUIRE GESÙ OVUNQUE

Francis W. Dixon  –   «Or avvenne che mentre camminavano per la via, qualcuno gli disse: Io ti seguiterò dovunque tu andrai. E Gesù gli rispose: Le volpi hanno delle tane e gli uccelli del cielo dei nidi, ma il Figliuol dell’uomo non ha dove posare il capo» (Luca 9:57-58).  Le parole sulle quali desidero richiamare la tua particolare attenzione sono queste: «Signore, io ti seguirò dovunque tu andrai» …
Leggi Tutto

COS'E' UN VERO RISVEGLIO?

di Reuben A. Torrey (1855 – 1928) noto evangelista, insegnante e scrittore.  –   Qual è un vero risveglio e quali sono le sue conseguenze? Un vero risveglio è un tempo in cui la vita si rinnova e in cui questo rinnovamento si espande. Questo è il significato della parola “risveglio” secondo la sua origine come pure secondo l’uso che ne viene fatto nel nostro tempo. Anche la parola …
Leggi Tutto

ED ORA CHE INDUGI....LEVATI!

di Agostino Masdea   –  Or un certo Anania, uomo pio secondo la legge, al quale tutti i Giudei che abitavan quivi rendevan buona testimonianza, venne a me; e standomi vicino, mi disse: Fratello Saulo, ricupera la vista. Ed io in quell’istante ricuperai la vista, e lo guardai. Ed egli disse: L’Iddio de’ nostri padri ti ha destinato a conoscer la sua volontà, e a vedere il Giusto, e a …
Leggi Tutto

DOVE SONO I VERI PROFETI?

di A. W. TOZER  –  Il dono del discernimento profetico è una necessità assoluta del nostro tempo. Un profeta è una persona che conosce l’epoca in cui vive e ciò che Dio sta cercando di dire ai suoi contemporanei.  Ciò che Dio ha da dire alla sua Chiesa, in qualsiasi epoca, dipende dalla condizione morale e spirituale in cui la Chiesa versa nonché dalle necessità spirituali del momento. I …
Leggi Tutto

jesus return

di M.R. De Haan  –  Per oltre 1900 i Cristiani hanno continuato a pregare questa preghiera che Gesù aveva insegnato ai suoi discepoli: “Venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà in cielo come in terra.” (Matteo 6,10)  –  Questa preghiera non è stata ancora esaudita, nessuno può affermare infatti che si sia, o che ci sia mai stata, pace sulla terra. Anche se consideriamo questa richiesta …
Leggi Tutto

LA TEOLOGIA DELLA GRAZIA

Un sermone di Roberto Bracco che evidenzia la semplicità dell’Evangelo e l’universalità della salvezza. Ottimo messaggio di evangelizzazione …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti