Felicità attraverso la misericordia

BillyGrahamPhoto

di BILLY GRAHAM  –  «Beati i misericordiosi, perché a loro misericordia sarà fatta». (Matteo 5:7)  –  Qualcuno domandò una volta ad un vecchio consigliere di chiesa se era cristiano; quegli rispose con più verità di quanto non si potesse immaginare: «a momenti».  Molti di noi sono cristiani solo in certi momenti della loro vita. Consideriamo buoni e desiderabili l’ideale e le idee generali del cristianesimo; andiamo in chiesa in certe occasioni perché ci sembra conveniente; crediamo ad una certa moralità; pensiamo che gli uomini debbano essere retti, dotati di una certa morale e buoni cittadini» ma quando, a bruciapelo, ci viene posta la domanda: «Siete voi cristiani?», non abbiamo il coraggio di rispondere affermativamente e nell’intimo siamo pronti a confessare che, se i discepoli di Cristo non avessero avuto una fede più solida della nostra, è poco probabile che il Cristianesimo avrebbe avuto la forza rivoluzionaria che ha avuto nel mondo.

La semplice verità è questa: non abbiamo preso Cristo sul serio, la nostra vita non Gli appartiene veramente e forse, se fossimo vissuti al tempo della crocifissione, avremmo imitato Pietro nel suo rinnegamento, e molti di noi avrebbero approvato il tradimento di Giuda o avrebbero preso le parti della folla piuttosto che quelle di Gesù.

Nelle beatitudini Gesù mette il dito sul polso disordinato del cristianesimo moderno, malato ed esitante, e in poche parole chiare Lui, il grande medico, ne fa la diagnosi e rivela una delle nostre malattie: l’egocentrismo.

Avete mai fatto caso al numero degli aggettivi possessivi che usiamo nel nostro parlare di ogni giorno?: la mia casa, i miei problemi, le mie noie, i miei nervi, la mia famiglia, la mia chiesa, la mia denominazione…

Vi ricordate del giovane ricco che desiderava seguire Gesù, ma che, quando si sentì dire che doveva vendere tutto quello che possedeva per darlo ai poveri, se ne andò tristissimo perché aveva molti beni?  Il Signore sapeva che una delle migliori prove della nostra sottomissione a Dio è la volontà di dividere il nostro con gli altri. Infatti, non avere misericordia per gli altri prova che non abbiamo mai esperimentato la misericordia di Dio.

Si potrebbe parafrasare questa beatitudine così: « Quelli che hanno ottenuto misericordia da parte di Dio sono tanto felici da essere a loro volta misericordiosi con gli altri». Il nostro comportamento verso il prossimo misura la nostra religiosità con maggior precisione di tutte le nostre altisonanti affermazioni.

 

da “Il segreto della felicità” Edizioni Centro Biblico

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

IL RE RITORNA

di Agostino Masdea   –  «Quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, allora sappiate che la sua devastazione è vicina. Allora quelli che sono in Giudea, fuggano sui monti; e quelli che sono in città, se ne allontanino; e quelli che sono nella campagna non entrino nella città. Perché quelli sono giorni di vendetta, affinché si adempia tutto quello che è stato scritto…. Vi saranno segni nel sole, nella luna …
Leggi Tutto

Roberto Bracco: Venite a me

Sermone di Roberto Bracco …
Leggi Tutto

«PARLERANNO IN ALTRE LINGUE»

di  A. THOMAS BRES   –   Questo segno è incompreso, criticato e combattuto da molti e anche da alcuni cristiani. Gli uni lo con­siderano una pazzia, il risultato di un disturbo mentale; gli altri un fenomeno spiritista, diabolico. Sono rari quelli che ne parlano con serenità e che si dimostrano scevri da pre­giudizi. Tra le obiezioni che spesso si fanno in mezzo ai cristiani, c’è questa: — Il …
Leggi Tutto

Roberto Bracco

 “Dio ti offre più di quanto ti chiede” – 1 Pietro 1:19-20″ …siete stati riscattati dal vano modo di vivere tramandatovi dai vostri padri, ma con il prezioso sangue di Cristo, come quello di un agnello senza difetto né macchia.  Già designato prima della fondazione del mondo, egli è stato manifestato negli ultimi tempi per voi; …
Leggi Tutto

TRASFORMATI TRAMITE L’OPERA DI CRISTO

di  JESSIE PENN LEWIS  –  “Poiché l’amore di Cristo ci costringe, essendo giunti alla conclusione che, se uno è morto per tutti, dunque tutti sono morti; e che egli è morto per tutti, affinché quelli che vivono, non vivano più d’ ora in avanti per sé stessi, ma per colui che è morto ed è risuscitato per loro. Perciò d’ ora in avanti noi non conosciamo nessuno secondo …
Leggi Tutto

jesus return

di M.R. De Haan  –  Per oltre 1900 i Cristiani hanno continuato a pregare questa preghiera che Gesù aveva insegnato ai suoi discepoli: “Venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà in cielo come in terra.” (Matteo 6,10)  –  Questa preghiera non è stata ancora esaudita, nessuno può affermare infatti che si sia, o che ci sia mai stata, pace sulla terra. Anche se consideriamo questa richiesta …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

LA FEDE

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  -  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte... per ...
Leggi Tutto
Calvario

Calvario

di John Charles Ryle  -  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non ...
Leggi Tutto
La tua parola mi ristora

La tua parola mi ristora

di N.A. WOYCHUK  -  Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomi­ni, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere ...
Leggi Tutto
LA PACE E’ POSSIBILE!

LA PACE E’ POSSIBILE!

di J. F. Walvoord   -  Desideriamo la pace nel mondo.  Ai nostri giorni sono pochi i quesiti che ci inducono a meditare, certamente non tanto quanto la domanda: E’ ...
Leggi Tutto
CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

«Il calice della benedizione che benediciamo, non è la comunione col sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è la comunione col corpo di Cristo? Siccome vi è ...
Leggi Tutto
L'UNICA VIA

L’UNICA VIA

di OSWALD J. SMITH - Un banchiere ed un industriale sedevano l'uno di fronte all'altro negli uffici della banca. L'industriale parlava molto animatamente, quando all'improvviso l'altro interruppe. "Ridicolo! Assurdo! Pazzesco!" esclamò l'orgoglioso ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti