Felicità attraverso la misericordia

BillyGrahamPhoto

di BILLY GRAHAM  –  «Beati i misericordiosi, perché a loro misericordia sarà fatta». (Matteo 5:7)  –  Qualcuno domandò una volta ad un vecchio consigliere di chiesa se era cristiano; quegli rispose con più verità di quanto non si potesse immaginare: «a momenti».  Molti di noi sono cristiani solo in certi momenti della loro vita. Consideriamo buoni e desiderabili l’ideale e le idee generali del cristianesimo; andiamo in chiesa in certe occasioni perché ci sembra conveniente; crediamo ad una certa moralità; pensiamo che gli uomini debbano essere retti, dotati di una certa morale e buoni cittadini» ma quando, a bruciapelo, ci viene posta la domanda: «Siete voi cristiani?», non abbiamo il coraggio di rispondere affermativamente e nell’intimo siamo pronti a confessare che, se i discepoli di Cristo non avessero avuto una fede più solida della nostra, è poco probabile che il Cristianesimo avrebbe avuto la forza rivoluzionaria che ha avuto nel mondo.

La semplice verità è questa: non abbiamo preso Cristo sul serio, la nostra vita non Gli appartiene veramente e forse, se fossimo vissuti al tempo della crocifissione, avremmo imitato Pietro nel suo rinnegamento, e molti di noi avrebbero approvato il tradimento di Giuda o avrebbero preso le parti della folla piuttosto che quelle di Gesù.

Nelle beatitudini Gesù mette il dito sul polso disordinato del cristianesimo moderno, malato ed esitante, e in poche parole chiare Lui, il grande medico, ne fa la diagnosi e rivela una delle nostre malattie: l’egocentrismo.

Avete mai fatto caso al numero degli aggettivi possessivi che usiamo nel nostro parlare di ogni giorno?: la mia casa, i miei problemi, le mie noie, i miei nervi, la mia famiglia, la mia chiesa, la mia denominazione…

Vi ricordate del giovane ricco che desiderava seguire Gesù, ma che, quando si sentì dire che doveva vendere tutto quello che possedeva per darlo ai poveri, se ne andò tristissimo perché aveva molti beni?  Il Signore sapeva che una delle migliori prove della nostra sottomissione a Dio è la volontà di dividere il nostro con gli altri. Infatti, non avere misericordia per gli altri prova che non abbiamo mai esperimentato la misericordia di Dio.

Si potrebbe parafrasare questa beatitudine così: « Quelli che hanno ottenuto misericordia da parte di Dio sono tanto felici da essere a loro volta misericordiosi con gli altri». Il nostro comportamento verso il prossimo misura la nostra religiosità con maggior precisione di tutte le nostre altisonanti affermazioni.

 

da “Il segreto della felicità” Edizioni Centro Biblico

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Promessa per oggi: La Mia bontà ha più valore della vita

Poiché la tua benignità vale più della vita, le mie labbra ti loderanno. (Salmo 63:3)  –  In questa promessa, il salmista fa una dichiarazione sulla straordinaria bontà di Dio e di come il suo amore vale più della vita stessa. Lo scrittore continua dicendo che l’unica risposta adeguata ad un amore così meraviglioso è quella di vivere la vita rispondendo all’amore di Dio  presentando a Lui i nostri corpi …
Leggi Tutto

Roberto Bracco: Venite a me

Sermone di Roberto Bracco …
Leggi Tutto

Il Battesimo nello Spirito Santo di Dwight L. Moody

di S.B Shaw –   Ho visto per la prima volta il signor Moody nel 1876. Stava conducendo una riunione al Farewell Hall. Quando sono entrato nella sala, vidi un gran numero di pastori sulla piattaforma e ho detto a un fratello che era accanto a me: “Vedi quell’uomo vicino all’organo? E’ il signor Moody”.  Egli rispose: “Come fai a saperlo, l’hai mai visto prima d’ora?” Ho risposto, “No, …
Leggi Tutto

IL FUTURO DI ISRAELE

Sebbene questo articolo sia stato pubblicato 12 anni fa dalla rivista “Ethos”, alla luce degli ultimi avvenimenti in Israele, il soggetto trattato è attuale più che mai .   di Siegfried Schlieter  –  Tentativo di analisi di testi profetici e affermazioni politiche del presente.  Gli avvenimenti in e intorno ad Israele suscitano la domanda: Israele, così come lo conosciamo e lo vediamo agire oggi, è identificabile con l’Israele descritto …
Leggi Tutto

IL BISOGNO DEL MOMENTO

di BILLY GRAHAM              Il mondo oggi ha ancora un disperato bisogno di risveglio spirituale. É la sola speranza di sopravvivenza della razza umana. In mezzo ai problemi che il mondo deve affrontare, i cristiani sono stranamente silenziosi e impotenti, quasi sopraffatti dalla marea del secolarismo.Eppure, proprio loro sono chiamati ad essere “il sale della terra” (Mt 5,13), che impedisce ad un mondo in decadenza di corrompersi ulteriormente. I …
Leggi Tutto

LA DISCIPLINA NELLA CHIESA. (Ebrei 12:1-14)

di Agostino Masdea   –  Leggi più severe sono invocate da tutti nella società di oggi.  Le regole sono necessarie in una nazione, in una comunità, in un qualsiasi circolo di persone. Dove mancano le leggi e le regole regna il caos e l’anarchia. Il problema è che ogni categoria invoca “severità” per tutte le altre categorie meno che per se stessa. Morale della favola: ognuno tira l’acqua al suo mulino …
Leggi Tutto

L’ornamento di un vero Cristiano

di Dale Crowley  –  Cristiani, lasciate che Cristo si serva di voi in modo tale da rispecchiare in voi la sua natura divina affinché tutti possano rendersi conto che la vostra vita è stata rinnovata, che la vostra vecchia natura peccaminosa è stata trasformata e che siete rivestiti della vostra nuova natura divina. I Cristiani che hanno veramente offerto la loro vita a Cristo risorto, vivono una vita nuova …
Leggi Tutto

Come Dio ci guida.

di  FRANCIS W. DIXON  –  «I passi dell’uomo dabbene con diretti dall’Eterno ed egli gradisce le vie di lui. Se cade, non è però atterrato, perché l’Eterno lo sostiene per la mano». (Salmo 37:23-24).  Per quanto m’è possibile ricordare, il Salmo 37 è stato sempre uno dei miei brani favoriti delle Scritture, e in particolare i versi 23 e 24. La ragione di ciò è che quand’ero bambino …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti