Meditazione del giorno: La morte peggiore

warren_wiersbe

di Warren Wiersbe  –  Leggere Salmo 69:1-12  –  Tempo fa mi trovai a parlare dalla morte con un mio vicino e usai l’argomento come opportunità di evangelizzazione. Discutemmo su quale fosse il modo più brutto per morire e alla fine della conversazione gli dissi: “forse il modo più brutto per morire sarebbe quello di rimanere intrappolati nelle sabbie mobili e morire soffocati”.

Davide, spiritualmente parlando, provò quel tipo di esperienza: “Salvami, o DIO, perché le acque sono giunte fino alla gola. Sono affondato in un profondo pantano e non trovo alcun punto d’Appoggio; sono giunto in acque profonde, e la corrente mi travolge” (vv. 1, 2). Sarà di certo terribile rimanere bloccati nelle sabbie mobili e Davide, infatti, venne travolto da un’ondata che lo coprì completamente. Cosa fece? Egli agì come ogni cristiano dovrebbe agire.

Per prima cosa, aspettò: “Sono stanco di gridare, la mia gola è riarsa; i miei occhi si consumano nell’attesa del mio DIO” (v. 3). “Non siano confusi per causa mia quelli che sperano in te, o Signore, Eterno degli eserciti; non siano svergognati per causa mia quelli che ti cercano, o DIO d’Israele” (v. 6). Davide sapeva che la situazione era sotto il controllo di Dio. Si, egli gridò a Lui affinché lo soccorresse. Non c’è nulla di sbagliato in questo, ma nel frattempo Davide aspettò.

Secondo, egli pianse: “Ho pianto affliggendo l’anima mia col digiuno, ma ciò mi ha causato disonore” (v. 10). La parola disonore è usata molto spesso in questo Salmo, (questo è un Salmo messianico che parla del disonore che Gesù ha patito per noi). Non c’è niente di sbagliato nel piangere soprattutto quando la sofferenza ci fa stare male e molte situazioni distruggono il nostro cuore. Davide aspettò e pianse sapendo che Dio stava portando a termine la Sua promessa.

Terzo, egli osservò: “Non siano confusi, per causa mia, quelli che sperano in te, o Signore, Dio degli eserciti! Non siano coperti di vergogna per causa mia, quelli che ti cercano, o Dio d’Israele!” (v. 6). In altre parole Davide dice: “non importa ciò che accadrà a me, ma non voglio essere un problema per gli altri”. Per tutto il Salmo Davide diventa sempre più come il Signore. Quando ti ritrovi arenato nei tuoi problemi, aspetta, piangi e osserva Dio operare.

Quanto ti senti come bloccato fra le sabbie mobili, puoi fare qualcosa in più del solo gridare al Signore. A volte Egli permette che le situazioni difficili della tua vita facciano si che tu ti rivolga a Lui. Aspetta Dio, ammetti che Egli ha tutto sotto il Suo controllo. Dai a Lui tutti i pezzi del tuo cuore rotto e osservaLo operare per te. Tu puoi e devi dipendere dalla Sua fedeltà.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

METTERE DIO AL PRIMO POSTO NELLA PROPRIA CASA

di Rex Humbard –  “Perciò l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due saranno una sola carne”. Genesi 2:24  –  Così come madre aquila protegge i suoi piccini e allo stesso modo li guarda mentre sviluppano l’abilità dell’avere cura di loro stessi, così ogni membro di una casa cristiana dovrebbe proteggere ed incoraggiare gli altri della sua stessa casa. Il matrimonio …
Leggi Tutto

Grandi inni: "I surrender all"

Autore  –  Judson W. Van de Venter, 1855-1939  –  “Chi avrà trovato la sua vita, la perderà: e chi avrà perduto la sua vita per causa mia la troverà”. Matteo 10:39. Il testo di questo grande inno è stato scritto dall’autore per ricordare il giorno in cui arrese completamente la sua vita a Cristo dedicandosi a pieno tempo al servizio cristiano. Fu pubblicato per la prima volta, nel …
Leggi Tutto

Terry Peretti - Gli ultimi tempi

Domenica 11 Novembre 2012 …
Leggi Tutto

VENTO IN FACCIA

di A.W. Tozer  –  “Dio ti ha chiamato al fianco di Cristo” scrisse Samuele Rutheford, “ed il vento, in questo paese, è ora sul volto di Gesù; e siccome tu sei con Lui, non ti puoi certo aspettare d’essere sotto vento o sulla parte sollevata del pendio.”  Samuele Rutherford, con la sua grande capacità di fare un uso eccellente delle parole, anche nelle affermazioni più causali, cristallizza per noi uno …
Leggi Tutto

MEFIBOSHET: Riscoprire il valore del patto!

Studio biblico Scuola Domenicale Adulti –  Domenica 12 Ottobre  –  Testo biblico: 2 Samuele 4:4 – 9:1-13 Introduzione: Un patto si differenzia sostanzialmente da un contratto. Il contratto è l’accordo bilaterale tra due parti e si base sull’interesse, il patto invece è unilaterale e si basa sulla promessa. Il contratto dura per un tempo delimitato e stabilito, il patto dura per sempre. Il nostro rapporto con Dio non è stabilito …
Leggi Tutto

L’Eterno e l’eternità

di Roberto Bracco  –  Tutte le cose ci circondano, tutte le circostanze che viviamo assumono un loro aspetto particolare in relazione al punto di vista dal quale le consideriamo. Per poter affrontare e compiere la nostra vita in perfetta armonia con i piani e con la legge di Dio dovremmo far nostro il punto di vista di Dio onde poter vedere cose e circostanze alla luce di una …
Leggi Tutto

PAROLE E FATTI

Ogni cristiano deve desiderare ardentemente l’approvazione di Dio e per conseguirla deve essere risolutamente disposto a rinunciare alla purtroppo ambita approvazione umana. Se questo sano desiderio non giganteggia nel cuore, la vita del fedele sarà sempre un susseguirsi di mezze misure o di compromessi che ostacoleranno ogni progresso spirituale e ogni conquista cristiana …
Leggi Tutto

NEL CUORE DEI GIOVANI

di BILLY GRAHAM –  Uno dei racconti più belli che ci ha dato la letteratura è quello di Isacco e di Rebecca contenuto nelle Sacre Scritture. Pochi ammettono che la Bibbia sia un libro per i giovani, ricco di episodi idilliaci! Questa storia si svolge in un antico paese, in mezzo a un popolo di costumi particolari, ma Dio, tramite, essa, ha molte cose da insegnarci oggi. Si …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti