Meditazione del giorno: Più Ci Sentiamo Deboli e Più Ci Affidiamo a Dio

Joni_eareckson_tada

di JONI EARECKSON TADA  –  Mi piace menzionare le persone che mi aiutano nel cammino con il Signore, soprattutto quelle che mi incoraggiano ad accettare una vita su una sedia a rotelle. J. I. Packer è il mio preferito. Credetemi, quando cito le sue parole è come se dicessi le mie:

“Dio usa il dolore cronico e la sofferenza, così come le altre afflizioni, come lo scalpello per scolpire la nostra vita. Quando si attraversano momenti di debolezza si approfondisce la dipendenza quotidiana dalla forza di Cristo. Quanto più ci sentiamo deboli, tanto più ci affidiamo a Lui. E quanto più ci affidiamo al Signore, tanto più cresciamo spiritualmente, persino se il no­stro corpo si sta logorando. Vivere con la propria ‘spina’ senza lamentarsi – vale a dire dolcemente, pazientemente e con il cuore libero per amare e aiutare gli altri, anche se ci si sente deboli – equivale a sperimentare la vera santificazione. Questa è una vera guarigione per lo spirito. È la suprema vittoria della grazia. La guarigione del tuo ‘vecchio uomo’ procede, quindi, anche se la guarigione del tuo corpo mortale non avviene”.

Quanto più ci sentiamo deboli, tanto più ci affidiamo a Dio. E quanto più ci affidiamo a Lui, tanto più cresciamo. Non è possibile vedere in questo una “resistenza straordinaria”, e neppure una “testimonianza di coraggio umano”, come alcuni vorrebbero far pensare.

Resistenza e coraggio umano non hanno niente a che fare con questo. È la debolezza umana ciò che Dio si compiace di usare. Forse oggi ti è difficile convivere con la tua debolezza. Trovi quasi impossibile essere “dolce e paziente e aver il cuore libero per amare ed aiutare gli altri.

Non è quasi impossibile. E’ proprio impossibile. Non puoi riuscirci cercando di trovare in te la resistenza o il coraggio. Non ce la farai mai così.  Piuttosto, la nostra debolezza dovrebbe accrescere la nostra dipendenza da Cristo  per ricevere la forza. Ricorda: più ti senti debole, più ti devi affidare. Affidati a Gesù. Affidarsi significa confidare ubbidire, passare del tempo parlandoGli e confessandoGli  i nostri bisogni più profondi.

Quando ti affiderai così al Signore, scoprirai che stai crescendo molto più di quanto immaginavi fosse possibile. Come dice il Packer, questa è la vera guarigione.

 

dal libro “Intromissione divina” – ed. Adi-Media

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

CONVERSIONE E CORAGGIO DEL VECCHIO  ZI PEPPE

Uno spaccato di testimonianza del clima religioso nell’immediato dopoguerra. La semplicità di un anziano credente vs. la prosopopea e la teologia di un vescovo cattolico.    (Da una lettera di un pastore battista, di Schiavi d’Abruzzo, a Stefano Testa, un ministro di Los Angeles, California.) Caro fratello Testa, il miglior lavoro in Italia viene fatto dai fratelli pentecostali. Essi prendono di mira una persona e non la lasciano …
Leggi Tutto

IL GRANELLO DI FRUMENTO

Se il granel di frumento caduto in terra non muore, rimane solo; ma se muore, produce molto frutto.  (Giovanni 12: 24) Gesù stesso era quel «granello di frumento». Egli è caduto nel terreno; è morto; come risultato della Sua morte sacrificale sul Calvario, il Suo seppellimento nella tomba, la Sua resurrezione la mattina di Pasqua; è stata compiuta la promessa della redenzione del mondo e questo era il …
Leggi Tutto

VIDEO BATTESIMI 14 OTTOBRE 2012

Alcuni momenti del culto del 14 OTTOBRE, durante il quale 10 giovani sono scesi nelle acque del battesimo. (Video amatoriale e audio da telecamera))   …
Leggi Tutto

LA PREGHIERA

di LEONARD RAVENHILL    –   Il Vangelo Della Preghiera  –   Non v’è niente di più trasfigurante della preghiera. Le persone spesso dicono: “Perché insisti tanto sull’argomento della preghiera?”  La risposta è  molto semplice: perché Gesù stesso lo ha fatto. Potresti cambiare il titolo del Vangelo secondo S. Luca in  “Vangelo della Preghiera”. Esso infatti racconta la vita di preghiera di Gesù. Gli altri evangelisti dicono che Gesù era nel …
Leggi Tutto

NON SIAMO PROTESTANTI

Il 10 dicembre 1520 Martin Lutero, l’impetuoso agostiniano che ha legato il proprio nome a quel movimento di riforma religiosa che rappresenta l’avvenimento più sensazionale dello infuocato XVI secolo, bruciava pubblicamente la bolla papale che decretava la sua scomunica e protestava così, nel modo più audace contro la chiesa di Roma …
Leggi Tutto

La Maddalena ai piedi di Gesù - Testimonianza di Rossana Montesi

Rossana Montesi,  dal cinema a Cristo. E’ stata membro della nostra comunità in Via Anacapri dalla conversione alla morte (2005). Una testimonianza toccante e straordinaria, di come Cristo si rivela e salva chiunque lo cerchi. E’ stata una fiaccola accesa dell’Evangelo portando la luce negli ambienti intellettuali e di spettacolo della capitale. Leggete la sua testimonianza. (A.M.) Ventenne viene scelta dal regista Ferdinando Maria Poggioli nel ruolo di …
Leggi Tutto

La conversione di Phil Thatcher

A 18 anni ero entrato e uscito tre volte dal riformatorio e a 30 anni avevo passato più tempo in prigione di quanto ne avessi passato fuori. Tutto cominciò quando ero ragazzo. Sono cresciuto in campagna; mio padre era agricoltore e faceva anche il pastore evangelico. Io lo rispettavo e gli credevo. Mi diceva il che il mio vero Padre era in cielo e che mi stava sempre vicino …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti