Meditazione del giorno: MAI SOLI

di CHARLES H. SPURGEON  –  “O Eterno, non abbandonarmi; Dio mio, non allontanarti da me” (Salmo 38:21)  –   Sovente preghiamo che Dio non ci abbandoni nell’ora della prova e della tentazione, ma troppo spesso dimentichiamo che dobbiamo elevare questa preghiera in ogni tempo. Non c’è un solo momento della nostra vita, nonostante la nostra santità, in cui possiamo resistere senza la Sua costante protezione. Sia nella luce sia che nelle tenebre, sia se abbiamo comunione o siamo nella tentazione, abbiamo sempre bisogno di pregare: “Non abbandonarmi Signore”, “sostienimi e sarò salvo”.

Un bambino che impara a camminare, ha sempre bisogno d’aiuto. La nave senza pilota va subito alla deriva. Non possiamo far nulla senza l’aiuto costante che viene dall’alto; allora oggi fa che la tua preghiera sia: “Non abbandonarmi. Padre, non abbandonare Tuo figlio, perché egli non possa  cadere nelle mani del nemico. Grande pastore, non abbandonare il Tuo agnello, perché c’è pericolo che si allontani dalla sicurezza dell’ovile. Esperto Agricoltore, non abbandonare la tua pianta, perché essa potrebbe appassire e morire.  O Eterno, non abbandonarmi. Non abbandonarmi nelle mie gioie perché esse possono sedurre il mio cuore. Non abbandonarmi nei dolori, per paura che io mi lamenti di Te. Non abbandonarmi nel giorno del pentimento, affinché io non perda la speranza del perdono e cada nella disperazione; e non abbandonarmi nel giorni quando la fede è più forte, per paura che la fede si trasformi in presunzione. Non abbandonarmi, poiché senza Te sono debole, ma con Te sono forte. Non abbandonarmi perché il mio sentiero è pericoloso e pieno d’insidie, e non posso farcela senza la Tua guida. La chioccia non abbandona i suoi pulcini, quanto più Tu mi coprirai con le Tue penne e lascerai che io mi rifugi sotto le Tue ali. Non allontani da me, perché l’angoscia è vicina, e non v’è alcuno che mi aiuti”.  “Non lasciarmi e non abbandonarmi, o Dio della mia salvezza”.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Roberto Bracco - Sermone

​ Sermone di Roberto Bracco – Isaia 40:1-11 “Una Parola di Consolazione” …
Leggi Tutto

GIOIA TRASCENDENTALE

di Jim Cymbala  –  La felicità ha i suoi alti e bassi in base alle nostre mutevoli circostanze. Nasce un bimbo o un nipote, e siamo tutti contenti. Vinciamo una vacanza gratis e siamo in estasi! Il capo ci dà un bell’aumento proprio quando ne avevamo bisogno e siamo entusiasti. Ma l’euforia è solo temporanea. Inevitabilmente, qualcosa cambia e si porta via la nostra felicità. Il bambino si …
Leggi Tutto

L'Ammirabile

di BILLY SUNDAY    –   «Il Suo Nome sarà chiamato: L’Ammirabile».  Isaia 9:6  –   Anticamente ogni nome aveva un significato; ciò è ancora vero fra gl’india­ni e fra quei popoli che vivono tuttora in modo primitivo.  Ogni nome della Bibbia ha un signi­ficato, ed è di grande aiuto nella lettu­ra delle Scritture ricercare la definizio­ne propria di ogni nome. Vi sono nella Bibbia duecento cinquantasei nomi dati al Signore …
Leggi Tutto

PREGARE O REMARE?

di Billy Sunday  –  Billy Sunday era un famoso giocatore di baseball americano. Diede il suo cuore a Cristo e da famoso atleta divenne un famoso predicatore del Vangelo. –  “Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno” (Ebrei 13: 8).  –  Soli in un piccolo battello ed esposti a una grande tempesta ci chiediamo: «Dobbiamo pregare o remare?» Viviamo in un mondo nel quale regna il …
Leggi Tutto

BIOGRAFIE: GEORGE MULLER

George Müller nacque in Prussia il 27 settembre 1805 e venne allevato nella cittadina di Heimersleben, dove suo padre era un esattore delle tasse. Benché questi provvedesse generosamente per lui, George rubava soldi in continuazione e ne spendeva la maggior parte in donne e birra. Può apparire strano il fatto che decidesse di studiare teologia all’università di Halle, conoscendo un po’ il suo carattere irreligioso, ma a quel tempo …
Leggi Tutto

LA CONVERSIONE DI GUIDO SCALZI

Dal Convento a Cristo. Il Signore non si è mai stancato di cercarmi. Fin da bambino ho desiderato di servire Iddio, da quando avevo otto – nove anni. Guardando il creato e le bellezze che c’erano in esse, mi resi conto che qualcuno aveva fatto tutto ciò. Nacque in me il desiderio di servire questo Dio che ha creato il cielo e la terra. Essendo di famiglia cattolica, …
Leggi Tutto

CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

«Il calice della benedizione che benediciamo, non è la comunione col sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è la comunione col corpo di Cristo? Siccome vi è un unico pane, noi, che siano molti, siamo un corpo unico, perché partecipiamo tutti a quell’unico pane» (1 Corinzi 10:16-17). L’Apostolo Paolo sentì la necessità di chiarire ai Corinzi il significato della Cela del Signore, che era, oltre al battesimo, l’unico …
Leggi Tutto

UN’OPERA PER OGNI TEMPO, UN TEMPO PER OGNI OPERA!

di ROBERTO BRACCO   –   Come trascorri il tuo tempo? Le ore passano, volano, scompaiono, ma tu stai fermo o ti muovi?  Il tempo della nostra vita è breve, spaventevolmente breve ed anche quando lo impieghiamo tutto per lavorare nel campo di Dio, possiamo compiere soltanto un piccolo lavoro. Quando poi lo lasciamo trascorrere senza utilizzarlo ci accorgiamo con rimpianto amarissimo che non abbiamo fatto «nulla» che rimanga …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti