Meditazione del giorno: Non siate con ansietà solleciti…

di GIOVANNI ROSTAGNO  –  “Non siate con ansietà solleciti per la vita vostra”.  Matteo 6: 25.

Troppo finora mi sono lasciato opprimere da quelle preoccupazioni contro le quali Gesù mi vuol mettere in guardia. Esse hanno turbato profondamente i miei pensieri, e persino paralizzato la mia attività. Ma voglio seguire, d’ora innanzi, i consigli pieni di amore e di sapienza del mio Divino Maestro.

Porterò lo sguardo in alto, verso Dio, e domanderò : Colui che mi ha dato essere, animandolo col soffio della vita, d’una vita capace di sperare, di amare, di gioire, di perfezionarsi infinitamente — non mi darà forse le altre cose insieme? Chi m’ha concesso il più, non mi concederà forse il meno?

Porterò lo sguardo sulla natura, contemplando gli uccelli inconsapevoli che solcano col volo leggero l’azzurro dei cieli, e i gigli effimeri della campagna vestiti splendidamente, ora di bianco ed ora di scarlatto — e domanderò : Chi li nutri­sce? E chi li veste? Non è forse Iddio? E quel Dio non avrà egli cura di me che sono destinato a sciogliere più in alto il volo, e ad essere vestito d’immortalità?

Porterò lo sguardo su me stesso e domanderò ancora : Po­trò io mai con queste sollecitudini travagliose aggiungere un palmo alla misura della mia vita? Anzi, io la potrei abbre­viare, la vita, alterandone le energie colle mie assillanti preoc­cupazioni. Chi dispone della mia vita è Dio. Non penserà egli quindi a mantenerla nella sua provvidenza piena di bontà?

D’altronde, ho io, sì o no, una fede? E quella fede è, sì o no, un abbandono completo nelle mani del Creatore? Credo, sì o no, che Dio è il mio Padre Celeste? — Devo dunque lavorare, devo affaticarmi per campar la vita, ma senza nes­suna trepidazione di paura, senza nessuna irrequietezza di affanni, senza nessun’ansia di cupidigia. E del rimanente lasciate ch’io m’adagi fidente sulle braccia del Signore, in mezzo alla tempesta, finché non abbia ad accogliermi il porto luminoso.

 

da “Più presso a te Signor”  –  Ed. Claudiana

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

EGLI NON SAPEVA…

di E.K.Rusthoi  –  “Egli (Sansone), non sapeva che Dio s’era ritirato da lui” (Giudici 16,20).  –  “Or Mosè, quando scese dal monte Sinai – scendendo Mosè aveva in mano le due tavole della testimonianza – non sapeva che la pelle del suo viso era diventata tutta raggiante” (Esodo 34,29). Vorrei attirare la vostra attenzione su questi due versetti biblici che sembrano in aperto contrasto. Il primo è un …
Leggi Tutto

IL BUON PASTORE

di GEORGE WHITEFIELD  –  Sermone d’addio (L’ultimo sermone predicato a Londra, mercoledì 30 agosto 1769 prima della sua ultima partenza per l’America) “Le mie pecore ascoltano la mia voce, io le conosco ed esse mi seguono; e io do loro la vita eterna e non periranno mai, e nessuno le rapirà dalla mia mano” (Giovanni 10:27-28).   – È un detto comune e, io credo, giusto, quello che …
Leggi Tutto

Sermone Domenica 13 Gennaio 2013

Agostino Masdea: VITA SOPRANNATURALE (Giovanni 10:10) …
Leggi Tutto

E' peccato l'omicidio? RISPOSTE AGLI ARGOMENTI RELATIVI ALL’ABORTO

 di Norman L. Geisler –  La Bibbia condanna chiaramente chi uccide intenzionalmente un essere umano innocente. Tuttavia, non tutte le uccisioni sono omicidi. Non tutte le uccisioni sono intenzionali. Ci sono delle occasioni in cui vi sono delle giustificazioni relative all’uccidere un altro essere umano. A questo proposito, la Bibbia permette la protezione della propria vita, anche se ciò significa privare della vita qualcun’altro che la sta minacciando. In …
Leggi Tutto

Roberto Bracco: Venite a me

Sermone di Roberto Bracco …
Leggi Tutto

GLI OCCHI DEL CUORE

di Jim Cymbala  –  (Pastore della Chiesa Brooklyn Tabernacle – New York)  –  E’ più probabile che si trovi un neo credente nelle montagne del Perù che capisca della Bibbia  più di un teologo con un dottorato di ricerca. Infatti, quel Peruviano privo di istruzione non solo potrebbe saperne di più della Bibbia, ma potrebbe anche conoscere il Signore in un modo che lo studente Greco o Ebreo ignorano. Ricorda, …
Leggi Tutto

Una Promessa per te: "TI PRESERVERÒ DA OGNI CADUTA FINO A QUANDO SARAI FELICEMENTE NELLA MIA PRESENZA."

“Or a colui che può salvaguardarvi da ogni caduta e farvi comparire davanti alla sua gloria irreprensibili e con grande gioia, all’unico Dio sapiente, il nostro Salvatore, sia gloria, grandezza, dominio e potestà, da ora e per tutte le età. Amen.  (Giuda 24-25) Un giorno, ognuno che ha invocato il nome del Signore starà davanti alla Sua presenza. La promessa di oggi ci incoraggia che in quel giorno …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti