Meditazione del giorno: Non siate con ansietà solleciti…

di GIOVANNI ROSTAGNO  –  “Non siate con ansietà solleciti per la vita vostra”.  Matteo 6: 25.

Troppo finora mi sono lasciato opprimere da quelle preoccupazioni contro le quali Gesù mi vuol mettere in guardia. Esse hanno turbato profondamente i miei pensieri, e persino paralizzato la mia attività. Ma voglio seguire, d’ora innanzi, i consigli pieni di amore e di sapienza del mio Divino Maestro.

Porterò lo sguardo in alto, verso Dio, e domanderò : Colui che mi ha dato essere, animandolo col soffio della vita, d’una vita capace di sperare, di amare, di gioire, di perfezionarsi infinitamente — non mi darà forse le altre cose insieme? Chi m’ha concesso il più, non mi concederà forse il meno?

Porterò lo sguardo sulla natura, contemplando gli uccelli inconsapevoli che solcano col volo leggero l’azzurro dei cieli, e i gigli effimeri della campagna vestiti splendidamente, ora di bianco ed ora di scarlatto — e domanderò : Chi li nutri­sce? E chi li veste? Non è forse Iddio? E quel Dio non avrà egli cura di me che sono destinato a sciogliere più in alto il volo, e ad essere vestito d’immortalità?

Porterò lo sguardo su me stesso e domanderò ancora : Po­trò io mai con queste sollecitudini travagliose aggiungere un palmo alla misura della mia vita? Anzi, io la potrei abbre­viare, la vita, alterandone le energie colle mie assillanti preoc­cupazioni. Chi dispone della mia vita è Dio. Non penserà egli quindi a mantenerla nella sua provvidenza piena di bontà?

D’altronde, ho io, sì o no, una fede? E quella fede è, sì o no, un abbandono completo nelle mani del Creatore? Credo, sì o no, che Dio è il mio Padre Celeste? — Devo dunque lavorare, devo affaticarmi per campar la vita, ma senza nes­suna trepidazione di paura, senza nessuna irrequietezza di affanni, senza nessun’ansia di cupidigia. E del rimanente lasciate ch’io m’adagi fidente sulle braccia del Signore, in mezzo alla tempesta, finché non abbia ad accogliermi il porto luminoso.

 

da “Più presso a te Signor”  –  Ed. Claudiana

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

VENITE DIETRO A ME... (Matteo 4:19)

di Roberto Bracco   –  Gesù Cristo è “ogni cosa” per “ogni credente”; in Lui si risolvono tutti problemi, in Lui si compiono tutti programmi e in Lui, in Lui soltanto, si raggiungono tutte le mete. “Venite a me!” “Imparate da me! ” ” Dimorate in me! “… queste e tante altre espressioni analoghe a queste ci dichiarano che Gesù Cristo è il “capo” della chiesa, la “luce” della …
Leggi Tutto

coming-in-the-clouds

Dopo la prima venuta di Cristo come messia sofferente, attendiamo la seconda venuta di Cristo come messia glorioso e potente. Questo straordinario evento s’approssima sempre di più. Prepariamoci! Più sorprendente delle scene della Pentecoste — Più potente della caduta di Gerusalemme — Più significante dello Spirito che risiede in noi — Più meraviglioso della conversione di un peccatore — Più desiderato della nostra partenza per il Cielo — …
Leggi Tutto

TRASFORMATI TRAMITE L’OPERA DI CRISTO

di  JESSIE PENN LEWIS  –  “Poiché l’amore di Cristo ci costringe, essendo giunti alla conclusione che, se uno è morto per tutti, dunque tutti sono morti; e che egli è morto per tutti, affinché quelli che vivono, non vivano più d’ ora in avanti per sé stessi, ma per colui che è morto ed è risuscitato per loro. Perciò d’ ora in avanti noi non conosciamo nessuno secondo …
Leggi Tutto

COSA SIGNIFICA ESSERE UN SERVO

di Brian L. Harbour  –  Dopo la conversione, molti credenti si chiedono: “E adesso? Ora che sono stato riscattato dalla schiavitù di Satana e liberato dal peso dei miei peccati, cosa devo fare?”. Nell’introduzione della sua epistola a Tito, Paolo dà una risposta a questo interrogativo coll’appellativo che applicava a sé stesso. Lui si definiva: “Servo di Gesù Cristo”. Diverse parole greche hanno il significato di servo. “Diaconos” …
Leggi Tutto

L’evangelizzazione comincia nella propria casa

di Ruth Steelberg Carter  –  Qualcuno ha detto che «la sola religione che vale è quella praticata in casa» e questo è vero anche per l’evangelizzazione. Quando il Signor Gesù dette ai Suoi seguaci l’ordine di esserGli testimoni, Egli disse loro di cominciare da dove si trovavano, cioè da Gerusalemme. (Atti 1 :8). La casa è come un fiume che, sebbene piccolo all’inizio, si gonfia nello scorrere fino …
Leggi Tutto

Mike 2012-09-07--359-N

BREVE MESSAGGIO DI EVANGELIZZAZIONE del pastore AGOSTINO MASDEA  -Predicato nella chiesa di Via Anacapri, Domenica  21 Aprile 1996 – Durata 12′
Leggi Tutto

coro

Istruzioni su come cantare  in chiesa – dal grande predicatore del XVIII secolo John Wesley Perché questa parte del culto di adorazione sia più gradita a Dio, così come più utile ed efficace per te stesso e per gli altri, fai attenzione ad osservare le seguenti indicazioni: 1. CANTA INSIEME A TUTTI Unisciti alla congregazione più spesso che puoi. Non permettere che una leggera difficoltà o un po’ di stanchezza …
Leggi Tutto

COME PREGARE IN PUBBLICO

 di C. H. SPURGEON  –  Un primo scoglio da evitare nella preghiera pubblica è il fatto d’avere troppo in vista l’uditorio e di pregare con lo scopo di piacergli. Guardiamoci dal fare della preghiera una forma indiretta di sermone; le belle preghiere sono spesso delle brutte preghiere. Quando siamo nella presenza dell’Eterno degli eserciti non è buono abbellire il nostro stile per attirarci le approvazioni umane. Le nostre …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti