Meditatazione del giorno: Quando Dio nasconde le cose

7 Giugno 2013  –  di JONI EARECKSON  TADA –  Ci dà un po’ fastidio, vero?  Non vogliamo che niente ci sia nascosto. Specialmente le cose che riguardano da vicino la nostra vita. Tutti vogliamo i fatti e i dettagli del progetto di Dio sulla nostra scrivania.  È gloria di Dio nascondere le cose.

Considera la vita di Amy Carmichael. Andò in India nel 1895, sen­za sapere che quel Paese sarebbe diventato la sua patria, e i bambini dell’india la sua famiglia. Non sapeva neppure che molte ragazzine, belle e intelligenti, erano portate via dalle loro case e addestrate per servire nei templi e soddisfare le voglie degli uomini nell’ambito dei culti alle divinità indiane. Apprese di questa terribile usanza quando una bimba di sette anni, fuggita dal tempio, fu portata a casa sua.  Da quel giorno il Signore mise nel cuore di Amy il desiderio di salvare quelle bambine dalla rovina morale, e insegnare loro a fare la volontà del Padre Celeste.

Tuttavia, all’inizio del suo ministerio, la signorina Carmichael scivolò in una fossa, rimanendo permanentemente offesa a una gamba. Per i successivi vent’anni rimase a letto, senza quasi mai lasciare la sua stanza. La mattina dell’incidente aveva pregato: “Signore, fa’ qualsiasi cosa perché io possa servirTi meglio”. L’incidente fu la risposta. Nel suo isolamento, Amy scrisse tredici libri che hanno benedetto generazioni di persone sofferenti in tutto il mondo.

È gloria di Dio nascondere le cose.

“Esponiamo la sapienza di Dio”, scrisse Paolo ai Corinzi, “una sapienza misteriosa e occulta che Dio aveva innanzi ai secoli pre­destinata a nostra gloria” (I Corinzi 2:7).

È un bene glorioso sapere che il tuo Padre mette errori nel guidare o nel permettere tutto c cammino della tua vita. È gloria di Dio nascondere le cose.

È nostra gloria fidarci di Lui, per qualsiasi cosa!

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Più niente da dire.
    In Devotional
    di Theodore Epp     Giobbe 40:1-5  –  Giobbe aveva discusso con Dio. Egli aveva argomentato che il modo come Dio si occupava di lui era la radice del suo problema. Lui, la creatura, si era seduto in giudizio contro Dio, il Creatore. Aveva persino accusato Dio di fare la cosa sbagliata. Ora Dio aveva parlato a Giobbe e si era fatto conoscere. Per mezzo della natura aveva enfatizzato lezioni evidenti così che Giobbe non poteva non coglierne i principi morali coinvolti. Nessuna meraviglia che Giobbe Related posts: Meditazione del giorno: Ciò che viene dalla mano di Dio. – Meditazione del giorno: “Portatelo da me” [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • “Ed io pregherò…”
      « Se voi mi amate, osserverete i miei comandamenti. E io pregherò il Padre, ed Egli vi darà un altro Consolatore… » (Giov. 14 :15-16). Nello studio della dottrina dello Spirito e specialmente quando vogliamo approfondire il soggetto «battesimo con lo Spirito Santo» non dobbiamo trascurare un passo scritturale come questo; le parole di Gesù chiariscono l’argomento e stabiliscono un fondamento sul quale la dottrina stessa deve saldamente poggiare. Il battesimo con lo Spirito Santo è uno degli aspetti sublimi della comunione con Cristo; la «comunione» come è stato ripetuto spesso, corrisponde all’avere «cose in comune». Gesù illustra questo concetto anche con le solenni parole dell’Apocalisse: « …Io cenerò con lui, ed egli cenerà con me…» (Apocalisse 3 :20).  esù […]
  • Il mantello d’Elia
    Sermone di David Wilkerson   –  Il capitolo 2 del secondo libro dei Re contiene uno dei racconti più spettacolari di tutto l’Antico Testamento. Questo passo parla del vecchio profeta Elia e del suo servo Eliseo. Quando inizia il racconto, Dio ha appena informato Elia del fatto che il suo ministero sulla terra è finito. Adesso egli deve attraversare il fiume Giordano, per andare in un certo luogo, dove un carro divino lo preleverà per trasferirlo in gloria. Il vecchio profeta, pensando al suo ultimo giorno sulla terra, decise di andare nelle città di Bethel e di Gerico. Invitò il suo servitore Eliseo ad andare con lui, ed entrambi partirono per […]
  • IL PRIMO OPUSCOLO EVANGELICO
    –  by Timothy Cross  –  Il primo opuscolo evangelico.  Il dizionario definisce un opuscolo  come “un breve trattato, che tratta in particolare un argomento religioso”. Nel corso degli anni ho dato e ricevuto molti opuscoli cristiani. Lo sapevate che il primo opuscolo cristiano è stata scritto da un non cristiano? Il primo opuscolo cristiano fu scritto da Ponzio Pilato, l’infame governatore della Giudea,  nel momento della crocifissione di Cristo. […]
  • USO E ABUSO DELLA LINGUA. (Quello che esce dalla bocca fa vedere quello che è nel cuore)
    di DEREK PRINCE   –    La Bibbia ha molto da dire sull’uso della lingua, sulle labbra, sulla bocca, sulle parole e sul linguaggio. Dio ha creato l’uomo secondo la Sua propria immagine. Ha dato all’uomo la capacità di parlare e farsi comprendere, esprimendosi con parole e con frasi. Quando Dio diede all’uomo questa capacità, gli trasmise anche una parte della Sua autorità e della Sua creatività. E’ stata infatti la PAROLA di Dio che ha creato tutto ciò che è vivente. Il Salmo 33:6 afferma infatti: «I cieli furon fatti dalla parola dell’Eterno, e tutto il loro esercito dal soffio della Sua bocca». Nella lettera agli Ebrei 11:3, leggiamo: «Per fede intendiamo che i monti sono stati formati dalla parola di Dio; cosicché le cose che si vedono non sono state tratte da cose apparenti». La […]
  • GIOIA TRASCENDENTALE
    di Jim Cymbala  –  La felicità ha i suoi alti e bassi in base alle nostre mutevoli circostanze. Nasce un bimbo o un nipote, e siamo tutti contenti. Vinciamo una vacanza gratis e siamo in estasi! Il capo ci dà un bell’aumento proprio quando ne avevamo bisogno e siamo entusiasti. Ma l’euforia è solo temporanea. Inevitabilmente, qualcosa cambia e si porta via la nostra felicità. Il bambino si ammala; la nostra vacanza è piovosa; il nostro lavoro viene spazzato via da una fusione aziendale. Quel sentimento di positività inizia a vacillare. Nel migliore dei casi, ci sentiamo svuotati, e nel peggiore siamo persino adirati. Dunque, come possiamo riappropriarci della nostra felicità quando le situazioni cambiano? Non basta solo desiderarlo. Non possiamo rincorrerla. Cercare in ogni modo di […]
  • Ancora non hanno il fuoco.
    di VANCE HAVNER   –   È vero che la Pentecoste, storicamente, ha avuto luogo una volta per tutte. Così è stato per  il Calvario. Ma ogni individuo deve personalmente appropriarsi del sangue per mezzo della fede e così ogni credente deve riceve per fede lo Spirito per avere potenza.  […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti