Meditazione del giorno: Il costo elevato della Vittoria

warren_wiersbe

di Warren Wiersbe –  “Fa’ del bene a Sion per la tua benevolenza edifica le mura di Gerusalemme.Allora prenderai piacere nei sacrifici di giustizia, negli olocausti e nelle offerte da ardere interamente, allora si offriranno torelli sul tuo altare” (Salmo 51:18-19)

Uno degli elementi della maturità spirituale è quello di realizzare l’abominio del peccato. Esso non fa che portare rovina. William Culbertson era solito parlare delle tragiche conseguenze di un peccato perdonato. Per esempio, Davide venne perdonato da Dio, ma suo figlio morì, Absalom e Amnon furono uccisi. Dio perdona i nostri peccati, nella Sua grazia Egli ci perdona, ma questo non ci rende immuni dalle conseguenze. Ciò che seminiamo oggi lo raccoglieremo domani e Dio permette tutto questo.  La tentazione non è peccato ma lo diventa se la
coltiviamo e cediamo ad essa. Il peccato spesso è il risultato di un susseguirsi di situazioni che accadono una dietro l’altra. Davide affrontò diverse fasi che lo portarono poi a peccare.

Primo, depose la sua armatura (II Sam. 11). Indossi la tua armatura spirituale? (Efesini 6). La si indossa solo attraverso la preghiera. Abbiamo bisogno di andare al Signore ogni mattina e indossare l’armatura. Secondo, Davide non stava riguardando a Dio, ma stava guardando Bathsheba. Dobbiamo assicurarci che il nostro corpo appartenga a Dio. Dopo aver indossato la nostra armatura presentiamoci interamente a Lui (Romani 12:1). Terzo, Davide non si presentò a Dio, né pregò. La nostra carne è debole e più maturiamo nella vita cristiana più il peccato diventa subdolo, quindi, dobbiamo stare in guardia. Quarto, Davide era solo perché non stava più avendo comunione con i santi. Quando dipendiamo completamente dalle nostre forze, di solito falliamo. Quinto, Davide ignorò la parola di Dio. La Parola di Dio ci mantiene puri. Ed infine, Davide non si affidò allo Spirito, al contrario noi abbiamo bisogno di cedere allo Spirito. Se lo faremo vinceremo sul peccato.

Impegniamoci a memorizzare questi sei punti ed a leggere Efesini 6. Non facciamo gli stessi sbagli di Davide. Facciamo in modo da non coltivare mai la tentazione perché altrimenti finiremo per cedere al peccato. Meditiamo la Parola di Dio, ubbidiamo ad Essa e proteggiamo il nostro cuore con la Sua verità. Restiamo in comunione col Signore.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

QUANDO DIO DISFA' IL TUO NIDO

di  Rex Humbard –  “Come un’aquila incita la sua nidiata, si libra sopra i suoi piccoli, spiega le sue ali, li prende e li porta sulle sue penne, l’Eterno lo guidò da solo, e non c’era con lui alcun dio straniero” (Deut. 32:11,12). E’ facile avere fede quando tutto procede tranquillamente, ma cosa succede quando la strada comincia a farsi difficile? Proprio in questo momento può darsi che …
Leggi Tutto

DIARIO DI UN VIAGGIO IN ANGOLA

di Agostino Masdea.  Una delegazione dell’A.M.E.N, Agenzia Missionaria Evangelo per le Nazioni, si è recata in Angola per inaugurare, nel centro Beniamino di Funda, nella provincia di Cacuaco, un panificio (“padaria” in portoghese), che consentirà la produzione di pane per I bambini e i ragazzi della scuola del centro. La delegazione era composta da alcuni pastori, membri del consiglio nazionale dell’AMEN, tra cui il presidente Remo Cristallo, il …
Leggi Tutto

POTENZA

di  ROBERTO BRACCO  –  “Riceverete potenza”! (Atti 1:8)  Le parole di Gesù avevano un preciso significato per i di- screpoli che le udirono e le ascoltarono; raccolti nell’Alto Solaio rimasero in atte­sa non di sensazioni od emozioni, ma di quella virtù che poteva renderli testimoni di Cristo, della Sua morte, della Sua re­surrezione ed essi ricevettero esattamen­te quello che attendevano dal Cielo. I testimoni di Cristo furono spesso i mar­tiri …
Leggi Tutto

DAI SERMONI DI ROBERTO BRACCO

LA PAROLA DOLCE (Proverbi 15) …
Leggi Tutto

LA FAMIGLIA CRISTIANA

di Roberto Bracco  –   Non ci riferiamo alla famiglia nel senso sociale, ma a quella che è “famiglia” per vincoli spirituali; ci riferiamo cioè alla chiesa cristiana non come organizzazione o denominazione, ma come popolo di “fratelli” che si amano, si stimano, si aiutano in virtù di quell’amore celeste che è stato sparso in loro mediante lo Spirito Santo.     La famiglia cristiana è la più perfetta, la …
Leggi Tutto

Le Condizioni del Discepolato

di WILLIAM MACDONALD – Il vero cristianesimo è un impegno totale verso il Signore Gesù. Il Salvatore non cerca uomini e donne che gli vogliano dedicare le loro serate libere od i loro week-end, o ancora gli ultimi anni della loro vita, quando vanno in pensione. Egli ricerca piuttosto chi gli voglia dare il primo posto nella propria vita. Secondo le parole di Evan Hopkins Egli cerca oggi, …
Leggi Tutto

EVITARE I PARAGONI

Poiché noi non abbiamo il coraggio di classificarci o confrontarci con certuni che si raccomandano da sé; i quali però, misurandosi secondo la loro propria misura e paragonandosi tra di loro stessi, mancano d’intelligenza. 2 Corinti 10:12 La pubblicità è spesso orientata a far si che le persone si sforzino di guardare il meglio, essere i migliori, i migliori in assoluto. Se indossi “questa” particolare marca di vestito, …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti