Meditazione del giorno: Una Grande Perdita

warren_wiersbe

di Warren Wiersbe  –  “Non rigettarmi dalla tua presenza e non togliermi il tuo Santo Spirito” (Salmo 51:11)    –    Accadono molte cose tristi quando un credente pecca, ma la cosa peggiore è la perdita di quella intima comunione e fratellanza con il Signore. Non c’è da stupirsi se Davide pregò così: “Non rigettarmi dalla tua presenza e non togliermi il tuo santo Spirito” (v. 11). Davide si stava ricordando di ciò che accadde al suo predecessore, il Re Saul. Saul, infatti, si allontanò da Dio diventando un Re ribelle. Ecco perché Dio tolse da lui il Suo Spirito dandolo a Davide. Al contrario di quanto successe al Re Saul, oggi, Dio non ci toglie il Suo Spirito.

Gesù disse ai Suoi discepoli che lo Spirito di Dio avrebbe dimorato in loro per sempre. Quando lo Spirito Santo entra nella nostra vita nel momento della conversione, Egli non fa altro che sigillare in noi la salvezza. Egli è testimone del fatto che sei divenuto un figlio di Dio e ti attesta che tu appartieni a Cristo. Ma quando pecchiamo contro il Signore, noi perdiamo quella intimità con lo Spirito Santo, la fonte della nostra benedizione. Tutto della vita del cristiano dipende dalla comunione con il Signore. Davide dipendeva costantemente dalla presenza di Dio, sia se scriveva un salmo sia se era a capo del suo esercito. Dunque, era angosciato al solo pensiero di perdere il potere della potenza dello Spirito Santo. Comunione intesa anche come fratellanza è una parola chiave del Nuovo Testamento che si riferisce alla presenza del Signore.

La fratellanza e l’adozione sono due cose ben diverse. L’adozione deriva dalla nostra fede in Gesù Cristo e mediante Lui siamo nati nella famiglia di Dio. La fratellanza è il risultato della fedeltà a Lui. Egli ci parla attraverso la Sua Parola se manteniamo le nostre vite pulite, se Gli obbediamo, se Gli parliamo in preghiera. Facciamo in modo di non perdere tutto questo peccando. La fratellanza con Dio è condizionata, questo vuol dire che se c’è del peccato nelle nostre vite noi non possiamo avere fratellanza e di conseguenza comunione con Lui. Hai a cuore il desiderio di camminare ogni giorno con il Signore? Se non stai attento il nemico prenderà il sopravvento nella tua vita. Evita il peccato, ubbidisci alla parola di Dio e sii costante nella preghiera. Fai in modo che il camminare col Signore sia per te una priorità.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Una promessa per oggi: I MIEI ANGELI SONO ACCAMPATI INTORNO A COLORO CHE MI TEMONO.

Ci sono molti riferimenti nella Bibbia che parlano di angeli e del loro rapporto con il popolo di Dio. Nel Salmo 91:11 leggiamo che Dio comanda ai suoi angeli di prendersi cura di noi. In Ebrei 1:14 angeli sono chiamati “spiriti servitori” per ministrare coloro che sono “eredi della salvezza”. Nella promessa di oggi dal Salmo 34: 7, leggiamo che “l’Angelo del Signore si accampa intorno a coloro che lo temono …
Leggi Tutto

IL GRANELLO DI FRUMENTO

Se il granel di frumento caduto in terra non muore, rimane solo; ma se muore, produce molto frutto.  (Giovanni 12: 24) Gesù stesso era quel «granello di frumento». Egli è caduto nel terreno; è morto; come risultato della Sua morte sacrificale sul Calvario, il Suo seppellimento nella tomba, la Sua resurrezione la mattina di Pasqua; è stata compiuta la promessa della redenzione del mondo e questo era il …
Leggi Tutto

COME LEW WALLACE INCONTRO' CRISTO SCRIVENDO BEN HUR.

Lew Wallace, l’autore del best-seller “Ben Hur”, da cui fu tratto il famoso film di Charles Heston fu un avvocato prima, poi senatore e infine generale nell’esercito americano.  Ma la sua fama la ottenne scrivendo il romanzo “BEN HUR”, che aveva cominciato a scrivere per screditare il cristianesimo. Ma… Avevo appena terminato di leggere «Ben Hur» ; il libro giaceva ancora aperto sul tavolo, quando l’autore, Lew Wallace, entrò …
Leggi Tutto

S.O.S.

di Roberto Bracco  –   Nella storia del popolo d’Israele incontriamo un nome che rimane davanti agli occhi dei credenti come un tremendo monito: Roboamo.    E’ scritto di lui: « Quando il regno fu stabilito e fortificato egli, insieme con tutto Israele, lasciò la legge »  (2° Cronache 12:1). Tutto sembrava favorevole ad un avvenire di prosperità e di pace ed invece venne la rovina. Roboamo, come purtroppo hanno fatto …
Leggi Tutto

EBREI MESSIANICI

di Agostino Masdea   –   Una realtà del nostro tempo. Affrontare questo soggetto non è facile, sia per il poco tempo che abbiamo a disposizione, sia per la complessità dei temi che questo argomento richiederebbe fossero trattati. Non si può parlare di Ebrei messianici in maniera esaustiva se non si toccano anche  temi come la storia di Israele, la storia della Chiesa,  l’antisemitismo, le profezie bibliche…. e tanti altri soggetti correlati. Potete …
Leggi Tutto

NON SIAMO PROTESTANTI

Il 10 dicembre 1520 Martin Lutero, l’impetuoso agostiniano che ha legato il proprio nome a quel movimento di riforma religiosa che rappresenta l’avvenimento più sensazionale dello infuocato XVI secolo, bruciava pubblicamente la bolla papale che decretava la sua scomunica e protestava così, nel modo più audace contro la chiesa di Roma …
Leggi Tutto

LA GUARIGIONE DIVINA

di DAVID PETTS  –  Uno dei maggiori aspetti dell’effusione dello Spirito Santo in questo secolo è che insieme alla fede nel Battesimo dello Spirito e nei doni dello Spirito vi è anche un risorgere di fede nella potenza e nella volontà di Dio per la Guarigione Divina. Molte sono state le benedizioni ricevute nella pratica della Guarigione Divina, ma sono stati molti anche i problemi e gli abusi …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti